updated 8:32 AM UTC, Nov 16, 2018

L'ONU mette in guardia, fermiamo la perdita di biodiversità o potremmo affrontare la nostra stessa estinzione

  • Scritto da Zonca2018
  • Pubblicato in Cultura

Il mondo ha due anni per ottenere un accordo con la natura per fermare un 'killer silenzioso' pericoloso quanto il cambiamento climatico


Il mondo deve progettare un nuovo accordo per salvaguardare la natura nei prossimi due anni o l'umanità potrebbe essere la prima specie a documentare la sua stessa estinzione, avverte il responsabile scientifico delle Nazioni Unite che ha il controllo sullo sviluppo della biodiversità nel nostro ecosistema.

In vista di una conferenza internazionale per discutere del crollo degli ecosistemi, Cristiana Paşca Palmer responsabile scientifico delle Nazioni Unite, avverte le persone di tutti i paesi mondiali affinché facciano pressioni sui loro governi, per elaborare ambiziosi obiettivi globali (entro il 2020), atti a salvaguardare il nostro ormai fragile sistema, proteggere insetti, uccelli, piante e mammiferi, vitali per la produzione alimentare globale, acqua pulita e massa al bando del carbonio.

Cos'è la biodiversità e perché è importante?

La biodiversità è la varietà della vita sulla Terra, in tutte le sue forme e tutte le sue interazioni. "Senza biodiversità, non c'è futuro per l'umanità", afferma il prof David Macdonald, dell'Università di Oxford. Comprende diversi livelli, a partire dai geni, quindi da singole specie, poi comunità di creature e infine interi ecosistemi, come foreste o barriere coralline, in cui la vita interagisce con l'ambiente fisico. 

Senza piante non ci sarebbe ossigeno e senza le api da impollinazione non ci sarebbero frutta o noci. Si stima che i servizi forniti dagli ecosistemi valgano trilioni di dollari, il doppio del PIL mondiale. La continua perdita di biodiversità solo in Europa costa al continente circa il 3% del suo PIL, ovvero 450 milioni di euro all'anno.

Si ritiene che il pericolo di estinzione delle specie sia circa 1.000 volte più alto di prima che gli umani dominassero il pianeta, il che potrebbe presentarsi in in modo più veloce rispetto al tempo necessario per l'estinzione dei dinosauri, dopo che un gigantesco meteorite colpì la terra 65 milioni di anni fa. L'ONU avverte che lsesta estinzione di massa nella storia geologica potrebbe essere già iniziata. Miliardi di singole popolazioni sono andate perse, il numero di animali che vivevano sulla Terra in rapporto al 1970 è drasticamente crollato. I ricercatori definiscono la massiccia perdita di fauna selvatica un "annientamento biologico". 

L'abbattimento forestale è spesso la prima causa di tale disastro, pensiamo che nel 2016 si sono persi 30 milioni di ettari, pari all'area della Gran Bretagna e dell'Irlanda assieme. Un altro fattore importante sono il bracconaggio e la caccia insostenibile. Attenzione perchè i cambiamenti climatici sono reversibili, anche se ciò richiederà secoli o millenni,  ma una volta che una specie si estinguono, non si può tornare indietro è persa per sempre.

"La perdita di biodiversità è un killer silenzioso, è diverso dal cambiamento climatico, dove le persone sentono l'impatto nella vita di tutti i giorni. Con la biodiversità, non è così chiaro, ma nel momento in cui senti ciò che sta accadendo, potrebbe essere troppo tardi." Avverte Cristina Paşca Palmer che è direttore esecutivo della Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica, l'organismo mondiale responsabile del mantenimento dei sistemi naturali di supporto vitale da cui dipende l'umanità.

I 196 stati membri dell'ONU si incontreranno a Sharm el Sheikh, in Egitto, questo mese per iniziare le discussioni su un nuovo quadro per la gestione degli ecosistemi e della fauna selvatica del mondo. Questo sarà l'inizio di due anni di frenetici negoziati, che Paşca Palmer spera culmineranno in un ambizioso nuovo accordo globale alla prossima conferenza a Pechino nel 2020.

"La perdita di biodiversità è un killer silenzioso", ha detto al Guardian. "È diverso dal cambiamento climatico, dove le persone sentono l'impatto nella vita di tutti i giorni. Con la biodiversità, non è così chiaro, ma nel momento in cui senti ciò che sta accadendo, potrebbe essere troppo tardi. "

 

La questione purtroppo occupa sempre il posto più basso nell'agenda politica, rispetto ai summit sul clima, pochi capi di stato partecipano ai colloqui sulla biodiversità, ancor prima di Donald Trump, gli Stati Uniti rifiutarono di ratificare il trattato e mandarono un solo un osservatore. Il Vaticano, è l'unico stato delle Nazioni Unite a non partecipare ai colloqui e non si capisce il perchè.

Nel complesso, l'immagine è preoccupante  i già elevati tassi di perdita di biodiversità derivanti dalla distruzione dell'habitat, dall'inquinamento chimico e dalle specie invasive accelereranno nei prossimi 30 anni a seguito del cambiamento climatico e della crescita della popolazione umana. Entro il 2050, ci si aspetta che l'Africa perda il 50% dei suoi uccelli e mammiferi e che la pesca in Asia crolli completamente. La perdita di piante e vita marina ridurrà la capacità della Terra di assorbire il carbonio, creando un circolo vizioso.

Il mese scorso, le principali istituzioni per il clima e la biodiversità e gli scienziati delle Nazioni Unite hanno tenuto la loro prima riunione congiunta. Hanno scoperto che le soluzioni basate sulla natura, come protezione delle foreste, piantagione di alberi, ripristino dei terreni e gestione del suolo, alla fine potrebbero fornire fino a un terzo dell'assorbimento di carbonio necessario per mantenere il riscaldamento globale entro i parametri dell'accordo di Parigi.

A fronte di tutto questo però dobbiamo anche dire che le cose si stanno muovendo. Nel mondo c'è molta buona volontà, dovremmo essere consapevoli dei pericoli ma non paralizzati dall'inazione. Riuscire a fermare questo tragico processo è una corda ancora nelle nostre mani, ma la finestra per l'azione si sta restringendo. Abbiamo bisogno di livelli più alti di volontà politica e cittadina per sostenere la natura.

Partiamo noi cittadini e poi... 

 

Ultima modifica ilSabato, 03 Novembre 2018 22:43

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

1°C

Milano

Partly Cloudy

Humidity: 89%

Wind: 4.83 km/h

  • 17 Nov 2018 6°C 0°C
  • 18 Nov 2018 2°C -2°C