Log in
updated 4:39 PM UTC, Sep 29, 2020

Scuola, Azzolina: "Salute e istruzione siano alleate". E su possibili stop alle lezioni: "Potranno verificarsi ipotesi. Non vanno creati allarmismi"

Lucia Azzolina, ministro dell'Istruzione ilComizio.it Lucia Azzolina, ministro dell'Istruzione

"La scuola è un pilastro della nostra società. Proprio per questo alla scuola dobbiamo un grande rispetto. E, nel nome della scuola, occorrono, pur nel normale confronto dialettico che deve esserci sempre in una società sana e democratica, più collaborazione, più proposte e meno scontro politico. Approfittare della scuola per fare mera propaganda, ancor più in periodi delicati come questo, significa non agire nell'interesse delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi". Così la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina alla Camera


 La ministra Azzolina ha confermato che non si tornerà a scuola prima di  settembre - Il Post
Lucia Azzolina ha lanciato la proposta "di incentivare, per il presente e per il futuro, un'alleanza stabile tra scuola e sanità, perché la salute e l'istruzione non possono essere viste come interessi contrapposti. "Potranno verificarsi - ha detto il ministro dell'Istruzione alla Camera - di settimana in settimana, ipotesi di sospensione delle attività didattiche in presenza delle nostre classi. Non vanno creati allarmismi".

"Le nostre scuole - ha proseguito la Azzolina - hanno tutti gli strumenti per affrontare ogni criticità, grazie ai tanti strumenti messi in campo nei mesi scorsi. Dalla didattica digitale integrata, a tutti i dispositivi acquistati, fino alla formazione specifica. Abbiamo previsto anche specifiche misure per i genitori, in modo che, in tali casi, non debbano subire conseguenze negative sul lavoro".

Poi un rimprovero alle opposizioni: "La propaganda elettorale ha usato la scuola in un modo sconsiderato - afferma -. Faccio un appello a tutti: teniamo fuori la scuola dalle dispute elettorali. È da irresponsabili strumentalizzare l'educazione delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi, per un pugno di voti".

"Restiamo sul terreno della dialettica politica - conclude il ministro Azzolina -. Quella politica che pensa al futuro delle prossime generazioni e non all'immediato, effimero, consenso delle piu' vicine tornate elettorali".

Conte,non c'è motivo per essere pessimisti - "Da padre ancor prima che da Presidente del Consiglio comprendo le preoccupazioni dei genitori ma posso garantire che il Governo sta lavorando alacremente affinché il rientro a scuola avvenga in piena sicurezza. Non c'è alcun motivo per essere pessimisti, perché per la scuola abbiamo fatto in pochi mesi ciò che in decenni non è stato fatto, stanziando da gennaio a oggi 7 miliardi di euro, di cui 2,9 solo per la ripartenza". Lo afferma il premier Giuseppe Conte in un intervista al Foglio.it

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.