Log in
updated 1:44 PM UTC, Jun 2, 2020

Coronabond, a Bruxelles è tutti contro tutti. Lega e Fi votano no a emendamento, Fratelli d'Italia a favore. Pd e 5 Stelle divisi sul Mes. E ora Conte si deve preoccupare

Al Parlamento europeo Pd e M5S si sono divisi nella votazione della legge a favore dell’attivazione del Mes, contenuto nella risoluzione sull’azione coordinata dell'Ue contro il Covid-19. Il Pd ha votato a favore del paragrafo 23 che invita i Paesi dell'Eurozona ad attivare il Mes. Contrari invece i grillini. Si sono espressi contro anche Lega e Fratelli d’Italia. Hanno invece votato a favore Italia Viva e Forza Italia. Il paragrafo è passato con 523 sì, 145 contrari e 17 astensioni


E' polemica a Bruxelles sul voto di Lega e Forza Italia al Parlamento europeo contro gli eurobond. L'emendamento dei Verdi sulla condivisione del debito tra i Paesi Ue alla risoluzione comune di Ppe, S&D, Renew Europe e Verdi, è stato respinto ieri con 326 voti contrari, 282 sì e 74 astensioni. Favorevoli Pd, M5s e Fratelli d'Italia, contrari la Lega e Forza Italia, mentre gli eurodeputati di Italia Viva si sono astenuti.

"L'ennesimo tradimento ai danni dell'Italia da parte della Lega e di Forza Italia è servito: in aula, al Parlamento Ue, hanno votato contro gli eurobond", scrive in una nota l'europarlamentare M5s e vicepresidente del Parlamento Ue, Fabio Massimo Castaldo. "Se avessero votato a favore, l'emendamento sarebbe stato approvato! Eccoli i signorotti ultranazionalisti e sovranisti: prima sventolano il tricolore in ogni selfie, poi quando il loro voto può salvare il Paese si allineano all'Olanda", attacca Castaldo. "Complimenti! Almeno adesso tutti gli italiani potranno conoscere il loro vero volto".

E sul voto in plenaria a favore dell'attivazione del Mes, contenuto nella risoluzione sull'azione coordinata dell'Ue contro il Covid-19, Pd e M5s si dividono al Parlamento Ue. Il Pd ha votato a favore del paragrafo 23 che invita i Paesi dell'eurozona ad attivare il Mes, mentre il M5s si è espresso contro. Contrarie anche Lega e Fratelli d'Italia. Hanno votato a favore Italia Viva e Forza Italia. Il paragrafo è passato con 523 sì, 145 contrari e 17 astensioni. La risoluzione nella sua interezza - depositata da Ppe, S&D, Renew Europe e Verdi - sarà votata oggi in plenaria.

La delegazione del M5S al Parlamento Ue annuncia che oggi si asterrà al voto finale sulla risoluzione in quanto "presenta tante luci ma anche troppe ombre. Ci saremmo aspettati un chiaro e forte riferimento ai Coronabond grazie ai quali l'Ue potrebbe finanziare la ripartenza economica una volta superata l'emergenza, ma per colpa dell'irresponsabilità di Lega e Fi l'emendamento che li inseriva nel testo è stato rigettato", precisa la nota. "Registriamo l'impegno a trovare strumenti nuovi per superare la crisi e ribadiamo la nostra contrarietà al Mes".

 

(Fonte: Ansa)

Coronavirus, l'amarezza di Gallera per lo sciacallaggio politico e mediatico: "Assisto disgustato a una gigantesca deformazione della realtà. Ho sempre agito per salvare la vita alle persone"

Nessuna critica al governo Conte, dimostratosi inadeguato e insensibile su molti fronti, e contemporanea aggressione alla Lombardia investita dall'emergenza. E' questa la percezione che ha in questi giorni la Regione retta da Attilio Fontana. Le reazioni da parte dell'amministrazione lombarda sono state finora molto contenute e sobrie, stante una situazione ancora tutta da risolvere in una quasi assoluta solitudine, ma ora si fa intendere che la misura è colma. Lo sfogo social dell'assessore al Welfare, "omaggiato" di un tiro al bersaglio personale che non si aspettava e che crede in cuor suo di non meritare


 Bollettino Lombardia Coronavirus 22 marzo/ Diretta video: 27206 ...

"Leggo stupito e molto amareggiato gli articoli che appaiono in questi giorni su importanti giornali. Assisto poi disgustato a molteplici azioni di gigantesca deformazione della realta' e di sciacallaggio politico e mediatico". A scriverlo su Facebook l'assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera.

"Dal 20 febbraio - ha aggiunto - viviamo la piu' grande emergenza sanitaria che la Lombardia abbia mai vissuto. Nel mio ruolo di assessore al Welfare dal primo momento ho dedicato tutto le mie forze, le mie capacita', le mie energie fisiche e psichiche a fronteggiarla e a combatterla. Sono stati e sono ancora momenti pieni di tensione, rabbia, frustrazione e sofferenza. Abbiamo dovuto prendere decisioni difficili in tempi ristretti ma bisognava salvare la vita alle persone. Trovare un respiratore o una CPAP per far respirare chi non ce la faceva piu', recuperare mascherine e camici per i nostri operatori sanitari, fare in modo che le autoambulanze trovassero un pronto soccorso dove portare i pazienti e una barella su cui sdraiare chi soffriva, organizzare le visite domiciliare delle unita' speciali di continuita' assistenziale, attivare il telemonitoraggio dei pazienti a domicilio, cercare di ampliare il piu' possibile la capacita' di fare tamponi per soddisfare al massimo le tantissimi esigenze diagnostiche". 

I dati "sono in miglioramento" ma non è finita. "Io continuo il mio lavoro con immutata determinazione e motivazione - ha aggiunto - e guardo con distacco a quanti 'col senno di poi' dalle comode scrivanie o dai divani di casa sputano sentenze e veleno. Noi siamo stati e siamo in trincea e non agiamo ne abbiamo mai agito per compiacere i 'professori del giorno dopo' ma sempre e solo per soffocare la diffusione del Coronavirus e salvare la vita ai lombardi".

Coronavirus, il Pd chiede una commissione d'inchiesta sulla Sanità lombarda. L'assessore Caparini: "Non vedo l'ora, abbiamo da mostrare un sacco di cose che riguardano il suo governo. Prima il dovere, poi il piacere..."

"Come già dissi alcune settimane fa al Movimento 5 Stelle non vedo l'ora che venga istituita la commissione d'inchiesta evocata anche da Pizzul, abbiamo un sacco di cose che riguardano il suo Governo da mostrare. Ovviamente una volta debellato il virus, ora le polemiche politiche stanno a zero. Prima il dovere, poi il piacere".

Cosi' l'assessore al Bilancio, Finanza e Semplificazione di Regione Lombardia, Davide Caparini, replicando al consigliere regionale Pizzul che ha chiesto una commissione per valutare il modello di gestione della sanita' lombarda e se ci sono state delle falle nella gestione dell'epidemia.

"Per quanto riguarda spiegare i motivi per cui il coronavirus si è diffuso in Lombardia - come a New York, Madrid o Londra - è sufficiente un bravo epidemiologo". 

 

Coronavirus, all'Ospedale di Sesto San Giovanni il saluto e il ringraziamento a medici e infermieri. Il sindaco Di Stefano: "Siamo al vostro fianco per sconfiggere un nemico invisibile che ha sconvolto le nostre vite" (VIDEO)

(VIDEO) - Alla presenza del sindaco, Roberto Di Stefano, all'Ospedale di Sesto San Giovanni (Milano), si è tenuta una breve ma sentita cerimonia di ringraziamento a medici, infermieri e a tutto il personale sanitario che da due mesi è in prima linea per l'emergenza coronavirus. Al fianco dei camici c'erano Polizia Locale, Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Protezione Civile, Vigili del Fuoco, Croce Rossa, Sos, Associazione Nazionale Carabinieri. Un momento toccante, accompagnato dalle note dell'Inno di Mameli. Il primo cittadino: "Siete l'orgoglio di Sesto e tutta la città è fiera di voi: grazie!"

Mes ed Eurobond, la verità di Tremonti: "Ma che c...o dite? Ecco come andarono le cose". Nomi, cognomi e date (VIDEO)

Dopo le polemiche, le accuse e controaccuse, tra il premier Conte e i leader dell'opposizione sovranista Meloni e Salvini, l'economista ex ministro dei governi Berlusconi racconta come sono andati i fatti tra il 2011 e il 2012 e, soprattutto, a chi è da attribuire la paternità del fondo salva-Stati così come oggi in vigore - (VIDEO)


"Papa Francesco invita l'Europa alla 'solidarietà' e a 'scelte innovative'. Come si può essere in disaccordo? A proposito di scelte innovative, mi sono impegnato già nel 2003 e poi ancora nel 2010-2011 sugli eurobond. Fa piacere che oggi anche il presidente Conte sia venuto a parlare di eurobond! Per mio conto mi assumo tutte le responsabilità sulle origini del Mes, ma una volta chiarita tutta la verità". A sottolinearlo è l'economista e presidente di Aspen Institute Italia, Giulio Tremonti, su Mf Milano Finanza.

"Fin dall'inizio, e ancora nel corso della prima parte dei 2011, il nostro programma era mirato all'obiettivo finale degli eurobond. Fase 1: costituzione del fondo europeo (che poi sarebbe stato chiamato Mes). Fase 2: lancio (...) degli eurobond. È in questa logica sequenziale che nel luglio 2011 si arrivò alla prima firma sul Mes. In Europa dall'Eurogruppo-Ecofin al Parlamento Europeo, da Junker a Gualtieri, tutti sapevano che il nostro piano partiva dal Mes ma per arrivare agli eurobond" sottolinea Tremonti.

"Per noi -ricorda Tremonti, più volte ministro- il Mes senza gli eurobond non avrebbe avuto senso. Per contro, per gli eurobond il Mes era necessario. A quell'altezza di tempo non ci erano note ancora le manovre, da ultimo rivelate dal professor Monti, manovre che a partire dal 5 agosto 2011, da quella che lo stesso Monti chiama la lettera Trichet-Draghi', avrebbero portato alla 'chiamata dello straniero' venuto in Italia in novembre, naturalmente 'nel nostro interesse'. Di conseguenza il Mes, che era ancora privo di efficacia, diventa efficace e definitivo con la firma del presidente Monti nel febbraio 2012, ma, piccolo dettaglio, dopo che è stata affossata la funzione per cui era nato: lanciare gli eurobond".

"E poi con la Grecia -argomenta Tremonti- che il Mes ha rivelato una funzione autonoma, totalmente diversa da quella per cui era stato costituito: non come base per lanciare gli eurobond, ma strumento europeo per la riscossione-estorsione in Grecia dei crediti qui vantati dalle banche tedesche e francesi. E in questi termini che, con la complicità italiana del governo Monti e con la furia finanziaria dei 'creditori' franco-tedeschi, il Mes si trasforma nello strumento che ha straziato la Grecia".

"Non per caso, colpito da questo 'stigma', da questa maledizione greca, il Mes è rimasto nell'ombra per cinque anni, per essere infine, nell'autunno scorso, riproposto in Europa di nuovo, tanto per cambiare, come 'salva-banche'". "Tutto questo orrore è ben diverso dal progetto degli eurobond. Questa -scandisce Tremonti- è la verità sul passato. Quella degli eurobond è ancora oggi la speranza per il futuro".

Coronavirus, Sala punge di nuovo la Regione Lombardia: "Milanesi indisciplinati? Si faccia una nuova ordinanza. E perché in città niente test?" (VIDEO)

Il sindaco di Milano continua la sua polemica a distanza coi vertici regionali e nel suo video social quotidiano dice: "Più del 95% delle persone fermate sono in regola, questa è la realtà. Mi dissocio da questa retorica del milanese indisciplinato che si fa gli affari suoi: non è così". Un chiaro riferimento a Giulio Gallera, assessore al Welfare della giunta Fontana, che a Pasquetta aveva dichiarato: "Molti ci dicono che c'è ancora troppa gente in giro. Avete perfettamente ragione. I controlli li fanno le forze dell'ordine e la polizia locale. Sono loro che devono garantire il fatto che le quarantene vengano rispettate e la gente non esca di casa" - (VIDEO)


"Se qualcuno pensa che c'è troppa gente in giro, deve fare una cosa molto semplice: facciano una nuova ordinanza che tenga più persone a casa, tutto qui". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, nel video che ogni giorno posta sulle pagine social parlando delle polemiche sul fatto che ancora in giro ci possano essere troppe persone. "Ieri mattina sono stato in giro per la città con la polizia locale a vedere come vengono fatti i controlli e il pomeriggio mi sono messo in casa a guardare i dati dei controlli di ieri e dei giorni precedenti: più del 95% delle persone fermate sono in regola, questa è la realtà. Mi dissocio da questa retorica del milanese indisciplinato che si fa gli affari suoi, non è così", ha concluso. 

"Perché test sierologici non a Milano?"

Inoltre, il primo cittadino di Milano chiede, più mascherine, "molti più tamponi" e i test sierologici. "Tra parentesi leggo che Regione Lombardia dichiara che dal 21 di aprile si faranno 20mila test al giorno. Bene, dove? In altre province ma non Milano. Ma come, il problema non è Milano?". Sul fondo di mutuo soccorso lanciato dal Comune di Milano - che ha raggiunto la cifra di 12 milioni di euro -  Sala ha concluso: "Questa è Milano io ne sono il sindaco e sono di parte, ma non c'è nessuna città al mondo come Milano". 

Salvini non ci sta e chiama Mattarella dopo l'attacco di Conte a reti unificate: "Rammarico e stupore per insulti e bugie. Ho garantito al Presidente l'impegno della Lega. Ecco che cosa serve davvero oggi agli italiani" (VIDEO)

Videomessaggio social del leader leghista: "Ho chiamato stamattina il presidente Mattarella per fare a lui e a tutti gli Italiani i migliori auguri di buona Pasqua, per quanto possibile, per assicurare l'impegno di tutte le donne e uomini della Lega di tutti i comuni d'Italia per salvare le vite dei cittadini oggi, e i loro posti di lavoro e risparmi domani. E non ho potuto nascondere la sorpresa il rammarico e lo stupore per gli attacchi, per gli insulti, per le bugie ricevute ieri". Poi un'idea da 100 miliardi - (VIDEO)


Il leader della Lega Matteo Salvini ha espresso al capo dello Stato, Sergio Mattarella, “rammarico e indignazione” per un premier che ha usato la diretta tivù non per informare e rassicurare gli Italiani, ma per insultare le opposizioni (che sono netta maggioranza nel Paese) arrivando perfino a mentire, se non a minacciare. Lo rende noto la Lega. «Come si fa ad avere un dialogo con chi si comporta così? Roba da regime sudamericano. Dal governo - conclude la Lega - ci aspettiamo risposte, non polemiche o insulti».

Nel corso del colloquio telefonico con il Capo dello Stato, Salvini ha tra l'altro espresso grande preoccupazione per la situazione economica delle famiglie e delle imprese italiane, che dopo oltre un mese dalla chiusura non hanno ancora ricevuto un euro di aiuto dal governo e dall'Europa, ribadendo infine la contrarietà della Lega a qualsiasi utilizzo del MES sotto ogni forma.

Meloni: scorrettezza Conte senza precedenti
Anche la leader di Fratelli d’Italia Gioegia Meloni è tornata sull’episodio in un’intevista al Tg1 per sottolineare che «irrituale utilizzare una conferenza
istituzionale per attaccare l’opposizione: tutti sanno che nel 2012 al governo c'era Monti e io non votai il Mes. La scorrettezza di Conte è qualcosa senza precedenti. Ma spero che Conte sia coerente andando al Consiglio europeo a dire no a un accordo che ha l’ok del suo ministro dell’Economia».

La lettera alla Vigilanza Rai
«Convocare la Commissione di Vigilanza oggi stesso per discutere delle gravi dichiarazioni del presidente del Consiglio Giuseppe Conte». A chiederlo in una lettera inviata al presidente Barachini i capigruppo in
Vigilanza dei partiti di centrodestra, Daniela Santanchè (FdI),
Giorgio Mulè (FI), e Paolo Tiramani (Lega). Una reazione all’intervento in diretta tv del presidente del Consiglio Giuseppe Conte che ha attaccato i leader di Lega, Matteo Salvini, e Fdi, Giorgia Meloni.

«Attacco senza precedenti»
Un attacco «frontale senza precedenti nella storia repubblicana» si legge nella nota in cui si accusa il premier di aver «trasformato la conferenza stampa in vero e proprio comizio politico». Il tutto “sulla principale rete del servizio pubblico, in orario di massimo ascolto, dove peraltro l'Italia intera si aspettava di ricevere comunicazioni sui provvedimenti inerenti al COVID-19» 

Barachini: «Subito diritto di replica»
Pronta la risposta del presidente della commissione di Vigilanza Rai, Alberto Barachini: «Ho fissato una riunione informale in videoconferenza dei componenti dell’Ufficio di Presidenza, estesa a tutti i commissari, per la giornata di martedì». Poi annuncia di aver inviato «una lettera ai vertici del Servizio Pubblico chiedendo che sia garantito quanto prima un proporzionato diritto di replica ai leader dell'opposizione citati nelle dichiarazioni del premier».

Coronavirus, un servizio del Tg1 da Alzano fa infuriare la Lombardia. Caparini: "Rai senza scrupoli, tv della vergogna: infangato dirigente sanitario che si è ammalato sul campo"

"Medici, scienziati e dirigenti che da settimane lottano per strappare pazienti da una morte tremenda trattati come delinquenti da quello che fu un telegiornale autorevole. Con un'aggravante, che una giornalista senza scrupoli ha infangato un bravissimo dirigente convalescente di COVID ammalatosi sul campo". Lo dice l'assessore al Bilancio della Regione Lombardia, Davide Caparini, commentando il servizio mandato in onda oggi dal Tg1 Rai da Alzano.
"Questa e' la dimostrazione - prosegue Caparini - di quanto sono caduti in basso nel disperato tentativo di assolvere gli unici colpevoli dei ritardi nell'adottare quelle misure di contenimento che proprio la sanita' lombarda invocava da giorni". "Non a caso - conclude Caparini - la Rai e' la televisione di Stato. La tv della vergogna".

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS