Conte incoraggia la no-fly zone in Libia e si schiera con gli europeisti Merkel e Macron

In questo modo, si può ottenere la "cessazione immediata delle ostilità", afferma il Primo Ministro. 


 Giuseppe Conte ha descritto la creazione di una no-fly zone in Libia come opzione per risolvere il conflitto nella guerra civile del Nord Africa. "Una zona di non volo può anche essere uno strumento per raggiungere un obiettivo come la cessazione immediata delle ostilità", ha dichiarato Conte alla conferenza stampa di fine anno che si è tenuta questa mattina a Roma. L'Italia sostiene pienamente l'iniziativa per una conferenza sulla Libia a Berlino all'inizio del 2020.

"Vi è un'intensa attività diplomatica in Italia che spesso non è visibile", ha dichiarato Conte, riferendosi all'ex colonia italiana. Inoltre Conte riferisce di aver parlato con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e con il presidente russo Vladimir Putin, sulle conseguenze dell'intervento militare prospettato dal presidente turco, una nuova guerra che comporterebbe molte vittime civili, eppure nessuna delle due parti vincerebbe.

Erdogan ha annunciato che all'inizio di gennaio 2020, avrebbe presentato una proposta al parlamento turco, per fornire supporto militare al governo libico. Dalle parole di Erdogan inizialmente non era chiaro quale tipo di truppe volesse schierare. La Turchia e il governo unitario in Libia avevano precedentemente concluso un accordo globale di sicurezza e cooperazione militare. Ciò potrebbe consentire alla Turchia di inviare addestratori e consulenti militari.

L'Italia, come la Turchia, affianca il governo del Primo Ministro sostenuto dall'ONU Fajez Sarradsch a Tripoli in Libia. La Russia e altri paesi stanno invece supportando il generale Chalifa Haftar, che è attivo nella parte orientale della Libia e sta cercando di conquistare Tripoli da mesi. 

Conte ha sottolineato che l'UE si sta ancora una volta impegnando per una pace in Libia, già all'ultimo vertice dell'UE era già stato redatto un documento congiunto con il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron, che preannunciava maggiori investimenti militari su quel fronte.

Circoli del Ministero degli Affari Esteri riferiscono che il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio, ha già ricevuto l'approvazione iniziale dalle sue controparti europee per attivare la procedura proposta da Conte dell'UE sulla Libia, ma ci sono ancora molti dettagli da chiarire.

Quello che invece è sempre più chiaro è l'intenzione di Conte di stringere accordi e sinergie con le due principali potenze europee, la Germania e la Francia, sarà l'inizio di una rinascita politico economica oppure l'inizio di una "d'orata schiavitù"?

Lorenzo Fioramonti, il parlamentare annoiato

Lorenzo Fioramonti era una figura abbagliante nella politica italiana, ma questo giustifica tanto caos e tante luci della ribalta, sul governo italiano?


Le dimissioni di un ministro della pubblica istruzione di solito non causano un terremoto politico, ma nel caso di Lorenzo Fioramonti, che giovedì ha annunciato le sue dimissioni dal gabinetto del Primo Ministro Giuseppe Conte, la sensazione è insolitamente molto vicina alla realtà. Si possono trovare diverse ragioni, il politico del movimento cinque stelle era una delle figure con le idee più a sinistra e più controverse del governo Conte. Fioramonti stava inoltre cercando i riflettori, inclusi quelli internazionali. In una intervista con il "New York Times" dichiarò che la protezione del clima sarebbe dovuta diventare una materia di studio nelle scuole italiane nel prossimo futuro. Una perfetta strategia di comunicazione che a trasformato Fioramonti da un giorno all'altro, nel Ministro della Pubblica Istruzione più noto a livello internazionale, da quando la Repubblica Italiana è stata fondata nel 1946.

In precedenza Fioramonti, aveva già suscitato scalpore a con una lettera a tutti i dirigenti scolastici, chiedendo loro di giustificare d'ufficio, tutti gli studenti che avessero partecipato alle manifestazioni del movimento "Venerdì per il futuro".

L'ex professore di economia politica presso l'Università di Pretoria godeva di notorietà non solo per le sue iniziative verso la protezione del clima, ma anche per aver chiesto di sostituire tutti i crocifissi e le foto del Presidente della Repubblica, appesi in tutti gli uffici pubblici, con una mappa del mondo ed estratti della costituzione italiana. 

Fin dall'inizio, Fioramonti aveva interpretato il ruolo del bambino terribile. Quando il "Corriere della Sera" gli chiese delle sue condizioni poco dopo essere entrato nel parlamento italiano, la sua risposta fu, - " sono annoiato, come docente all'università hai poco da fare, ma come membro del parlamento non hai assolutamente nulla da fare".

Ma non tutte le sue dichiarazioni furono innocue, prima di entrare nel parlamento italiano in quota al Movimento cinque Stelle, fu il promotore di un'iniziativa per un boicottaggio dei beni israeliani, ma ancor prima di aver prestato giuramento come ministro, Fioramonti a settembre, annunciò che avrebbe rassegnato le dimissioni se non avesse ricevuto altri tre miliardi di euro per le scuole e le università. E ora ha mantenuto la parola. 

Le dimissioni di Fioramonti  hanno indebolito la coalizione di governo, rischiando di rompere il così fragile legame tra il movimento a cinque stelle e il Partito Democratico, che finora ha governato con poca fortuna. Il movimento a cinque stelle ha dimostrato ancora una volta di essere un giocatore insicuro. Le dimissioni del Ministro della Pubblica Istruzione hanno nuovamente chiarito che la crisi d'identità del movimento e le lotte interne al potere, rappresentano il rischio maggiore per la continua esistenza della coalizione sotto il nome di Governo Conte bis.

Fioramonti si era da tempo allontanato dal suo partito e l'aveva accusato di aver ceduto alle responsabilità di governo, rinnegando gli ideali originali, compresa la protezione dell'ambiente. A seconda di quanti sostenitori del partito lo seguiranno si potrebbe generare un'ulteriore grave salasso per la coalizione di governo, dopo la dipartita di alcuni senatori dal movimento e la separazione del nuovo partito di Matteo Renzi "Viva Italia", dal Partito Democratico.

Renzi aveva annunciato che avrebbe continuato a sostenere la coalizione di governo, ma questo ha il un prezzo politico, come è dimostrato dalle dure reazioni dei componenti di "Viva Italia" alle dimissioni di Fioramonti, che sembravano più un'opposizione che un partner della coalizione. il governo sta perdendo i suoi ministri "come un albero delle sue foglie d'autunno", hanno detto i senatori di Renzi. Mentre per Davide Faraone uno dei senatori più vicini a Renzi, il Partito Democratico come sempre è rimasto in silenzio!

Al di là di tutti gli aspetti personali e politici del partito, le dimissioni di Fioramonti hanno anche attirato l'attenzione sulla miseria della politica educativa italiana. Fioramonti lamentava che il governo aveva bisogno di più coraggio, specialmente in settori cruciali come l'università e la ricerca. I tre miliardi di euro che il Ministro dell'istruzione desiderava anche per le scuole e le università erano davvero urgenti. Nessun paese industrializzato occidentale, spende così poco per l'istruzione, in relazione alla sua forza economica quanto l'Italia; nel 2019, secondo l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), la spesa per l'istruzione del paese rappresentava solo il 3,9 per cento del prodotto interno lordo. Ciò pone l'Italia chiaramente dietro la media OCSE che è del cinque percento. 

Gli insegnanti di italiano sono meno istruiti e guadagnano molto meno rispetto ai loro omologhi nella maggior parte degli altri paesi dell'Europa occidentale. Gli studi di Pisa mostrano ancora una profonda divisione del paese. Mentre alcune regioni del nord Italia sono le migliori in termini di istruzione nei campi della letteratura e della matematica scientifica, la Sicilia e la Sardegna sono molto indietro, quasi al livello di Turchia e Grecia.

Grecia; la polizia antisommossa spara gas lacrimogeni contro i medici ospedalieri che protestano contro la privatizzazione della sanità

Mercoledì 18 dicembre, la polizia antisommossa greca ha sparato gas lacrimogeni contro i medici ospedalieri nel centro di Atene, che protestavano contro la richiesta dell'Unione Europea di privatizzare la sanità pubblica.


Gli scontri sono iniziati quando i sindacalisti dell'Associazione ellenica dei medici ospedalieri della Grecia (OENGE), hanno tentato di entrare nella sala di Aigli Zappeion dove la Panhellenic Medical Association (PIS) ospitava un evento sulla partnership pianificata tra il settore privato e quello della sanità pubblica.


 Nonostante l'intervento della polizia i manifestanti sono riusciti a entrare nella sala e interrompere l'incontro. 

L'unione dei medici dell'ospedale pubblico incolpa la leadership dell'Associazione medica di essere “in prima linea nella promozione dei piani del governo per la piena privatizzazione della salute pubblica”, questa rappresenta “la caduta della sanità pubblica in favore di grandi interessi privati."

Il sindacato ha descritto come "casus beli" la possibilità che "i medici privati ​​lavoreranno negli ospedali pubblici, la gestione delle attrezzature tecnico-mediche sarà gestita da società private e lo status degli ospedali pubblici sarà trasformato in quello delle società private”, rispecchiando in pieno il piano sanitario Americano e in parte quello nazionale Britannico. Due potenze che con la Brexit si vedono sempre più vicine. 

Il sospetto è che questo sia parte del grande piano delle potenze UE, che vogliono rendere la Grecia, uno stato sottomesso e conquistato, non militarmente ma economicamente. La nuova schiavitù dei nostri tempi. 

  • Pubblicato in Esteri

'Sardine' contro Salvini: la lotta dell'Italia contro la destra

Migliaia di persone scendono nelle piazze italiane, come parte del movimento “sardine”, contro il leader della Lega e ex vice primo ministro d'Italia, Matteo Salvini e i suoi alleati.


I manifestanti si riuniscono nelle piazze italiane nel tentativo di "scuotere ulteriormente la politica del paese e combattere, a detta loro, l'xenofobia e il razzismo. Siamo molto felici e abbiamo raggiunto il nostro obiettivo", ha detto uno dei fondatori del movimento, Mattia Sartori, 32 anni, poiché oltre 100.000 persone avrebbero dovuto marciare nella capitale lo scorso mese.

"Siamo antifascisti, a favore dell'uguaglianza, contro l'intolleranza, contro l'omofobia", ha detto Santori ad AFP, mentre i manifestanti cantano l'inno "Bella Ciao".

"Siamo stanchi di questa cultura dell'odio", ha detto ad AFP il rappresentante del movimento nella capitale italiana, Stephen Ogongo, un giornalista di 45 anni di origine keniota. "Non tollereremo più un linguaggio razzista, fascista, discriminatorio o sessista". 

Il movimento delle Sardine è nato a novembre,dopo che il fondatore Santori, da Bologna, ha inviato in tarda notte, un messaggio urgente a tre amici, dicendo loro di incontrarsi il giorno successivo. Un incontro che stava dando il via ad un nuovo e potente movimento, pochi giorni prima che Salvini e i suoi compagni di coalizione, in un'arena sportiva a Bologna avrebbero lanciato la loro campagna per le elezioni regionali dell'Emilia-Romagna.

I quattro amici hanno covato una riposta ai continui messaggi social di Salvini,  riempiendo le piazze italiane senza il bene placido dei media o il lavoro della grande macchina salviniano " la Bestia" di Luca Morisi. Il palazzetto dello sport aveva una capacità di 5.700 persone e, tramite un annuncio sulla pagina privata di Facebook di Santori, il gruppo ha invitato le persone a una contro-manifestazione in Piazza Maggiore a Bologna, con l'obiettivo di attrarre 6000 persone.

Quello che è successo dopo ha confuso le loro aspettative: 15.000 persone hanno riempito la piazza di Bologna. Mentre l'alleanza elettorale di destra si sente pungere i fianchi e rosicare piano piano voti troppo importanti per essere persi.

E' dovere di cronaca precisare che i numeri così alti raggiunti dal neo movimento è raggiunto grazie anche alla partecipazione di migliaia di migranti, da sempre ostili e contro la poca tolleranza della destra italiana nei confronti della migrazione.

"Ci hanno detto che l'immigrazione è un problema per nascondere problemi reali", ha detto Pietro Bartolo, un membro del parlamento europeo noto come "dottore dei migranti" e che ha dedicato anni della sua vita, per affrontare la crisi dei rifugiati nel Mediterraneo.

"Dobbiamo resistere", ha aggiunto Bartolo, che si è unito alla protesta. “Le leggi che criminalizzano coloro che salvano le persone, sono leggi contro la nostra costituzione. Queste leggi sono un peccato."

Ma attente Sardine perchè la velocità, la poca esperienza e il poco tempo per capire i difficili meccanismi della polita, nel suo senso più completo, possono diventare un capestro, il Movimento 5 Stelle sta ora pagando le conseguenze di non avere nei suoi ranghi, politici di lavoro o statisti meritevoli di questo nome.

Salvini ha deriso il movimento, scrivendo su Twitter che preferisce i gattini perché "mangiano sardine quando hanno fame". Tuttavia, in un sondaggio di novembre, il 40% degli italiani ha affermato che il movimento rappresenta ora il "nemico più pericoloso di Salvini". 

Noi diciamo attenti perchè quando le maree si ritirano lasciano solo sabbia liscia e i castelli cadono lasciando solo un piccolo, lieve e triste ricordo di quello che fu...

L'UE intende estendere il periodo di transizione della Brexit oltre il 2020

La mossa viene presa in considerazione da funzionari dell'UE per far fronte ai problemi che l'europa incontrerebbe nel breve periodo. Johnson, vincitore assoluto delle elezioni inglesi, non vuole invece concedere ulteriore tempo.


I leader dell'UE prenderebbero l'iniziativa per richiedere una proroga del periodo di transizione, portandolo oltre il 2020, mantenendo di fatto il Regno Unito, ai sensi dei regolamenti di Bruxelles, allo stato attuale. Un piano elaborato per aggirare il rifiuto dichiarato di Boris Johnson di concedere ulteriori ritardi.

La mossa viene considerata dai funzionari dell'UE come una via d'uscita dal problema, nato dal breve tempo disponibile per negoziare una nuova relazione e l'insistenza del primo ministro che non vuole concedere una proroga oltre gli 11 mesi, partenza delle procedure 31 gennaio 2020 termine e conseguente uscita dalla UE 31 Dicembre 2020

Il Regno Unito dovrebbe lasciare l'UE il 31 gennaio, mancano meno di 50 giorni. Alla fine del periodo di transizione, il 31 dicembre 2020, il Regno Unito è destinato a uscire dall'unione doganale e dal mercato unico dell'UE e ad entrare negli accordi recentemente negoziati.

Ursula von der Leyen, presidente della commissione europea, ha affermato che negoziare relazioni future in così poco tempo sarebbe molto impegnativo e dannoso per l'economia dell'Unione Europea. In una recente commissione con tutti i capi di stato europei, ha affermato che i negoziati dovrebbero invece dare la priorità alle questioni chiave dell'UE, come il commercio di beni e lasciare le altre questioni a dopo il 2020. Tale "sequenziamento" potrebbe non trovare un accordo per il settore dei servizi finanziari del Regno Unito e per i diritti di sbarco dei vettori aerei britannici, sul territorio Ue e viceversa.

Un tale approccio graduale non sarebbe gradito a Downing Street e sarebbe difficile da completare, visti i scontri previsti sul futuro allineamento del Regno Unito alle leggi dell'UE e sul livello di accesso alle acque britanniche da concedere alle flotte pescherecce europee. Va ricordato che i mari nei territori britannici forniscono la più alta percentuale di approvvigionamento ittico europeo.

L'accordo di recesso prevede che la transizione possa essere prorogata di "uno o due anni", ma deve essere concordato entro il 1 ° luglio del prossimo anno. A Bruxelles è noto che Johnson riterrà politicamente impossibile cercare un'estensione della transizione per consentire un'accordo su tutte le questioni.

Nel rompere la parola chiedendo un ritardo, Johnson si vedrebbe costretto ad aprire i negoziati per definire quanto il Regno Unito dovrebbe versare alle casse dell'UE per l'uscita, inoltre anche la libera circolazione delle persone continuerebbe, senza vincoli e nuovi introiti per le casse inglesi. 

Resta inteso che, data la complessità dei colloqui, a Bruxelles sono state avviate discussioni iniziali sul futuro dell'UE, chiedendo un'estensione di voto al governo britannico È probabile che anche l'UE debba addolcire la richiesta di un'estensione, riducendo al minimo i costi che il Regno Unito dovrebbe affrontare.

Fonti hanno suggerito che una tale mossa potrebbe offrire a Johnson maggiori possibilità di ottenere l'approvazione del gabinetto, ed evitare un'uscita a strapiombo dalle strutture dell'UE il 31 dicembre 2020, compresa l'imposizione di tasse su tutte le transizioni economiche da e verso Londra.

Il primo ministro olandese, Mark Rutte, ha dichiarato di ritenere che i negoziati di uscita per il prossimo anno, potrebbero molto più duri di quelli relativi all'accordo di recesso.

Alcune capitali dell'UE sono rimaste frustrate dai commenti della Von der Leyen sulla necessità di sequenziare i colloqui, ritenendo che questa dichiarazione potrebbe portare alla fine degli accordi e ad una conseguente Brexit nei tempi più brevi di quelli ipotizzati.

Mujtaba Rahman, ex funzionario della Commissione europea e ora amministratore delegato per l'Europa presso il Gruppo Eurasia, una società di ricerca e consulenza in materia di rischi politici, ha dichiarato: “il grande dibattito interno in Europa riguardante la definizione delle priorità, non ha raggiunto le soluzioni prefisse, ha solamente risolto i problemi marginali lasciando quelli economici e produttivi irrisolti".

  • Pubblicato in Esteri

MILANO, NATALE A PALAZZO LOMBARDIA: DOMANI PROIEZIONE FILM 'IL GRINCH' E LABORATORI PER BAMBINI, APERTO BELVEDERE 39° PIANO

Ricco il programma di iniziative natalizie organizzate della Regione in Piazza Citta' di Lombardia. INGRESSO E PARTECIPAZIONE A TUTTE LE INIZIATIVE SONO GRATUITE. 


Domani giornata dedicata a bambini e famiglie con:

- 'Gioco anch'io' e 'Accademia di Magia', laboratori dedicati ai piu' piccoli. Nucleo N3, ore 10.30-12:30/14:30-18:30
I bambini e le famiglie potranno divertirsi e giocare con i giochi messi a disposizione da Assogiocattoli nell'ambito dell'iniziativa "Gioco anch'io". Iniziativa promossa dall'Assessore e la Direzione alle Politiche Sociali, Abitative e Disabilita'. Sempre nello stesso spazio i bambini potranno divertirsi a diventare dei piccoli maghi partecipando all'Accademia di Magia.   

- 'Scatta la tua foto', apertura Belvedere 39° piano. Nucleo N1,
ore 10.00-18.00.
I cittadini potranno visitare il Belvedere della sede regionale e ammirare il panorama su Alpi e skyline.

- Rassegna cinematografica d'animazione - 'Il Grinch'.
Auditorium Testori, ore 15:30 - Ingresso libero fino a esaurimento posti. La programmazione e' stata realizzata con la collaborazione del MIC - Museo interattivo del Cinema. 

 

Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione Europea, vola in Africa per il suo primo viaggio istituzionale

 Il primo viaggio fuori dall'UE, non porterà il nuovo presidente della commissione europea negli Stati Uniti, ma in Etiopia. C'è un messaggio ai populisti, nella decisione di Ursula von der Leyen?


Forse "no", Ursula von der Leyen non ha mai pronunciato la parola "migrazione". Migrazione, che suona come preclusione e rifugiati morti nel Mediterraneo. La migrazione è sinonimo di rabbia e vecchi dibattiti che hanno spesso determinato gli incontri e gli scontri dei politici europei e africani.

Il nuovo presidente della commissione europea non vuole parlare di problemi, ma di opportunità. Pertanto, preferisce parlare della lotta ai cambiamenti climatici ed elogia lo scenario di ripresa di alcuni paesi africani. "L'Africa è un partner su cui conto", afferma. Il suo primo incontro è con Moussa Faki, presidente della Commissione dell'Unione Africana e Ministro degli Esteri del Ciad, che si mostra sorridente piacevolmente colpito dalla visita della von der Leyen.

Ursula von der Leyen è in carica come presidente della commissione europea dal primo Dicembre 2019, ora vuole sfruttare il nuovo incarico per rilanciare anche le relazioni con l'Africa. Il fatto che visiti l'Etiopia è già una dichiarazione. Finora, il primo viaggio extraeuropeo di precedenti capi delle commissioni dell'UE li ha portati regolarmente negli Stati Uniti o a un vertice importante nei paesi dell'Occidente.

L'Etiopia è vista come uno dei principali paesi fautori del rilancio africano: se c'è un posto dove l'Africa ha prodotto in modo affidabile buone notizie nel campo economico, questo è l'Etiopia. Insieme al presidente della Commissione dell'Unione Africana, Ursula von der Leyen incontrerà il presidente dell'Etiopia, Sahle-Work Zewde e il primo ministro Abiy Ahmed. Sebbene l'Unione africana sia incomparabile con la Commissione europea in termini di poteri e potere, la fusione di 55 stati africani è un forte simbolo di cooperazione transfrontaliera. Il presidente dell'Etiopia, a sua volta, è attualmente l'unica donna a capo di uno stato africano, con la Leyen che è la prima donna a capo della Commissione europea. 

Una delle motivazioni extra economiche del viaggio è la fine della guerra tra i due storici rivali, L'Etiopia e L'Eritrea, un conflitto che si posizionava come un muro per lo sviluppo dei popoli africani. I diplomatici dell'UE stanno confrontando lo sconvolgimento che sta avvenendo attualmente in Etiopia e nella regione del Corno d'Africa, con la caduta del muro di Berlino in Germania e in Europa 30 anni fa. Il primo ministro etiope Abiy Ahmed, Martedì prossimo riceverà il Nobel per la pace, nonostante tutti i problemi legati a storiche divergenze anche religiose, Ahmed con estenuanti colloqui con il paritetico eritreo è riuscito a porre fine al sanguinoso conflitto. 

"Congratulazioni per il premio Nobel", ha affermato la Von der Leyen durante il loro incontro, "oggi sono qui per ascoltare", ha concluso Von der Leyen.

Volo di una notte il venerdì sera, volo di ritorno il sabato sera, la presidente della commissione europea non ha molto tempo per la sua visita, inoltre non ha pacchetti di soluzioni già pronte, vuole scoprire cosa ha funzionato nella politica UE-Africa in passato e cosa no. "Vogliamo separare il successo dalla realtà dei castelli di carta esistenti", ha affermato la  Von der Leyen, dopo l'incontro con il presidente.

Intanto si sta preparando il grande incontro per il vertice dei capi di stato UE-Africa, a Bruxelles. Tutto ciò suona come una nuova partenza, l'unico problema è cancellare le strategie di alcuni stati europei che hanno grandi interessi in Africa e le incomprensioni nei trattati effettuati negli anni precedenti alla visita della Leyen. Ciononostante, l'UE continua a rimanere indietro rispetto ai suoi Stati membri, ad esempio per quanto riguarda il rispetto degli impegni finanziari assunti durante il precedente vertice africano in Costa d'Avorio. 

Inoltre, gli stati europei non sono più i soli interessati alla regione del Corno d'Africa. Sebbene l'UE continui a posizionarsi molto più avanti rispetto a paesi come Stati Uniti e Russia, la Cina nella vicina regione del Golfo sta aumentando il volume degli scambi, gli investimenti diretti e gli aiuti allo sviluppo.

Al contrario, la Von der Leyen vuole dare più di un segnale con la sua "commissione geopolitica", l'Europa dovrebbe mostrare la sua forza, questo è il modo di renderla visibile, specialmente in Africa. Ad Addis Abeba investirà in aiuti economici, 100 milioni di euro per le riforme economiche, altri 50 milioni per il sistema sanitario e così via.

Il breve viaggio è quello di segnare l'inizio di una nuova politica africana per l'Europa, Lunedì scorso, la Leyen ha tenuto un breve discorso in occasione del lancio della Conferenza sui cambiamenti climatici a Madrid, sottolineando che la lotta ai cambiamenti climatici è uno dei compiti principali della sua nuova commissione e Mercoledì prossimo presenterà il suo cosiddetto Green Deal europeo, che vedrà l'Africa come parte centrale del discorso, "Le persone", afferma la Von der Leyen, "sentono il cambiamento climatico più qui che altre parti del mondo, perché i deserti diventano più grandi e le inondazioni sempre più violente.".

  • Pubblicato in Esteri

Salute e benessere; la ricerca arriva ad una svolta nel campo dei Probiotici

Passi da gigante della ricerca nel campo della salute e della prevenzione, scoperti probiotici che permettono il rilascio intestinale di miliardi di fermenti, vivi, integri e attivi, tutti in un semplice stick.


Una flora batterica adeguata è supporto necessario al normale funzionamento dell'intero organismo, influenzando non solo il benessere intestinale ma lo stato di salute generale. La ricerca scientifica ha da sempre definito il nostro intestino come un secondo cervello, in esso vi sono infatti localizzati oltre cinquecento milioni di neuroni, che compongono una complessa rete nervosa intercomunicante, essenziali per un'adeguata funzione gastrointestinale. La continua attività di ricerca di Citozeatec nel corso della sua ultra trentennale esperienza in ambito enzimologico biodinamico ha portato a importanti conquiste nel trattamento complementare di moltissime patologie. In infettivologia, malattie neuro degenerative e malattie metaboliche, grazie alla messa a punto di preparati quali Citozym e altri integratori alimentari biodinamici, si riesce a dare una migliore qualità della vita, la biodinamica cellulare è alla base di questa rivoluzionaria ricerca.
Una ricerca recentemente definita come il "paradigma di ogni strategia medica" (prof. Stefano Lenzi, Ambulatori Sanitari della Corte Costituzionale, "Pianeta Salute" n. 189, novembre 2016). Anche nell'ambito del campo dei probiotici o dei fermenti in grado di reintegrare la flora batterica del nostro intestino, come prevenzione ai più comuni malesseri, Citozeatec porta oggi innovazione, frutto della competenza di ricercatori che operano avendo come mission salute e benessere: si è così giunti a formulare Probiotic P-450, il primo preparato che permette rilascio intestinale dopo assunzione orale di miliardi di microrganismi vivi, integri e attivi. Grazie alle peculiari proprietà della componente biodinamica che protegge le cellule probiotiche dall'attacco dell'acido cloridrico, prodotto dallo stomaco, tappa obbligata del transito verso l'intestino, Probiotic P-450 grazie alla sinergia fra miscele di microrganismi probiotici e molecole biodinamiche è in grado di ottimizzare lo sviluppo in ambiente intestinale di tutti i fermenti lattici, garantendo una corretta funzione terapeutica. In Probiotic P-450 sono presenti più di 13 miliardi di lattobacilli per dose, opportunamente selezionati (LattobaeillUS salivarius, ceppo SP 2, e Lactobacillus cuci, ceppo BGP93), vengono protetti dalla degradazione derivante dal transito in ambiente acido gastrico (stomaco), da una matrice biodinemica studiata ed elaborata a tale scopo. Probiotic P-450 contiene anche agenti probiotici (inulina) e vitamine, utili al processo di ricolonizzazione intestinale (vitamina E, vitamina A, vitamina D). I probiotici trovano utilizzo razionale in svariate situazioni: diarrea da dismicrobismo indotto da antibiotici, sindrome del colon irritabile, infiammazione intestinale, patologieda Helicobacter pylori, obesità, stitichezza, alterato assorbimento di minerali, prevenzione delle infezioni in chirurgia, infezioni del tratto urinario maschile e femminile, con particolare riferimento a cistiti, uretriti e vaginosi batteriche, oltre che per la normalizzazione della funzione intestinale durante gravidanza e allattamento. Svariate pubblicazioni evidenziano inoltre l'efficacia dei probiotici in caso di ipercolesterolemia, ipertensione, riduzione della colonizzazione probiotica dell'intestino in condizioni che possono danneggiare la flora batterica intestinale (infezioni intestinali, dispepsia, scorrette abitudini alimentari, stress) e nella prevenzione di altre patologie, inoltre restituire un benessere fisico diffuso.
La pratica confezione in stick consente l'assunzione di Probiotic P450 in qualsiasi momento, senza necessità di acqua, e garantisce la vitalità delle cellule probiotiche a temperatura ambiente, senza necessità di conservare il prodotto in frigorifero. La posologia suggerita in fase acuta è di uno stick al giorno sia nell'adulto sia nel bambino, senza particolari aggiustamenti, mentre in profilassi sono sufficienti due somministrazioni settimanali. Pro-biotic P-450 è distribuito in farmacia e non necessita di prescrizione medica.

Per informazioni: www.citozeotecit.

 

 

Fonte: Focus_Italia 

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C