Log in
updated 9:39 AM UTC, May 20, 2020

Coronavirus; immagini della Nasa mostrano la fine dell'inquinamento in Cina, dopo lo stop forzato delle città

  • Scritto da Zonca2020
  • Pubblicato in Attualita
In evidenza Coronavirus; immagini della Nasa mostrano la fine dell'inquinamento in Cina, dopo lo stop forzato delle città

 Nella Cina centrale i valori del biossido di azoto (NO2) sono precipitati. I ricercatori della NASA e dell'ESA ritengono che i periodi di quarantena dovuti al nuovo coronavirus, siano la prima causa di questa diminuzione.


Una serie di immagini satellitari della NASA e dell'Agenzia spaziale europea (ESA) mostrano una significativa riduzione dei livelli di inquinamento da biossido di azoto (NO2) in Cina. In un post sul sito web dell'Osservatorio della Terra, la NASA afferma che è possibile che il cambiamento sia dovuto, almeno in parte, al rallentamento forzato di tutte le attività, dovuto alle quarantene imposte dallo stato, per combattere l'epidemia del nuovo coronavirus.

L'attività delle fabbriche nel paese è diminuita drasticamente poiché i lavoratori hanno lasciato le fabbriche per conformarsi alla quarantena e prevenire la contaminazione da virus SARS-CoV-2, che causa la malattia di Covid-19. Gli scienziati della NASA affermano che la riduzione dei livelli di biossido di azoto, "un gas nocivo emesso da autoveicoli, centrali elettriche e unità industriali", ha iniziato a essere notata inizialmente nell'area della città di Wuhan, epicentro del contagio del virus, quindi diffusi in tutto il paese.

La riduzione dei livelli di biossido di azoto negli ultimi mesi era in coincidenza anche con le celebrazioni del capodanno cinese, un periodo di vacanza per il popolo cinese, con la chiusura di molte aziende e fabbriche, tra l'ultima settimana di gennaio e l'inizio di febbraio. Precedenti osservazioni avevano già dimostrato che l'inquinamento atmosferico si riduce durante questo periodo, riportandosi subito a livelli elevati al termine delle festività.  Le immagini delle due entità spaziali sono state utilizzate per confrontare i primi due mesi del 2019 con lo stesso periodo del 2020. "È la prima volta che vedo un calo così considerevole in un'area così ampia", afferma Fei Liu, ricercatore della NASA specializzato in qualità dell'aria. Una seconda serie di immagini mostra i valori del biossido di azoto nello spazio aereo cinese tra l'1 e il 20 gennaio, prima che fosse decretata la quarantena in Cina, e tra il 10 e il 25 febbraio, durante il periodo di isolamento di migliaia di persone.

Inoltre, Liu e colleghi non hanno visto un nuovo rimbalzo di NO2 a livelli di allerta, dopo le vacanze. "Quest'anno, il tasso di riduzione è più significativo rispetto agli anni passati ed è durato più a lungo", ha detto. "Non sono sorpreso perché molte città a livello nazionale hanno adottato misure per ridurre al minimo la diffusione del coronavirus".

 

Ultima modifica ilMartedì, 03 Marzo 2020 10:24

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.