Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 993

updated 10:16 AM UTC, Nov 13, 2019

Il Politecnico di Milano, eccellenza italiana ormai internazionale. Grandi numeri su occupazione ed economia, ma il rettore vuole di più: "Incentiviamo la presenza femminile"

Inaugurato il 155esimo anno accademico del prestigioso ateneo che presenta dati importanti. Dal 2010 sono raddoppiati gli studenti stranieri; a 12 mesi dal titolo è impiegato l'85% degli architetti, l'88% dei designer e il 97% degli ingegneri. Le donne però rappresentano ancora solo un terzo degli iscritti. Ferruccio Resta: "Abbiamo intuizioni e idee per essere insieme motore dell'innovazione del Paese". L'intervista a margine della cerimonia e il commento dell'assessore all'Università, Ricerca e Open Innovation di Regione Lombardia, Luca Del Gobbo - (VIDEO) 


"Abbiamo dimostrato di avere le competenze tecniche e di disporre del miglior capitale umano, di essere ambiziosi e allo stesso tempo pragmatici. Chiediamo a istituzioni e mondo produttivo di proporre le prossime sfide a cui lavorare insieme. Abbiamo intuizioni e idee per essere insieme motore dell’innovazione del Paese”.

Con queste parole, nel corso del suo discorso all'inaugurazione del 155esimo anno accademico del Politecnico di Milano, il magnifico rettore dell'ateneo, Ferruccio Resta, ha chiamato a raccolta mondo produttivo e istituzioni per dare, in una logica di sistema, una spinta innovativa per l'Italia.

"E' necessario allineare il numero dei dottorandi italiani a quello degli altri paesi europei - ha aggiunto Resta - e se si vuole un modello da seguire in Italia bisogna guardare al Politecnico, che dal 2010 ha visto un aumento del 35% dei laureati e il raddoppio degli studenti stranieri a conferma della nostra crescente attrattività internazionale. Chi si laurea al Politecnico ha più possibilità di inserirsi velocemente nel mondo del lavoro e abbiamo guadagnato 100 posizioni nel ranking internazionale delle università".

"Artefici di questi traguardi sono i 42mila studenti, i 3mila docenti e i 1.200 tecnici che rappresentano la nostra anima - ha detto ancora Resta -. Anche nel futuro puntiamo al rinnovamento didattico, puntando su figure professionali più vicine ai bisogni delle imprese e, in generale, del mercato del lavoro, incentivando anche scambi internazionali e progetti interdisciplinari con altri atenei, insomma il Politecnico di Milano è un vero e proprio investimento per i nostri studenti".

Secondo Resta però, il Politecnico può e deve essere ancora più ambizioso. "Vogliamo puntare su corsi di dottorato che siano più attrattivi per il settore produttivo, per i bisogni dell'impresa e per farlo sono necessarie misure forti di investimento sul numero di posti e di defiscalizzazione delle assunzioni. Dobbiamo continuare a investire nei laboratori e nei campus come quello ideato da Renzo Piano. E’ necessario unire le nostre forze, promuovere partnership con istituzioni e imprese, affinché le grandi trasformazioni urbane, i piani industriali e i programmi di innovazione pubblici e privati diventino loro stessi laboratori condivisi: veri e propri cantieri aperti all'innovazione. Penso alle opportunità offerte dalla tecnologia 5G, alla realizzazione di un distretto per le applicazioni delle tecnologie di industria 4.0, al recupero delle periferie e al servizio che stiamo svolgendo con il Duomo di Milano al servizio della conservazione del nostro patrimonio artistico".

"L'ateneo si sta impegnando con azioni concrete a incentivare la presenza femminile all'interno delle sue aule, soprattutto in alcuni rami di ingegneria. Le donne rappresentano solo un terzo del totale - ha aggiunto -, una percentuale ancora poco rappresentativa". (Fonte Itlapress)

Milano, in Statale laurea honoris causa a Ennio Morricone. Il rettore Vago: "Portatore di una cultura senza tempo"

 "Ho avuto altri riconoscimenti nella mia vita, forse è incredibile che io dica che questo riconoscimento è al centro, è in alto". Era molto emozionato il celebre compositore nel ricevere l'attestato in in Scienze della musica e dello spettacolo nel corso della cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico 2016-2017 all'Università degli Studi del capoluogo lombardo. Per il due volte premio oscar si tratta del terzo alloro dopo quelli riconosciutigli a Cagliari e Roma Tor Vergata. La nostra intervista al massimo dirigente dell'ateneo meneghino - (VIDEO) 


Era felice ed emozionato Ennio Morricone quando oggi ha ricevuto oggi a Milano laurea magistrale honoris causa in Scienze della musica e dello spettacolo nel corso della cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico 2016-2017 all'Università degli Studi. Il celebre compositore (due Oscar in carriera e altri riconoscimenti per le sue colonne sonore, tra le più famose a Hollywood) è al suo terzo alloro in carriera dopo quelli ricevuti a Cagliari e a Roma Tor Vergata. Grandi applausi al suo arrivo nell'aula magna.

Il rettore Gianluca Vago, che gli ha consegnato l'attestato, ha letto la motivazione: "Per lo straordinario contributo all'ampliamento dei confini del pensiero musicale e all'arricchimento dei rapporti tra mondi e linguaggi espressivi diversi, nel segno di una continua ricerca animata da una forte tensione etica e sociale". "Grazie maestro", ha detto Vago prima di abbracciare l'89enne musicista.

Ai microfoni de ilComizio.it, il rettore della Statale, ha ulteriormente spiegato la scelta e le ragioni che hanno spinto l'ateneo a dare a Morricone questo riconoscimento.

 

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C