Log in
updated 2:08 PM UTC, Jul 8, 2020

Vi ricordate Rizzotto, il primo e unico uomo di Salvini eletto in Sicilia? E' indagato per appropriazione indebita aggravata

Il parlamentare leghista, riporta il Giornale di Sicilia, sarebbe stato inguaiato dalle denunce dei lavoratori dell'Isfordd, istituto di formazione per disagiati e disadattati sociali finanziato dalla Regione di cui fino al mese di luglio era presidente. I dipendenti erano rimasti senza stipendio per sei mesi e all'inizio di quest'anno si sono dimessi per giusta causa. Lui si difende così: ""Non ho ancora ricevuto alcun atto giudiziario, ma ho manifestato la mia volontà di fornire ogni elemento che dimostri l'assoluta correttezza del mio operato anche nell'interesse dei lavoratori. Non mi sono mai appropriato di alcuna somma"


Sale a cinque il numero di deputati dell'Ars sotto inchiesta. Antonino Rizzotto, detto Tony, primo e unico deputato della Lega ad entrare nel parlamento siciliano, è indagato, come riporta il Giornale di Sicilia, per appropriazione indebita aggravata ai danni dei dipendenti dell'Isfordd, l'istituto di formazione per disagiati e disadattati sociali di cui fino al mese di luglio era presidente. Iscritto nei giorni scorsi nel registro degli indagati, Rizzotto sarebbe stato inguaiato dalle denunce dei lavoratori dell'ente finanziato dalla Regione, rimasti senza stipendio per sei mesi e che all'inizio di quest'anno si sono dimessi per giusta causa.

"Non ho ancora ricevuto alcun atto giudiziario, ma ho manifestato la mia volontà di fornire ogni elemento che dimostri l'assoluta correttezza del mio operato anche nell'interesse dei lavoratori. Non mi sono mai appropriato di alcuna somma", ha dichiarato Rizzotto.

Sale così a cinque il numero di neo deputati che ancora prima di dare il via alle sedute del nuovo parlamento siciliano - la prima è in programma per il 15 dicembre - sono finiti nel mirino della magistratura. Tre deputati del centro destra: Cateno De Luca (Udc), Luigi Genovese e Riccardo Savona (Forza Italia), e uno del centro sinistra, il record man di preferenze Edy Tamajo (Sicilia Futura).

 

 

 

(rizzotto ×lega ×salvini ×musumeci centrodestra ×sicilia ×assemblea siciliana voto ×voti ×indagato ×indagati ×de luca ×info ×news ×web ×webtv ×tv social ×facebook ×twitter ×linkedin ×instagram ×google ×google+ ×ultima ora ×primo piano ×evidenza ×Il quinto deputato ufficialmente indagato è l'unico leghista dell'Assemblea regionale, Antonino Rizzotto, detto Tony, eletto a Palermo nella lista FdI-Noi con Salvini: il reato ipotizzato è l'appropriazione indebita aggravata ai danni dei dipendenti dell'Isfordd, l'istituto di formazione per disagiati e disadattat×Antonino Rizzotto, detto Tony, eletto alle Regionali tra le fila di "Noi con Salvini" e diventato, di fatto, il primo leghista ad approdare in Sicilia. Rizzotto si è candidato nella lista 'Alleanza per la Sicilia' che comprende, oltre a "Noi con Salvini", anche il partito guidato da Giorgia Meloni×Antonino Rizzotto detto Tony, che oggi a 65 anni è pronto a sventolare la bandiera leghista×Per la prima volta nella storia la Lega entra nell'Assemblea regionale siciliana. E lo fa tramite Antonino Rizzotto, detto Tony, eletto alle Regionali tra le fila di "Noi con Salvini" e diventato, di fatto, il primo leghista ad approdare in Sicilia. Rizzotto si è candidato nella lista 'Alleanza per la Sicilia' ×Malumori in casa Lega per il mancato ingresso nella giunta di Nello Musumeci. Il partito di Salvini aveva chiesto un riconoscimento per il risultato elettorale, ma alla fine nel governo è entrato Sandro Pappalardo×L'ascesa di Rizzotto in Sicilia deputato della Lega di Salvini. Storia di un dirigente del comune di Palermo approdato a Palazzo dei Normanni Il legame con Salvina Profita, che occupa la poltrona destinata al compagno di MARIANO MAUGERI×Tony Rizzotto: «Onorato di rappresentare la Lega». Il segretario a Catania dopo il voto×La procura di Palermo indaga sulla gestione dell'ente di formazione Isfordd. Fino al luglio scorso, il rappresentante legale dell'ente era Tony Rizzotto, appena eletto a Palazzo dei Normanni con la lista unica di Fratelli d'Italia e Noi con Salvini, la costola meridionale della Lega×Dopo Rizzotto a guidare l'Irsfordd era arrivata Salvina Profita. Si tratta della stessa persona che era stata nominata al suo posto al vertice della società regionale Italia Lavoro Sicilia. Era il 2012 e l'allora governatore Raffaele Lombardo aveva scelto l'attuale deputato della Lega×Rizzotto è il primo deputato regionale siciliano della Lega Nord-Noi con Salvini. Di lui si era parlato nei giorni scorsi, quando era finito sotto indagine, a Palermo, il suo ente di formazione finanziato dalla Regione, l'Isfordd. Come scrive il Giornale di Sicilia a inguaiare il parlamentare×oinvolge Tony Rizzotto, eletto nella lista FdI-Noi con Salvini primo con 4.016 voti, il politico su cui ha puntato la Lega per entrare nel Palazzo, ma con un lungo curriculum alle spalle: Dc, Udc, Pdl e Mpa. In Procura le bocche sono cucite, al momento si sa che è stato aperto un fascicolo×Antonino Rizzotto, detto Tony, eletto all'Ars con la Lega di Salvini, è indagato dalla Procura di Palermo. Il reato ipotizzato è l'appropriazione indebita aggravata ai danni dei dipendenti dell'Isfordd, l'istituto di formazione per disagiati e disadattati sociali, che fino a luglio era presieduto proprio da Rizzotto.Tony Rizzotto di Noi Con Salvini entra all'assemblea regionale siciliana. Di fatto è il primo “leghista” ad entrare in un consiglio regionale del Sud. E questo riempie d'orgoglio ovviamente il leader della Lega×Il quinto deputato adesso ufficialmente indagato è l'unico leghista dell'Assemblea regionale, Antonino Rizzotto, detto Tony, eletto a Palermo nella lista FdI-Noi con Salvini: il reato ipotizzato è l'appropriazione indebita aggravata ai danni dei dipendenti dell'Isfordd, l'istituto di formazione per disagiati ×Ma andiamo con ordine. Secondo quanto riferisce LiveSicilia, Rizzotto è indagato per peculato in una vicenda legata alla gestione della Isfordd (Istituto formativo per disabili e disadattati sociali), di cui il neo-deputato è stato legale rappresentante fino allo scorso luglio. I magistrati della Procura di Palermo×)

Lega&Lega, Maroni: "Noi contrappeso nordista al progetto nazionale di Salvini". E su fascismo/antifascismo...

Su alcune tematiche le posizioni all'interno della Lega (Nord) sono diverse, in molti casi contrastanti. E fanno sempre più discutere le scelte del segretario Salvini, ormai lanciato verso un progetto e una leadership su scala nazionale. In questo senso è interessante l'intervista al presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, che ricorda: "Matteo era un comunista padano..." - (VIDEO)

Parisi sbarca al Pirellone: nasce Energie per la Lombardia. Daniele Nava al Comizio: "La nostra collocazione naturale è nel centrodestra"

Dopo la due giorni di confronto e illustrazione del programma al Teatro Parenti di Milano, Energie per l'Italia, il movimento di Stefano Parisi arriva nel consiglio regionale lombardo. Ai nostri microfoni il referente per la Lombardia della formazione che sostiene fortemente Roberto Maroni in vista delle prossime elezioni amministrative - (VIDEO)


"Questa non è una operazione di palazzo, ma un progetto che viene da un anno e mezzo di lavoro sul territorio nazionale e lombardo, un lavoro di aggregazione di un'ampia rete di amministratori locali, sindaci, consiglieri, assessori e di militanti, di persone che nelle varie province della Lombardia hanno deciso di avvicinarsi a Energie per l'Italia con l'intento di recuperare voti e consenso al centrodestra. Il compito di coloro che hanno a cuore un centrodestra più forte è quello di favorire l'aggregazione di forze come Energie per l'Italia che hanno questo intento". Così Daniele Nava, referente lombardo di Energie per l'Italia, ha aperto oggi a Milano al Pirellone la conferenza stampa di presentazione del gruppo consiliare Energie per la Lombardia. Presenti, oltre a Nava, Stefano Parisi, leader nazionale del movimento, e i tre componenti del gruppo, Alberto Cavalli (che sarà il capogruppo), Mauro Piazza e Sabrina Mosca.  

Alberto Cavalli è così intervenuto: "Noi continuiamo ad essere parte della maggioranza, a sostenere l'azione del governo regionale e del presidente Maroni e siamo pronti a condividere nella prossime settimane il provvedimento più importante per il Consiglio, il bilancio. Siamo soddisfatti per il lavoro compiuto in questi anni. Siamo però consapevoli che i buoni risultati vanno consolidati nel tempo e che ci sono traguardi da raggiungere, primo fra tutti quello dell'autonomia, quella che è per i lombardi una speranza di maggiori spazi di  libertà e di una sempre migliore risposta ai bisogni. Serve che l'esperienza di Maroni continui ma che abbia un consenso elettorale ancora più ampio. E' per questo che Energie per l'Italia nasce anche in qui Regione Lombardia con un gruppo autonomo e distinto, per 
rafforzare il centrodestra e metterlo in condizione di rispondere meglio alle sfide di oggi e domani. C'è un elettorato a cui bisogna parlare ed è quello di quanti non votano più. E' il nostro più importante obiettivo, non solo elettorale ma politico".

Stefano Parisi ha spiegato: "Noi siamo il nuovo soggetto politico nel centrodestra. Nel fine settimana abbiamo presentato il nostro programma di lavoro per i prossimi cinque anni di governo del Paese e il nostro simbolo, saremo il valore aggiunto che portiamo al centrodestra. Attraiamo anche persone che hanno fatto politica e militato in altri partiti del centrodestra, attraiamo chi ha voglia di partecipare a questa novità, io non vedo competizione, qui non ci sono le squadre di calcio: in questa fase di campagna elettorale si stanno chiarendo le identità dei diversi soggetti politici che compongono la maggioranza e questo ridefinisce alcuni perimetri. Noi siamo una novità, c'è un'attrazione verso il nuovo e anche una propensione al rischio perché in qualche partito tradizionale è forse più facile essere 
eletti mentre chi viene con noi si impegna in una battaglia anche rischiosa ma che può aumentare la  qualità del centrodestra. Vogliamo tra cinque anni una Regione Lombardia ancora migliore, nella sanità, nei trasporti, nel welfare, vogliamo un  federalismo forte che rimetta i soldi nelle tasche dei lombardi così che possano scegliere come comprare i loro servizi. Noi siamo questa componente che nel tempo si è un po' persa e che deve rimettere al centro le comunità e le persone. L'esperienza del centrodestra in Lombardia nasce nel 1995, ha profonde radici, è stata un di riferimento per l'Italia e l'Europa, noi ci rifacciamo a quell'esperienza". 

Così ha salutato la nascita del gruppo Sabrina Mosca: "Ho deciso di aderire a questo progetto perché credo negli obiettivi che Stefano Parisi si è prefissato e mi piace il modo in cui si è approcciato alla politica. La mia è stata una scelta meditata, sono contenta di essere a bordo con questa squadra che sicuramente mi aiuterà anche dal punto di vista".

Premier del centrodestra, Berlusconi lancia il generale Gallitelli: Salvini s'infuria ma Maroni "lo stima". Il sasso di Silvio nel pollaio della coalizione

Ha spiazzato tutti, ancora una volta, l'ex premier. Lo ha fatto da Fazio con un nome a sorpresa che ha mandato in agitazione gli alleati, in primis il leader leghista che aveva parlato di accordi pre-elettorali da sottoscrivere davanti a un notaio. Ecco, l'ultima uscita del capo di Forza Italia sembra proprio una risposta, alla sua maniera, un avvertimento: "Occhio ragazzo..." - (VIDEO) 


Il segretario della Lega, Matteo Salvini, ha negato l'esistenza di accordi con Silvio Berlusconi sui ministri di un ipotetico governo di centrodestra o sulla possibilità di presentare l'ex comandante generale dei carabinieri, Leonardo Gallitelli, come candidato premier. "Questa è nuova, non l'avevo mai sentita a una riunione - ha spiegato Salvini -. Con Berlusconi non ne abbiamo mai parlato".

Il governatore leghista della Lombardia, Roberto Maroni, tuttavia, ancora una volta non proprio in linea col suo segretario, vede con favore - come riporta la Reuters - il nuovo impegno dell'ex premier in campagna elettorale e dice: "Berlusconi l‘ho definito immortale. Ho visto che ha lanciato come premier il generale Gallitelli, che io conosco bene perché è diventato comandante generale dei carabinieri nel 2009, quando ero ministro dell‘interno e lo stimo", ha detto Maroni a margine di un convegno sul trasporto cargo a Malpensa, riferendosi all'intervista del capo di Forza Italia da Fazio. "Berlusconi ha questa capacità straordinaria di tirar fuori dal cilindro ogni tanto queste cose, vuol dire che è tornato protagonista e ha iniziato la campagna elettorale", ha aggiunto. "Quando nel 2006 si impegnò l‘ultimo mese, quasi quasi portò il centrodestra a vincere, adesso si è impegnato tre-quattro mesi prima, quindi direi che è buon segno".

Riguardo alla richiesta del segretario della Lega Nord Matteo Salvini di una ratifica dal notaio dell‘accordo tra il Carroccio, Forza Italia e Fratelli d'Italia, che l‘ex-premier ha spiegato di non ritenere necessaria, Maroni ha detto di ricordare "quando fu Berlusconi a chiedere a Bossi di andare dal notaio, sono i corsi e ricorsi della storia...  Ma, a parte questo, Berlusconi ha detto una cosa importante: non andiamo dal notaio perché non siamo avversari ma alleati, quindi una stretta di mano può certamente sostituire una firma". 

Intanto, Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, tace sull'ultima uscita berlusconiana, ma sarebbe indispettita quanto Salvini e preoccupata per il rinnovato protagonismo del vecchio leone che non pare intenzionato a mollare la scena ai più giovani e ambiziosi alleati.

Da Forza Italia minimizzano sul nome di Gallitelli, lasciando intendere che si tratta solo di un profilo, per rendere l'idea. Il capogruppo azzurro alla Camera, Renato Brunetta, dice che è "stato fatto come esempio di un civil servant di straordinaria capacità, integrità, un amico". Già, un amico, uno che non ti porta dal notaio prima di fare un accordo politico. 

Insomma - pare di capire - Silvio ha voluto mandare un avvertimento a Matteo: "Stai bello tranquillo, ragazzo, ché è meglio per tutti...".

Salvini: "Aspettare la sentenza su Berlusconi? Meglio votare a marzo. Governeremo 10 anni. Bossi candidato? Se condivide il progetto nazionale..."

Intervista al segretario leghista sulle ipotesi di date per le prossime elezioni politiche. Tra le variabili in gioco anche l'atteso pronunciamento della Corte europea di Strasburgo sulla decadenza e l'incandidabilità dell'ex premier. Per il leader del Carroccio c'è da affrontare anche la questione legata al riottoso Senatur di cui non è affatto scontata la presenza nelle liste del partito - (VIDEO)


Altre dichiarazioni di Matteo Salvini oggi: "Chiederemo a Silvio Berlusconi e al centrodestra di fare un nuovo patto con gli italiani e chiederemo un impegno formale ai nostri alleati di fare liste pulite, al di sopra di ogni sospetto. E chiederemo l'impegno formale a chiunque venga eletto nelle liste del centrodestra di non appoggiare mai un governo con il Pd o con il centrosinistra, per evitare scherzi il giorno dopo del voto. Vogliamo che il patto sia scritto nero su bianco e poi portato dal notaio".

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS