updated 10:51 AM UTC, Nov 19, 2019
Super User

Super User

-6 giorni alle Elezioni europee: forti timori per i cambiamenti portati dall'attesa spinta dei populisti

Più di 400 milioni di elettori nei paesi dell'UE saranno chiamati alle urne dal 23 al 26 maggio, per eleggere un nuovo Parlamento europeo


Saranno le elezioni dei partiti populisti che dovrebbero registrare una nuova spinta verso l'alto grazie al problema scottante dell'immigrazione. Queste forze ostili all'Unione europea, tuttavia secondo i sondaggi, saranno ben lontane dall'ottenere la maggioranza, ma sicuramente contribuiranno allo sconvolgimento degli equilibri ormai storici dell'emiciclo europeo, dominato quasi ininterrottamente dal 1979 dai due maggiori partiti della destra e della sinistra europeista.

Ironia della sorte, il voto inizierà nel Regno Unito, costretto a votare perché il suo accordo sul distacco dell'UE non è ancora stato ratificato e si concluderà domenica, con il passaggio nella cabina elettorale degli elettori di paesi importanti come Germania, Francia, Italia e Spagna.

Verranno esaminati in particolare i voti dei partiti di estrema destra del National Rally di Marine Le Pen in Francia, della Lega di Matteo Salvini in Italia e del partito pro-Brexit di Nigel Farage nel Regno Unito.

Considerate dagli studiosi politici come le "elezioni per il run-off ", il rinnovo dei 751 membri eletti del Parlamento è anche tradizionalmente segnato da una forte astensione, grazie alla poca informazione e alla grande disinformazione, che non pongono questo voto come un ingranaggio essenziale nello sviluppo delle leggi europee.

Questo disinteresse degli elettori è aumentato costantemente dalle prime elezioni del 1979, l'astensione è aumentata dal 38% di quell'anno al 57,4% nel 2014 data delle ultime elezioni.

Secondo un sondaggio condotto da YouGov su 8.021 persone in otto paesi (Belgio, Francia, Germania, Italia, Spagna, Polonia, Ungheria, Svezia), pubblicato a maggio, l'immigrazione e la protezione dell'ambiente, due temi emersi in ambito locale, sono considerati le principali sfide per il futuro dell'UE.  


Quattro anni dopo la crisi migratoria del 2015 e sebbene il flusso degli arrivi abbia cessato la sua veloce corsa, la destra politica continua a focalizzare il suo discorso su questo tema, un tema che diventerà una linea di faglia sul continente europeo. Intanto i vertici della Lega Italiana con Matteo Salvini e i francesi del Rassemblement National di Marine Le Pen stanno tentando di creare un fronte comune delle forze nazionaliste che combatta l'immigrazione e la forte vocazione centralista dell'attuale Unione Europea.

Secondo le ultime proiezioni pubblicate da Parlamento europeo, sulla base di indagini nei 28 paesi, nella nuova Camera, il gruppo attuale, ENL salirebbe a 62 eletti (25 in più rispetto ad oggi), tra cui 26 italiani (20 Lega) e 20 francesi (5 RN). Aggiungendo gli anti-europeisti e l'ELDD (dove siedono il Movimento Cinque Stelle italiana o pro-Brexit britannico Nigel Farage), gli euroscettici CRE (costituiti dai conservatori britannici e del partito polacco PiS al potere Varsavia), questa proiezione dà un totale di 173 eletti.

"Attualmente, il Parlamento conta quasi il 25% di euroscettici e potrebbe arrivare al 35%", ha dichiarato Jean-Dominique Giuliani, presidente della Robert Schuman Foundation, "Non bloccherà il Parlamento, ma ci sarà un'irradiazione, un'influenza dei partiti di destra e di estrema sinistra nei temi che il nuovo parlamento metterà in discussione".

Inoltre, se questi partiti, che vogliono cambiare l'Unione europea dall'interno, possono avere intenti comuni in materia di immigrazione, sono ben lungi dall'essere d'accordo su altre importanti questioni, come ad esempio l'atteggiamento da avere sulla La Russia di Vladimir Putin o il rispetto delle regole in merito di stabilità economica.

Sempre secondo le ultime proiezioni pubblicate dal Parlamento europeo, le due grandi famiglie tradizionali, il PPE e i socialdemocratici (S&D) a sinistra, si potranno vedere depauperate di ben 37 poltrone, perdendo così la loro maggioranza. I verdi, che potrebbero beneficiare del movimento pro-clima, in particolare in Belgio e in Germania, otterrebbero 5 seggi. Quindi si potrebbero creare 3 macro gruppi che andrebbero a determinare la maggioranza a seconda del tema trattato.

Questo insieme di alleanze sarà cruciale per i futuri dirigenti europei, incluso il successore di Jean-Claude Juncker a capo della Commissione, che vedra chiudersi il suo mandato subito dopo le elezioni.

L'Italia potrebbe diventare il terminal di Belt and Road cinese, per il commercio nell'Europa meridionale

"Partnership Italia-Cina nella Nuova Via della Seta", un convegno che si è tenuto venerdì scorso, durante il quale funzionari ed esperti del governo italiano, hanno espresso il proprio sostegno all'iniziativa Belt and Road (BRI) proposta dalla Cina, discutendo sulla possibilità che l'Italia diventi il ​​terminale BRI cinese nell'Europa meridionale.


Partecipare al BRI potrebbe essere un'opportunità per unirsi a un nuovo percorso globale di multilateralismo concreto, ha affermato Manlio Di Stefano, Sottosegretario di Stato agli affari esteri e alla cooperazione internazionale, alla conferenza. "L'Italia è un terminal naturale per la nuova Via della seta" nonostante le forti pressioni subite durante i negoziati per firmare il Memorandum of Understanding (MoU) con la Cina, così da poter unirsi al BRI", ha commentato.

L'Italia ha il vantaggio di essere il primo paese del G7 a firmare un MoU, "anche se questo vantaggio non durerà per sempre e il tempo non va sprecato, il governo (italiano) guarda in modo molto positivo agli accordi siglati con la Cina, dobbiamo restare sul campo", ha aggiunto il sottosegretario.

Tra gli esperti presenti alla conferenza, Vladimiro Giacche, presidente del think tank italiano Centro Europa Ricerche (CER), ha dichiarato che BRI è l'unico progetto che punta a rilanciare la crescita con investimenti reali dopo la crisi finanziaria del 2008. Secondo un'analisi condotta dal CER, il BRI potrebbe liberare il potenziale del commercio internazionale rafforzando la connettività, ha detto Giacche.

Marco Donati, General Manager di COSCO Shipping Lines Italia, ritiene che l'obiettivo del BRI non diventerà quello di colonizzare, questo perché "la cultura cinese non ha il concetto di colonizzazione". Secondo Donati, i miglioramenti logistici del BRI andranno a vantaggio di entrambi i paesi e tale vantaggio logistico sarà fondamentale affinché l'Italia diventi competitiva a livello globale, considerando la sua economia centrata sull'esportazione.

"Per COSCO, l'Italia è il secondo paese più importante in Europa, secondo solo alla Germania, e ci stiamo avvicinando", ha affermato Donati.

Alla chiusura della conferenza, il senatore Vito Petrocelli, capo della commissione per gli affari esteri del Senato, ha sottolineato il possibile ruolo che il BRI svolgera nell'aiutare l'Italia a ridurre il divario di sviluppo Nord-Sud, a rafforzare gli scambi tra le persone e a promuovere la cooperazione in terza paesi. La presenza del primo ministro italiano Giuseppe Conte al secondo Forum Cintura e Strada per la cooperazione internazionale a Pechino in aprile è una prova sufficiente del riconoscimento italiano del BRI.

Petrocelli ha inoltre dichiarato che l'Italia è pronta a diventare il terminal di BRI nel sud Europa, non solo nella distribuzione di merci, perché "New Silk Road" significa anche cooperazione tra le persone.

All'evento, organizzato dal gruppo parlamentare italiano, Unione Interparlamentare di Amicizia Italia-Cina, ha partecipato anche l'ambasciatore cinese in Italia Li Ruiyu, che ha sottolineato la necessità sia dell'Italia che della Cina di coltivare la corretta strada, espandere la connettività delle infrastrutture e creare nuove canali per gli scambi tra le persone.

Negli ultimi sei anni, il commercio totale tra Cina e altri paesi che hanno partecipato al BRI ha superato i 6 trilioni di dollari, e gli investimenti della Cina in questi paesi hanno superato gli 80 miliardi di dollari, con quasi 300.000 posti di lavoro creati finora, secondo i dati ufficiali.

Il riscaldamento globale e lo scioglimento dei ghiacci, ora mettono a rischio l'esistenza dell'uomo

L'improvviso scioglimento dei ghiacci nell'Artico, potrebbe raddoppiare il riscaldamento dovuto ai gas serra, a causa delle molteplici sostanze chimiche e pericolose rilasciate dalla tundra.


Questo è chiaro: l'Artico si sta riscaldando velocemente e i terreni congelati iniziano a scongelarsi, spesso per la prima volta in migliaia di anni. Ma come ciò accade e cosa succede veramente durante lo scioglimento del ghiaccio?

Quando la temperatura del terreno sale sopra lo zero, i microrganismi distruggono la materia organica nel terreno. I gas serra - tra cui anidride carbonica, metano e protossido di azoto - vengono rilasciati nell'atmosfera, accelerando il riscaldamento globale. I suoli nella regione del permafrost contengono il doppio di carbonio di quanto ne contiene l'atmosfera, quasi 1.600 miliardi di tonnellate.

Quale frazione del permafrost si decomporrà per prima? Il Carbonio sarà rilasciato all'improvviso, o filtrerà lentamente? Queste sono solo le prime due domande alle quali gli scienziati vogliono trovare risposte, prima che il danno ci porti al punto di non ritorno.

Gli attuali modelli di rilascio di gas serra e clima presuppongono che il permafrost si disgeli gradualmente dalla superficie verso il basso. Gli strati più profondi di materia organica saranno esposti per decenni o addirittura secoli e alcuni modelli stanno già iniziando a seguire questi lenti cambiamenti.

Ma i modelli stanno ignorando un problema ancora più preoccupante. Il terreno ghiacciato non blocca solo il carbonio: tiene fisicamente insieme il paesaggio. Attraverso le regioni artiche e boreali, il permafrost sta collassando improvvisamente, le sacche di ghiaccio al suo interno si stanno sciogliendo velocemente. Invece di pochi centimetri di terreno che si scongelano ogni anno, diversi metri di terreno possono essere destabilizzati in pochi giorni o settimane. La terra può affondare o essere inondata da improvvisi laghi e zone umide.

Lo scongelamento improvviso del permafrost è drammatico. Tornando ai siti in Alaska, ad esempio, spesso scopriamo che le terre che erano state ricoperte da foreste un anno fa sono ora coperte da laghi. I fiumi che una volta scorrevano liberi sono densi di sedimenti. I fianchi delle colline possono liquefare, a volte portando con sé attrezzature scientifiche sensibili.

Questo tipo di scongelamento è un problema serio per le comunità che vivono attorno all'Artico. Le strade si piegano, le case diventano instabili. L'accesso ai cibi tradizionali sta cambiando, perché sta diventando pericoloso viaggiare attraverso la terra per cacciare.

Fonti: rif. 2 & G. Hugelius et al. Biogeosciences 11 , 6573-6593 (2014)

In breve, il permafrost si sta sciogliendo molto più rapidamente di quanto i modelli hanno previsto, con conseguenze sconosciute per il rilascio di gas serra.

Come stanno operando i ricercatori

Il permafrost è un terreno perennemente ghiacciato. È composto da terra, roccia o sedimenti, spesso con grossi pezzi di ghiaccio mescolati e circa un quarto della terra nell'emisfero settentrionale è completamente congelato. Il carbonio si è accumulato in questi terreni ghiacciati per millenni perché il materiale organico proveniente da piante morte, animali e microbi non si è decomposto.

I modellatori cercano di proiettare quanto di questo carbonio verrà rilasciato quando il permafrost si scongelerà. È complicato: per esempio, hanno bisogno di capire quanta parte del carbonio presente nell'aria sarà assorbita dalle piante e restituita al suolo, reintegrando parte di ciò che è stato perso. Le previsioni suggeriscono che il lento e costante scongelamento rilascerà circa 200 miliardi di tonnellate di carbonio nei prossimi 300 anni considerando uno scenario di riscaldamento tradizionale come quello attuale. 

Ma questa potrebbe essere una vasta sottostima, perché circa il 20% delle terre ghiacciate presenta caratteristiche che aumentano la probabilità di scongelamento improvviso, grandi quantità di ghiaccio nel terreno o pendenze instabili. Qui il permafrost si scioglie rapidamente e in modo irregolare, innescando frane e rapida erosione. Le foreste possono essere allagate, distruggendo grandi aree di foresta. I laghi che sono esistiti per generazioni rischiano scomparire oppure le loro acque possono essere dirottate.

Uno scienziato conduce ricerche su un lago ghiacciato con il metano che si raccoglie sotto il ghiaccio

Il problema principale è che queste instabili regioni tendono anche a essere le più ricche di carbonio. Ad esempio, 1 milione di chilometri quadrati di Siberia, Canada e Alaska contengono sacche di Yedoma - depositi spessi di permafrost dell'ultima era glaciale, questi depositi sono spesso formati al 90% di ghiaccio, rendendoli estremamente vulnerabili al riscaldamento terrestre. Inoltre, a causa della polvere glaciale e delle praterie che si sono trasformate in paludi, i depositi di Yedoma rischiano di disperdere nell'atmosfera circa 130 miliardi di tonnellate di carbonio organico - l'equivalente di oltre un decennio delle emissioni globali di gas serra umano.

I laghi e le zone umide rimangono una grande parte del problema perché rilasciano grandi quantità di metano, un gas serra che è molto più potente della CO 2. Anche l'erosione delle colline e delle montagne è un problema: quando le colline si scongelano e si disgregano, molta CO2 viene rilasciata.

Viene stimato che lo scongelamento permanente del permafrost nei laghi e nelle zone umide di pianura, insieme a quello nelle colline montane, potrebbe liberare tra i 23 e i 100 miliardi di tonnellate di carbonio entro il 2300. Ciò si aggiunge ai 200 miliardi di tonnellate di carbonio che dovrebbero essere rilasciati in altri regioni che si scioglieranno gradualmente. Sebbene lo scongelamento improvviso del permafrost si verifichi in meno del 20% dei terreni ghiacciati, aumenta le proiezioni di rilascio del carbonio permafrost di circa il 50%. Lo scongelamento graduale colpisce la superficie del terreno ghiacciato e penetra lentamente verso il basso. Il collasso improvviso rilascia più carbonio per metro quadrato perché interrompe le scorte in profondità negli strati congelati.

Inoltre, poiché lo scongelamento improvviso rilascia più metano rispetto al disgelo graduale, gli impatti climatici dei due processi saranno simili. Quindi, insieme, gli impatti dello scongelamento del permafrost sul clima terrestre potrebbero essere il doppio di quelli attesi dai modelli attuali.

La stabilizzazione del clima a +1,5 ° C di riscaldamento richiede massicci tagli alle emissioni di carbonio delle attività umane; le emissioni di carbonio in più derivanti da uno scongelamento dell'Artico, oggi lo rendono ancora più urgente.

 

Laghi Thermokarst che coprono il paesaggio della tundra lungo la costa artica nel National Petroleum Reserves, Alaska.

Laghi Thermokarst lungo la costa artica dell'Alaska, che si formano quando il ghiaccio e il permafrost si sciolgono. Credito: Steven Kazlowski / NPL

 

 

Non possiamo impedire il brusco scongelamento del permafrost. Ma possiamo provare a prevedere dove e quando è probabile che accada, per consentire ai responsabili delle decisioni e alle comunità di proteggere persone e risorse. Ridurre le emissioni globali potrebbe essere il modo più sicuro per rallentare l'ulteriore rilascio di carbonio permafrost nell'atmosfera. Manteniamo quel carbonio al suo posto - congelato in sicurezza nei meravigliosi terreni del nord.

Pesticidi, il gioco tossico della Commissione europea per indebolire le leggi che li vietano

Il quotidiano francese "Libération" svela il contenuto di documenti riservati, ottenuti grazie alla giustizia europea, che mettono in luce le manipolazioni di Bruxelles per aggirare la legislazione sull'autorizzazione dei biocidi.


La legislazione dell'UE in materia di autorizzazione all'uso di biocidi (pesticidi ed erbicidi) era unica per il suo alto livello di protezione, si basava sul principio della possibilità di pericolo, vale a dire che se una sostanza potrebbe potenzialmente essere pericolosa per la salute umana, veniva vietata, senza considerare in che misura sarebbe potuta diventare pericolosa o le condizioni in cui questo pericolo si sarebbe evidenziato.

Questo principio, che mette la salute prima degli interessi commerciali, ovviamente non faceva piacere a tutti. Soprattutto non gli industriali che stanno facendo pressioni su Bruxelles per smantellare o spacchettare questa legge. Al punto che membri "convincenti" della Commissione europea stanno cercando di indebolire e modificare la legislazione, senza chiedere prima il parere dei cittadini. Questo è ciò che rivelano circa 660 documenti riservati (solo alcuni sono disponibili on-line), pubblicati dall'ONG Pesticide Action Network grazie all'autorizzazione della Corte europea, dopo due anni di scontri e processi. Il quotidiano francese Libération ha ieri pubblicato uno stralcio di questi documenti.

Scritte in un gergo tecnocratico specifico per le eminenze grigie di Bruxelles, queste e-mail e documenti di lavoro, parzialmente redatte e in inglese, rivelano come il segretariato generale della Commissione, sostenuto dalle Direzioni generali (DG) dell'agricoltura, dalle aziende, dal libero mercato e persino della salute hanno tentato di indebolire i criteri per la definizione degli interferenti endocrini ovvero dei BIOCIDI. Nuove definizioni che si volevano aggiungere alla attuale normativa europea, così da autorizzare l'uso dei pesticidi in modo incondizionato e non regolamentato.

La definizione finale di questi criteri è stata pubblicata solo il 19 aprile 2018, alla fine di un articolato e ben redatto studio d'impatto, questo studio doveva dare il via all'aggiunta di nuovi piccoli articoli e commi che in qualche modo avrebbero modificato il testo di legge, permettendo escamotage per l'uso di Biocidi. In un'e-mail datata 6 marzo 2014 indirizzata ai membri delle direzioni dell'ambiente e della salute e al Segretario Generale della commissione, i funzionari, coinvolti in questa losca manovra, hanno espresso esplicitamente i loro obiettivi: "Lo studio per la nuova definizione di legge, non mette direttamente in discussione la validità della legislazione originale ma fornisce un'analisi che giustifica il suo cambiamento". In poche parole cambiamo la legge per rendere legale l'uso dei pesticidi.

Il 24 gennaio dello stesso anno, il CEO della società che produce su vasca scala Pesticidi e Biocidi, in una e_mail inviata alla Direzione Generale della Commissione Salute, rilevava le sue intenzioni : "Poiché lo studio sull'impatto include varie opzioni che richiedono cambiamenti nelle leggi, non v'è alcun motivo per non includere nella Legge la definizione "valutazione del rischio", rimuovendo la definizione "valutazione del pericolo" [normativa vigente, ndr]". Una modifica che avrebbe indebolito le maglie della restrizione, passando il principio del rischio e non quello del pericolo.

L'approccio alla valutazione, basato sui rischi e non sui pericoli è la moda dell'industria agrochimica. Permette di stabilire un certo livello di rischio e quindi di autorizzare in modo incondizionato la vendita della sostanza, mentre secondo la normativa vigente, il minimo sospetto di pericolo per l'uomo ne comporta il divieto. La strategia ha funzionato. Tra le varie opzioni proposte nello studio d'impatto, quella che sembra essere la più favorevole è l'opzione 4, la cui conclusione è rivelatrice: "se saranno consentiti più pesticidi, sarà meglio per i cittadini europei."

Hans Muilerman, esperto di politiche chimiche europee per la rete di azione dei pesticidi, afferma che non vi è dubbio che i documenti trovati, rivelano la manipolazione della procedura, per soddisfare gli interessi di una parte della Commissione europea: "Questi sistemi sono contrari al processo democratico dell'UE. Non è compito della Commissione modificare la legislazione votata dagli Stati membri e dal Parlamento. Deve solo applicarla in modo equo e scientifico".

È il governo svedese che ha portato la giustizia europea contro la Commissione. Dopo un giudizio a suo favore, Asa Romson, allora Ministro dell'Ambiente svedese, ha persino lanciato, il 4 gennaio 2016, in una lettera, un avvertimento alle alte autorità di Bruxelles che li invitava a cambiare il loro comportamento. "La Corte [europea] ha concluso che i criteri per la determinazione del disturbo endocrino devono essere basati esclusivamente sulla scienza [...] e non su considerazioni economiche, Spero che la Commissione adotterà le misure necessarie per rispettare i trattati e rispettare la legittima aspettativa dei cittadini europei, secondo cui l'UE protegge la salute umana e l'ambiente dalle minacce degli interferenti endocrini."

Al di là delle manovre del Segretariato generale, la cosa più preoccupante è che questi documenti portano alla luce, gli sforzi deliberati della Direzione generale della Sanità europea, la cui essenza è proteggere i cittadini dai rischi per la salute, di indebolire invece la guardia europea. Nel corso di una riunione svoltasi il 4 aprile 2016 a Bruxelles, il dipartimento della sanità rifiutò di prendere in considerazione le osservazioni del direttore dell'ambiente, che aveva avuto solo due giorni e mezzo per consultare il progetto di studio a lungo impatto, di oltre 300 pagine. Quest'ultimo venne anche respinto quando chiese che le conclusioni della sentenza della Corte europea contro la Commissione, fossero prese in considerazione nella valutazione dello studio d'impatto (pro Pesticidi) presentato.

Dopo un aumento di pressione da parte del Parlamento europeo, le nuove definizioni di interferenti endocrini sono state adottate e applicate a tutte le autorizzazioni di pesticidi da dicembre. Solo "con il pretesto della semplificazione, la Commissione europea continua i suoi sforzi per indebolire la legislazione del 2009 attraverso la sua riforma chiamata Refit", avverte l'eurodeputato Hans Muilerman: "Le sue azioni sono in linea con le richieste dell'industria e di paesi come gli Stati Stati Uniti, i cui sforzi di lobbying raggiungono livelli inimmaginabili."

L'eurodeputato socialista Eric Andrieu in una seduta del Parlamento europeo dichiara: "L'attuale Commissione continua la sua linea politica liberale in cui gli interessi commerciali vanno prima della protezione della salute e dell'ambiente. Il nostro lavoro evidenzia come i giganti delle industrie agrochimiche si siano infiltrati insidiosamente nel processo di convalida dei pesticidi nel corso degli anni. Il loro potere è tale da rappresentare un pericolo per la democrazia europea. Il Parlamento dovrebbe avere più mezzi di pressione per contrastare o bloccare l'esecutivo europeo."

Charlotte Lepitre, coordinatore della rete di ONG Salute Ambiente, dichiara che: "Attualmente, un altro difetto del processo è che non vi sono più riscontri sui dati tossicologici,  la validazione del prodotto non viene più fatta in base ai suoi riscontri tossicologici, che in precedenza dovevano avere valenza zero. Pertanto le sostanze sono consentite senza conoscerne i loro potenziali effetti sulla salute nel lungo periodo. Solo quando vengono utilizzati e diffusi nell'ambiente, se c'è la farmacovigilanza, scopriamo il loro impatto."

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C