Log in
updated 2:49 PM UTC, Jul 14, 2020

Coronavirus, mascherina obbligatoria fino a metà luglio. Fontana: "Una precauzione consigliata dagli esperti. I numeri stanno andando bene, continuiamo così". E su autonomia e burocrazia dice...

Attilio Fontana, presidente della Regione Lombardia ilComizio.it Attilio Fontana, presidente della Regione Lombardia

L'obbligo di portare mascherine in Lombardia anche all'aperto, come ora, resterà altri quindici giorni. "Credo che continueremo ancora per 15 giorni: abbiamo parlato a lungo con tanti esperti e riteniamo che per una questione di precauzione sia giusto proseguire in questa direzione visto che i numeri stanno andando bene", dice il presidente della Lombardia, Attilio Fontana, a margine di un evento a Milano


Regione Lombardia sospende l'obbligo dei guanti sui mezzi pubblici ...

"Nonostante il fastidio della mascherina, soprattutto con il caldo di luglio, sono dell'idea che occorra proseguire con il suo mantenimento sino al 14 luglio", lo ha affermato il governatore della LombardiaAttilio Fontana su Facebook. "Fa caldo, molto caldo, ma il parere dei virologi è ancora di mantenere le precauzioni anti contagio, prima fra tutte, l'uso della mascherina", ha scritto. 

"Abbiamo parlato a lungo con tanti esperti e riteniamo che per una questione di precauzione sia giusto proseguire in questa direzione, visto che i numeri stanno andando bene", ha detto a margine dell'evento "Salute Direzione Nord - I discorsi del coraggio" in corso a Milano.

"Con maggiore autonomia avremmo dato una risposta migliore "Parlando della semplificazione per la ripresa, Fontana ha quindi precisato: "Se avessimo avuto più autonomia durante l'emergenza sanitaria avremmo avuto più medici, infermieri e personale e probabilmente avremmo potuto dare una risposta migliore rispetto a quella  che abbiamo dato e organizzarci più tempestivamente. Dovremmo essere messi nelle condizioni di poter decidere più in fretta, velocemente, con più determinazione e con scelte più compatibili con il nostro territorio.

"Non vogliamo essere sommersi dalla burocrazia" "Il coraggio sta anche nel cambiare questo nostro Paese sulle regole, non possiamo e non vogliamo essere sommersi dai tempi che la burocrazia ci impone - ha aggiunto -. Per la rinascita dobbiamo avere il coraggio di andare oltre queste regole che ci stanno strozzando. La Regione credo debba farsi interprete di questa volontà, che è emergenza per tutte le classi produttive. Dobbiamo avere il coraggio di innovare, di intervenire anche fino ai limiti consentiti dalla legge e dimostrare che ci sono strade che vanno percorse con più coraggio a livello nazionale".

Lombardia, obbligo di mascherine all'aperto: ecco quando si decide ...

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.