updated 12:24 PM UTC, Dec 8, 2019

Violenta lotta finale a Hong Kong: gli studenti temono il massacro

HONG KONG. I colpi soffocati dei fucili a gas lacrimogeno della polizia, sono accompagnati dal suono di vetri rotti e fiamme che si aprono mentre gli studenti rispondono con le bombe a benzina. Ciò a cui stiamo assistendo potrebbe essere la battaglia finale di una guerra di quasi sei mesi. Una guerra per il futuro di Hong Kong.


Camminando lungo la Nathan Road nel distretto turistico di Kowloon dove padroneggiano negozi di marca, hotel di lusso e ristoranti, dove una serata normale sarebbe piena di acquirenti e auto nel traffico, oggi si è invece circondati da orde di giovani con facce parzialmente mascherate che costruiscono barricate di selciati e lunghe porte di bambù. Nessuna macchina può transitare e la strada ricorda molto una zona di guerra. 

I ragazzi VERSANO il contenuto di bibite e bottiglie di birra E LE RIEMPIONO di benzina e altri liquidi, realizzano bombe incendiarie che vengono consegnate a coloro che sono in prima linea e combattono contro la polizia. Le pietre vengono usate per bloccare la strada alle auto della polizia e allo stesso tempo diventano le armi per gli studenti.


La polizia sembra vedere quest'ultima battaglia come un'occasione d'oro per arrestare il gruppo "nucleare", ovvero il gruppo che comanda e dirige la guerriglia, partita da una manifestazione, definita illegale. Illegale perché la polizia ha smesso di rilasciare permessi per dimostrazioni. 

Ma gli studenti con migliaia di follower fuori dall'università, riescono a mobilitare ogni giorno persone disposte a opporsi ad un regime che diventa ogni giorno sempre più totalitario. 

 Ci sono studenti all'interno dell'università che hanno bisogno di aiuto, tuttavia, la polizia sta impedendo l'ingresso agli operatori sanitari. Allo stesso tempo, sta impedendo agli studenti di lasciare l'università sparando gas lacrimogeni contro chiunque ci provi.

La polizia usa violenza estrema. Sparano proiettili di gomma e talvolta in modo improprio, usano enormi quantità di gas lacrimogeni.

"La nostra lotta è iniziata con metodi completamente pacifici", spiega un rappresentante studentesco all'intervistatore, ma le autorità non ci hanno ascoltato. Invece, la polizia è stata incaricata di usare la forza per fermare le proteste. Certo è estremo usare bombe molotov contro la polizia, ma lo facciamo per proteggerci. Noi NON VOGLIAMO DIVENTARE COME LA CINA"

Arwen, 25 anni, è stata nel movimento di resistenza da quando il governo locale ha presentato un nuovo disegno di legge all'inizio di giugno che consentirebbe alla Cina di chiedere l'estradizione di tutti gli individui di Hong Kong, anche solo sospettati di un crimine.

Quel disegno di legge ha fatto reagire l'intera Hong Kong come un unico essere. In diverse occasioni, diversi milioni di persone sono scesi per le strade della città chiedendo che la nuova legge fosse ritirata. Ora il movimento di protesta ha una serie di nuove richieste, la più importante è l'istituzione di una commissione d'inchiesta per indagare sui metodi violenti della polizia. Il movimento democratico vuole anche che i leader di Hong Kong vengano eletti alle elezioni dirette e non come oggi da un piccolo gruppo di oligarchi gestiti dal regime di Pechino. 

Sembra che la fine di questa guerra si stia avvicinando, la Cina non può accettare dall'insurrezione di Hong Kong e si appresta a stringere la corda intorno al collo della piccola cittadina che vuole più indipendenza.

L'ambasciatore cinese nel Regno Unito ha avvertito che Hong Kong avrà un futuro molto spiacevole se le proteste continueranno, i soldati cinesi situati ad Hong Kong sono stati schierati per la prima volta nelle strade.

 

Forse disarmati sicuramente per eliminare le barricate degli studenti, è stato comunque un chiaro avvertimento che la pazienza della Cina sta iniziando a erodersi e che la battaglia finale potrebbe essere quella in corso. Persone innocenti saranno uccise, la polizia sta ora cercando di chiudere gli studenti all'interno dell'Università, come se un problema politico possa essere risolto solo con la violenza. Preludio di una silenziosa tragedia.

 

 

A Pechino, Emmanuel Macron e Xi Jinping si sono uniti nelle critiche a Donald Trump

Il terzo e ultimo giorno della visita del Capo di Stato francese in Cina è stato caratterizzato dalla firma di circa 40 accordi e contratti.


I diplomatici lo sanno: niente di meglio per avvicinare due paesi che trovare un avversario comune. Incontro a Pechino mercoledì 6 novembre, terzo e ultimo giorno della visita ufficiale di Emmanuel Macron in Cina, il presidente francese e il suo omologo Xi Jinping hanno mostrato le loro convergenze di vedute, persino la loro unità, di fronte all'unilateralismo di Donal Trump, sia in campo commerciale che ambientale e sulla questione iraniana.

Dopo un'intervista al Palazzo del Popolo, i due capi di stato hanno descritto l'accordo sul clima di Parigi come "processo irreversibile" e "bussola", denunciando formalmente gli Stati Uniti. In un "Appello di Pechino sulla conservazione della biodiversità e sui cambiamenti climatici", pubblicato per l'occasione, entrambi i paesi affermano "il loro forte impegno a migliorare la cooperazione internazionale in materia di cambiamenti climatici per garantire l'attuazione dell'accordo, di Parigi totale ed efficace .

"Deploro le scelte fatte da alcuni e voglio comprenderle come scelte marginali", ha dichiarato Emmanuel Macron, un chiaro riferimento alle esternazioni di Donald Tump ma senza mai menzionare gli Stati Uniti. "Perché quando Cina, Unione Europea, Russia (che ha ratificato l'Accordo di Parigi qualche settimana fa), si impegnano fermamente, la scelta isolata dell'uno o dell'altro non è sufficiente per cambiare rotta, servono solo a emarginare e isolare".

Qualche istante prima, i due capi di stato avevano elogiato il multilateralismo, in un attacco non troppo inequivocabile contro Donald Trump. A sua volta, Xi Jinping ha affermato la sua opposizione alla "legge della giungla e agli atti intimidatori " , "protezionismo e gioco a somma zero" e "il tentativo di porre gli interessi nazionali al di sopra di quelli dell'umanità.

L'Italia potrebbe diventare il terminal di Belt and Road cinese, per il commercio nell'Europa meridionale

"Partnership Italia-Cina nella Nuova Via della Seta", un convegno che si è tenuto venerdì scorso, durante il quale funzionari ed esperti del governo italiano, hanno espresso il proprio sostegno all'iniziativa Belt and Road (BRI) proposta dalla Cina, discutendo sulla possibilità che l'Italia diventi il ​​terminale BRI cinese nell'Europa meridionale.


Partecipare al BRI potrebbe essere un'opportunità per unirsi a un nuovo percorso globale di multilateralismo concreto, ha affermato Manlio Di Stefano, Sottosegretario di Stato agli affari esteri e alla cooperazione internazionale, alla conferenza. "L'Italia è un terminal naturale per la nuova Via della seta" nonostante le forti pressioni subite durante i negoziati per firmare il Memorandum of Understanding (MoU) con la Cina, così da poter unirsi al BRI", ha commentato.

L'Italia ha il vantaggio di essere il primo paese del G7 a firmare un MoU, "anche se questo vantaggio non durerà per sempre e il tempo non va sprecato, il governo (italiano) guarda in modo molto positivo agli accordi siglati con la Cina, dobbiamo restare sul campo", ha aggiunto il sottosegretario.

Tra gli esperti presenti alla conferenza, Vladimiro Giacche, presidente del think tank italiano Centro Europa Ricerche (CER), ha dichiarato che BRI è l'unico progetto che punta a rilanciare la crescita con investimenti reali dopo la crisi finanziaria del 2008. Secondo un'analisi condotta dal CER, il BRI potrebbe liberare il potenziale del commercio internazionale rafforzando la connettività, ha detto Giacche.

Marco Donati, General Manager di COSCO Shipping Lines Italia, ritiene che l'obiettivo del BRI non diventerà quello di colonizzare, questo perché "la cultura cinese non ha il concetto di colonizzazione". Secondo Donati, i miglioramenti logistici del BRI andranno a vantaggio di entrambi i paesi e tale vantaggio logistico sarà fondamentale affinché l'Italia diventi competitiva a livello globale, considerando la sua economia centrata sull'esportazione.

"Per COSCO, l'Italia è il secondo paese più importante in Europa, secondo solo alla Germania, e ci stiamo avvicinando", ha affermato Donati.

Alla chiusura della conferenza, il senatore Vito Petrocelli, capo della commissione per gli affari esteri del Senato, ha sottolineato il possibile ruolo che il BRI svolgera nell'aiutare l'Italia a ridurre il divario di sviluppo Nord-Sud, a rafforzare gli scambi tra le persone e a promuovere la cooperazione in terza paesi. La presenza del primo ministro italiano Giuseppe Conte al secondo Forum Cintura e Strada per la cooperazione internazionale a Pechino in aprile è una prova sufficiente del riconoscimento italiano del BRI.

Petrocelli ha inoltre dichiarato che l'Italia è pronta a diventare il terminal di BRI nel sud Europa, non solo nella distribuzione di merci, perché "New Silk Road" significa anche cooperazione tra le persone.

All'evento, organizzato dal gruppo parlamentare italiano, Unione Interparlamentare di Amicizia Italia-Cina, ha partecipato anche l'ambasciatore cinese in Italia Li Ruiyu, che ha sottolineato la necessità sia dell'Italia che della Cina di coltivare la corretta strada, espandere la connettività delle infrastrutture e creare nuove canali per gli scambi tra le persone.

Negli ultimi sei anni, il commercio totale tra Cina e altri paesi che hanno partecipato al BRI ha superato i 6 trilioni di dollari, e gli investimenti della Cina in questi paesi hanno superato gli 80 miliardi di dollari, con quasi 300.000 posti di lavoro creati finora, secondo i dati ufficiali.

Via della Seta, Tajani attacca il governo: "I sovranisti si arrendono all'invasione cinese". Timori anche da Salvini: "No a colonizzazione. Nessun pregiudizio, ma serve prudenza". Tria: "Tempesta in un bicchier d'acqua"

"Sono un sovranista europeo. Per quanto riguarda il tentativo di invasione cinese di porti, infrastrutture e reti in Europa e Italia, mi pare singolare che chi si dice sovranista alzi le mani e si arrenda all'invasione cinese". E' quanto ha detto il presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani, a Strasburgo, durante un punto stampa con il premier slovacco Peter Pellegrini. "Non condivido affatto - continua Tajani - le scelte del governo italiano che si arrende all'invasione della Cina. Non possiamo accettarlo: la Cina fa i suoi interessi, ma l'Italia e l'Europa devono fare i propri". Per questo, oggi il Parlamento Europeo "voterà un testo molto significativo" su questa materia. Tajani, "per essere ancora più chiaro", precisa di non essere "favorevole a cedere il 5G ai cinesi e ho anche molte perplessità sugli accordi che l'Italia intende sottoscrivere sulla Via della Seta".

(Fonte: Adnkronos)


I timori della Lega - Non è solo l'aspetto della sicurezza informatica a preoccupare Matteo Salvini che, da Milano, avverte: "Se si tratta di colonizzare l'Italia e le sue imprese da parte di potenze straniere, allora no" all'intesa. Già domenica sia il vicepremier sia Giancarlo Giorgetti avevano espresso le loro perplessità sulla tenuta della difesa degli interessi nazionali, a cominciare da quelli della cibernetica.

Salvini: "Non pregiudizi, ma prudenza" - Il ministro dell'Interno sottolinea che l'Italia "non nutre pregiudizi" sulla Cina, ma vuole usare "molta prudenza". "Siamo favorevoli al sostegno e all'apertura dei mercati per le nostre imprese. Altre però sono le valutazioni, sempre attente, che occorre fare in settori strategici per il nostro Paese come telecomunicazioni e infrastrutture", afferma il leader del Carroccio.

I Cinquestelle: "Lavoriamo per le imprese" - Nelle ultime ore lo scontro con il M5S emerge in tutta la sua forza "elettorale". "Sorprende la spaccatura della Lega sulla via della seta", sottolineano dal Movimento ricordando come tra i primi promotori dell'adesione alla Bri ci sia proprio Michele Geraci, sottosegretario al Mise in quota Lega. "Questa frattura interna fa male alle nostre imprese e al Made in Italy. Stiamo lavorando perché le imprese ci chiedono uno sforzo per portare l'Italia nel mercato cinese e non subirlo", sottolinea il Movimento.

Di Maio: "Non è l'occasione per nuove alleanze" - Per il vicepremier Luigi Di Maio, la Via della Seta "non è assolutamente l'occasione per noi per stabilire nuove alleanze a livello mondiale e geopolitico, ma il modo per dire che dobbiamo riequilibrare le esportazioni di più sul nostro lato, un rapporto ora sbilanciato sulla Cina".

Tria: "Una tempesta in un bicchier d'acqua" - Per il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, "si sta facendo credo una gran confusione su questo accordo, che non è un accordo, è un Memorandum of understanding", "si ribadiscono i principi di cooperazione economico e commerciali presenti in tutti i documenti europei, nessuna regola commerciale ed economica viene cambiata". Cambiare le regole commerciali "non sarebbe nelle possibilità italiane visto che è una competenza europea, credo che si stia facendo un po' una tempesta in un bicchier d'acqua".

Conte prova a rassicurare - Anche il premier Conte tenta di smorzare i toni, ricordando che il Memorandum non costituisce un accordo internazionale e "può rappresentare un'opportunità per l'Italia e per la Ue e l'occasione per introdurre i nostri criteri e standard di sostenibilità finanziaria, economica e ambientale", spiegano fonti di Palazzo Chigi rimarcando due concetti. Il primo è una replica indiretta ai timori di Donald Trump: l'intesa è meramente economica e commerciale non "ridisegna il quadro dei rapporti politici e la collocazione euro-atlantica del nostro Paese". Il secondo concetto sembra invece essere diretto proprio alla Lega: "Poniamo massima attenzione alla difesa dei nostri interessi nazionali, alla protezione delle infrastrutture strategiche, incluse quelle delle telecomunicazioni, e quindi alla sicurezza cibernetica".

L'allarme di Bruxelles - Ai timori di Washington si aggiungono anche quelli di Bruxelles. Per l'Ue, scrive il Corriere della Sera, la Cina è "un avversario sistemico che ha modelli di governance diversi" da quelli comunemente accettati in sede internazionale, che obbligano il Vecchio Continente a "difendere i propri principi e valori". L'auspicio è quello di un'Europa unita in grado di adottare politiche e accordi più stringenti con Pechino "per rafforzare le proprie politiche" e difendere "la propria base industriale".

L'Italia sarebbe il primo Paese del G7 ad aprire a Pechino - Al momento, tuttavia, il governo pare intenzionato a firmare l'accordo. L'Italia sarebbe così il primo Paese del G7 ad aderire ad una iniziativa che potrebbe aprire ulteriormente, dal punto di vista commerciale, il Belpaese ai colossi economici cinesi. Con particolare attenzione al settore marittimo e ai porti di Genova e Trieste dove le imprese cinesi sono già da tempo impegnate ad ultimare accordi con gli interlocutori italiani. Ma, salvo poche eccezioni (Grecia e Portogallo) la nuova Via della Seta continua a non convincere i Paesi Ue. Iniziativa che si innesca, inoltre, nella grande guerra tra Usa e Cina sui dazi e sul caso 5G-Huawei.

(Fonte: Tgcom24)

  • Pubblicato in Esteri

Economia italiana, le fosche previsioni dell'Ocse: Pil 2019 al -0,2%. Confindustria: "Andare oltre il contratto di governo, serve sviluppo". E nel resto del mondo cosa succede?

L'Outlook dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ci mette dietro la lavagna, anche se in "buona" compagnia. Rallentano Europa e Cina, i motivi dell'indebolimento della crescita globale


L'Ocse rivede al ribasso la stima del Pil 2019 per l'Italia (-0,2%) mentre indica allo 0,5% il Pil 2020. E' quanto emerge dall'ultimo Economic Outlook che rispetto a quello di novembre taglia di 1,1 punti percentuali la crescita del Pil per l'anno in corso e di 0,4 p.p. quella prevista per il 2020.

Quanto all'economia mondiale, l'Ocse prevede che crescerà del 3,3% nel 2019 e del 3,4% nel 2020. Le prospettive e le proiezioni dell'Organizzazione con sede a Parigi coprono tutte le economie del G20. Le revisioni al ribasso delle precedenti previsioni economiche diffuse nel novembre 2018 sono particolarmente significative per l'area dell'euro, in particolare la Germania e l'Italia, nonché per il Regno Unito, il Canada e la Turchia. Il nuovo Interim Economic Outlook dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico identifica il rallentamento cinese ed europeo, nonché l'indebolimento della crescita del commercio mondiale, come i principali fattori che pesano sull'economia mondiale. Sottolinea che ulteriori restrizioni commerciali e l'incertezza delle politiche potrebbero portare ulteriori effetti negativi sulla crescita globale. Mentre si prevede che lo stimolo delle politiche contribuirà a compensare gli sviluppi commerciali deboli in Cina, permangono rischi di un rallentamento più accentuato che colpirebbe la crescita globale e le prospettive commerciali.

 
 

Il taglio delle stime del Pil dell'Italia nel 2019 da parte dell'Ocse sono un "motivo in più per reagire", secondo il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia.  "Bisogna prendere atto- afferma - di questa situazione e costruire una stagione che va al di là del contratto di Governo". E dal contratto "si evolva in una sorta di stagione di sviluppo del Paese".  Secondo l'imprenditore, "ci sono da fare passi importantissimi. Il primo è reagire a questa situazione è il secondo è affrontare la manovra dell'anno prossimo che non è un fatto marginale per i numeri che avrà. Prima lo facciamo meglio è", conclude.

A constatare ''le difficoltà dell'attuale fase ciclica dell'economia italiana'' anche l'Istat nella nota mensile sull'economia a febbraio, sottolineando che nel quarto trimestre 2018, il Pil italiano ha segnato una lieve diminuzione, la seconda consecutiva.

(Fonte: Adnkronos)

La Cina sfida il ruolo principale dell'America nel mondo

L'anno uscente è passato sotto il segno delle contraddizioni tra l'America, una superpotenza universalmente riconosciuta, e la Cina, che si identifica come un paese in via di sviluppo, il 2019 potrebbe essere l'anno della ripresa delle ostilità.


L'attuale guerra economico/politica tra le due super potenze potrebbe terminare presto, l'incarnazione più visibile della rivalità tra Pechino e Washington è stata la guerra commerciale, che ha portato gli Stati Uniti a fissare un dazio del 10% sulle importazioni cinesi per un valore di $ 250 miliardi. In questi giorni il presidente Donald Trump ha inoltre minacciato di aumentare ancora le tariffe dei prodotti cinesi, venduti sul territorio americano, di un'ulteriore 25%. In risposta, la RPC ha introdotto restrizioni su un numero di merci americane, principalmente soia e altri prodotti agricoli, andando così a colpire gli interessi degli agricoltori di quegli stati che erano la base elettorale di Trump.

Tuttavia, la reazione della RPC alle sanzioni non è stata violenta, in quanto Pechino teme chiaramente che, la proliferazione delle dimensioni di una guerra commerciale potrebbe portare alla chiusura delle imprese industriali cinesi che operano nel mercato statunitense. E questo a fronte di un attuale calo dei tassi di crescita dell'economia interna, che significa un aumento della disoccupazione e un abbassamento della stabilità sociale.

Anche la Casa Bianca è  consapevole del fatto che, una brusca rottura delle catene di produzione che collega la società della Cinese e gli Stati Uniti, con l'aumento dei prezzi di iPhone, computer ed elettrodomestici fabbricati in Cina, potrebbe causare una reazione negativa da parte dei consumatori americani, con conseguente indebolimento del governo. Sembra comunque che gli sforzi del segretario al Tesoro Usa Stephen Mnuchin e degli altri sostenitori di un approccio più morbido alla risoluzione del conflitto commerciale, stiano avendo dei risultati positivi e riscano a mantenere ancora incappucciati i falchi nell'amministrazione Trump, sostenitori di una linea più dura.

Il risultato è stato un incontro tra Trump e il presidente Xi Jinping a margine del vertice del G20 a Buenos Aires il 1 ° dicembre, le due parti hanno convenuto nel voler astenersi dall'introdurre nuove tariffe e dazi per ben 90 giorni, contemporaneamente si sono accordati per la firma di un documento, entro il 1° marzo 2019, che porterebbe alla risoluzione della controversia.

I media statunitensi hanno definito l'accordo non la pace, ma una semplice tregua. In primo luogo perchè  l'obiettivo di Trump, annunciato durante la sua campagna elettorale, rimane quello di eliminare l'enorme deficit commerciale degli Stati Uniti con la RPC e questo è impossibile senza riforme strutturali nell'economia cinese, che Pechino, anche se lo desidera, non può attuare in breve tempo.

Soprattutto, non si tratta solo di una controversi commerciale, il Vice Presidente Michael Pence, ha da sempre accusato Pechino di aver violato le norme internazionali che regolano lo sviluppo degli armamenti militari e di aver svolto attività sovversive contro gli interessi statunitensi, rubando le proprietà intellettuali nell'alta tecnologia e interferendo nelle elezioni americane. A questo dobbiamo aggiungere la continua espansione militare nel Mar Cinese Meridionale, che avvicina troppo pericolosamente i fronti delle due super potenze, generando una nuova guerra fredda, che potrebbe portare anche a scontri armati tra le due marine militari, salvo giustificare poi errori di calcolo o incomprensioni negli avvertimenti.

Oltre al Mar Cinese Meridionale, la situazione intorno a Taiwan è preoccupante. In effetti, in Cina, l'uso della forza militare è legalmente autorizzato a prevenire il separatismo sull'isola e gli Stati Uniti di Trump, invece danno un forte contributo in termini di sostegno militare e politico a Taipei.

Junker accusa i paesi dell'Unione Europea di "sfacciata ipocrisia"

Secondo il presidente della commissione europea, quindi l'Europa non può funzionare! 


Junker riparte nel 2019 con la tattica dell'indebolimento degli stati sovrani all'interno dei confini europei. Il capo della Commissione europea, ha affermato che i leader dei paesi dell'Unione europea mostrano troppa ipocrisia in materia di rafforzamento della protezione delle frontiere esterne.

Secondo lui, per più di due anni tutti i capi di stato e di governo dei paesi dell'UE hanno chiesto una maggiore sicurezza alle frontiere. Allo stesso tempo sono preoccupati perchè un rafforzamento dei controlli di confine, con l'utilizzo di una forza militare congiunta (la temuta POLIZIA EUROPEA), potrebbe minare e quindi influenzare negativamente la SOVRANITA' NAZIONALE di ogni singolo stato. Questa forza di polizia è al di sopra di ogni legge interna dei singoli stati e potrebbe attuare azioni anche senza l'autorizzazione degli stati in cui opera. Cosa decisamente inaccettabile per i governi sovranisti, che si sono già visti depauperare della sovranità economica e hanno paura di diventare un ingranaggio della "poco democratica" macchina europea, ingranaggio sostituibile in qualunque momento. 

Juncker ha sottolineato che i leader criticano l'inadeguata protezione dei confini dell'Unione europea, ma non vogliono assumersi gli obblighi associati, in poche parole non vogliono correre il rischio di diventare burattini di un governo troppo distante dai territori.  "Quindi l'Europa non può funzionare. Dobbiamo agire rapidamente per essere preparati e permettere sotto controllo i confini esterni dell'UE", ha concluso.

Gli scienziati politici presagiscono un cambio di paradigma nell'ordine internazionale, cosa che potrebbe solo portare solo su due strade. La prima vede un'Europa centralista che non riconosce più le sovranità politiche dei territori, passando dalla formula "Stati Nazionali" a quella di "Stati Federali" e muovendo le fila da un singolo governo centrale. La seconda l'Europa così come doveva essere si sfalda e gli stati interni riprendono la loro sovranità economica e politica, lasciando al governo centrale solo la gestione delle politiche internazionali, lasciando (com'è oggi) la palla che muove il futuro di questo nostro mondo, alle 3 super potenze, Russia, Cina e America.

Huawei, alta tensione Usa-Cina. Pechino convoca l'ambasciatore americano: "Gravi violazioni, risponderemo"

Il viceministro degli Esteri cinese Le Yucheng ha convocato l'ambasciatore degli Stati Uniti, Terry Branstad, e ha protestato vigorosamente, come riferisce l'agenzia Xinhua, contro l'arresto e la detenzione di Meng Wanzhou, Cfo di Huawei e figlia del fondatore del colosso della telefonia. Meng è stata arrestata la scorsa settimana a Vancouver, in Canada, su disposizione delle autorità statunitensi. Ieri Le Yucheng aveva convocato l'ambasciatore canadese John McCallum. "Gli Stati Uniti hanno violato in maniera grave i diritti legittimi e gli interessi di cittadini cinesi, la natura della violazione è estremamente negativa", afferma il viceministro, che chiede immediate misure correttive e il ritiro del mandato di arresto nei confronti di Meng. "La Cina risponderà in base alle azioni" che verranno intraprese "dalla parte americana".

  • Pubblicato in Esteri
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C