Log in
updated 1:44 PM UTC, Jun 2, 2020

Papa Francesco attenzione perché "l'avidità di pochi peggiora la povertà di molti"

Prima di condividere il consueto pasto con i senza lavoro e i senzatetto, diventato una tradizione del suo papato, Papa Francesco ha denunciato che "l'avidità di pochi" ricchi sta aggravando la situazione dei poveri.


Celebrando una messa nella Basilica di San Pietro, dedicata all'accresciuta consapevolezza di un impoverimento nel mondo, il pontefice ha lamentato la mancanza di preoccupazione per il crescente divario di reddito tra "chi ha e chi non ha".

"Andiamo in fretta, senza preoccuparci che le lacune aumentano, l'avidità di pochi si sta aggiungendo più povertà a molti altri", ha detto Francesco nella sua omelia. 

Il Pontefice in seguito ha invitato centinaia di bisognosi, migranti compresi, a cenare con lui in una sala vaticana.

Rivolgendosi al pubblico in Piazza San Pietro dopo la fine del servizio, Papa Francesco ha affermato che tali iniziative testimoniano "l'attenzione che non deve mai mancare verso questi nostri fratelli" e ha espresso sgomento per l'indifferenza della società verso i poveri.

Come il santo che ha ispirato la sua scelta del nome, Francesco d'Assisi, il papa ha fatto della cura di coloro che vivono ai margini della società una priorità del suo lavoro.

Tale attenzione può apparire sconcertante per alcuni prelati in una chiesa che investe in immobili da svariati milioni di Euro, possiede opere d'arte inestimabili e conduce i suoi servizi liturgici spesso nello splendore, come nella magnificenza di San Pietro, altre basiliche e cattedrali.

L'enfasi di Francesco sulla misericordia e sulla carità ha anche sollevato le scaglie di una piccola, ma rumorosa fazione tra le fila più conservatrici di vescovi e cardinali, che preferirebbero che il capo della chiesa cattolica si concentrasse più sul dogma che sulle persone.

Circa 150 tavoli sono stati allestiti in una sala vaticana, altri 1.500 bisognosi sono stati accolti in altre basiliche sul territorio romano, mentre le parrocchie di tutta Italia preparavano allo stesso modo il pranzo per coloro che non potevano permettersi del cibo caldo in compagnia.

Invece che essere evitati, i poveri dovrebbero essere visti come tesori. "Invece di sentirci infastiditi quando bussano alle nostre porte, diamo il benvenuto al loro grido di aiuto come un invito per uscire da noi stessi", ha detto Francesco.

"Perché i poveri ci rivelano le ricchezze che non invecchiano mai, che uniscono cielo e terra, le ricchezze per le quali vale davvero la pena vivere: le ricchezze dell'amore", ha concluso il papa nella sua omelia.

Francesco ha anche detto che i fedeli dovrebbero chiedersi: "Come cristiano, ho almeno un amico povero?"

Inoltre nella stessa giornata in piazza San Pietro è stato installato un ospedale da campo con medici e infermieri che si sono occupati delle esigenze mediche dei senzatetto e dei poveri. Tra i prelati alla Messa c'era un monsignore polacco che è stato elevato al rango di cardinale, per evidenziare il suo instancabile lavoro con i poveri, inclusa la distribuzione di sacchi a pelo e pasti caldi a coloro che vivono nelle strade polacche.

Fine vita, la clamorosa svolta di Papa Francesco: "Se le cure non sono proporzionali è moralmente lecito sospenderle"

Il Papa ricorda come sia "moralmente lecito rinunciare all'applicazione di mezzi terapeutici, o sospenderli, quando il loro impiego non corrisponde a quel criterio etico e umanistico che verrà in seguito definito "proporzionalità delle cure". Francesco lo dice nel messaggio al convegno sul "fine vita" promosso dalla Pontificia Accademia invocando "un supplemento di saggezza, perché oggi è più insidiosa la tentazione di insistere con trattamenti che producono potenti effetti sul corpo, ma talora non giovano al bene integrale della persona". (Fonte: Ansa)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS