Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 993

updated 1:11 PM UTC, Oct 13, 2018

Rifiutarono di eseguire torta pro-gay, la Corte Suprema britannica dà ragione ai pasticcieri. Ecco perché (e perché qualcuno si deve "ripigliare")

Rifiutarsi di scrivere "Sostieni i matrimoni gay" su una torta non è un atto discriminatorio. Lo ha deciso oggi la Corte Suprema britannica che ha ribaltato le opposte sentenze di primo grado e appello sul caso di una pasticceria di Belfast che nel 2014 non accolse la richiesta del cliente Gareth Lee: attivista omosessuale nordirlandese, aveva chiesto senza successo un dolce con su scritto "Support gay marriage". Il caso, molto simile a quello avvenuto nello stato americano del Colorado (per il quale la Corte Suprema Usa ha raggiunto di recente una simile conclusione), ha fatto molto discutere in Regno Unito. I giudici britannici hanno deliberato all'unanimità che la coppia di cristiani evangelici titolari della pasticceria Ashers, rifiutandosi di preparare la torta, non ha compiuto un atto discriminatorio: secondo la lettura della Corte Suprema, il no dei titolari è legittimo perché non si tratta di un attacco all'identità sessuale del cliente bensì rientra nella cornice della libertà di espressione, la quale a sua volta contempla la possibilità di non condividere una posizione politica o ideologica che, sempre secondo i giudici, recitava la scritta della torta: "Nessuno deve essere costretto a sostenere un'opinione politica che non gli appartiene". Ora il caso potrebbe finire alla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo. (Fonte: Repubblica)


Cosa ci insegna la (sacrosanta) sentenza di Belfast

Politicamente corretto versus libertà di espressione: una piccola lezione di giustizia e civiltà. E se il Medioevo fosse quello del pensiero unico? E se gli intolleranti fossero quelli che vogliono processare chiunque non si adegui ai "diritti" dominanti"? Riflettiamo. E fermiamoci un attimo prima di finire dentro un'Unione sovietica globale, un incubo che resta tale anche se ha i colori dell'arcobaleno.

Un suggerimento a quelli che, piatti e ripetitivi come le proprie ossessioni, invitano a "rileggere la Storia per non ricadere negli errori del passato": fatelo prima voi, senza saltare interi capitoli come siete abituati a fare. E non dimenticate il vecchio Orwell che aveva previsto tutto, compreso un mondo in cui "tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri".

Fabio Pasini

 

Immagine correlata

  • Pubblicato in Esteri

Lo spot elettorale del Pd: la famiglia si divide sul voto, ma poi arriva Renzi in bicicletta e... (VIDEO)

La scena è questa: all'interno di un'automobile una famiglia qualunque, composta da padre, madre e due figli giovani (un maschio e una femmina) discute delle elezioni del 4 marzo. Tutti sono convinti che sarà cosa buona e giusta votare Pd, tutti tranne il papà alla guida. Così la signora e i ragazzi cercano di far cambiare idea a quest'ultimo elencandogli quelli che sono presentati come i benefici dei governi a guida dem: gli 80 euro, il bonus cultura, la legge sulle unioni civili e quella sul biotestamento, eccetera. Nonostante l'appassionata perorazione dei familiari l'uomo è irremovibile: "Basta, tanto non mi convincete. Il Pd non lo voto". Tutto deciso dunque? Sembrerebbe, almeno fino a che un tizio in bicicletta, con marcato accento fiorentino, affianca la macchina e dice: "Sicuro sicuro? Pensaci dai...". E' lo spot elettorale del Partito Democratico, guest star... Matteo Renzi

 

Leader Ue a Roma, il premier gay del Lussemburgo: "Vi presento mio marito". La reazione di Mattarella

Xavier Bettel, primo ministro lussemburghese, con consorte al seguito, accolto dalle autorità italiane in occasione della cerimonia per il sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma. La faccia del capo dello Stato e il simpatico siparietto con l'omologo Gentiloni - (GUARDA IL VIDEO)


Apertamente gay, Xavier Bettel, si è sposato il 15 maggio 2015 al municipio della capitale, con il suo compagno Gauthier Destenay, diventato così, il primo Premier dell'Unione europea, ad essersi sposato con un partner dello stesso sesso. L'avvenimento ha fatto molto eco nei media americani ed europei. Durante il suo mandato Bettel ha promosso il disegno di legge in favore del matrimonio tra persone dello stesso sesso, poi approvato il 18 giugno 2014 dal Parlamento del Lussemburgo, con 56 voti a favore e 4 voti contrari. La riforma, promulgata dal capo dello Stato e pubblicata in gazzetta ufficiale nel luglio dello stesso anno, è entrata in vigore il 1º gennaio 2015.

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

12°C

Milano

Cloudy

Humidity: 87%

Wind: 6.44 km/h

  • 15 Oct 2018 15°C 8°C
  • 16 Oct 2018 16°C 8°C