Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 993

Log in
updated 1:24 PM UTC, May 27, 2020

Calcio brasiliano, ennesima maxi rissa. Giocatori, tifosi e staff, una violenza inaudita: in campo succede di tutto (IMMAGINI FORTI)

Nel Paese cui tutti guardano come patria del gioioso "futbol bailado" il rovescio della medaglia sono i barbarici spettacoli degli scontri tra gruppi di supporter ma anche tra i protagonisti stessi del gioco. L'ultimo episodio ha avuto come teatro lo stadio Bezerrao di Brasilia dove si affrontavano, nel sentitissimo derby della Capitale, Gama e Brasilense, che pure militano in seconda categoria. Un banale contrasto ha scatenato il putiferio. Partita interrotta, intervento della polizia (evidentemente inadeguata) e successive polemiche. La stampa: "ennesima vergogna nazionale" - (GUARDA IL VIDEO)


Scene da far west allo stadio Bezerrao di Brasilia dove Gama e Brasiliense giocavano il derby della Capitale: dopo un contrasto di gioco i calciatori delle due squadre e i rispettivi staff tecnici hanno iniziato a darsele di santa ragione. Mega rissa in campo che ben presto è scoppiata anche tra le due tifoserie. Nonostante l'intervento della polizia, l'arbitro è stato costretto a sospendere la gara. Botte e aggressioni anche negli spogliatoi. 

Il putiferio è scoppiato al minuto 40, con il punteggio fisso sull'1-1: Dudu Gago del Gama e Nunes della Brasiliense hanno avviato una discussione accesa dopo un duro contrasto di gioco. E' quello è stato il punto di non ritorno. Il tutto è degenerato in una rissa spaventosa dove calciatori e componenti delle due squadre  hanno iniziato a inseguirsi e picchiarsi a vicenda. "Esempio" seguito ben presto dai rispettivi tifosi che hanno a loro volta intrapreso gli scontri sugli spalti. Alcuni spettatori sono addirittura entrati in campo per attaccare e picchiare i giocatori avversari. 

Gli agenti hanno fatto ricorso alle maniere forti per riportare la calma ma senza grandi risultati. L'arbitro è stato costretto a interrompere quella che ormai non aveva più nulla a che fare con una partita di calcio e la polizia è dovuta intervenire anche negli spogliatoi, dove le due squadre hanno continuato con le botte e i tentativi di aggressione. 

Sulla stampa brasiliana si parla di "ennesima vergogna del nostro calcio" e secondo alcuni media, vista la gravità e la violenza, la rissa avrebbe persino potuto provocare dei morti. (Fonte: SportMediaset)

  • Pubblicato in Sport

Visita del Papa a Milano e Monza, Maroni: "Un evento straordinario e storico, la Regione sta mettendo in campo tutte le risorse necessarie"

Sicurezza, trasporti, assistenza sanitaria e soluzioni logistiche. Il governatore lombardo parla a margine della conferenza stampa di presentazione del piano organizzativo per l'arrivo di Bergoglio il 25 marzo prossimo: "C'è grande attesa e stiamo facendo un grande lavoro di squadra tra tutte le istituzioni. Che dono faremo al Santo Padre? Non si svelano le sorprese in anticipo" - (VIDEO)


Per la visita di Papa Francesco a Milano, il prossimo 25 marzo, sono attesi 600 mila fedeli. Un appuntamento straordinario che è stato presentato in una conferenza stampa all'Arcivescovado di Milano, dove hanno partecipato, tra gli altri il cardinale ambrosiano, Angelo Scola, il sindaco, Giuseppe Sala e il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, oltre ai prefetti di Milano e Monza. Il moderator curiae, monsignor Bruno Marinoni, ha spiegato che i costi dell'evento, ad oggi, sono stati stimati in 3 milioni e 235 mila euro, mentre le entrate, sempre a oggi, tra sponsor e donazioni, sono di 1 milione e 300mila, il divario sarà colmato dalla diocesi milanese.
Numerosi, inoltre, i volontari, circa 3700, che assisteranno i fedeli nelle varie tappe della visita pastorale di Bergoglio, in particolare durante la Messa che sarà celebrata alle 15 nel parco di Monza. Sono stati, inoltre, predisposti 2.500 parcheggi per i pullman, 20mila posti per le biciclette e 408 treni, di cui 66 speciali. La Regione Lombardia, ha assicurato Maroni, si occuperà di sicurezza e servizi sanitari mettendo in campo una squadra di 1.150 agenti agenti di polizia locale, oltre 1.700 volontari tra Milano e Monza, oltre a 4 presidi medici e 106 squadre sanitarie.

Moschee, la Lombardia va avanti. Maroni: "La Consulta ha confermato la nostra legge". Beccalossi: "Aiutiamo le Forze dell'ordine nella prevenzione del terrorismo"

Intervista all'assessore regionale al Territorio, incaricata dal governatore di occuparsi anche del tema dei luoghi di culto e della questione islamica: "I sindaci ci hanno chiesto aiuto per regolamentare il fenomeno. E' necessario avere informazioni precise per evitare rischi" - (VIDEO)


La Regione Lombardia detta le regole sui centri culturali islamici presenti sul proprio territorio. La giunta Maroni ha presentato una circolare in cui si chiarisce che i centri nati dopo l'entrata in vigore della legge regionale del 2015 sui nuovi luoghi di culto (la cosiddetta legge "anti-moschee"), in cui si svolge regolarmente attività di preghiera sono equiparabili alle moschee e vi si devono applicare le stesse norme urbanistiche. Per i centri culturali islamici preesistenti alla legge regionale, vi si possono svolgere attività di culto solo se lo si è segnalato al Comune, che dovrà fare una variante al Pgt (Piano di governo del territorio), inserendolo nel Piano per le attrezzature religiose. Il contenuto della circolare è stato illustrato in una conferenza stampa del dopo giunta a Palazzo Lombardia dall'assessore al Territorio Viviana Beccalossi, incaricata dal governatore Roberto Maroni di occuparsi anche del tema dei luoghi di culto e del fenomeno islamico in Lombardia. Beccalossi ha spiegato che il provvedimento risponde "all'esigenza dei sindaci di aver più chiarezza nelle regole su quei centri culturali islamici che, a detta dei sindaci, sono di fatto delle moschee". "Nessuno pensa che siano popolati da terroristi ma è importate sapere dove sono e chi li frequenta", ha detto l'assessore. Maroni, presente alla conferenza stampa ha ricordato che la legge regionale, che mesi fa è stata oggetto di "un paio di rilievi" dalla Consulta, è "in vigore per tutte le altre parti".

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS