Log in
updated 2:49 PM UTC, Jul 14, 2020

L'Italia torna a spostarsi tra code, registrazioni, test e app. Tutte le regole per muoversi Regione per Regione

Viaggiare in Italia dal 3 giugno: tutte le regole ilcomizio.it Viaggiare in Italia dal 3 giugno: tutte le regole

Da ieri si è tornati a circolare normalmente in tutta Italia, una data attesa che ha visto file agli imbarchi dei traghetti, treni affollati e autostrade ravvivate rispetto ai giorni scorsi. Alcune Regioni del Sud però, stanno cercando di tutelarsi con delle ordinanze per evitare che il contagio da coronavirus si diffonda considerando che con l’arrivo dell’estate aumenteranno gli spostamenti dei turisti. Vediamo il quadro


Dal 3 giugno via libera agli spostamenti tra regioni Seconde case ...

Tutta Italia si rimette in moto, tra code ai caselli e treni pieni, file davanti ai musei e autostrade di nuovo intasate. Ma tutti si muovono nel segno dell'ordine e del rispetto delle regole. La ripartenza segna una generale riapertura dei confini regionali ma con qualche restrizione in più in alcune aree e una normativa a macchia di leopardo. Dai primi segnali sembra però che la voglia di tornare a muoversi abbia avuto la meglio sulle paure.

Sono tanti. scrive il "Corriere della Sera",  i governatori che ben presto si sono resi conto di quanto il ritorno alla libera circolazione significhi linfa vitale per il turismo e per le casse locali. E che quindi hanno allentato in tutta fretta regole e restrizioni, pur mantenendo fermi controlli e vigilanza per evitare il ritorno del contagio. 

Liguria e Calabria, liberi tutti - Ci sono alcune Regioni dove si torna esattamente al pre-lockdown: confini aperti senza alcuna limitazione. Si tratta di Liguria e Calabria, dove chiunque può entrare e uscire senza controllo. 

Veneto ed Emilia-Romagna, porte aperte - E ci sono anche le Regioni, come il Veneto di Luca Zaia e l'Emilia-Romagna di Stefano Bonaccini, dove si preme perché autostrade e treni siano al massimo della capienza, per una ripartenza ai massimi livelli dell'industria del turismo.

Puglia, obbligo di registrazione e diario di viaggio - Ma ce ne sono altre dove i cordoni sono molto più stretti. Chi vuole entrare in Puglia deve registrarsi sul sito della Regione fornendo i suoi dati personali (oltre a nome e residenza, codice fiscale, domicilio durante il soggiorno, numero di cellulare e mail, professione, data di arrivo e di partenza, mezzi di trasporto usati e tipo di permanenza). Inoltre vanno indicati tutti gli spostamenti nel territorio, gli incontri e i luoghi visitati per un eventuale tracciamento del contagio. 

Sardegna, registrazioni e incentivi per i test - Niente più obbligo di test o patente di immunità in Sardegna, come aveva "minacciato" inizialmente il governatore Christian Solinas. Ma solo obbligo di registrazione, app di tracciamento su base volontaria e incentivi per il test: chi si sottoporrà al sierologico o al tampone potrà disporre di un bonus per visite culturali in loco. 

Campania, controllo della febbre nelle stazioni e agli imbarchi - In Campania si controlla la temperatura a tutte le persone che entrano da fuori Regione. La febbre viene misurata nelle stazioni dell'Alta velocità, ma anche ai viaggiatori in entrata in tutte le stazioni di Napoli e a chi si imbarca per le isole. Il biglietto di traghetto o aliscafo va prenotato almeno 24 ore prima e all'imbarco ci si presenta con un'ora di anticipo per farsi controllare la febbre. 

App anti-contagio in Sicilia - Si chiama "Sicilia si cura" l'app di tracciamento regionale. Chi entra in Sicilia è invitato a scaricarla e anche a registrarsi per indicare giorni di soggiorno e luogo di permanenza. E' tutto facoltativo, ma ci sono parecchi vantaggi per chi sceglie di aderire: l'app mette in contatto i turisti con il sistema sanitario locale, consentendo di rafforzare il servizio in base ai flussi turistici. Inoltre, chi scarica l'app può contare su un call center in italiano e in inglese per avere consigli in caso di necessità. 

Lazio, sotto controllo chi supera i 37,5 gradi - Chi arriva nella Regione Lazio, in caso di temperatura superiore ai 37,5 gradi, viene subito preso in carico dal sistema sanitario, sottoposto a un test sierologico ed eventualmente a un tampone. In caso di positività al virus, viene messo subito in quarantena. e, nei casi più gravi, portato in ospedale. 

Ultima modifica ilGiovedì, 04 Giugno 2020 12:12

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.