Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 993

updated 2:03 PM UTC, Dec 9, 2019

Regione Lombardia ha risparmiato 652 milioni nell'ultimo anno. Garavaglia: "Siamo speciali"

L'assessore lombardo all'Economia, Crescita e Semplificazione illustra la delibera con cui è stato approvato il preconsuntivo dell'esercizio 2016, presentato al termine della riunione di giunta: "Nonostante i continui tagli da parte dello Stato e le sue norme che vietano la possibilità di ricorrere al debito, continuiamo a favorire la spesa d'investimento, garantendo oltre 975 milioni di euro destinati allo sviluppo". La nostra intervista - (VIDEO)


"Grazie alla nostra efficienza e a un'attenta gestione del bilancio, anche per il 2016 siamo riusciti a realizzare 652 milioni di risparmio pubblico". Lo ha dichiarato Massimo Garavaglia, assessore regionale all'Economia Crescita e Semplificazione, a proposito della delibera con cui è stato approvato il preconsuntivo dell'esercizio 2016, presentato nella giunta odierna. "Anche da questo emerge come la Regione Lombardia sia particolarmente speciale", ha sottolineato Garavaglia.

"Inoltre - ha proseguito l'assessore -, nonostante i continui tagli da parte dello Stato e le sue norme che vietano la possibilità di ricorrere al debito, come Regione Lombardia continuiamo a favorire la spesa d'investimento, garantendo nel 2016 oltre 975 milioni di euro destinati allo sviluppo".

"Grazie a questa oculatezza nella spesa e alle iniziative di facilitazioni fiscali introdotte per i nostri cittadini - ha continuato Garavaglia -, che hanno portato alle casse regionali circa 190 milioni di euro aggiuntivi, siamo riusciti a ridurre di ben 515 milioni il disavanzo pregresso".

"Infine ricordo che abbiamo finanziato nella nostra legislatura 8 miliardi di euro di investimenti - ha detto ancora Garavaglia -. Con la nostra gestione prudenziale, abbiamo un bilancio molto solido, un debito molto basso, la gestione sanitaria in equilibrio e i fondamentali di bilancio tutti in ordine, come anche riconosciuto recentemente dall'agenzia di credito Moody's che ha confermato il rating Baa1 superiore a quello dello Stato, situazione eccezionale a livello mondiale". "Regione Lombardia - ha concluso l'assessore - riesce a ottimizzare tutte le risorse a propria disposizione, senza rinunciare ad investire sulla ripresa e sullo sviluppo".

Trump, oltre 500mila nelle piazze americane per protestare contro il neo presidente

Le donne manifestano contro il neo presidente americano Donald Trump, accusato di maschilismo. 


La "Women's march" questo il nome della manifestazione è stata organizzata per protestare pacificamente contro le discriminazioni di genere e in favore dei diritti delle donne. Cappelli Rosa e Fuxia in tutto il mondo questa è la protesta delle donne contro il Tycoon. L'ex sfidante Hillary Clinton: "Grazie, state difendendo i nostri valori". Madonna: "La rivoluzione parte da qui. Noi non abbiamo paura". Tutto è nato da un'idea di Teresa Shook, una nonna avvocato che, dopo l'elezione di Trump, ha deciso di ritirarsi alle Hawaii frustrata dal sessismo di Trump. A Washington in molti a indossare berretti Rosa, uomini, bambini, musulmane col cappuccio rosa sotto al velo del hijab, afro-americani, ispanici, asiatici, tutti si sono uniti alla protesta dai toni molto simbolici. Un messaggio unito : non staremo in silenzio per i prossimi quattro anni e non permetteremo che Trump ci ignori.

  • Pubblicato in Esteri

Milano, arriva la tassa sugli asili: 52 euro all'anno per l'iscrizione. Aumentano mense, dopo scuola, centri estivi e servizi educativi

Annunciata la manovra da tre milioni che prevede anche tagli alle spese. Coinvolte circa 20 mila famiglie. La vicesindaca e assessore all'Educazione, Anna Scavuzzo: "L'aumento ci sarà ma non sarà indiscriminato, bisogna trovare uno schema perché sia più equo".  Nel bilancio previsionale congelati i fondi per 200-250 posti nei nidi paritari convenzionati, per una stima di circa un milione


Milano arriva la tassa sull'asilo comunale, lo ha annunciato l'amministrazione guidata dal sindaco, Giuseppe Sala. Si tratta di una quota fissa di 52 euro all'anno per l'iscrizione alle scuole per l'infanzia, come già avviene per i nidi. Le brutte notizie però non finiscono qui, perché sono pronti anche gli aumenti su mense scolastiche, i centri estivi, i pre e post scuola, scuole vacanza e i servizi educativi del Comune. Sono i frutti di di una manovra complessiva da circa 3 milioni di euro, presentata dalla vicesindaca e assessore all'Educazione, Anna Scavuzzo, durante la seduta congiunta delle commissioni Bilancio ed Educazione sul bilancio di previsione 2017.
 
Per le scuole materne, si tratta di un costo di 52 euro all'anno per circa 20mila famiglie, che porterà nelle casse di Palazzo Marino un'entrata stimata di circa un milione di euro. "La valutazione che abbiamo fatto va nel senso dell'equiparazione", ha detto Scavuzzo spiegando le motivazioni della scelta di estendere la quota di contribuzione. A questa si aggiunge la revisione delle tariffe per i servizi educativi: circa 2 milioni di euro, che saranno frutto della rimodulazione e dell'introduzione di una maggiore diversificazione delle fasce Isee.
 
"L'aumento ci sarà - spiega la vice di Sala - ma non sarà indiscriminato, bisogna trovare uno schema perché sia più equo". Per questo motivo ci sarà una convenzione con l'università Bicocca. Basterà? "I gradoni diventeranno gradini", aggiunge riferendosi al fatto che per alcuni servizi le fasce Isee sono molto ampie e a volte addirittura esiste l'esenzione totale per i redditi inferiori ai 6.500 euro, mentre prevede il pagamento della quota intera per i redditi immediatamente superiori, in assenza di ulteriori fasce.

La via dunque è quella dei tagli alle spese e dell'aumento delle tariffe. Nel bilancio previsionale poi sono stati congelati i fondi per 200-250 posti nei nidi paritari convezionati, per una stima di circa un milione di euro.

 

Sgarbi torna a massacrare Il Volo: "Bugiardi, Trump non vi ha mai invitati! La neve non vi ha travolti, ma la merda sì"

Dopo l'insediamento del nuovo presidente degli Stati Uniti per il quale i tre giovani tenori pop si sarebbero rifiutati di cantare perché lo considerano un "razzista", il critico d'arte li attacca di nuovo brutalmente, dopo che li aveva definiti "segaioli" e "coglioncelli" - (VIDEO)


 Vittorio Sgarbi su Radio 105: "Il volo? Abbiamo il documento che non sono stati inviati da Trump". Vittorio Sgarbi è (come sempre) un fiume in piena. In occasione della sua prima intervista con Max Brigante a 105 Mi Casa, l'illustre critico e storico d'arte, scrittore e saggista, personaggio di spicco della cultura, della politica e della Tv nonché opinionista "muscolare" capace di catalizzare l’attenzione del pubblico nei salotti televisivi (e radiofonici), ha regalato agli ascoltatori di Radio 105 un'ora memorabile.

Di nuovo protagonista in libreria con il volume "Dall'ombra alla luce. Da Caravaggio a Tiepolo. Il tesoro d’Italia IV" (La neve di Teseo Editore), ma anche dell’imminente inaugurazione della mostra di arte contemporanea a Casa Sanremo, al Palafiori di Sanremo, così come della nascita del movimento civile, più che politico in senso stretto, da lui fondato e battezzato "Rinascimento" con l’obiettivo di "Innalzare gli italiani alla bellezza", Sgarbi ha parlato di politica - "La Raggi - ha detto - è una demente totale" - , di arte, di social network, dei suoi clamorosi duelli mediatici che spesso finiscono nelle aule di Tribunale: "Tutti i match li ho vinti, meno quello con le Iene", e della saga social di questi giorni sul tema Il Volo-Donald Trump.

"Il Volo?", ha tuonato Sgarbi in diretta, "Abbiamo il documento che non sono stati inviati da Trump".

(Fonte: 105.net)

L'ultima puntata della saga - come aveva ironicamente annunciato la radio - si è consumata la sera stessa con un video postato su Facebook dall'incontenibile Vittorio che dimostra come Il Volo abbia mentito: "Siete dei bugiardi. La neve non vi ha travolto, ma la merda sì".

Hotel Rigopiano, il lavoro dei soccorritori continua: "Nuovi segnali sotto le macerie". Il bilancio provvisorio: 9 persone tratte in salvo, 5 vittime, 23 dispersi

Si scava ancora a Farindola, tra speranza, preoccupazione e grandi difficoltà. Il punto del capo Dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio, che ha incontrato la stampa a Rieti: "Abbiamo salutato con grande entusiasmo le operazioni che continuano a essere molto complicate e non dobbiamo abituarci a vedere questi operatori in quelle condizioni, perché continuano ad essere condizioni estreme. Li ringrazio ancora una volta" - (VIDEO)


Si lavora senza sosta nella ricerca dei dispersi all'hotel Rigopiano di Farindola, spazzato via da una slavina mercoledì. Il bilancio attuale è di 11 sopravvissuti (9 salvati e i primi due scampati) e di cinque vittime estratte dalle macerie, 23 dispersi. I Vigili del Fuoco riferiscono di avere "altri segnali da sotto la neve e le macerie, stiamo verificando. Potrebbero essere persone vive, ma anche le strutture dell'albergo che si muovono sotto il peso della neve". I soccorritori continuano a lavorare per tentare di individuare gli altri che ancora mancano all'appello. Tra questi ci sono i genitori di Samuel, uno dei 4 bambini salvati ieri, che si trova in ospedale: la mamma e il papà, che ieri sembrava fossero stati salvati, sono invece ancora nella lista dei dispersi.

IL BILANCIO - Al momento ci sono 11 sopravvissuti, cinque corpi senza vita recuperati e trasportati all'obitorio a Pescara e 23 dispersi. Ai due superstiti recuperati all'alba di giovedì - il cuoco Giampiero Parete e il 'tuttofare' dell'hotel Fabio Salzetta - si aggiungono la moglie di Parete, Adriana, e il figlio Gianfilippo, salvati ieri mattina, e i tre bimbi recuperati nel pomeriggio: l'altra figlia di Parete, Ludovica, Edoardo Di Carlo e Samuel di Michelangelo. Nella notte sono state estratte vive altre 4 persone - Giampaolo Matrone (lievemente ferito), Vincenzo Forti, Francesca Bronzi e Giorgia Galassi.

La prefettura di Pescara aveva fornito un elenco di cinque nomi, indicandoli come quelli che si trovavano sotto le macerie, che erano stati individuati e dovevano essere estratti vivi: oltre a Matrone, Bronzi, Forti e Galassi c'era anche Stefano Feniello, del quale pero' al momento non ci sono notizie.

Il bilancio ufficiale delle vittime è al momento salito a cinque: ai primi due corpi recuperati, quello del maitre dell'hotel Alessandro Giancaterino e del cameriere Gabriele D'Angelo, si sono aggiunti quelli estratti nella notte dai soccorritori e non ancora identificati: due donne e un uomo. All'appello mancano al momento 23 persone, risultanti sulla lista ufficiale degli ospiti della struttura e da altre segnalazioni ricevute.

Il racconto tragico di Matrone: mia moglie per mano poi niente - Mano nella mano con la moglie, Valentina Cicioni, fino a quando i vigili del fuoco lo hanno salvato. Lo ha raccontato ai suoi soccorritori Giampaolo Matrone l'ultimo dei superstiti arrivato poco dopo le 8 all'ospedale di Pescara. "Le stringevo la mano e le parlavo per tenerla sveglia perché volevo che rimanesse sempre vigile. La chiamavo, poi a un certo punto non l'ho sentita più e ho capito che mi stava lasciando". Vicino a lui, Matrone ha raccontato di un'altra donna che non dava segnali di vita.

(Fonte: Ansa)

Siria, barbarie islamista senza fine: l'Is distrugge la facciata del teatro romano di Palmira

I terroristi devastano ancora una volta il sito archeologico nella provincia di Homs, nella zona centrale del Paese, di cui a dicembre hanno ripreso il controllo dopo essere stati cacciati mesi prima dalle forze di Damasco del presidente Assad. L'Unesco: "Un nuovo crimine di guerra e una perdita immensa per il popolo siriano e per l'umanità"


"L'organizzazione terroristica del Daesh (Is) ha distrutto la facciata del teatro romano e il Tetrapilo nella città di Tadmur", l'antica città siriana di Palmira, nota per il sito archeologico patrimonio dell'umanità. Lo riferisce l'agenzia di stampa ufficiale siriana Sana, che cita "fonti della società civile".

 Il Tetrapilo, di epoca romana, è considerato uno dei 'gioielli' del sito di Palmira. I jihadisti dell'Is hanno nuovamente occupato lo scorso dicembre la città che si trova nella provincia di Homs, nella Siria centrale, dopo che a marzo le forze di Damasco avevano ripreso il controllo della zona.

A Palmira, come altrove, l'Is si è reso responsabile di un'infinità di atrocità, anche della decapitazione dell'archeologo siriano Khaled Asaad, custode del sito della città.

UNESCO - "Questa distruzione è un nuovo crimine di guerra e una perdita immensa per il popolo siriano e per l'umanità". Lo afferma il direttore generale dell'Unesco, Irina Bokova, dopo le notizie e le immagini satellitari sulla distruzione del Tetrapilo e di parti del proscenio del teatro romano della città.

"E' un nuovo attacco contro il patrimonio culturale che, a poche ore dalle notizie ricevute dall'Unesco riguardo esecuzioni di massa nel teatro, dimostra come la pulizia culturale da parte degli estremisti violenti stia cercando di distruggere sia vite umane che monumenti storici per privare il popolo siriano del suo passato e del suo futuro - aggiunge la Bokova in una nota - E' per questo che la tutela del patrimonio è inalienabile della difesa delle vite umane".

(Fonte: Adnkronos)

  • Pubblicato in Esteri

Maullu: "Stop alle sanzioni alla Russia che stanno danneggiando gravemente l'export italiano"

L'eurodeputato di Forza Italia (Ppe) è da tempo impegnato nel sostenere la necessità di interrompere l'embargo commerciale contro la Federazione Russa, voluto dagli Stati Uniti sotto la presidenza Obama. Una situazione che sta nuocendo in termini molto pesanti alle imprese italiane esposte nel Paese, soprattutto per quanto riguarda l'agroalimentare, il lattiero-caseario e il manifatturiero. Se ne è parlato in un convegno organizzato dallo stesso parlamentare europeo a Palazzo Pirelli cui hanno partecipato imprenditori, rappresentanti di Confindustria e Coldiretti e il vice console russo a Milano. L'intervista de ilComizio.it - (VIDEO)


 Si è svolto a Palazzo Pirelli un convegno organizzato dall'eurodeputato di Forza Italia, Stefano Maullu, in cui è stato affrontato un tema molto sentito dalle imprese in una fase già difficile per ragioni congiunturali. Al Pirellone, in una sala piena, nonostante l'orario dell'incontro (le 18 di venerdì 20 gennaio) si è parlato di quanto le sanzioni inflitte alla Federazione Russa abbiano danneggiato il comparto economico milanese e lombardo. A discuterne diversi rappresentanti di associazioni di categoria e osservatori economici (Federalimentare, Assocalzaturifici, Coldiretti, Assolombarda, Ice Milano), che hanno fatto un bilancio, settore per settore, di quanto negli ultimi tre anni le imprese lombarde e milanesi abbiano subito gli effetti delle sanzioni.

"I numeri sono chiari: l'export lombardo, dalle sanzioni alla Russia in poi, ha perso qualcosa come 1 miliardo e 400 milioni di euro", ha detto Maullu che ha rilasciato anche un'intervista a noi de ilComizio.it.

  • Pubblicato in Esteri

Donald Trump, il discorso al "Live Concert" poco prima dell'insediamento alla Casa Bianca

 "Inauguration Day" si aprono le celebrazioni per il suo insediamento alla Casa Bianca. '' Faremo in modo che l'America ritorni grande" così il presidente Donald Trump ha iniziato il suo discorso al concerto tenutosi al Lincoln Memorial ieri. (VIDEO)


Oggi invece il giorno speciale, quello in cui Donald Trump farà ufficialmente il suo ingresso alla Casa Bianca da comandante. Una tabella di marcia serratissima che comincerà nella mattina di Washington con una preghiera e terminerà con balli e feste per omaggiare il nuovo presidente, 45esimo e successore di Barack Obama. Un cerimoniale serrato, quello di oggi. Nel frattempo, si registrano le prime - prevedibili - con molte star in prima linea tra Washington e New York. Secondo la tradizione, Trump farà colazione con la sua famiglia e un gruppo di invitati alla Blair House, residenza che ospita le delegazioni di altri Paesi in visita ufficiale negli Usa. "Ora dobbiamo cicatrizzare tutte le ferite, il popolo americano è uno solo e deve essere unito", ha detto Trump assicurando: "Sarò il presidente di tutti gli Americani, nessuno resterà indietro, nessuno verrà dimenticato"

La cerimonia dell'insediamento - che avrà il clou alle 17 italiane - è blindata ma non sono mancate le proteste. Momenti di tensione davanti all'edificio del National Press Club di Washington, dove si svolge uno degli eventi per l'insediamento alla Casa Bianca di Donald Trump, il DeploraBall. Un gruppo di manifestanti anti-Trump e' venuto a contatto con i sostenitori del tycoon, dando vita a qualche tafferuglio. In seguito al lancio di oggetti, una persona sarebbe rimasta ferita. La polizia in tenuta antisommossa e' intervenuta per cercare di riportare la calma.

Tutte emozioni che nel giro di poche ore sono destinate a moltiplicarsi, quando il neo presidente su un'altra scalinata, quella di Capitol Hill, sede del Congresso americano, giurera' come 45/mo presidente degli Stati Uniti.

  • Pubblicato in Esteri
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C