Log in
updated 2:49 PM UTC, Jul 14, 2020

Coronavirus, 210.000 morti nel mondo. Brutta sorpresa per la Germania: risale l'indice di contagio. I dubbi del governo di Angela Merkel sulla ripartenza

Angela Merkel: governo tedesco in difficoltà tra emergenza e ripartenza ilComizio.it Angela Merkel: governo tedesco in difficoltà tra emergenza e ripartenza

E' tornato a salire l'indice di contagio da coronavirus in Germania: per la prima volta da marzo una persona ne contagia un'altra. Lo ha reso noto il Robert Koch Institut, secondo cui sono stati registrati 156.337 casi di contagio e 5.913 vittime. L'esecutivo di Angela Merkel ha chiarito lunedì di non voler procedere a una accelerazione dell'allentamento delle misure restrittive, ma la pressione a riguardo sale e il dibattito è acceso


IN TUTTO IL MONDO sono 210.000 le persone morte a causa del coronavirus, secondo un calcolo fatto dall'agenzia Afp. L'85% delle vittime sono state registrate in Europa e negli Stati Uniti. Gli Usa sono il Paese con il più alto numero di decessi (56.253), seguito dall'Italia (26.977), Spagna (23.822), Francia (23.293) e Gran Bretagna (21.092)

AUSTRALIA - A decine pronti a cavalcare le onde fin dal mattino presto a Bondi beach, la spiaggia di Sydney che da oggi ha riaperto al pubblico, cinque settimane dopo le restrizioni imposte contro la diffusione da coronavirus, misure che le autorità australiane stanno cominciando ad allentare. La misura era stata originariamente imposta in seguito alle troppe violazioni delle regole sul distanziamento sociale. 

AUSTRIA - Dal primo maggio sospese le limitazioni agli spostamenti. Restano però in vigore la distanza minima di un metro tra le persone e l'obbligo di indossare le mascherine. Lo ha annunciato il governo a Vienna. Da maggio saranno inoltre consentite manifestazioni con 10 partecipanti e funerali con 30 persone. Nei negozi raddoppia il numero dei clienti, da una persona ogni 20 metri quadri a una ogni 10.

GERMANIA - E' salito di nuovo il tasso di contagio da coronavirus: da marzo, per la prima volta, una persona ne contagia un'altra. Lo ha reso noto il Robert Koch Institut, secondo cui in Germania sono registrati 156.337 casi di contagio e 5.913 vittime. Occhi puntati al prossimo incontro fra governo e Laender, fissato per giovedì: l'Esecutivo non vuole procedere ad una accelerazione dell'allentamento delle misure ristrettive, ma la pression politica ed economica a riguardo sale e il dibattito è acceso.

FRANCIA - Slitta la riapertura delle medie e dei licei in Francia. Secondo informazioni rivelate da Bfm-Tv, resteranno chiusi almeno fino al mese di giugno. Il presidente Emmanuel Macron aveva dichiarato che asili e scuole elementari avrebbero riaperto progressivamente dall'11 maggio, data di inizio della fase 2, mentre medie e licei sarebbero ripartiti il 18 o il 25 maggio

STATI UNITI - I morti di coronavirus hanno superato i 56 mila, una cifra che, scrivono già i media americani, sfiora le vittime Usa nei 20 anni della guerra in Vietnam (58 mila circa). E' l'ultimo aggiornamento del sito della Johns Hopkins University. Donald Trump evoca la riapertura delle scuole prima della fine di questo anno accademico, almeno in alcuni Stati. "Alcuni di voi potrebbero iniziare a pensare alla riapertura delle scuole", ha detto in una conference call con i governatori, secondo un audio ottenuto dal New York Times. 

SPAGNA - Si registra un calo dei decessi, con 201 morti nelle ultime 24 ore, mentre ieri le vittime erano stati 331. Lo indicano i dati diffusi dal governo. Il totale dei decessi nel Paese sale quindi a 23.822, oltre 210mila i contagiati e 102mila i guariti.

OMS - "Siamo lontani dalla fine della pandemia. L'Oms è preoccupata dai trend in crescita, ad esempio in Africa", ha detto il direttore dell'Organizzazione Tedros Adhanom Ghebreyesus nel consueto briefing sul coronavirus. "La strada è ancora lunga, siamo impegnati a fare tutto ciò che è possibile per sostenere i Paesi. Ma il ruolo della politica è fondamentale, soprattutto quello dei parlamenti", ha sottolineato.

L'ARGENTINA ha deciso vietare tutti i voli commerciali interni e internazionali fino al primo settembre a causa della pandemia. Il Paese latinoamericano - che ha aattualmente circa 4.000 casi e 192 morti - ha chiuso i suoi confini ai non residenti sin da marzo.

AFRICA - Sono oltre 31.000 i casi totali di coronavirus registrati in Africa. Negli ultimi 11 giorni sono stati rilevati 21.000 nuovi casi, una media di 600 nuovi contagi al giorno. Le vittime finora riportate sono 1.400.

CINA - Il numero di pazienti ricoverati per il coronavirus a Wuhan, la città cinese focolaio della pandemia, "è sceso a zero": l'ultimo paziente in condizioni gravi è guarito venerdì 24 aprile. Nell'intera provincia dell'Hubei i casi di contagio - ha aggiunto - sono invece scesi sotto quota 50 e nessun nuovo caso di infezione è stato registrato nelle ultime due settimane nell'intera provincia.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.