Log in
updated 12:39 PM UTC, May 29, 2020

Richiedenti asilo già espulsi, dalle borse false allo spaccio di droga: chi sono i fermati per la morte di Desirée. La terribile fine della ragazza: 12 ore di agonia e abusi (VIDEO)

"Farò di tutto perché i vermi colpevoli di questo orrore paghino fino in fondo, senza sconti, la loro infamia". Lo scrive in un tweet il ministro dell'Interno Matteo Salvini, commentando il fermo degli africani (due senegalesi e un nigeriano) ritenuti responsabili, in concorso con altre persone in via di identificazione, di violenza sessuale di gruppo, cessione di stupefacenti e dell'omicidio volontario della 16enne Desirée Mariottini. Le immagini del fermo - (VIDEO)


Desirée, chi sono i fermati

E' rimasta in stato di incoscienza per 12 ore prima di morire Desirée Mariottini, la sedicenne trovata morta la notte tra giovedì e venerdì scorsi nello stabile abbandonato di via dei Lucani a Roma. La sindaca Virginia Raggi, secondo quanto si apprende, proclamerà il lutto cittadino nei giorni del funerale della ragazza. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori della squadra mobile di Roma, le sarebbe stata somministrata droga il 18 pomeriggio fino a ridurla in stato di incoscienza. E mentre era in stato di incoscienza sarebbe stata vittima di abusi e violenze.

LA SVOLTA - La svolta nelle indagini sull'omicidio della giovane è arrivata nella notte tra mercoledì e giovedì, quando la polizia ha eseguito due fermi. In mattinata è stato poi rintracciato, interrogato in Questura e quindi messo in stato di fermo anche un terzo uomo. I fermati sono accusati di violenza sessuale di gruppo, cessione di stupefacenti e omicidio volontario. Hanno tutti precedenti di polizia per spaccio. Per l'omicidio si cerca ancora un quarto uomo. Il capo della Squadra Mobile di Roma Luigi Silipo ha detto, parlando dopo i primi due fermi, che nei loro confronti ci sono "gravi indizi di reità". Sono in corso altri interrogatori in Questura a Roma a persone che non sono sospettate ma solo informate dei fatti.

"ABUSATA IN STATO DI INCOSCIENZA" - I fermati, secondo quanto hanno accertato gli investigatori, avrebbero "somministrato sostanze stupefacenti alla minore in modo da ridurla in stato di incoscienza" e ne avrebbero "abusato sessualmente, così cagionandone la morte avvenuta nella notte del 19 ottobre". Secondo le prime ricostruzioni, probabilmente Desirée conosceva i suoi aguzzini. Dall'inchiesta emerge che la 16enne era già stata nello stabile abbandonato di via dei Lucani, dove si era recata più volte nelle ultime due settimane.

I FERMATI - I fermati sono due senegalesi, rispettivamente di 27 e 43 anni, e un nigeriano di 46 anni. Tutti e tre risultano essere irregolari sul territorio italiano. Il 27enne, a quanto si apprende da fonti investigative, aveva un permesso di soggiorno per richiesta d'asilo scaduto ed era stato espulso un anno fa, ma si era reso irreperibile. Era stato rintracciato lo scorso luglio di quest'anno ed era stato richiesto il nulla osta dell’autorità giudiziaria per reati pendenti a suo carico. Anche il nigeriano risulta titolare di permesso di soggiorno per motivi umanitari scaduto. Secondo quanto si apprende da fonti investigative, per la banca dati del comune di Roma era irreperibile. Uno dei tre è stato trovato nell'ex fabbrica di penicillina in via Tiburtina. Lo stabile è una delle prime occupazioni abusive, individuate nella lista dei prossimi sgomberi. Secondo quanto si apprende gli altri due fermati sono stati rintracciati nelle aree del Pigneto e Verano.

LE REAZIONI - A commentare la svolta nelle indagini è stato il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che in tweet ha ringraziato le forze dell'ordine prima di puntare il dito verso i responsabili: "Farò di tutto perché i vermi colpevoli di questo orrore paghino fino in fondo, senza sconti, la loro infamia" ha scritto Salvini. Poi, il vicepremier è tornato a invocare "la castrazione chimica per gli stupratori".

Il premier Giuseppe Conte ha voluto esprimere la propria vicinanza alla famiglia di Desirée: "Sono vicino ai genitori per questa tragedia. Sono padre anche io, non posso immaginare cosa si possa provare a perdere un figlio in questo modo. Sono veramente vicino, un partecipe e commosso pensiero va ai familiari in questo momento".

"Un dolore immenso. Roma piange Desirée" twitta la sindaca di Roma, Virginia Raggi e in un video prosegue affermando: "Mi preme dire una cosa soprattutto come donna e come madre, più che da sindaca, sono scioccata dalla brutalità di questo gesto". "E sono scioccata come queste cose siano ancora possibili. Noi oggi siamo qui insieme ai cittadini di San Lorenzo, c'è un quartiere che sta manifestando il suo amore nei confronti di questa ragazza che veramente è stata brutalizzata", conclude la sindaca.

FIACCOLATA PER DESIREE - Si è svolta giovedì sera a San Lorenzo la fiaccolata, organizzata dai residenti, in memoria di Desirée. Ci siamo ritrovati "in via dei Lucani, ognuno con una candela, per testimoniare la nostra vicinanza alla famiglia di Desirée, la giovane ragazza che ha perso la Vita nel nostro quartiere - scrivono i membri del Comitato di Quartiere San Lorenzo -. Tutti uniti in un'unica voce di dolore, che ha coeso una comunità che non è e non sarà mai indifferente".

 

(Fonte: Adnkronos)

Paradosso Italia; paghiamo l'Austria per trasformare i nostri rifiuti in energia utilizzata per alimentare 170.000 case di Vienna

Fino a tre treni alla settimana arrivano presso l'impianto Zwentendorf. Ogni treno porta contenitori ermetici carichi di circa 700 tonnellate di rifiuti domestici romani.

 


Roma sta lottando per far fronte alla crisi dei rifiuti e l'Austria ha una capacità di riserva in un impianto di smaltimento, compostaggio e riciclo a waste-to-energy nei pressi di Vienna, questo a portato a un accordo tra il governo italiano e quello austriaco, gli italiani stanno pagando società austriaca EVN per smaltire un massimo di 70.000 tonnellate di rifiuti provenienti dalla famiglie romane. I rifiuti vengono trasportati in treno attraverso l'Italia settentrionale, sulle Alpi fino ad arrivare presso l'impianto di compostaggio rifiuti della EVN a Zwentendorf sul Danubio.

Fino a tre treni alla settimana arrivano presso l'impianto Zwentendorf. Ogni treno porta contenitori ermetici carichi di circa 700 tonnellate di rifiuti domestici romani. I rifiuti inceneriti e trasformati in gas di scarico caldi, che generano vapore. Il vapore poi viene consegnato a una vicina centrale elettrica , dove viene convertito in energia elettrica, che viene utilizzata per alimentare 170.000 case nella provincia della Bassa Austria.

Come Norvegia anche in Austria si trasformano i rifiuti in energia, perchè l'Italia invece paga lo smaltimento in altri paesi dell'Europa?

Può sembrare contro-producente portare i rifiuti per oltre 1.000 km (620 miglia), prima di procedere allo smaltimento, ma è parte degli sforzi dell'Unione europea per rendere le città più pulite e per ridurre le quantità di rifiuti che vanno in discarica. Una soluzione sicuramente all'avanguardia e al passo con le evoluzioni tecnologiche dei paesi più sviluppati. "Non è una soluzione controproducente", dice Gernot Alfons, capo della centrale termica dei rifiuti EVN, Per lui si tratta di una soluzione ecologica e i treni della spazzatura sono fondamentali, per non aumentare l'inquinamento dato dal compostaggio dei rifiuti nelle discariche provocando un notevole impatto in termini di emissioni di Co2. "E 'molto meglio per il trasporto di questi rifiuti ad un impianto che ha un alto rendimento energetico come il nostro." Certo diciamo noi, ma non sarebbe meglio che tutte le nazioni europee si adoperassero per realizzare impianti come quello Zwentendorf? Impianti che si pagherebbero due volte, sia per lo smaltimento che per la produzione di energia.

                                                                       

Allora, cosa è andato storto con lo smaltimento dei rifiuti di Roma?

Anche nei distretti eleganti come Prati, vicino al Vaticano, non è difficile vedere che la città ha un problema con la spazzatura, ancora oggi spesso si vedono cassonetti comunali traboccanti per i rifiuti domestici e non. Antonio La Spina, professore di sociologia e di politica pubblica presso l'Università LUISS di Roma, dice che la città produce più rifiuti di quanto possa far fronte. "Un fattore è la notevole quantità di rifiuti che viene prodotta per abitante a Roma. Un altro è che la quota di rifiuti (separati) è in aumento. Questa è una buona cosa, in generale, ma lo è ancor di più se le autorità non sono pronte ad affrontare tutto questo. Un altro grave problema è il fatto che le discariche sono piene. Alcune di queste inoltre sono diventate un problema ambientale e vanno chiuse."

Ecco il motivo per cui il comune di Roma ha dovuto guardare non solo oltre la regione, ma oltre l'Italia, per lo smaltimento dei rifiuti. E la gestione politica? ... questa è un'altra storia e merita un altro pensiero.

 

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS