L'ascesa del populismo e il crollo del politica

L'ascesa del populismo in queste elezioni europee è sempre più evidente, un'altra stagione politica sta mutando in una nuova realtà, sarà una evoluzione o una pericolosa involuzione? 


Il populismo mette le sue radici nella storia, quando la gestione politica passò dalle mani di re e regine a quelli della piccola nobiltà, rappresentanti di altre persone persone nelle assemblee, nei congressi, nei parlamenti. Il principio era quello di considerare il rappresentante meglio informato sui fatti della vita perchè più colto, più istruito, quindi più adatto a rappresentare e prendere decisioni per il popolo. Come oggi anche allora, gli impegni venivano scritti su dei "Manifesti", una vera dimostrazione di volontà e di politica che veniva condivisa con l'elettorato. Questo principio possiamo chiamarlo "Democrazia", peccato che solo una ESIGUA PERCENTUALE DEI VOTANTI HA LETTO QUESTI MANIFESTI O CONTRATTI CON IL POPOLO e probabilmente la restante percentuale, non li capirebbe se li leggessero. Oggi potremmo anche dire che forse serve poco conoscere il contenuto di un Manifesto, perché nel dopo elezioni risulta sempre molto difficile rispettare gli impegni presi.

La prima linea guida dei nuovi populisti è quella di approcciare gli elettori con i termini "noi e loro",due parole che hanno profonde in tutte le società e a tutti i livelli. Solo per citare un esempio, nel calcio, i termini "noi e loro" sono spesso usati per giudicare un avversario spesso considerandolo il più debole o il meno sportivo. Noi siamo i più bravi, loro rubano sempre, noi aiuteremo il nostro popolo, loro no, due parole che ormai racchiudono il potere di convincere, alcune volte anche in modo forte o violento.

Con l'ascesa dei movimenti pro-popolo (movimenti sociali), spesso associati alla sinistra politica, alla fine del diciannovesimo secolo, si sono conquistati i diritti all'educazione, all'assistenza sanitaria per tutti, i diritti delle donne al lavoro e al voto, i diritti dei bambini a non lavorare. La fame e le povertà assolute sono state battute approcciando a un mondo più sviluppati e quando le persone hanno un lavoro, un tetto e una possibilità di spesa economica è meno probabile che scendano per le strade per proclamare i loro diritti. Questo periodo era guidato dai politici di professione, statisti che guardano prima il futuro del paese e poi il presente.

Politici che hanno sempre salvaguardato il bene dello stato (forse anche il loro) creando una distanza d'intelletto tra istituzioni e territorio, pronti a trasformare un lamento del popolo in semplice borbottio, lasciando tutti felici e contenti. 

Eccoci però al giorno in cui la classe politica diventa "loro" e l'apatia politica, il distacco di pensiero dagli organi istituzionali, spazia attraverso la società moderna, una situazione incontrollabile che oggi ha raggiunto proporzioni epiche. Una situazione in cui i voti, vengono talvolta considerati più numerosi di quelli espressi realmente per un certo partito politico, questo perché nessuno vuole considerare che l'affluenza si avvicina ormai alla metà dell'elettorato o anche meno. Ecco allora che il borbottio torna a essere un lamento, generando un pensiero comune, "ok di qualunque colore sia, sono tutti uguali, un gruppo di truffatori che cercano solo vantaggi per se stessi, cercherò di votare il meno peggio".

Proprio in questo momento dove è crollato il senso di appartenenza che nascono come funghi i movimenti populisti, movimenti di protesta contro tutti e contro ciò che viene considerato cattivo o diverso. Attenzione perché l'errore più comune è pensare che questi siano solo radicati nella destra politica, qualunque forma di discriminazione porta al populismo, nell'eccezione del suo significato, anche quella contro il datore di lavoro o contro le forze di polizia.

Il politico populista è una sorta di mago che agitando la sua bacchetta magica afferma, "Io sono uno di voi, so chi siete e quello che volete, io ve lo darò". Ovviamente contestando e rifiutando tutti quelli che magari già cercano di farlo, i "loro". Cancellando ogni forma di governo e creandone uno nuovo, trionfando in pompa magna su tutti e su tutto, abbattendo il dialogo con dei monologhi urlati (non solo a voce) e occupando tutte le forme di comunicazione.

Un momento politico molto pericoloso, perché con il crollo dei tradizionali partiti e delle strutture politiche, è apparso un vuoto ideologico. La storia ci insegna che il trattato di Versailles, con cui si è sancita la fine della prima guerra mondiale, ha di fatto creato un vuoto istituzionale. Gli stati firmatari, che erano politicamente instabili (il governo era lontano dal popolo e del territorio), si sono isolati, i dialoghi si sono conclusi e 20 anni dopo le controversie mai appianate hanno portato alla alla seconda guerra mondiale

 

Oggi la conoscenza e l'informazione sono a portata di click, così la distanza tra elettore ed eletti è annullata. È arrivata una nuova era politica, quella in cui coloro che sono stati educati o che hanno studiato bene come comunicare possono diventare pericolosi, visto che sempre più persone non hanno conoscenza di cosa voglia dire fare il politico di professione.

Abbiamo ottenuto il benessere e ci sentiamo moderatamente al sicuro, abbiamo una bella macchina, il frigorifero pieno e ci distraiamo sul divano guardando i pessimi programmi generalisti o una partita di calcio, accettando in silenzio che qualcun'altro ci dica di cosa abbiamo bisogno e che lui può .

...forse siamo ancora in tempo...

 

Follow JC Go: il Vaticano lancia un’applicazione per “catturare” i Santi

Il gioco che si chiama Follow JC Go, in Italia è già disponibile per iOS e Android, ma solo in lingua spagnola. Cattura i tuoi Santi e forma un Team paradisiaco.


L'app è stata sviluppata in Spagna dalla Fundación Ramón Pané, in occasione della Giornata mondiale della gioventù, prevista per il prossimo 22 gennaio a Panama. Sicuramente non andrà a sostituire la più famosa Pokemon GO che fino a qualche tempo fa spopolava fra i giovani, ma anche fra i meno giovani. Un’applicazione per smartphone, Android e iOS che, grazie alla realtà aumentata geolocalizzata con Gps, consentiva di cercare e catturare i Santi in giro per il mondo. Il funzionamento è lo stesso della gemella, la fotocamera dello smartphone inquadra ciò che si ha di fornte e l'app vi aggiunge digitalmente i Santi e i Beati, permettendo così di vederli sparsi nelle case, nelle piazze delle città, a scuola. Oggi, la Fundaciòn Ramòn Pané, scrive che il suo obiettivo è quello di imparare le nuove lingue della società di oggi, le nuove forme di espressione, comprensione e comunicazione, per presentare il Vangelo, il messaggio di Dio attraverso la Sacra Scrittura, rispondendo alle reali necessità delle persone". Quindi da oggi avremo il nostro avatar in sandali che girando il mondo avrà la possibilità di “catturare” santi e beati attraverso la fotocamera del cellulare. Non ha bisogno di lottare contro il santo per riuscire a prenderlo, ma solo di rispondere ad alcune domande sul suo conto. Dimostrare di conoscere il personaggio biblico, gli basta infatti per includerlo nel proprio “JC-team”, ossia nella propria squadra di evangelizzazione.
Durante la ricerca dei santi, il giocatore si occupa inoltre della salute del proprio avatar: tra i valori da tenere d'occhio, per un benessere non solo fisico, ma anche spirituale, ovvero quelli relativi alla preghiera. Infine, nel gioco è presente una valuta, i “denarios”, che possono essere conquistati in tre modi: si può donare qualcosa in beneficenza e trasformare la donazione in valuta virtuale, vedere della ADS (pubblicità) oppure cercarlo sulla mappa. La fondazione cerca in questo modo di mettersi al passo con i tempi, i giovani di oggi interagiscono soprattutto tramite app e social media, “Sarebbe una negligenza, da parte della Chiesa, non cercare di incontrarli proprio lì, nei luoghi e nei gusti che gli appartengono” dichiara a Vatican News Miriam Diez Bosch, direttore del Blanquerna Observatory on Media, Religion and Culture alla Ramon Llull University di Barcellona, che ha da poco terminato uno studio sulla religione dei giovani nei social network. Dallo studio emerge che solo il 4% dei giovani nel mondo condividono contenuti legati alla religione cattolica. “E’ inutile pensare di sostituirsi ai loro influencers" – afferma Mirima Diez Bosch - "Sarebbe intelligente invece servirsi di loro, cercare di influenzare gli influencers stessi, affinché si facciano portavoce di realtà di fede e religione”. Ed è quello che si potrebbe fare proprio attraverso la promozione di questa app, un gioco che parla la lingua dei giovani, ma che racconta qualcosa di diverso dal solito: "la religione". Lo scopo principale dell’applicazione infatti è di tipo didattico. "Con questa app ci si può divertire, ma anche imparare ed essere evangelizzati” - sottolinea il cardinal Oscar Rodrìguez Maradiaga, presidente del comitato consultivo della Fundaciòn Ramòn Pané, "infatti, un ragazzo può apprendere molto sui santi, sui beati, sulla loro vita e sulla Bibbia stessa. "Catturare" i santi attraverso un’app. potrebbe quindi rappresentare un nuovo modo di evangelizzare, Follow JC Go potrebbe essere una delle soluzioni per avvicinare più persone alla fede e invogliarle a diffonderla.

App su GOOGLE PLAY

FONTE: (Vaticans News)

Il papa paragona l'aborto con "la chiamata di un sicario"

Papa Francesco, nella sua omelia durante la tradizionale udienza in Piazza San Pietro a Roma, ha volontariamente detto che praticare o accettare l'aborto è come assoldare un sicario


"Termina una gravidanza con un aborto, è come eliminare qualcuno, secondo voi è giustificato eliminare un corpo umano per risolvere un problema?", questa è la domanda che il Pontefice ha rivolto ai fedeli che seguivano la sua omelia in Piazza San Pietro.

"È giustificato fare ricorso a un sicario per risolvere un problema?", ha poi aggiunto Francis, oltre a parlare a lungo di come andrebbe seguito il comandamento "non uccidere", il Papa ha aggiunto in tono molto severo e inquisitorio che,  "Liberarsi, anche in modo giustificato, di un essere umano, è come chiamare un sicario per risolvere un problema!".

Il Papa ha attirato l'attenzione sul "deprezzamento della vita umana", attraverso le guerre, lo sfruttamento dell'uomo e l'esclusione. Ha poi aggiunto l'aborto a questa lista. "Come può un atto che rimuove una vita innocente essere umano o terapeutico, civile e molto comune?". Con queste parole Francesco chiude la sua omelia, spostando in modo molto sensibile l'opinione della chiesa cattolica, verso la scomunica di tutti quelli che usufruiscono di una pratica che troppe volte non è terapeutica ma solo di comodo.

Papa Francesco in Sicilia; "Fratelli e sorelle" della mafia, pentitevi. (VIDEO)

Papa Francesco ha fatto appello alla mafia siciliana per abbandonare una vita di crimine e violenza, dicendo che l'isola ha bisogno di "uomini e donne d'amore, non uomini e donne d'onore", usando il termine mafioso.


Francesco, nella capitale siciliana, ha detto che i membri del crimine organizzato - molti dei quali vanno in chiesa e adorano apertamente - "non possono credere in Dio e essere Mafiosi" allo stesso tempo. Nel suo appello, li chiamava "cari fratelli e sorelle". Poi il papa ha visitato Palermo per commemorare padre Giuseppe "detto Pino" Puglisi, un prete ucciso a colpi di arma da fuoco della mafia nel 1993 perché aveva sfidato il controllo dell'organizzazione su uno dei quartieri più difficili della città. Puglisi fu ucciso durante il suo 56esimo compleanno, un attacco allo stato partito con l'uccisione a Palermo nel 1992 dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

"Una persona che è un mafioso non vive da cristiano perché con la sua vita bestemmia contro il nome di Dio", ha detto Francis nel sermone di una messa di circa 80.000 persone nella zona portuale della capitale siciliana. La Chiesa cattolica nel sud Italia ha sempre giocato una strana partita a scacchi con la mafia, pensiamo al cardinale Ernesto Ruffini, che era arcivescovo di Palermo dal 1945 al 1967, negò l'esistenza della mafia, considerando il comunismo la più grande minaccia della Chiesa di quel tempo.

"Dico a Mafiosi: Cambiate, fratelli e sorelle! Smettete di pensare a voi stessi e ai vostri soldi ... Convertitevi al vero Dio, Gesù Cristo, cari fratelli e sorelle, vi dico, Mafiosi, se non lo fai, la tua stessa vita sarà persa e quella sarà la tua più grande sconfitta", ha continuato Francesco durante il Sermone al Porto di Palermo. "Oggi abbiamo bisogno di uomini e donne d'amore, non uomini e donne d'onore, uomini e donne di servizio, non di oppressione".

Da sempre molti membri di gruppi criminali organizzati, come Cosa Nostra in Sicilia e la ndrangheta calabrese, si considerano parte di un gruppo religioso simile a un culto, invocando l'aiuto dei santi per le loro attività. In particolare nelle città minori del sud, prendono parte ai sacramenti cattolici e in alcuni casi hanno anche trovato la complicità di alcuni ecclesiastici. Puglisi andò da subito controcorrente, rifiutando di giocare la strana partita a scacchi. Con scarso sostegno della gerarchia ecclesiastica in Sicilia, predicò contro la mafia dal pulpito della sua chiesa nel ruvido quartiere di Brancaccio, poi controllato dalla famiglia Graviano. Aiutò i giovani in una zona con alta disoccupazione a evitare la trappola della mafia, chiese ai parrocchiani di aiutare le indagini di polizia, rifiutò le donazioni dei mafiosi e li bandì dall'unirsi alle processioni religiose tradizionali.

L'omicidio di Puglisi fu ordinato dai boss locali Filippo e Giuseppe Graviano, i quattro uomini che pianificarono ed eseguirono l'omicidio furono condannati nel 1998. Tutti tranne uno ricevettero ergastolo. Uno degli assassini, che in seguito si rese collaboratore dello stato, disse che mentre Puglisi stava morendo disse: "Ti stavo aspettando".

Nel 2012, l'ex papa Benedetto decretò che Puglisi morì come martire combattendo l'odio per la fede e ordinò che fosse beatificato, l'ultimo passo prima della santità nella Chiesa di Roma.

L'uomo che ha messo il papa con le spalle al muro: la vera storia dietro la lettera dell'Arcivescovo Viganò

L'Arcivescovo Carlo Maria Viganò, a Chicago dal 2014, ha scosso la Chiesa Cattolica Romana nel suo nucleo, colpendo direttamente papa Francesco


Alle 9:30 di mercoledì scorso, l'arcivescovo Carlo Maria Viganò si è presentato a Roma nell'appartamento di un giornalista conservatore del Vaticano, con un semplice collare da clericale, un cappellino da baseball delle Montagne Rocciose e una storia esplosiva da raccontare.

L'arcivescovo Viganò, ex diplomatico e capo del Vaticano negli Stati Uniti, trascorse la mattinata lavorando spalla a spalla con il giornalista al tavolo della sua sala da pranzo leggendo e commentando una lettera di 7.000 parole, con cui l'Arcivescovo chiedeva le dimissioni di papa Francesco, accusandolo di coprire gli abusi sessuali e dando conforto a una "corrente omosessuale" in Vaticano.

Il giornalista, Marco Tosatti, ha dichiarato di aver appianato la narrazione. L'arcivescovo infuriato non ha portato prove, ha detto, ma ha fornito un racconto, condannando le reti omosessuali all'interno della chiesa che agiscono "con il potere dei tentacoli di un polpo" per "strangolare vittime innocenti e vocazioni sacerdotali".

Terminata la lettera, l'arcivescovo Viganò si è congedato, spegnendo il cellulare. Mantenendo la sua destinazione un segreto perché era "preoccupato per la propria sicurezza", ha detto Tosatti, l'arcivescovo semplicemente "scomparve".

La lettera, pubblicata domenica, ha sfidato il papato di papa Francesco e ha scosso la Chiesa cattolica romana nel suo nucleo. Il Papa ha detto che per ora non vuole prendere in considerazione alcuna risposta, eppure le accuse stanno provocando una guerra interna ideologica, con il solito oscuro Vaticano che, dalle retrovie apre un combattimento aperto.

La lettera ha esposto alla luce profondi scontri ideologici, con i conservatori che hanno alzato le armi e gli scudi contro la visione inclusiva di Francesco, di una chiesa che è meno focalizzata su questioni divisive come l'aborto e l'omosessualità. Ma l'arcivescovo Viganò - che a sua volta è stato accusato di ostacolare un'indagine sulla condotta sessuale scorretta di alcuni prelati, nel Minnesota - sembra stia riaprendo vecchie ferite e imponendo rapide e drastiche soluzioni.

Come ambasciatore o nunzio pontificio negli Stati Uniti, l'arcivescovo Viganò si è schierato con guerrieri della cultura conservatrice e ha usato il suo ruolo per nominare nuovi vescovi conservatori fedeli alla sua politica, a San Francisco, Denver e Baltimora. Ma dopo l'elezione di papa Francesco si è trovato in un ruolo conservatore troppo scomodo per una nuova chiesa fatta di inclusione e visioni molto più aperte.

Poi, nel 2015, il grande scontro con Francesco, la sua decisione di invitare un fedele critico sui diritti degli omosessuali, per salutare il papa a Washington durante una visita negli Stati Uniti, ha direttamente messo in discussione il messaggio inclusivo di Francesco e ha suscitato una polemica che ha quasi oscurato il viaggio.

Juan Carlos Cruz, un sopravvissuto agli abusi della discordia, dopo aver lungamente parlato con il papa ha detto che Francesco ritiene l'arcivescovo Viganò personalmente responsabile del fallimento della sua visita negli USA, in quanto ha voluto sabotare la visita invitando il critico (di cui sopra), Kim Davis, un'impiegata pubblica della contea del Kentucky diventata una forte conservatrice e fautrice di una corrente che lotta contro i diritti degli omosessuali, da quando si rifiutò di concedere la licenza di matrimonio a una coppia dello stesso sesso. 

Conosciuto per il suo carattere irascibile e l'ambizione, l'arcivescovo Viganò si è spesso scontrato con i superiori che hanno ostacolato la sua ascesa in chiesa e ha svolto un ruolo chiave in alcuni dei più sorprendenti scandali vaticani degli ultimi tempi. Nel 1998, divenne un funzionario centrale nel potente ufficio del Segretario di Stato vaticano. Nella lettera, scrive che le sue responsabilità includevano la supervisione di ambasciatori nel mondo, ma anche "l'esame di casi delicati, compresi quelli riguardanti cardinali e vescovi".

Fu allora che disse di aver appreso per la prima volta degli abusi commessi dal cardinale Theodore E. McCarrick, il leader cattolico americano nella sua storia dice che Papa Francesco conosceva da anni la situazione - e dissimulò.

Nel 2009, l'arcivescovo Viganò, allora vescovo, è stato trasferito in un altro posto di lavoro in Vaticano con minore influenza sulla politica ma con il potere su alcune delle sue entrate. Conosciuto come parsimonioso, ha trasformato il deficit della Città del Vaticano in un surplus. Ma il suo difficile stile di gestione ha suscitato lamentele. Un tassello buio dice che in Vaticano arrivarono alcune e-mail anonime, in cui si affermava che Viganò stava promuovendo in modo inappropriato, la carriera di suo nipote. Il suo stile e il suo rigore nel vagliare i contratti vaticani hanno infastidito anche alcuni leader, tra cui il segretario di Stato Tarcisio Bertone e un rapporto anonimo sul quotidiano "Il Giornale" affermava che aveva disegni anche sui servizi di sicurezza vaticani. Il cardinale Bertone, che l'arcivescovo Viganò descrive nella lettera come "notoriamente a favore nella promozione degli omosessuali", lo bandì negli Stati Uniti.

Durante la sua lotta per il potere, l'Arcivescovo Viganò scrisse anche urgenti appelli al conservatore papa Benedetto, con i quali chiedeva di non essere trasferito negli USA e che doveva invece per rimanere in Vaticano. Suo fratello, un biblista gesuita, era malato e aveva bisogno di cure. Accusò anche il cardinale Bertone di aver infranto la promessa di promuoverlo al grado di cardinale, dando di fatto il via alla procedura di trasferimento.

Nel 2012, quando era già negli Stati Uniti come nunzio ambasciatore, le lettere inviate a Benedetto, iniziarono a comparire e alla fine furono fatte pervenire anche al maggiordomo del papa, inferendo un duro colpo a tutto lo stato del Vaticano. Anche il fratello dell'arcivescovo Viganò, Lorenzo Viganò, entrò nelle dispute e in un'intervista rivelò che suo fratello, - "ha mentito a Benedetto", dicendo che doveva rimanere a Roma "perché doveva prendersi cura di me, non sono malato", disse. Al contrario, lui viveva a Chicago, stava bene e non parlava con suo fratello da anni per una disputa ereditaria. 

Dopo aver irritato Francesco durante l'episodio di Kim Davis, l'arcivescovo Viganò fu richiamato a Roma per una spiegazione. Rapporti sui media di questa settimana hanno affermato che dopo aver rimosso l'arcivescovo Viganò dalla sua posizione, papa Francesco lo ha anche letteralmente buttato fuori dal suo appartamento in Vaticano. L'arcivescovo Viganò non ha mai accettato la decisione di papa Francesco e ha iniziato a lavorare alla sua lettera di accuse unendo le forze con i tradizionalisti antagonisti a papa.

Circa un mese fa, il signor Tosatti ha detto di aver ricevuto una telefonata dall'arcivescovo dove gli chiese se poteva incontrarlo in un posto discreto. L'arcivescovo Viganò ha raccontato al reporter la sua storia, ma ha detto di non essere pronto per la registrazione.

Ma quando la notizia di decenni di abusi clericali diffusi in Pennsylvania venne alla luce, Tosatti incitò l'arcivescovo a raccontare la sua storia, questa volta con una dichiarazione scritta. Tosatti ha detto di non aver visto documenti o altre prove ma di aver parlato con l'Arcivescovo per almeno tre ore.

L'arcivescovo chiese a Tosatti se conosceva qualcuno che poteva pubblicare la lettera anche in inglese e spagnolo. Il signor Tosatti ha inviato la lettera al National Catholic Register, che è di proprietà di una compagnia che gestisce diverse piattaforme cattoliche conservatrici, spesso critiche nei confronti di Francesco. "Sono tutti legati", ha detto Tosatti, "io ho solo aiutato a redigere e distribuire la lettera".

Dopo aver finito di scrivere la lettera, Tosatti racconta di aver accompagnato l'arcivescovo Viganò alla porta, si è inchinato per baciare il suo anello e vedendo la mano ritirarsi disse,: "Non è per te, è per il ruolo che hai." L'arcivescovo rispose: "Ora che ho finito, posso partire, e lasciare anche Roma" e poi ancora: "Non ti dirò dove, in modo che quando ti interrogheranno, non dovrai mentire e io spegnerò il mio telefono".

 

L'avversario più rumoroso della nuova politica anti-migranti in Italia? La Chiesa cattolica.

Il prelato italiano alza gli scudi in difesa di chi vive nella sofferenza e cerca una via di fuga dalle atrocità delle guerre, criticando duramente le scelte in tema di politica migratoria del governo "giallo/Verde"


In una piccola chiesa dell'Italia centrale, un sacerdote durante la messa, ha detto alla sua congregazione che il motto del politico  "Italiani prima"  era antitetico al cristianesimo stesso. Più a nord, un altro parroco ha detto che i sostenitori del nuovo partito anti-migrante "non possono definirsi cristiani". Sull'isola di Sicilia, un arcivescovo che parlava in una piazza pubblica ha affondato un colpo ancora più ampio, criticando i politici che devono il "loro stesso miserabile successo" sfruttando la paura dei migranti.

Il vescovo di Palermo partecipando ad una manifestazione religiosa ha dichiarato "La chiesa non può tacere, io non posso rimanere in silenzio." Ecco allora che mentre la politica migratoria italiana oscilla verso destra , la Chiesa cattolica risponde con un ruggito oppositivo. Papa Francesco , durante i cinque anni del suo pontificato, ha parlato dell'umanità e dei diritti dei migranti, mettendo in guardia dal sentimento anti-immigrati che si sta affermando in alcune parti del mondo sviluppato. Ma quegli avvertimenti solo di recente si sono trasformati in una lotta anche nelle piazze di quella che viene definita una delle nazioni più cattoliche del mondo con un governo populista che promette di "fermare l'invasione" e di chiudere le sue porte.

Nelle scorse settimane, leader ecclesiastici di ogni tipo - figure vicine a Francesco e sacerdoti che parlano nelle tranquille domeniche, hanno reagito contro quella che definiscono una risposta xenofobica e timorosa all'ondata di rifugiati e migranti economici che hanno raggiunto le coste italiane. Le loro voci si sono levate con rilievo contro un panorama politico dove pochi altri, anche nei partiti di opposizione italiani, stanno portando questo messaggio. 

Ma alcuni di questi schietti leader ecclesiastici descrivono anche una scossa di allarme, e affermano che l'ascesa di movimenti anti-migranti qui e in molti altri paesi prevalentemente cattolici, tra cui Polonia e Austria, mostra forti divisioni all'interno della fede su quanto sia accogliente esserlo. La figura dominante del nuovo governo italiano è il ministro dell'Interno Matteo Salvini, che giura per il Vangelo, a volte brandisce i rosari e descrive gli immigranti senza documenti come una "marea di delinquenti" che vuole mandare a casa. Salvini rispondendo alle affermazioni dell'arcivescovo di Palermo scrive su Facebook "Con tutto il rispetto per il pastore delle anime, invece di aiutare i poveri dell'Africa a venire in Europa, il mio dovere nel governo è di pensare innanzitutto ai milioni di poveri italiani, sto sbagliando?"  

Papa Francesco non ha parlato esplicitamente dello spostamento della politica italiana, ma questo mese ha celebrato una messa speciale per i migranti e due settimane dopo, davanti a 25.000 persone in piazza San Pietro, ha chiesto alle nazioni di agire "in modo deciso e immediato" per impedire la "tragedia" delle morti dei migranti in mare. Francesco e il nuovo Primo Ministro italiano Giuseppe Conte non hanno avuto un incontro formale.

In Italia, dove più di 650.000 persone sono arrivate via mare dal 2014, il risentimento verso i migranti è cresciuto costantemente, soprattutto perché gli altri paesi europei hanno partecipato ai piani per condividere in modo più equo l'onere di ospitare i migranti e trattare le loro richieste di asilo. Salvini ha annunciato il mese scorso che stava chiudendo i porti italiani alle navi umanitarie, una mossa che ha creato il caos nel Mediterraneo. Da allora ha spesso detto che sta trasformando le promesse della campagna in "azione". 

Il vescovo Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza episcopale italiana e un prelato vicino a Papa Francesco, in una recente intervista cerca di porre rimedio alle numerose crepe che si stanno creando nel mondo cattolico, "Se ci sono cristiani che si sentono a proprio agio nel dire no alla "reception", la Chiesa deve porsi una domanda. Questo può solo significare che abbiamo parlato di Gesù, celebrato cerimonie e liturgie, ma sicuramente non abbiamo creato quella mentalità che vuole il Vangelo".

Alcuni gruppi cattolici stanno anche cercando di svolgere un ruolo più attivo nel mitigare gli atteggiamenti verso i migranti o richiamare l'attenzione sulle politiche del governo. Un sacerdote missionario, Alex Zanotelli, ha organizzato uno sciopero della fame che includeva sit-in presso il Parlamento italiano, affermando che il messaggio di Papa Francesco "sta attraversando un periodo difficile per raggiungere le radici della Chiesa". A giugno, la Caritas, importante gruppo cattolico, ha organizzato pasti comuni, dove le persone potevano incontrare migranti e rifugiati. Il papa ha detto che tali incontri devono aiutare a coltivare sentimenti di "fraternità".

Una delle più importanti dichiarazioni sulla migrazione è arrivata dalla potente Conferenza episcopale italiana, che questo mese ha pubblicato una enciclica di cinque paragrafi , illustrata sul suo sito web con la foto di un debole migrante che si era aggrappato ai relitti nel Mediterraneo prima del suo salvataggio . La dichiarazione non menzionava specificamente il governo italiano, ma parlava della necessità di "salvare la nostra stessa umanità dalla volgarità e dalla barbarie" salvando vite umane ", a cominciare dai più esposti, umiliati e calpestati".

Anche Famiglia Cristiana si butta nella mischia pubblicando in copertina una foto di Salvini e una frase latina dal chiaro significato "respingere il male di Satana", dichiarando che non vi era nulla di personale o allusivo, ma si basava solo su una frase del vangelo. La risposta di Salvini non si è fatta aspettare ma ha avuto toni molto più leggeri, "non penso che il paragone possa essere equo".

"Sono l'ultimo dei buoni cristiani", disse. "Ma non penso di meritarmi tanto. Sono rassicurato dal fatto che ricevo quotidianamente il sostegno di tante donne e uomini della chiesa ".

11 Agosto. Papa Francesco; io ho la fortuna di fare un bel lavoro, faticoso ma divertente.

Il Santo pontefice ha ricevuto ha Roma, i giovani gesuiti che partecipano all'incontro “European Jesuits in formation”e con loro si è intrattenuto ha parlare del difficile lavoro che svolge ogni giorno, non però trascurando il lato divertente (VIDEO)


"La colpa della mancanza di lavoro anche per tanti giovani senza lavoro è una risistemazione dell’economia mondiale, dove l’economia, che è concreta, lascia il posto alla finanza, che è astratta e crudele. E in un immaginario collettivo che non è concreto, ma è liquido o gassoso al centro troviamo il mondo della finanza, mentre al suo posto avrebbero dovuto esserci l’uomo e la donna. Oggi questo è, credo, il grande peccato contro la dignità della persona: spostarla dal suo posto centrale".

Con questa molto profonda ma nello stesso tempo semplice, papa Francesco ha aperto, ieri mattina, l'incontro con i partecipanti all’incontro “European Jesuits in formation”. Rispondendo ad una domanda il Pontefice ha sottolineato che "la finanza assomiglia su scala mondiale alla catena di Sant’Antonio!".

Per papa Francesco questo spostamento della persona dal centro e col mettere al centro una cosa come la finanza, così astratta, si generano vuoti nel lavoro. Il vescovo di Roma ha poi ricordato che suicidi, dipendenze e uscita verso la guerriglia sono le tre opzioni che i giovani hanno oggi, quando non c’è lavoro. Punto fondamentale, "importante capire il problema dei giovani" e poi muoversi per risolverlo. Francesco aggiunge - "il problema infatti ha soluzione, ma bisogna trovare il modo, c’è bisogno della parola profetica, c’è bisogno di inventiva umana, bisogna fare tante cose, sporcarsi le mani…".

Nel suo saluto iniziale il Pontefice ha esortato i confratelli gesuiti a non avere una pastorale uniforme - "insieme a una grande obbedienza al pastore ci vuole una grande libertà, senza libertà non si può essere gesuita. Così l’originalità della Compagnia è proprio questa: unità con grande diversità". E li ha invitati a rileggersi l’allocuzione di Paolo VI alla XXXII Congregazione generale («il discorso più bello che un Papa abbia fatto alla Compagnia») e l’ultimo intervento del preposito generale Pedro Arrupe, il suo “canto del cigno”. Per il papa in questi due testi - "c’è la cornice di quello che oggi la Compagnia deve fare: coraggio, andare alle periferie, agli incroci delle idee, dei problemi, della missione... Il lavoro del Papa non è facile" – ha poi detto sorridendo – "... Forse questa sembra un’eresia, ma abitualmente è divertente".

(VIDEO)

Fonte: Avvenire

Papa Francesco vuole cambiare, il "Padre Nostro"

Papa Francesco ha suggerito di voler apportare un cambiamento alla preghiera del Signore, ampiamente conosciuta tra i fedeli come il "Padre nostro".


In un'intervista mercoledì il Pontefice ha detto che preferirebbe sostituire la frase "non ci indurre in tentazione", che secondo il papa è troppo forte, con "non lasciarmi cadere in tentazione". Secondo Bergoglio questa traduzione porta a pensare che Dio conduca le persone a peccare, - "Non è una buona traduzione, è meglio dire: "Non lasciarmi cadere nella tentazione" ha detto Papa Francesco. Jorge Mario Bergoglio sollecita quindi una nuova traduzione, come avvenuto in Francia dal 3 dicembre scorso. E come in realtà già fatto dalla nuova versione della Bibbia della Cei, dal 2008 (un'innovazione non ancora recepita nella Messa). La preghiera ha origine dalla lingua di Gesù, l'aramaico, fu poi tradotta in greco antico e infine in latino. 

Il papa all'inizio di questa settimana ha anche fatto un inciso sull'annuncio del presidente Trump, in cui diceva che gli Stati Uniti avrebbero riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele e avrebbero mirato a trasferirvi la propria ambasciata, oggi a Tel Aviv.

Papa Francesco ha detto di essere "profondamente interessato da questa questione, non solo strategica e politica" e ha fatto appello affinché "tutti rispettino lo status quo della città". 

ultima ora × ultime news× ultime notizie× papa Francesco news× papa Francesco × Vaticano× padre nostro× preghiera padre nostro× «questa preghiera contiene tutte le domande possibili, non se ne può concepire una sola che non via sia racchiusa». Eppure, spiega Francesco, «ci vuole coraggio per pregare il Padre nostro». In un mondo «malato di orfanezza», ...× Il testo in italiano della preghiera più nota, il 'Padre Nostro' , potrebbe presto cambiare. A farlo intendere è lo stesso papa Francesco: "Dio che ci induce in tentazione non è una buona traduzione. × Papa Francesco "corregge" il Padre Nostro: «Dio non induce in tentazione». 07/12/2017 E' meglio dire: «Non lasciarmi cadere nella tentazione». Jorge Mario Bergoglio sollecita una nuova traduzione. Come avvenuto in Francia dal 3 dicembre scorso.× video×

 

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C