updated 2:03 PM UTC, Dec 9, 2019

Festival delle luci nel Castello di Brescia e promozione del brand inLOMBARDIA: intervista all'assessore Lara Magoni - (VIDEO)

Ai microfoni de ilComizio.it l'assessore lombardo al Turismo, Marketing territoriale e Moda, Lara Magoni: "La sfida continua così da rafforzare i valori identitari del brand turistico regionale e quindi la vocazione turistica di Regione Lombardia. Per il 2019 mettiamo in campo ulteriori nuove risorse per la promozione e il sostegno di eventi mirati a garantire la valorizzazione del territorio. Da sempre gli aspetti culturali, sportivi, enogastronomici sono i protagonisti di eventi che esaltano il genius loci delle nostre realtà locali" - (VIDEO)


Risultati immagini per cidneon

Dall'8 al 16 febbraio 2019 dalle ore 18.30 alle 24 (ultimo accesso alle ore 22.30) si terrà la terza edizione di CidneON, il Festival Internazionale delle Luci nel Castello di Brescia che ha riscosso un incredibile successo, portando in Castello nelle due edizioni passate quasi 450.000 visitatori.

IL PROGETTO ARTISTICO – Il percorso sarà composto da 20 installazioni con artisti provenienti da Francia, Olanda, Germania, Polonia, Ucraina, Corea del Sud e Italia. Rispetto alle precedenti edizioni, ben 17 sono le produzioni originali
appositamente commissionate e realizzate per il festival.

CATALOGO UFFICIALE – L’ingresso è libero (nella giornata inaugurale dell’8 febbraio l’ingresso al pubblico è a partire dalle ore 20.00), ma è possibile, acquistando in prelazione online il Catalogo ufficiale di CidneON 2019 ad un prezzo privilegiato di € 8,00, avere la possibilità di visitare il Castello attraverso un percorso facilitato e di conseguenza la possibilità di evitare le lunghe code dell’accesso gratuito.


Risultati immagini per brand inlombardia

Uno stanziamento di 570.000 euro per promuovere il brand inLOMBARDIA attraverso la valorizzazione turistica, la distribuzione di materiale e/o gadget e la proposta di attività rivolte alle pubblico. Questo l'obiettivo della misura cui si può aderire partecipando alla 'manifestazione di interesse' pubblicata oggi sul sito http://explora.in-lombardia.it nella sezione 'Bandi e iniziative'.

RAFFORZARE BRAND TURISTICO - "La sfida continua - ha detto l'assessore regionale al Turismo, Marketing territoriale e Moda, Lara Magoni - così da rafforzare i valori identitari del brand turistico regionale e quindi la vocazione turistica di Regione Lombardia. Per il 2019 mettiamo in campo ulteriori nuove risorse per la promozione e il sostegno di eventi mirati a garantire la valorizzazione del territorio. Da sempre gli aspetti culturali, sportivi, enogastronomici sono i protagonisti di eventi che esaltano il 'genius loci' delle nostre realtà locali.  L'obiettivo ora è di potenziarne l'attrattività e migliorarne l'appeal in ambito nazionale ed internazionale. Sono certa che questa manifestazione di interesse permetterà a Regione Lombardia, tramite Explora, di partecipare e quindi sostenere iniziative che potranno diventare trainanti per il settore turistico".

Risultati immagini per lara magoni

La misura mira a garantire e valorizzare i territori anche attraverso il positivo riverbero che risulta dall'associazione tra gli aspetti di attrattività e i settori driver del turismo come ad esempio moda, design, sport, enogastronomia, cultura, spettacoli dal vivo, cinema e attività congressuale. Le risorse economiche complessive disponibili per l'annualità 2019 sono pari 573.770,50 euro e saranno disponibili per l'acquisto di servizi di comunicazione e promozione in occasione di eventi e iniziative di carattere turistico-attrattivo.

La manifestazione di interesse è ripartita in tre call con una rispettiva riapertura dell'avviso per gli eventi che ricadono nei seguenti periodi:

call 1. Eventi dal 1 marzo al 31 maggio 2019; call 2. Eventi dal 1 giugno al 30 settembre 2019; call 3. Eventi dal 1 ottobre al 31 dicembre 2019.

Gli eventi dovranno avere carattere di unicità, di temporalità e prevedere la partecipazione di un pubblico di consumatori finali potenzialmente interessati al turismo e alle peculiarità del territorio. La partecipazione di Regione Lombardia avverrà attraverso l'acquisizione di servizi come la personalizzazione grafica di spazi fisici o virtuali/multimediali con l'identità visiva del brand inLombardia; noleggio/spazi per tutta la durata dell'evento con presenza dell'immagine coordinata inLombardia; fornitura di personale di presidio, inclusione nella attività di comunicazione dei partner (ad esempio: sito internet, piano editoriale social media, comunicati stampa, etc.), invio di comunicazioni al proprio database.

Le domande da parte dei soggetti che vogliono proporre candidature sulla prima call, quindi per eventi e progetti che si svolgeranno nel periodo tra 1 marzo 2019 e il 31 maggio 2019, possono essere ricevute fino all'8 febbraio 2019 entro le ore 18.00.

Il Politecnico di Milano, eccellenza italiana ormai internazionale. Grandi numeri su occupazione ed economia, ma il rettore vuole di più: "Incentiviamo la presenza femminile"

Inaugurato il 155esimo anno accademico del prestigioso ateneo che presenta dati importanti. Dal 2010 sono raddoppiati gli studenti stranieri; a 12 mesi dal titolo è impiegato l'85% degli architetti, l'88% dei designer e il 97% degli ingegneri. Le donne però rappresentano ancora solo un terzo degli iscritti. Ferruccio Resta: "Abbiamo intuizioni e idee per essere insieme motore dell'innovazione del Paese". L'intervista a margine della cerimonia e il commento dell'assessore all'Università, Ricerca e Open Innovation di Regione Lombardia, Luca Del Gobbo - (VIDEO) 


"Abbiamo dimostrato di avere le competenze tecniche e di disporre del miglior capitale umano, di essere ambiziosi e allo stesso tempo pragmatici. Chiediamo a istituzioni e mondo produttivo di proporre le prossime sfide a cui lavorare insieme. Abbiamo intuizioni e idee per essere insieme motore dell’innovazione del Paese”.

Con queste parole, nel corso del suo discorso all'inaugurazione del 155esimo anno accademico del Politecnico di Milano, il magnifico rettore dell'ateneo, Ferruccio Resta, ha chiamato a raccolta mondo produttivo e istituzioni per dare, in una logica di sistema, una spinta innovativa per l'Italia.

"E' necessario allineare il numero dei dottorandi italiani a quello degli altri paesi europei - ha aggiunto Resta - e se si vuole un modello da seguire in Italia bisogna guardare al Politecnico, che dal 2010 ha visto un aumento del 35% dei laureati e il raddoppio degli studenti stranieri a conferma della nostra crescente attrattività internazionale. Chi si laurea al Politecnico ha più possibilità di inserirsi velocemente nel mondo del lavoro e abbiamo guadagnato 100 posizioni nel ranking internazionale delle università".

"Artefici di questi traguardi sono i 42mila studenti, i 3mila docenti e i 1.200 tecnici che rappresentano la nostra anima - ha detto ancora Resta -. Anche nel futuro puntiamo al rinnovamento didattico, puntando su figure professionali più vicine ai bisogni delle imprese e, in generale, del mercato del lavoro, incentivando anche scambi internazionali e progetti interdisciplinari con altri atenei, insomma il Politecnico di Milano è un vero e proprio investimento per i nostri studenti".

Secondo Resta però, il Politecnico può e deve essere ancora più ambizioso. "Vogliamo puntare su corsi di dottorato che siano più attrattivi per il settore produttivo, per i bisogni dell'impresa e per farlo sono necessarie misure forti di investimento sul numero di posti e di defiscalizzazione delle assunzioni. Dobbiamo continuare a investire nei laboratori e nei campus come quello ideato da Renzo Piano. E’ necessario unire le nostre forze, promuovere partnership con istituzioni e imprese, affinché le grandi trasformazioni urbane, i piani industriali e i programmi di innovazione pubblici e privati diventino loro stessi laboratori condivisi: veri e propri cantieri aperti all'innovazione. Penso alle opportunità offerte dalla tecnologia 5G, alla realizzazione di un distretto per le applicazioni delle tecnologie di industria 4.0, al recupero delle periferie e al servizio che stiamo svolgendo con il Duomo di Milano al servizio della conservazione del nostro patrimonio artistico".

"L'ateneo si sta impegnando con azioni concrete a incentivare la presenza femminile all'interno delle sue aule, soprattutto in alcuni rami di ingegneria. Le donne rappresentano solo un terzo del totale - ha aggiunto -, una percentuale ancora poco rappresentativa". (Fonte Itlapress)

Apritimoda! Milano scopre gli atelier del made in Italy. Le storiche maison si svelano al pubblico per un weekend

Sabato 21 e domenica 22 ottobre 2017, in occasione della prima edizione di Apritimoda!, le storiche maison della moda aprono al pubblico i loro spazi privati, per la prima volta, svelando i luoghi normalmente inaccessibili dentro i quali nasce il processo creativo. Le nostre interviste a Cristina Tajani, assessore milanese a Politiche del lavoro, Attività produttive, Commercio e Risorse umane, con delega a Moda e Design, a Carlo Capasa, presidente della Camera nazionale della Moda e a Cinzia Sasso, ideatrice del progetto - (VIDEO)


Due giorni per scoprire i luoghi segreti in cui nasce il Made in Italy. Presentata oggi a Palazzo Marino la prima edizione Apritimoda! Milano scopre gli atelier. A illustrare, a stampa e operatori, i contenuti dell’iniziativa i rappresentanti dell’Amministrazione Comunale con la giornalista Cinzia Sasso, ideatrice del progetto, in collaborazione con Maria Canella, docente all'Università degli Studi di Milano e Carlo Capasa, Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana. 

L'evento nato con il patrocinio del Ministero dello Sviluppo economico, del Comune di Milano, della Camera Nazionale della Moda Italiana, di FAI e Altagamma,si svolgerà il fine settimana del 21 e 22 ottobre quando le storiche maison della moda apriranno al pubblico i loro spazi privati, per la prima volta, svelando i luoghi normalmente inaccessibili dentro i quali nasce il processo creativo. 

I grandi atelier milanesi che hanno aderito con entusiasmo e partecipano attivamente ad Apritimoda! sono: Agnona, Alberta Ferretti, Antonio Marras, Curiel, Ermenegildo Zegna, Etro, Fondazione Ferrè, Gianni Versace, Giorgio Armani, Laboratori Scala, Missoni, Moncler, Prada,Trussardi. 

Per l’Amministrazione comunale, dopo la positiva esperienza di Milano XL, il progetto Apritimoda prosegue nella volontà di promuovere la collaborazione tra le istituzioni e gli operatori per  valorizzare il grande patrimonio manifatturiero italiano fatto di artigianalità, ricerca nei materiali e creatività, aprendo a un pubblico di appassionati i più importanti atelier del made in Italy.

Cinzia Sasso, anima promotrice del progetto Apritimoda! ha spiegato come i milanesi, e non, potranno accedere a quindici luoghi iconici e da sempre riservati agli addetti ai lavori e assaporare le atmosfere uniche delle grandi maison che sono una parte assai importante dell’economia e della cultura milanese.

Maria Canella, docente all'Università degli studi di Milano ha sottolineato il coinvolgimento del sistema universitario e delle scuole di moda in un'iniziativa che punta a potenziare il rapporto tra gli studenti e le attività produttive della città, saranno infatti gli studenti dei principali istituti di formazione moda ad accompagnare i visitatori alla scoperta degli atelier.

Con il progetto Apritimoda, Milano aggiunge un nuovo tassello alla sua immagine di città cosmopolita, affascinante e aperta al mondo, regalando ai propri cittadini l’opportunità di apprezzare di persona la bellezza di luoghi esclusivi e permettendo ai giovani e agli studenti di aprire un dialogo avvincente e stimolante con i creatori di moda. Le visite  saranno libere e gratuite. Ogni visita sarà unica e rispecchierà lo stile di ciascuna maison, il proprio modo di intendere la moda e di raccontarsi. 

Apritimoda si inserisce nel filone di manifestazioni a forte partecipazione quali Fuori Salone, PianoCity, BookCity e FuoriExpo, entrati nel calendario degli appuntamenti da non perdere, aperti al grande pubblico oltre che agli addetti ai lavori.

Quando lo stile viaggia veloce: le auto protagoniste della Design Week di Milano

In occasione della cinquantaseiesima edizione del Salone Internazionale del Mobile, il design, come ogni anno, esce dai confini della Fiera di Rho e si espande in tutto il tessuto urbano diventando accessibile a tutti grazie agli eventi del Fuori Salone - (FOTO E VIDEO)


La città di Milano fa da cornice a numerose esposizioni e installazioni durante la design week e anche quest’anno le case automobilistiche hanno partecipato attivamente al panorama degli eventi. Audi ha scelto l’edificio voluto nel 1565 da San Carlo Borromeo in Corso Venezia 11 come scenario per gli Audi City Lab: al centro del chiostro l’installazione sonora Sonic Pendulum di Yuri Suzuki ha creato un’atmosfera suggestiva per accompagnare i visitatori nella visione delle vetture. L’installazione, formata da trenta pendoli mossi da un algoritmo, elaborava ogni suono proveniente dall’esterno creando una melodia in continuo mutamento.

Il laboratorio di idee di Audi è stato anche sede di due dibattiti riguardanti le innovazioni sulla mobilità di domani e il rapporto tra l’uomo e l’Intelligenza Artificiale, oltre che esposizione per il debutto italiano della nuova Audi RS5 Coupé.

Garage Italia Customs e BMW invece hanno celebrato il Memphis Group con la presentazione di due pezzi unici: la BMW i3 e la BMW i8 MemphisStyle. Lo staff creativo di Lapo Elkann ha voluto omaggiare lo stile visionario del movimento artistico che ha rivoluzionato il mondo del design negli anni Ottanta con i suoi motivi grafici originali.

Il Vicepresidente del BMW Group Design, Adrian Van Hooydonk, ha infatti affermato: “Negli anni Ottanta e Novanta, il Memphis Group ha messo in discussione la rigidità formale e la funzionalità classica delle opere di design in modo provocatorio e umoristico. […] Il BMW Group ha riprodotto un approccio simile durante la progettazione dei veicoli BMW i, discostandosi dal linguaggio tradizionale del design automobilistico, sondando nuovi terreni e ridisegnando le vetture da capo”.

Le caratteristiche principali di queste vetture sono le linee oblique, orizzontali e verticali con motivi ipnotici e colori accesi. Il design si lega all’automotive anche nella collaborazione tra Citroën e Gufram: presso lo Spazio Quattrocento di Via Tortona 31 è stata infatti presentata una particolare versione di C4 Cactus, la C4 Cactus Unexpected by Gufram. Lo stile irriverente ben riconoscibile del marchio Gufram si rispecchia nella reinterpretazione dei caratteristici Airbump ® del crossover Citroën, creati per l’occasione con l’inimitabile texture in morbido poliuretano del Cactus ® di Gufram. L’impronta del marchio di design italiano si riflette anche nella tinta della carrozzeria e degli interni di C4 Cactus Unexpected by Gufram, un verde lime che sfuma gradualmente verso l’arancione, esplicita citazione del Metacactus ® creato da Gufram in edizione limitata nel 2012.

Land Rover ha scelto il Museo della Permanente di Milano per presentare “Less is Pure”, un allestimento minimalista per svelare in anteprima nazionale la nuova Range Rover Velar. Lasciando il caos della metropoli all’esterno dell’edificio, i visitatori sono stati trasportati in una realtà contemplativa attraverso il silenzio e il bianco totale delle sale interne. Una mostra fotografica, firmata da Gary Bryan, ha introdotto il percorso attraverso undici suggestioni visive e un “bosco” stilizzato composto da tessuti Kvadrat ha completato il tutto conducendo i visitatori fino alla vettura.

Anteprima nazionale anche per quanto riguarda la nuova Jeep Compass presentata presso lo spazio Tortona 15. Il nuovo modello conferma lo stile inconfondibile di Jeep attraverso caratteristiche immediatamente riconoscibili come la griglia a sette feritoie che caratterizza l’intera gamma. La vettura arriverà in estate in tutte le concessionarie Jeep, ma è già possibile ammirarla negli show-room grazie all’innovativa “realtà aumentata” del “Jeep Compass Visualiser” attraverso cui i clienti possono interagire con una vettura virtuale in scala 1:1 cambiandone il colore, girandovi intorno e guardandola anche all’interno.

Presso lo Spazio Zegna invece si poteva ammirare Stelvio, il primo SUV Alfa Romeo, protagonista della mostra “Emozioni Alfa Romeo” che ha celebrato i valori del marchio. Oltre a due Stelvio, l’esposizione comprendeva una Giulia Quadrifoglio e una 6C 2500 Super Sport Villa d’Este con carrozzeria Touring del 1949.

Alfa Romeo Stelvio

Peugeot ha portato in anteprima nazionale la Concept Car Onyx, ispirata al mondo delle competizioni con il suo motore otto cilindri a V. Ciò che colpisce immediatamente è la linea avveniristica della vettura oltre che i materiali di cui è composta: lastre di rame lucidate a specchio per i parafanghi e le portiere, in contrasto con il nero grafite del resto della carrozzeria. La sperimentazione continua anche all’interno della vettura, infatti il designer Julien Cueff ha affermato di essersi ispirato alla scatola delle uova per la creazione degli interni: l’abitacolo è costituito da feltro compresso e stirato, in un pezzo unico senza cuciture. Sorprendente anche la plancia della Onyx formata dal Newspaper wood, una sorta di “legno” creato da giornali usati assemblati e compressi. Mini ha scelto invece di non esporre auto, ma di creare una installazione che rappresentasse un concetto di living consapevole delle risorse e all’interno di uno spazio molto contenuto.

Esther Bahne, Head of Brand Strategy and Business Innovation MINI ha spiegato che con Mini Living - Breathe sono stati messi in discussione gli spazi vitali convenzionali, ma allo stesso tempo è stato introdotto un approccio creativo per la risoluzione di problemi futuri nelle aree urbane. L’esposizione consisteva in una casa di 50m2 in grado di ospitare fino a tre persone, sviluppata in verticale e costituita da un telaio modulare in metallo e da un rivestimento esterno flessibile e trasparente. L’installazione è stata concepita come un ecosistema in grado di utilizzare in modo intelligente le risorse essenziali come l’acqua, l’aria e la luce: sul tetto una costruzione raccoglieva l’acqua piovana per permetterne il riutilizzo dai rubinetti, un giardino pensile produceva ossigeno attraverso le piante per migliorare la qualità dell’aria e infine il rivestimento esterno traslucido inondava lo spazio di luce naturale creando un ambiente luminoso.

All’interno di una installazione di altalene presso il Parco Sempione è stata mostrata invece la nuova Lancia Unyca, serie speciale dedicata alle donne che desiderano un’auto glamour e allo stesso tempo pratica per la città, in una tinta di carrozzeria nuova, il Blu Velvet.

Alla Triennale di Milano invece è stato creato lo spazio “Lexus Yet”: per celebrare la decima apparizione al Salone del Mobile, Lexus ha chiesto la collaborazione della professoressa del MIT Media Lab Neri Oxman e del suo team di ricerca Mediate Matter Group, che per l’evento hanno creato un’installazione multi-dimensionale di luci e ombre. In questa cornice sono stati anche presentati i lavori dei 12 finalisti del Lexus Design Award sul tema “YET”.

Isabella Fresia

  • Pubblicato in Sport
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C