Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 993

updated 1:11 PM UTC, Oct 13, 2018

Rifiutarono di eseguire torta pro-gay, la Corte Suprema britannica dà ragione ai pasticcieri. Ecco perché (e perché qualcuno si deve "ripigliare")

Rifiutarsi di scrivere "Sostieni i matrimoni gay" su una torta non è un atto discriminatorio. Lo ha deciso oggi la Corte Suprema britannica che ha ribaltato le opposte sentenze di primo grado e appello sul caso di una pasticceria di Belfast che nel 2014 non accolse la richiesta del cliente Gareth Lee: attivista omosessuale nordirlandese, aveva chiesto senza successo un dolce con su scritto "Support gay marriage". Il caso, molto simile a quello avvenuto nello stato americano del Colorado (per il quale la Corte Suprema Usa ha raggiunto di recente una simile conclusione), ha fatto molto discutere in Regno Unito. I giudici britannici hanno deliberato all'unanimità che la coppia di cristiani evangelici titolari della pasticceria Ashers, rifiutandosi di preparare la torta, non ha compiuto un atto discriminatorio: secondo la lettura della Corte Suprema, il no dei titolari è legittimo perché non si tratta di un attacco all'identità sessuale del cliente bensì rientra nella cornice della libertà di espressione, la quale a sua volta contempla la possibilità di non condividere una posizione politica o ideologica che, sempre secondo i giudici, recitava la scritta della torta: "Nessuno deve essere costretto a sostenere un'opinione politica che non gli appartiene". Ora il caso potrebbe finire alla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo. (Fonte: Repubblica)


Cosa ci insegna la (sacrosanta) sentenza di Belfast

Politicamente corretto versus libertà di espressione: una piccola lezione di giustizia e civiltà. E se il Medioevo fosse quello del pensiero unico? E se gli intolleranti fossero quelli che vogliono processare chiunque non si adegui ai "diritti" dominanti"? Riflettiamo. E fermiamoci un attimo prima di finire dentro un'Unione sovietica globale, un incubo che resta tale anche se ha i colori dell'arcobaleno.

Un suggerimento a quelli che, piatti e ripetitivi come le proprie ossessioni, invitano a "rileggere la Storia per non ricadere negli errori del passato": fatelo prima voi, senza saltare interi capitoli come siete abituati a fare. E non dimenticate il vecchio Orwell che aveva previsto tutto, compreso un mondo in cui "tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri".

Fabio Pasini

 

Immagine correlata

  • Pubblicato in Esteri

Il Regno Unito costruisce un cyber-center in Kenya "per colpire i pedofili britannici prima che possano nascondersi"

In Africa il centro sarà il primo del suo genere, il Kenya è lo stato dove si registra il maggior numero (crescente) di casi di abusi sui minori


Il governo del Regno Unito costruirà un nuovo "cyber center" per colpire i pedofili britannici che troppo spesso  scelgono l'Africa come meta dei loro viaggi sessuali. Il centro sarà il primo del suo genere in Africa, il Kenya è lo stato dove si riscontra un numero crescente di casi di abuso minorile a scopo sessuale. Negli ultimi due anni due uomini britannici sono stati condannati a lunghe pene detentive dopo essere arrivati nel paese africano con l'unico scopo di abusare sessualmente di giovani, alcuni dei quali erano indigenti bambini di strada.

Fa parte di un patto di sicurezza più ampio annunciato da Theresa May, a Nairobi nella tappa finale del suo tour di tre giorni in Africa, che ha anche toccato la Nigeria e il Sud Africa. Il primo ministro ha dichiarato: "Lo sfruttamento dei minori online è un crimine aberrante e siamo determinati a garantire che non ci sia posto per i predatori che usano Internet per condividere immagini di abusi attraverso i confini nazionali, troppo spesso impunemente. Questa drammatica situazione ha dato il via ad un accordo con il Kenya in materia di sicurezza e giustizia penale - una partnership che guarda alla sicurezza in molti campi e che ha già contribuito a condannare e imprigionare terroristi presenti entri i confini del Regno Unito". Attualmente le autorità keniane non ricevono segnalazioni relative a materiale pedopornografico sulla rete africana da parte di aziende tecnologiche statunitensi, perché ancora non esistono "canali sicuri", che abbiano le necessarie policy di sicurezza. 

Il nuovo cyber center consentirà per la prima volta alle autorità di accedere ai dati sugli abusi forniti dalle imprese tecnologiche, garantendo che i perpetratori possano essere assicurati alla giustizia. 

Il centro si baserà sulla realizzazione di un'unità anti-traffico di materiale pornografico e anti-bambino, formata da personale kenyota ma istituita dall'Agenzia nazionale per la criminalità del Regno Unito, che secondo i funzionari sta riscontrando un aumento dei casi di abusi sui minori. In oltre 100 indagini in corso, da marzo 2016 ha protetto circa 400 bambini e sostenuto l'arresto di circa 40 sospetti. L'unità ha contribuito a garantire la condanna di Simon Harris, che è stato condannato a 14 anni nel 2015 per aver abusato sessualmente di bambini di strada proprio in Kenya. Altra indagine fiore all'occhiello dell'agenzia è quella che ha portato all'arresto di Keith Morris, anche lui condannato a più di 18 anni di carcere nel 2018 per aver abusato sessualmente di bambini del Kenya in un villaggio vicino a Mombasa, a seguito del lavoro svolto presso l'unità di costruzioni. Il nuovo patto di sicurezza impegna inoltre il Regno Unito a rafforzare la sicurezza dell'aviazione keniana, compresa la fornitura di macchine per rilevare gli esplosivi per aiutare a  mantenere il turismo inglese, che vede ogni anno più di 100.000 turisti britannici presenti nel paese. Il Regno Unito offrirà anche formazione alla polizia e aiuterà le autorità keniane a combattere la violenza contro le ragazze e le donne. Infine, condivideranno le competenze con il sistema giudiziario penale del Kenya per rafforzare le procedure per casi legali complessi, compresi il terrorismo e la criminalità organizzata.

La premier Theresa May ha assicurato che, nonostante la transizione che porterà gli inglesi all’uscita dall’Ue, i rapporti commerciali con il Kenya rimarranno invariati, ed ha garantito un accesso libero al mercato britannico, cosa a cui teneva il presidente Kenyatta. Proseguendo nel discorso ha dichiarato che “Stiamo portando avanti, naturalmente, un accordo che lasci invariate le regole degli scambi internazionali una volta che avremo lasciato l’Unione Europea. Ma ci occuperemo di migliorare anche le nostre relazioni commerciali nel resto del mondo”.
Inoltre ha assicurato che ogni bene acquisito tramite corruzione in Kenya e nascosto nel Regno Unito sarà rimandato indietro: “Oggi abbiamo firmato un accordo che garantisce che ogni provente della corruzione finito nel Regno Unito sarà restituito al popolo del Kenya”.
Il viaggio aveva lo scopo di massimizzare le opportunità di commercio per Nigeria, Sudafrica, Kenya dopo l’uscita della Gran Bretagna dell’Unione Europea, prevista per il marzo 2019. Inoltre May ha annunciato un extra di quattro miliardi per aiutare l’economia africana, ed è stato firmato il primo patto per il commercio dopo Brexit con il Mozambico e l’Unione doganale africana del sud.

Insomma presto vedremo una Gran Bretagna uscire dall'Europa sbattendo la porta ed entrare in Africa accolta da un lungo tappeto rosso.

"Favorisca i documenti": la polizia gli sequestra la Ferrari e gliela fa distruggere davanti a i suoi occhi. Guardare per credere (VIDEO)

Episodio decisamente spiacevole per il milionario Zahid Khan che ha visto finire in pezzi la sua Ferrari 458 Spider (valore circa 227 mila euro). L'incubo è cominciato quando la polizia di Birmingham l'ho ha sorpreso senza i dovuti documenti a bordo del gioiello a quattro ruote. Gli agenti non solo era convinta che l'uomo avesse rubato l'auto, ma hanno anche dichiarato il veicolo non idoneo per la circolazione. Per questo l'unica soluzione sarebbe stata la sua distruzione, davanti al suo proprietario attonito.

L'uomo ha pubblicato il video della demolizione su Facebook, accompagnandolo a un duro sfogo accusatorio: "Questa che vedete è la mia Ferrari che sta venendo distutta illegalmente! Era assicurata e ne ero legittimo proprietario. Ho risparmiato molto tempo per poterla acquistare e aveva un valore sentimentale per me e la mia famiglia. Non avevano alcun diritto di farlo ed è un fatto molto triste che ciò sia accaduto! I soldi - ha aggiunto l'uomo - potevano essere devoluti per una buona causa, in quanto i singoli pezzi di una Ferrari rivenduti valgono più della macchina stessa! Paghiamo le tasse e in cambio la polizia ci rende questi servizi".

  • Pubblicato in Esteri

Ue, Juncker insulta gli Stati membri: "Stupito dall'ignoranza dei leader nazionali". E vuole togliere l'unanimità sulla politica estera comune

Affondo del presidente della Commissione contro le cancellerie dei Paesi europee che non sono d'accordo con lui. E sull'euro e Schengen dice...


Il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker, a otto giorni dal discorso sullo Stato dell'Unione, replica alle reazioni arrivate dalle capitali ad alcune delle sue proposte, come quella di decidere a maggioranza qualificata in materia di politica estera, rinfacciando ad alcuni capi di Stato e di governo la loro "ignoranza"in materia dei trattati Ue. "Le nuove ambizioni nella politica di difesa - ha detto Juncker, durante la plenaria del Comitato Economico e Sociale Europeo a Bruxelles - non hanno alcun senso se noi siamo bloccati dall'unanimità a livello di Consiglio dei ministri sulla politica estera". 

"Sono molto sorpreso, devo dire - ha continuato - di vedere che in molti Paesi, e anche a livello di capi di Stato e di governo, ci si sia stupiti: ricordare le disposizioni del trattato e destare sorpresa ricordandole, dimostra la condizione di ignoranza di molti di coloro che pretendono di poter dirigere in ogni circostanza l'Europa". 

"Lo stesso vale per l'euro - ha proseguito Juncker - non ho proposto, mercoledì scorso davanti al Parlamento, di fare degli Stati membri non euro degli Stati membri dell'Eurozona".

"Ho semplicemente ricordato - ha detto ancora Juncker - quello che prevede il Trattato, cioè che tutti gli Stati, salvo la Danimarca e la Gran Bretagna, che lascerà l'Unione, che rispondono ai criteri hanno non solo il diritto, ma anche il dovere di divenire membri dell'Eurozona". 

"La mia intenzione - ha continuato - non è di forzare la marcia dei Paesi non euro verso il paradiso monetario, che non esiste, ma di dire che, se volete, vi aiuteremo a concretizzare la volontà di entrare, ragione per la quale ho proposto degli strumenti di preadesione". 

"Lo stesso - ha concluso il presidente della Commissione - vale per Schengen: perché rifiutare ai nostri amici bulgari e romeni l'ingresso nell'area Schengen, dal momento che dal 2013 rispettano tutti i criteri? Si tratta delle disposizioni del trattato, senza forzare la mano a nessuno".

(Fonte: Adnkronos)

  • Pubblicato in Esteri

Fuga di notizie sull'attentato di Manchester: Londra furiosa con gli americani. Theresa May pronta a "ribaltare" Trump

Nel mirino dei britannici, afferma la Bbc, i media Usa e la stessa amministrazione di Washington. Il New York Times ha pubblicato fotografie che mostrano i resti dell'ordigno utilizzato nell'attacco. Diffuso anche il nome dell'attentatore che Downing Street avrebbe voluto mantenere riservata. La prima ministra annuncia rimostranze al presidente statunitense che incontrerà a Bruxelles per il vertice Nato - (VIDEO)


La polizia che indaga l'attentato alla Manchester Arena ha smesso di condividere le informazioni con gli Stati Uniti dopo la pubblicazione dei leak sull'inchiesta da parte della stampa statunitense. Lo riferisce la Bbc, spiegando che la polizia del Greater Manchester spera di riprendere presto le normali relazioni di intelligence, ma è attualmente "furiosa" per le fotografie pubblicate dal 'New York Times' che mostrano i resti dell'ordigno utilizzato nell'attacco.

I media americani hanno anche diffuso il nome dell'attentatore, nome che Londra avrebbe voluto mantenere riservato. La premier britannica Theresa May dovrebbe sollevare la questione con Donald Trump che incontrerà a Bruxelles per il vertice della Nato.

La premier Theresa May "metterà in chiaro" con il presidente Trump che le informazioni condivise tra le intelligence dei due Paesi "devono rimanere riservate". Al termine di una riunione del gabinetto di emergenza, la May ha annunciato che esprimerà al presidente Usa la posizione di Londra nel corso del vertice Nato di Bruxelles. Prima della partenza letteralmente ha detto: "Chiarirò al presidente Trump che le informazioni di intelligence condivise tra le nostre autorità devono restare al sicuro".

Inoltre, ha detto la premier, il livello di allarme terrorismo nel Regno Unito rimane "critico", a indicare che un attacco è ritenuto probabile o "imminente". May ha anche riferito che altri mille militari sono stati dispiegati in tutto il Paese per assistere la polizia.

  • Pubblicato in Esteri

Attentato a Manchester, Salvini va giù duro: "Ecco l'unica risposta possibile. Chi tace è complice". Giorgia Meloni: "Basta buonismo, schiacciamo questi assassini"

Le reazioni dei due leader "sovranisti" affidate a Facebook. Il segretario leghista: "Tolleranza zero, controlli a tappeto, uso della forza". La presidente di Fratelli d'Italia: "Colpiscono i nostri figli. L'Europa reagisca senza pietà"


"Altro sangue innocente, decine di morti a Manchester. La Polizia inglese parla di terrorismo, estremisti islamici festeggiano in rete". Inizia così il durissimo messaggio postato su Facebook da Matteo Salvini subito dopo l'attentato alla Manchester Arena, dove si è consumata una strage di ragazzini. Il segretario della Lega Nord aggiunge: "Mentre qualcuno prepara gessetti colorati e marce per la pace, io penso che l’unica risposta possibile siano tolleranza zero, controlli a tappeto e l’uso della forza". Infine, una frase che farà fischiare le orecchie a qualcuno: "In guerra, chi tace o collabora è un complice. Una preghiera per i poveri morti". 

Risultati immagini per salvini meloni

"Un kamikaze si fa esplodere a Manchester durante il concerto di una star degli adolescenti. Un attentato studiato appositamente per creare morte tra i giovanissimi, colpire i nostri figli". Anche Giorgia Meloni, dopo la strage che ha colpito il Regno Unito affida a Facebook il suo pensiero. "I siti internet della jihad - dice - in festa di fronte a bambini che muoiono. Non ne possiamo più del buonismo: l'Europa reagisca senza pietà per schiacciare questi assassini. Cordoglio e vicinanza alle famiglie delle vittime e a tutto il popolo britannico". 
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

12°C

Milano

Cloudy

Humidity: 87%

Wind: 6.44 km/h

  • 15 Oct 2018 15°C 8°C
  • 16 Oct 2018 16°C 8°C