Log in
updated 3:20 PM UTC, Jun 4, 2020

Economia italiana, le fosche previsioni dell'Ocse: Pil 2019 al -0,2%. Confindustria: "Andare oltre il contratto di governo, serve sviluppo". E nel resto del mondo cosa succede?

L'Outlook dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ci mette dietro la lavagna, anche se in "buona" compagnia. Rallentano Europa e Cina, i motivi dell'indebolimento della crescita globale


L'Ocse rivede al ribasso la stima del Pil 2019 per l'Italia (-0,2%) mentre indica allo 0,5% il Pil 2020. E' quanto emerge dall'ultimo Economic Outlook che rispetto a quello di novembre taglia di 1,1 punti percentuali la crescita del Pil per l'anno in corso e di 0,4 p.p. quella prevista per il 2020.

Quanto all'economia mondiale, l'Ocse prevede che crescerà del 3,3% nel 2019 e del 3,4% nel 2020. Le prospettive e le proiezioni dell'Organizzazione con sede a Parigi coprono tutte le economie del G20. Le revisioni al ribasso delle precedenti previsioni economiche diffuse nel novembre 2018 sono particolarmente significative per l'area dell'euro, in particolare la Germania e l'Italia, nonché per il Regno Unito, il Canada e la Turchia. Il nuovo Interim Economic Outlook dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico identifica il rallentamento cinese ed europeo, nonché l'indebolimento della crescita del commercio mondiale, come i principali fattori che pesano sull'economia mondiale. Sottolinea che ulteriori restrizioni commerciali e l'incertezza delle politiche potrebbero portare ulteriori effetti negativi sulla crescita globale. Mentre si prevede che lo stimolo delle politiche contribuirà a compensare gli sviluppi commerciali deboli in Cina, permangono rischi di un rallentamento più accentuato che colpirebbe la crescita globale e le prospettive commerciali.

 
 

Il taglio delle stime del Pil dell'Italia nel 2019 da parte dell'Ocse sono un "motivo in più per reagire", secondo il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia.  "Bisogna prendere atto- afferma - di questa situazione e costruire una stagione che va al di là del contratto di Governo". E dal contratto "si evolva in una sorta di stagione di sviluppo del Paese".  Secondo l'imprenditore, "ci sono da fare passi importantissimi. Il primo è reagire a questa situazione è il secondo è affrontare la manovra dell'anno prossimo che non è un fatto marginale per i numeri che avrà. Prima lo facciamo meglio è", conclude.

A constatare ''le difficoltà dell'attuale fase ciclica dell'economia italiana'' anche l'Istat nella nota mensile sull'economia a febbraio, sottolineando che nel quarto trimestre 2018, il Pil italiano ha segnato una lieve diminuzione, la seconda consecutiva.

(Fonte: Adnkronos)

Addio a Dylan, il James Dean degli anni '90. L'eterna sfida tra leggerezza e ribellione, ma senza impegno

Cosa ci lascia la morte di Luke Perry, avvenuta ieri a 52 anni per un ictus che lo aveva colpito pochi giorni fa? Soprattutto il personaggio di Beverly Hills 90210 che gli ha dato la notorietà, una figura che, oltre a suscitare le malinconiche nostalgie adolescenziali dei quarantenni, ci fornisce qualche spunto


Se n'è andato Luke Perry, giovane, ma non giovanissimo come James Dean, cui Dylan McKay, il personaggio che lo ha reso celebre, era palesemente ispirato, pur in formato piccolo schermo. Era un telefilm, giacché non si parlava ancora all'epoca di serie tv, Beverly Hills 90210. Una produzione americanissima che ebbe un successo straordinario in quegli anni '90, così spensierati ma non quanto il decennio precedente, vera culla del sogno di un mondo senza pensieri.

Beverly Hills piaceva. Piaceva agli adolescenti ma non solo, con la sua calda ambientazione californiana, i suoi corpi belli e giovani, i suoi agi, le sue tenui trasgressioni. In realtà, sullo sfondo di tanta happiness, trovava posto anche qualche inquietudine giovanile: l'alcool, le droghe, le ansie, le solitudini di un mondo fatto anche di affettività ferite, aggravate dalla crisi profonda dell'istituzione famigliare.

Proprio attorno alla figura di Dylan, senza dubbio la più riuscita, ruotava il lato oscuro della storia consegnataci dagli autori. Il ragazzo era bello, di fascino maledetto, girava con una moto nera o con una Porsche 356 Speedster (riecco Dean...), aveva il "grano" e il successo, tanto virile quanto tormentato, con l'altro sesso. Aveva tutto, tranne la felicità. Già, su di lui gravava la sofferenza per genitori fantasma (il padre prima assente, poi morto, poi "resuscitato"), che gli avevano lasciato grandi disponibilità e agibilità economica, ma gli avevano negato presenza, amore, sostegno.

E allora Dylan consumava passioni, prima con l'altra star del gruppo, Brenda Walsh, interpretata da Shannen Doherty, poi con la biondissima Kelly Taylor (Jennie Garth). Purtroppo consumava anche molte bevande ad alta gradazione alcoolica e sostanze psicotrope, con Madama Cocaina ad imporre la sua malcelata compagnia. Era bello, duro, ma fragile, Dylan, quindi inevitabilmente il più amato. Tanto da vincere per distacco la competizione con l'altrettanto bello ma buono, giudizioso e responsabile Brandon, poco fantasiosamente, fratello di Brenda.

Ah le ragazzine, davanti al televisore e a scuola l'indomani, si dividevano. E' meglio Dylan, no è meglio Brandon. I loro coetanei maschi provavano, in ogni caso senza successo, ad assomigliare all'uno o all'altro. Il "derby" era tra ebbrezza e sicurezza, tra potenziale amante e futuro marito. La gara c'era, ma prevaleva, comunque, che lo si confessasse o meno, il bel tenebroso degli anni '90. 

Già gli anni '90. Cosa ci hanno lasciato? Cercando per una volta di non parlare di politica, hanno consegnato ai posteri un senso di benessere emotivo, di bellezza moderna, pronta per il nuovo millennio. C'era anche ben poco impegno, ben pochi "messaggi", come le tematiche razziali e di genere (ecco un po' di politica, sorry...). Ed era riposante, indubbiamente, altro che i martellamenti testicolari di oggi. Eppure già qualche scricchiolio si sentiva in riva al Pacifico. Nella fiera delle vanità di Beverly Hills, Dylan, il ribelle leggero, privo di una causa nobile (proprio come il vecchio JD), già ci invitava a non rimanere troppo tranquilli, scagliandoci addosso una bottiglia di Jack Daniels.

E comunque Luke Perry era bravo, così bravo da andarsene troppo presto, come quelli che hanno il destino del mito, pur modesto.

Il caso Icardi spiegato a mio figlio di 6 anni. E quella maglia che non gli ho mai regalato

Un papà e un bambino, una piccola storia (vera) a tinte nerazzurre. C'entra il calcio, ma non solo


Le manine portate dietro le orecchie, già un po' "a sventola" di loro, per festeggiare ogni gol con la palla di spugna in cameretta. E' così che mio figlio, da quando ha recepito (spontaneamente ma non troppo) la fede interista del papà, si immedesimava in Mauro Icardi, ex bomber, ex capitano, ex tutto nerazzurro. Lo faceva riproducendo anche l'annuncio dello speaker del Meazza che seguiva ogni rete casalinga di Maurito (oggi Wandito): "Ha segnato per noi, con il numero 9, Mauro... Icardi, Mauro... Icardi, Ma-u-ro, I-car-di!".

I sogni dei bambini sono molto simili a quelli degli adulti, solo più armoniosi e meno patetici. Così la passionaccia per il calcio - quante volte stramaledetta col passare degli anni! - per i piccoli è naturale, non solo per "colpa" dei papà. E' successo anche al mio "nano", ritrovatosi interista con leggerezza e solare ingenuità. Poi - si sa - ogni squadra ha i suoi idoli e - o tempora o mores - il giocatore più brillante della poco felice storia post Triplete dei nerazzurri è, anzi era, Mauro Icardi.

"E adesso come glielo spiego?", ho pensato manco avessi dovuto confessare un adulterio a mia moglie.

- "Lo sai F. che Icardi non è più capitano e non gioca?" 

- "Ah, ma è ancora dell'Inter?"

- "Sì, ma è come se non lo fosse"

- "E perché?"

- "Perché si è comportato male e l'hanno messo in castigo"

- "Ha tradito i suoi compagni?" (E qui barcollo, perché non avevo pensato di utilizzare simili parole e concetti con un bimbo di prima elementare. Poi mi riprendo e rispondo)

- "Sì, diciamo di sì. Perché, sai, come per te a scuola e nello sport, è importante comportarsi bene nel gruppo. Non importa se sei bravo o meno, ma bisogna comportarsi con rispetto"

- "E l'Inter è un gruppo?"

- "Sì, anche qualcosa di più. L'importante sono i colori, la maglia, non chi la indossa. Poi se uno è forte e lo merita davvero, si può anche volergli bene. Ti dirò di più: vincere o perdere è importante, ma la cosa più importante è appartenere a qualcosa di bello". (Qui in effetti esagero, ma, già che ci siamo, si comincia a mettere le basi...)

- "Allora, papà, non farò più così (le orecchie), ma così". (E mima il gesto delle corna del Toro Lautaro Martinez)

- "Va bene F. ma ricordati che i giocatori passano e l'Inter resta e noi pure..."

L'avrò convinto? Avrà capito? Secondo me sì, non fosse altro perché sti piccoletti del nuovo millennio sono già programmati per i cambiamenti repentini, come non immaginano un mondo senza touch screen.

Sta di fatto che ci sono cose che, volente o nolente, ti accompagnano per tutta la vita. E la fede calcistica tra queste è forse la più immutabile, purtroppo, mi sono ripetuto più volte quando le amarezze del pallone andavano a sommarsi alle ben più personalmente gravose difficoltà quotidiane.

E' per questo che sono sempre stato combattuto se trasmettere una simile malattia al me fioeu. Poi ho pensato che non c'era scelta, come non la ebbi io col mio papà. Una cosa però ho provato a fargliela capire: piano con gli idoli effimeri e gli amori ad personam, tanto più che la caratura umana dei comunque ricchi e privilegiati vessilliferi del calcio va scadendo sempre più.

Ecco perché non gli ho mai regalato la maglia col numero 9 di Icardi, il suo preferito. L'ultima che gli feci avere fu per il suo terzo compleanno (così grande che va bene ancora oggi), aveva stampato il suo diminutivo (dal significato assai rivelatore peraltro) e il numero 3. Non ce ne sarebbero state altre. Tutto si tiene: quella maglia non la può indossare più nessun giocatore interista. Apparteneva e appartiene a Giacinto Facchetti. Nient'altro da aggiungere. Un giorno spiegherò alla mia prole la differenza tra Giacinto e un Icardi qualunque. Ma sono convinto, che nel suo piccolo, in qualche posto del suo cuore, già lo sappia. 

  • Pubblicato in Sport

La caduta dei capelli tra fake news e falsi miti. Facciamo chiarezza per non... perdere la testa

"Il gel fa cadere i capelli" e altri miti da sfatare. L'argomento caduta dei capelli può diventare per molti una fonte di imbarazzo e per questo motivo va sempre trattato con delicatezza. Quando si parla di capelli, infatti, entrano in ballo anche certe conseguenze psicologiche molto pesanti, che possono avere un forte impatto negativo sull'autostima di chi soffre di alopecia. Allo stesso tempo, però, è importante non alimentare né diffondere falsi miti sulla caduta dei capelli. 


I falsi miti sulla caduta dei capelli

 

Tagliare i capelli li rende più folti: uno dei miti in assoluto più falsi e diffusi. Tanti pensano che il taglio sia utile per rinforzarli e per aumentare il volume, invece serve per eliminare le zone danneggiate come le doppie punte.

 

Lavare i capelli massimo 3 volte a settimana: altro luogo comune da sfatare. In molti pensano che lavare la chioma più di tre volte in sette giorni possa indebolirla, quando non è affatto così. In realtà ciò che conta è la qualità del lavaggio e dei prodotti detergenti impiegati.

 

Il gel fa perdere i capelli: è assolutamente falso, non è vero che il gel fa male. Anzi: alcune volte può anche migliorare la salute dei capelli, come nel caso del gel anticaduta capelli, un prodotto pensato appositamente per rafforzarli.

 

Staccare un capello bianco ne fa crescere altri due: altra falsità senza alcun fondamento scientifico. Non c'è nessuna correlazione tra i capelli bianchi staccati oggi e quelli che cresceranno domani.

 

I caschi soffocano i capelli: uno dei miti più sconclusionati in circolazione. Indossare cappelli o caschi non danneggia in alcun modo la chioma, né tantomeno la soffoca. Al massimo la schiaccia, e questo da un punto di vista estetico può effettivamente somigliare ad una perdita di volume (ma non lo è).

 

Lo stress fa diventare calvi: qui bisogna specificare. Da un lato ansia e stress possono in effetti provocare la caduta dei capelli o accelerarla, ma mai al punto di arrivare alla calvizie. Questo perché la cosiddetta alopecia areata o totalis dipende sempre dal corredo genetico del soggetto.

 

Le tinte fanno cadere i capelli: spesso le donne hanno paura delle tinture, perché credono che queste possano provocare la caduta dei capelli. In realtà non è così, anche se è meglio lasciarle nelle mani dei professionisti, perché i residui di colore sul cuoio capelluto potrebbero danneggiarlo.

 

Quello della caduta dei capelli è un tema delicato, fatto di verità scientifiche ma anche di false credenze che possono peggiorare la situazione, e in questo senso è importantissimo conoscere i luoghi comuni. Per poi evitarli.

  • Pubblicato in Salute

Salvini ha un problema che si chiama Berlusconi. In Sardegna Forza Italia va bene e l'Udc sorprende: così il centrodestra frena le ambizioni del "Capitano"

Il leader leghista, giustamente, canta vittoria dopo aver conquistato un'altra regione grazie a un uomo suo. Ma, fermandosi sotto il 12%, non fa il pieno e gli alleati "storici", che insieme ottengono un bel risultato, lo costringono a fare i conti con la tradizionale idea di coalizione moderata. Lui giura che non tornerà mai indietro e si tiene stretti i compagni di governo grillini, ma intanto il Cav gongola: "Senza di noi non va da nessuna parte"


Ho ragione io, il centrodestra è la maggioranza naturale del Paese e Forza Italia resta una sua componente essenziale... Ogni giorno dico a Salvini di staccare la spina a questo governo, ora che i Cinque stelle vengono sempre più abbandonati dagli italiani, è arrivato il momento di farlo...Dopo la vittoria in Abruzzo, Silvio Berlusconi considera il bis in Sardegna un risultato positivo, soprattutto per la sua creatura politica lanciata nel '94 e la sua leadership. Il crollo dei Cinque stelle e la Lega che non sfonda, secondo il Cav, gli consentono di restare in carreggiata e di marcare stretto Matteo Salvini. E nello stesso tempo, sono due fattori che rappresentano un segnale molto incoraggiante per le europee. Della serie: Matteo non può fare a meno di noi, i voti di Fi restano determinanti. "Senza Fi e il centrodestra la Lega non va da nessuna parte", esultano gli azzurri.

Giorgio Mulè, portavoce dei gruppi parlamentari, lo dice chiaramente: ''Il voto in Sardegna offre innanzitutto un dato preciso e chiarissimo: alla maggioranza parlamentare non corrisponde più la maggioranza elettorale. Nella coalizione di centrodestra nessuna forza politica è autosufficiente...''. Prima di mandare un lunga nota a fine giornata, dove definirà il ''centrodestra maggioranza naturale degli italiani'', parlerà del ''declino irreversibile dei Cinque stelle'' e di un ''centrosinistra in crisi'' senza mai citare direttamente Salvini, il leader azzurro si congratula con tutti i vertici forzisti nell'isola, a cominciare dal coordinatore regionale Ugo Cappellacci.

Berlusconi cita anche l'importanza delle liste apparentate (civiche e non), in primis quelle centriste, che ancora una volta hanno portato voti alla causa e che, sommate, di fatto, permettono a Fi di raggiungere quota 16%, come fa notare Cappellacci che scrive: "Se consideriamo anche il contributo delle liste collegate e riconducibili al nostro movimento a livello nazionale, i voti del popolo di Fi nel complesso arrivano al 16%". Nel dettaglio, all'8% circa portato in dote da Forza Italia vanno aggiunti il 4% di 'Sardegna 2020' del senatore azzurro Emilio Floris e il 4% dell'Udc. Numeri, spiegano fonti forziste, che ''fanno ben sperare per le europee e le prossime politiche''.

 

Fonte: (Adnkronos)

 

Autonomia, Fontana: "Troppe fake news". Ecco la verità della Lombardia sulla rivoluzione delle regioni

"Troppe fake news sull'autonomia". Lo afferma con forza il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, che venerdì ha presieduto gli "Stati Generali" del Patto per lo sviluppo con gli stakeholders (tra questi Confcommercio, Confindustria, Coldiretti, Anci) con al centro il percorso verso l'autonomia differenziata. Durante i lavori, il governatore lombardo ha presentato una serie di slide per confutare le tesi di chi vede il rischio di una sorta di secessione delle regioni più ricche da quelle più povere. "Al contrario sottolinea Fontana - applicando alla lettera il dettato Costituzionale, con l'autonomia saranno utilizzate le stesse risorse oggi spese dallo Stato e non un euro in più sarà sottratto agli altri. Anzi garantiremo maggiore efficienza dei servizi a parità di risorse e il rapporto con i cittadini sarà semplificato".


AUTONOMIA: Ecco cosa si dice di falso e cosa c'è di vero secondo Regione Lombardia

 

Dicono che mira alla secessione delle regioni più ricche da quelle più povere: FALSO

La Costituzione è applicata alla lettera: VERO

 Oggi

• Le inefficienze sono difficili da trovare e i responsabili degli sprechi impossibili da individuare • Sono necessari interventi straordinari per ripianare i dissesti e i debiti

• La distribuzione delle risorse in base alla spesa storica penalizza gli enti virtuosi

 Con l’Autonomia

• Saranno utilizzate le stesse risorse oggi spese dallo Stato. Non un euro in più sarà sottratto agli altri

• Sarà garantita maggiore efficienza dei servizi a parità di risorse

• Sarà semplificato il rapporto con i cittadini


 Dicono che si rompe la solidarietà all’interno dell’unità nazionale: FALSO

Saranno utilizzate le stesse risorse oggi spese dallo Stato. Non un euro in più sarà sottratto agli altri: VERO

Oggi

• Duplicazioni di compiti e funzioni, sprechi

• Alta conflittualità tra le istituzioni con la conseguenza che le decisioni sono prese con sentenze della magistratura

 Con l’Autonomia

• Definizione di funzioni e responsabilità

• I tempi e costi sono dimezzati: è chiaro chi fa cosa e i servizi sono più efficienti

• I cittadini potranno giudicare e criticare l’operato degli eletti

• Cancellati sprechi e duplicazioni


 Dicono che si rompe l’unità del sistema dell’istruzione: FALSO

Valorizza il mondo della scuola imponendo qualità e livelli di servizi migliori: VERO

 Oggi

• I docenti e il personale sono mal pagati e diverse classi restano per mesi senza insegnati

• L’istruzione è distante dalle esigenze del mondo del lavoro

 Con l’Autonomia

• Sarà possibile la stabilizzazione di cattedre e insegnanti

• Saranno garantite migliori retribuzioni per insegnanti e operatori in cambio di qualità nei servizi

• Sarà favorita l’integrazione col mondo del lavoro


 Dicono che si frammenta il sistema universitario: FALSO

…che già opera in piena autonomia: VERO

 Oggi

• Il sistema universitario spesso lontano dal mondo del lavoro

• Immobilismo nei ruoli accademici

• Carenza di strutture universitarie

 Con l’Autonomia

• Miglioramento dell’edilizia universitaria e delle residenze universitarie

• Miglior raccordo tra università, centri di ricerca nazionali e mondo professionale

• Adeguamento degli organici con integrazione salariale a livello regionale

• Maggiore mobilità del personale docente e dei ricercatori


Dicono che si rompe l’unità del sistema sanitario: FALSO

Da oltre 30 anni la sanità è già organizzata su base regionale: VERO

 Oggi

• Le regole nazionali bloccano le assunzioni e la crescita dei servizi

• Non si affronta il fenomeno del “turismo sanitario” dal Sud al Nord

 Con l’Autonomia

• Responsabilità nella spesa quindi minori costi

• L’assistenza sociale sarà integrata con quella sanitaria

• La diminuzione dei costi consentirà di azzerare i ticket

• Verranno rimossi i vincoli all’assunzione di medici e personale sanitario


 Dicono: e il residuo fiscale?: FALSO

Non un euro sarà sottratto agli altri: VERO

 Oggi

• Dal 2008 le manovre finanziarie del Governo hanno progressivamente ridotto l’autonomia degli enti locali e delle regioni in una chiave di forte centralismo

• I controlli sono diventati più invasivi, riducendo i confini di quella responsabilità in capo agli amministratori locali che invece i cittadini chiedono sempre di più

 Con l’Autonomia

• Saranno utilizzate le stesse risorse oggi spese dallo Stato

• Sostituiamo il criterio della spesa storica con quello dei costi standard che obbliga ad una maggiore efficienza

• Più risorse per gli investimenti dei Comuni


 Dicono che c’è il rischio di un centralismo a livello regionale: FALSO

Il vero centralismo è quello dello Stato che ha sempre penalizzato i Comuni, le Province e le Regioni: VERO

 Oggi

• Il vero centralismo è quello dello Stato che ha massacrato gli enti locali azzerando la capacità di fare investimenti comprimendone l’autonomia regolamentare; Province, Città Metropolitane, Comuni e Regioni sono stati messi nella condizione di non poter far nulla e sull’orlo del dissesto finanziario ed organizzativo

 Con l’Autonomia

• Il debito dello Stato continua ad aumentare, quello di Comuni, Province e Regioni diminuisce

• Più risorse e autonomia gestionale per i Comuni e Province

• Gli obiettivi sono stati condivisi con tutti: enti locali, mondo produttivo, Università

• Si apre una stagione costituente in cui si rafforzano le autonomie di Comuni, Province e Città Metropolitane per rispondere in modo più adeguato alle domande delle comunità locali

Finte mail dell'Agenzia dell'Entrate: se aprite questa siete fregati. Il virus sotto forma di notifica. Ecco il testo che ti inganna

Attenzione alle email truffa, ai danni dei contribuenti, che stanno circolando in questi giorni. A suonare il campanello d'allarme è l'Agenzia delle Entrate.

In questi giorni, infatti, rileva l'Agenzia, stanno circolando delle email con oggetto del tipo 'Notifica in merito a debito. Atto N. xxxxxxxxx' provenienti da un mittente denominato 'Servizi finanziari'. I messaggi avvertono gli utenti di un presunto debito e invitano a consultare una lettera allegata, recando in calce i riferimenti telefonici reali di uffici dell’Agenzia delle Entrate. Il documento allegato ai messaggi è in realtà un virus informatico che può infettare i computer degli utenti. L’Agenzia, totalmente estranea all’invio di queste false comunicazioni, invita i cittadini a cestinare immediatamente queste email e, in ogni caso, a non aprire file allegati o cliccare su eventuali collegamenti web sospetti.

"Avviso in merito a indebitamento”. Se vi arriva questa mail cancellatela immediatamente senza aprirla. Preoccupati per la comunicazione ricevuta e per chiedere chiarimenti, moltissime persone hanno contattato gli uffici dell’Agenzia delle Entrate. Nella mail false sono riportati alcuni numeri telefonici veri degli uffici toscani. Una truffa simile era stata tentata lo scorso anno, nel medesimo periodo.


"Indebitamenti"

Spiegando di essere totalmente estranea, l’Agenzia delle entrate raccomanda la massima attenzione. Il testo della mail: “Egregio сontribuente, ci аffrettiаmo a informare che per il 3o trimestrе 2016 Lei ha debito сon dipаrtimеnto finanziario. In сaso di mancаtа estinzione di indebitamento еntro un trimestre dopo il ricеvimento di avviso sarеmo costretti а deferire le cаusа al precettare е compilare la cаusа di prelievo dеi fondi dаl personale conto bancario. Il numero del Suo atto № IT69119495 inserito nella comunicazione.”


 

Salute e sessualità, il ministro Giulia Grillo: "Serve una corretta educazione nelle scuole"

"C'è un gap conoscitivo importante fra i giovani italiani relativamente alle tematiche della sessualità. Ci sono tante informazioni che ai ragazzi bisognerebbe dare e non si può demandare a internet la loro diffusione, anche se su questo voglio lavorare, mettendo a disposizione dati certificati sia per i giovani che per gli adulti. Credo che l'insegnamento nella scuola di temi legati alla sessualità e alla riproduzione possa fornire un punto fermo di informazioni certe e certificate". A dirlo il ministro della Salute, Giulia Grillo, intervenendo oggi a Roma alla presentazione dello Studio nazionale fertilità.

"E' tempo - ha aggiunto - di promuovere nelle scuole una corretta educazione ai temi di salute, facendo sì che diventino materia di insegnamento trasversale, attraverso un'alleanza tra scuola e Ssn, attraverso un approccio scolastico globale. Questo è il presupposto del documento messo appunto di recente dal ministero della Salute e ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (Miur) sugli 'Indirizzi di policy integrate per la scuola che promuove salute'. Speriamo che da questo protocollo nasca la strada per insegnare la salute nelle scuole, poi con un capitolo dedicato alla salute riproduttiva e alla sessualità".

(Fonte: Adnkronos)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS