Log in
updated 2:08 PM UTC, Jul 8, 2020

Coronavirus, il governo sapeva dei rischi della pandemia e ha taciuto? Le scioccanti rivelazioni su un documento segreto scuotono la politica. Fontana: "Conte chiarisca". E il Copasir chiede le carte

"Il governo era al corrente dei rischi della pandemia ma li ha tenuti segreti. L'ha detto il direttore generale del ministero della Sanità, Urbani, parlando di un piano riservato. Sono rivelazioni gravissime: è la verità? L'Italia e la Lombardia hanno il diritto di sapere. Chiedo chiarimenti al presidente del Consiglio Giuseppe Conte". Lo scrive sulla sua pagina Facebook il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana

Coronavirus, Attilio Fontana in diretta: «Medici in arrivo. Bene ...


IL PIANO SEGRETO DEL GOVERNO - RASSEGNA STAMPA

Un piano nazionale per combattere l'emergenza coronavirus, che proiettava scenari così drammatici tanto da spingere il governo a tenerlo segreto. A rivelarlo è un'inchiesta del Corriere della Sera, ma la notizia è stata confermata anche da una nota del Ministero delle Salute, guidato da Roberto Speranza.

Il 22 gennaio, il ministro Speranza aveva riunito la prima task force contro il Covid-19. Quel giorno, ha spiegato il ministro a Cartabianca, su Raitre, "abbiamo iniziato a lavorare ed è stato elaborato uno studio ipotetico in caso di arrivo del virus. Era articolato su varie ipotesi, migliori e anche largamente peggiori", rispetto a quello che poi si è verificato in Italia. La prima elaborazione dello studio, a cura della Direzione programmazione del Ministero della Salute, dell'Istituto superiore della Sanità e dell'Inmi Spallanzani, risale a febbraio, quando "sono state indicate anche alcune misure di reazione". Gli esperti avevano fatto una previsione sui possibili scenari dell'epidemia e dell'impatto che l'emergenza avrebbe potuto avere sul sistema sanitario, "identificando una serie di eventuali azioni da attivare in relazione allo sviluppo degli scenari epidemici, al fine di contenerne gli effetti".

 La prima versione di questo studio risale al 12 febbraio, quando ancora l'Italia non era in emergenza e i contagiati erano solamente 3, tutti provenienti dalla Cina. Il documento è stato presentato al Comitato tecnico scientifico per essere approfondito: "In quella fase- precisa il ministro Roberto Speranza in una nota-tutti i lavori del Comitato Tecnico-Scientifico si sono svolti in forma riservata". Il piano elaborato a febbraio "ha poi contribuito alla definizione delle misure e dei provvedimenti adottati a partire dal 21 febbraio, dopo la scoperta dei primi focolai italiani". Così il ministro si difende da chi ha accusato il governo di aver tardato gli interventi per contenere la diffusione del coronavirus. Nonostante il governo avesse già tra le mani diversi scenari, anche drammatici, sulla possibile situazione italiana, il decreto che decide per il lockdown in tutta Italia è arrivato a marzo, quando tutto il Paese è stato dichiarato zona rossa. A metà febbraio, quindi, il governo aveva già un piano, indicante gli scenari anche drammatici che avrebbe potuto causare l'epidemia e le misure per reagire. Ma l'Italia intera viene messa in quarantena solamente a marzo.

"Penso sia stato un merito aver elaborato questo studio- ha precisato il ministro-Il 21 febbraio abbiamo firmato l'ordinanza nell'area del Lodigiano, eravamo pronti proprio perché avevamo fatto uno studio di previsione. Quello che abbiamo capito subito è che bisognava intervenire con durezza, altrimenti il prezzo anche in termini di vite sarebbe stato molto più salato di quello che già stiamo pagando". Tra gli scenari contenuti nelle 55 pagine del dossier, infatti, ne era stato previsto anche uno peggiore rispetto alla situazione attuale, che si sarebbe potuto verificare nel caso in cui "il nostro Paese non avesse scelto di fermare i motori dell'economia, isolare le zone rosse e chiudere in casa le persone". Infatti, nel terzo scenario preso in considerazione, il più catastrofico, costruito con i modelli matematici dei contagi in atto a Wuhan, il tasso di contagiosità (R0) era stimato come superiore a 2. In quel caso, secondo quanto ha raccontato il direttore generale della Programmazione sanitaria, Andrea Urbani, al Corriere, i morti sarebbero potuti essere "tra 600mila e 800mila".

Il piano non è stato reso noto. Il motivo, secondo quanto spiega Urbani al quotidiano, sarebbe stato quello di "non spaventare la popolazione e lavorare per contenere il contagio". I numeri, infatti, erano allarmanti. E non si tratterebbe solamente di quelli riguardanti le possibili vittime, ma anche quelli sui posti letto in terapia intensiva: "La nota ufficiale non lo dice- si legge nell'articolo del Corrierema tra le pagine più allarmanti del documento ci sono quelle che stimano la necessità di posti letto in rianimazione e terapia intensiva". (Da: il Giornale)

 

Il Copasir chiederà "immediata acquisizione" del documento secretato in ordine all’epidemia da Coronavirus esistente presso il ministero della salute. E’ quanto fa sapere lo stesso Comitato al termine della seduta di oggi dove sono stati approfonditi vari temi connessi anche con l’emergenza coronavirus e alla App Immuni.

Il presidente del Copasir, Raffaele Volpi, ha inoltre reso noto che sentirà in audizione il ministro della Salute Roberto Speranza, il ministro dell’Innovazione Paola Pisano, il direttore del Dis, generale Gennaro Vecchione e Roberto Baldoni, vicedirettore per la cybersicurezza del Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza della Presidenza del Consiglio nell’ambito dell’approfondimento sull’emergenza.

"Alla luce delle connessioni evidenti tra la persistenza dell’emergenza del Coronavirus e le implicazioni con la sicurezza della Repubblica legate alle circostanze connesse con tale emergenza", il Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica ha altresì deciso "di intensificare le proprie convocazioni e il ciclo delle attività ad esso connesse". (Da: Adnkronos)

 

"Caro sindaco Sala, dice che 'non è tempo di polemiche' ma ogni giorno attacca Fontana. E noi milanesi non dimentichiamo quella maglietta..."

Riceviamo e pubblichiamo un'altra lettera indirizzata al sindaco di Milano, Giuseppe Sala, protagonista ancora oggi di una polemica nei confronti dell'amministrazione di Regione Lombardia


Egregio Sig. Sindaco,

un ulteriore quesito sorge spontaneo nelle menti di parecchi cittadini milanesi, cui tocca assistere, anche oggi, al Suo quotidiano siparietto on line: Lei è lo stesso amministratore che, del tutto improvvidamente, alle soglie di un disastro epocale, invitava i medesimi milanesi a farsi un bell'aperitivo in Darsena o in Sarpi, con indosso un'imbarazzante maglietta con la scritta "Milano non si ferma"?
Ed è lo stesso amministratore che, a giorni alterni, afferma che "non sia, questo, il tempo delle polemiche"?
L'allusione, poi, alle mosse della Lombardia dettate da Salvini (e il sottoscritto è lontanissimo dal pensiero leghista) appare ancor più banale laddove si rammenti come, lo stesso governo che Lei apprezza tanto, in più di un'occasione, nel pieno dell'emergenza, ha dovuto adeguarsi alle ordinanze lombarde, assai più accorte e stringenti.
Sono molti i cittadini, qualora Le importi ovvio, che mal sopportano il Suo quotidiano atteggiamento, diviso tra un costante protagonismo e la polemica inutile (naturalmente a senso unico).
La ringrazio per gli indispensabili chiarimenti che vorrà offrire a beneficio dei milanesi tutti.

C.B.

La rosa di Brera e le calze di Sala - Il Foglio

Coronavirus, l'amarezza di Gallera per lo sciacallaggio politico e mediatico: "Assisto disgustato a una gigantesca deformazione della realtà. Ho sempre agito per salvare la vita alle persone"

Nessuna critica al governo Conte, dimostratosi inadeguato e insensibile su molti fronti, e contemporanea aggressione alla Lombardia investita dall'emergenza. E' questa la percezione che ha in questi giorni la Regione retta da Attilio Fontana. Le reazioni da parte dell'amministrazione lombarda sono state finora molto contenute e sobrie, stante una situazione ancora tutta da risolvere in una quasi assoluta solitudine, ma ora si fa intendere che la misura è colma. Lo sfogo social dell'assessore al Welfare, "omaggiato" di un tiro al bersaglio personale che non si aspettava e che crede in cuor suo di non meritare


 Bollettino Lombardia Coronavirus 22 marzo/ Diretta video: 27206 ...

"Leggo stupito e molto amareggiato gli articoli che appaiono in questi giorni su importanti giornali. Assisto poi disgustato a molteplici azioni di gigantesca deformazione della realta' e di sciacallaggio politico e mediatico". A scriverlo su Facebook l'assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera.

"Dal 20 febbraio - ha aggiunto - viviamo la piu' grande emergenza sanitaria che la Lombardia abbia mai vissuto. Nel mio ruolo di assessore al Welfare dal primo momento ho dedicato tutto le mie forze, le mie capacita', le mie energie fisiche e psichiche a fronteggiarla e a combatterla. Sono stati e sono ancora momenti pieni di tensione, rabbia, frustrazione e sofferenza. Abbiamo dovuto prendere decisioni difficili in tempi ristretti ma bisognava salvare la vita alle persone. Trovare un respiratore o una CPAP per far respirare chi non ce la faceva piu', recuperare mascherine e camici per i nostri operatori sanitari, fare in modo che le autoambulanze trovassero un pronto soccorso dove portare i pazienti e una barella su cui sdraiare chi soffriva, organizzare le visite domiciliare delle unita' speciali di continuita' assistenziale, attivare il telemonitoraggio dei pazienti a domicilio, cercare di ampliare il piu' possibile la capacita' di fare tamponi per soddisfare al massimo le tantissimi esigenze diagnostiche". 

I dati "sono in miglioramento" ma non è finita. "Io continuo il mio lavoro con immutata determinazione e motivazione - ha aggiunto - e guardo con distacco a quanti 'col senno di poi' dalle comode scrivanie o dai divani di casa sputano sentenze e veleno. Noi siamo stati e siamo in trincea e non agiamo ne abbiamo mai agito per compiacere i 'professori del giorno dopo' ma sempre e solo per soffocare la diffusione del Coronavirus e salvare la vita ai lombardi".

Coronavirus, situazione stabile in Lombardia, respira anche Milano. Gallera: "Dobbiamo pensare al domani e progettare la riapertura"

I dati diffusi dalla Regione Lombardia sull'andamento dell'emergenza sanitaria. I decessi a quota 11.142. Flessione dei ricoveri nelle terapie intensive: meno 21. A Milano città sono stati 57 i nuovi contagi contro i 296 del giorno precedente


In Lombardia i positivi al coronavirus sono 61.326 (+1012 rispetto a ieri). Il numero dei ricoverati in regione è cresciuto di +49 (per un totale di 12.067 persone). Cala il numero dei ricoveri in terapia intensiva: - 22. I dimessi crescono di 399 (17.821). Per auanto concerne il dato dei decessi, oggi il totale ha raggiunto quota 11.142 (+241, in lioeve flessione rispetto a ieri). "La Lombardia è stata la prima che ha chiesto misure rigide e di blocco di una serie di attività - ha spiegato l'assessore al Welfare Giulio Gallera, presentando i dati odierni -. Oggi al pronto soccorso si presentano più persone con sintomi diversi da Coronavirus, che pazienti con sintomi Covid. Non possiamo abbassare la guardia, soprattutto in zone come Milano. Se non avessimo preso misure di contenimento con densità di popolazione del Milanese, poteva esserci un'ondata devastante. Questo non è successo. Le misure che abbiamo messo in campo - compreso ospedale in Fiera - non sono servite per ricoverare centinaia di persone, fortunatamente". 

Gallera: ora dobbiamo progettare riapertura

Molto dibattuta in questi giorni la questione dei tamponi. "Il numero dei tamponi positivi continua ad essere stabile e non in netto calo rispetto agli altri dati - ha spiegato Gallera -. Noi abbiamo iniziato a tamponare operatori sanitari con un sintomo, operatori sistema socio sanitario con un sintomo, pazienti sintomiaci di Rsa e persone che finita quarantena devono tornare a domicilio. Il dat dei positivi racconta allargamento dei tamponi fatti, il polso del contagio lo abbiamo da chiamate 112 e pressione su pronto soccorso e ricoveri. Con questo virus dovremo imparare a convivere perché la scienza ci dice che pandemie vanno a ondate, dobbiamo evitare nuova esplosione dei focolari. Ma vuol dire che stiamo iniziando a pensare a come riprendere la nostra vita. Dobbiamo pensare al domani e progettare la riapertura". 

I dati delle province

Nella provincia di Milano i casi risultati positivi al coronavirus sono 14.350, 189 più di ieri (+481 il giorno prima). Di questi, 5.914 nel capoluogo lombardo, 57 più di ieri (+296 il giorno prima). Oltre a quella di Milano, le province con più casi sono Bergamo (10.426 casi, +35), Brescia (11.093 casi, +125) e Cremona (5.172 casi, +227).

Il comitato dei 23 saggi

Venerdì è partito il comitato tecnico-scientifico con 23 esperti, "insieme a loro stiamo mettendo a punto le vari azioni su test e rafforzamento del territorio".  Il 'Comitato dei saggi' discuterà le fasi che seguiranno l'attuale situazione di emergenza sanitaria in Regione. Il comitato è composto dai rettori di Statale, Cattolica, Politecnico di Milano, Bicocca, Bocconi e dal presidente del Comitato regionale di coordinamento delle università di 
Lombardia, in rappresentanza di tutti gli altri atenei regionali.  La prima riunione si è svolta in teleconferenza, alla presenza del vicepresidente Fabrizio Sala e di altri componenti della giunta regionale.  "Il Comitato - ha spiegato Palazzo Lombardia - avrà il compito di fornire al 'Tavolo per lo Sviluppo' di Regione Lombardia, al quale siedono tutti i rappresentanti delle categorie sociali e produttive, un progetto che, nell'analizzare temi economici, sociosanitari, scientifici e culturali, dare indicazioni per la ripartenza della Lombardia sul medio e lungo periodo. Tale progetto dovrà tener conto, della specificità lombarda, puntando su innovazione e inclusione", ha concluso la Regione.

Insediata commissione su Rsa

"La commissione che abbiamo istituito su Rsa si è insediata, ha iniziato i suoi lavori - ha detto Gallera - Vogliamo che ci sia un quadro indipendente e autorevole, che possa raccontare cosa è successo nel socio-sanitario in questi mesi e se ci sono stati errori. Una commissione indipendente che lavorerà in maniera intesa e restituirà in maniera trasparente i risultati".

I test sierologici 

"Inizieremo test sierologici, questo raddoppierà o triplicherà capacità intervento - ha detto Gallera -. E' un test più veloce e affidabile perché consente di vedere presenza di anticorpi e se sono immunizzanti. La capacità di effettuare questi test è tra i 10/15mila, forse 20mila. I target sono chi deve rientrare a lavorare: operatori sanitari e cittadini che hanno finito quarantena. Andranno fatti su tutta regione, partendo da alcune zone dove c'è più gente in quarantena ma sarà esteso anche ad altre città, anche Milano. 

 
  • Pubblicato in Salute

Coronavirus, in Lombardia diminuzione lenta ma si vede la luce. Fontana: "Presto la discesa verticale. La Regione ha seguito tutti i protocolli"

Ancora alti i dati del contagio a Milano e provincia: i casi accertati sono 13.682 con +412. Il governatore: "Abbiamo fatto un periodo di discesa moderata io sono convinto che presto inizierà una discesa più intensa, violenta e verticale e si interromperà il contagio"


"Sono convinto, anche se i numeri sono ancora un po' così, che presto inizierà la discesa verticale. Abbiamo fatto un periodo di discesa moderata, ma sono convinto che inizierà una discesa più intensa, più violenta e verticale e che si interromperà il contagio". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, a Centocittà su Radio1 a proposito dell'emergenza coronavirus. Negli ultimi giorni a Milano e in Lombardia "la situazione è andata bene, la gente ha capito la necessità di rimanere a casa e che se tutti quanti facciamo questo sforzo molto probabilmente riusciremo a interrompere questo contagio", ha aggiunto.

Il virus "è stato particolarmente violento in Lombardia, perché molto probabilmente stava circolando nel nostro territorio già da parecchi giorni. Altrimenti non si spiegherebbe questa ondata di una violenza inaudita che non ha in alcun modo potuto essere controllata, ha continuato.

"Noi abbiamo seguito tutti i protocolli e abbiamo fatto le scelte in accordo con l'Iss, abbiamo dovuto ricorrere all'ospedalizzazione, perché da noi se la gente non veniva ospedalizzata non riusciva a sopravvivere. vorrei capire quali sono le contestazioni sugli errori commessi".

In vista del 4 maggio "aspetteremo quello che ci diranno i nostri esperti, i nostri epidemiologi, per capire l'andamento di questa curva che sta rallentando, ma molto molto adagio. Io ero convinto che rallentasse più velocemente. Ma mi auguro che sia una questione di giorni". "Mi auguro che presto si vedano gli effetti benefici di questa chiusura, perché stiamo ancora vivendo le code del periodo in cui invece eravamo semichiusi".


In Lombardia le persone positive al coronavirus sono arrivate a quota 59.052 con un aumento di 1460 casi. La vigilia di Pasqua si è registrato un aumento di 1.544 casi. I decessi sono arrivati a 10.621, con una crescita di 110 mentre, sabato 11 aprile, c'erano stati 273 morti in più. Calano anche i ricoveri che sono arrivati a 11.969, con una riduzione di 57 posti mentre i ricoverati in intensiva sono 1.176, con un aumento di 2. 

A Milano il contagio corre

Ancora alti i dati del contagio a Milano e provincia: i casi accertati sono 13.682 con +412: "un dato che non possiamo ancora considerare sotto controllo" ha sottolineato l'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera. A Milano città i nuovi casi sono 193 (sabato eranoi 262) per un totale di 5.561.Per questo, l'assessore ha raccomandato ai milanesi di non scendere nelle aree comuni dei propri palazzi, facendo ad esempio giocare i bambini. "Non bisogna scendere nelle parti in comune dei giardini di Milano, lì c'è comunque una diffusione del virus. Le strade a Milano sono vuote, sia ieri che oggi, ma il dato di Milano non è un dato che possiamo considerare sotto controllo", ha detto Gallera. 

I dati delle province

Forte calo dei nuovi contagi nella provincia di Bergamo: +51 (sabato erano +107) per un totale di 10.309. Qui, nella città simbolo dell'epidemia, fino ad appena 10 giorni fa si contavano oltre 300 nuovi casi al giorno. Resta invece alto quello di Brescia con +269 (totale 10.868), che risente, ha detto l'assessore Gallera, della maggiore esecuzione di tamponi in alcuni cluster. Per il resto della regione, si rilevano quasi 100 nuovi casi a Como (99), 84 a Pavia, 75 a Mantova, 71 a Lodi, dove sono in leggero costante aumento, 64 a Monza, 63 a Cremona, 36 a Sondrio, alti rispetto ad un totale di 'soli' 720, 30 a Varese, 21 a Lecco.

Test sierologici a breve

"A breve ci aspettiamo dall'Istituto superiore di sanità il provvedimento che dà l'ok ai test sierologici, ma non siamo stati fermi. Abbiamo diverse sperimentazioni, una fatta con Pavia, è un test molto importante e ci auguriamo che avrà a breve il marchio CE" Lo ha detto  il vicepresidente della Regione Lombardia Fabrizio Sala, che in merito ai tempo ha aggiunto "sono quelli della scienza, ci hanno detto 10-15 giorni da oggi.

F. Sala: "A Pasqua movimento come altre domeniche"

Per quanto riguarda i movimenti, sulla giornata di ieri "siamo al 25%" rispetto ad una giornata normale di prima dell'emergenza. "E' una normale domenica, a Pasqua abbiamo avuto lo stesso movimento che abbiamo avuto in tutte le domeniche" dell'emergenza. Lo ha detto il vicepresidente della Regione Lombardia Fabrizio Sala, parlando dei dati della mobilità in Lombardia nella giornata di Pasqua. "E' un dato positivo, ricordiamo che anche la domenica i medici vanno al lavoro. E' andata bene, sabato eravamo al 32%, era un po' alto, e venerdì eravamo al 41%, tre punti percentuali superiore alle precedenti settimane".

Coronavirus, la Lombardia ce la sta facendo ma Milano continua a preoccupare: in un giorno il doppio dei contagiati. Gallera: "Non dobbiamo scherzare, stiamo a casa e non c'è bisogno di andare sempre a fare la spesa" (VIDEO)

Numero di contagi in aumento del doppio, in città come in provincia. In un quadro lombardo sostanzialmente stabile, è il caso Milano a preoccupare i vertici regionali che anche oggi hanno fornito i numeri del contagio da coronavirus nel consueto punto stampa quotidiano in diretta Facebook sulla pagina di LombardiaNotizieOnline - (VIDEO)


“Milano merita sempre attenzione, non c’è un calo netto e deciso nei contagi, quindi non rilassiamoci, restiamo a casa. Per quanto possibile limitiamo al minimo anche le uscite per andare a fare la spesa”. Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la conferenza stampa trasmessa sulla pagina Facebook di LombardiaNotizieOnline per fare il punto sull’emergenza coronavirus.

“A Milano necessità – ha aggiunto – la linea un giorno scende e un giorno sale, non c’è una netta diminuzione dei contagi. Oggi in città preoccupa il +262 positivi rispetto a ieri, quando l’incremento era stato di 127. Non è dunque finita, dobbiamo resistere anche in vista dei ponti che ci separano dal 3 maggio”.

Gallera ha poi fatto sapere di essere stato nella Bergamasca per ringraziare “medici, infermieri, personale sanitario, volontari, protezione civile e alpini” che stanno “facendo il massimo” per far uscire la città orobica dall’emergenza.


L’assessore, dopo essere stato all’Ospedale Papa Giovanni XXIII, ha visitato l’ospedale da campo allestito dagli Alpini presso la fiera dove ha incontrato il personale di ‘Emergency’ e i medici russi.
Poi l’assessore ha visitato i ‘Covid hotel’ che l’Ats mette a disposizione dal 18 marzo. “Sono una risposta per le persone guarite e per il territorio”.
Sono destinati a soggetti Covid positivi ormai stabilizzati che possono essere dimessi dalle strutture ospedaliere e per i quali è tuttavia necessario garantire la sorveglianza sanitaria e l’isolamento in luoghi diversi dal loro domicilio.

Winter Garden → 125 posti letto → occupati 125
Cristallo Palace → 90 Posti letto → occupati 62
Bes Hotel → 100 posti letto → occupati 62

Nei prossimi giorni sarà disponibile anche ‘Antico Borgo La Muratella’

  • Pubblicato in Salute

Coronavirus, in Lombardia bilancio pesante, ma la discesa si avvicina. Gallera: "Dati ancora positivi, ma dobbiamo insistere ancor di più. Fondamentale stare a casa il weekend di Pasqua" (VIDEO)

"I dati continuano ad essere positivi e anche i numeri dei ricoverati sono contenuti". Lo ha detto l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la conferenza stampa trasmessa sulla pagina Facebook di LombardiaNotizieOnline. "A Milano la situazione è stabile – anche se la linea continua ad oscillare. Dobbiamo insistere ancora di più. Va da sé che dovremo passare il weekend di Pasqua in casa rispettando le misure restrittive previste dalle ordinanze". Gallera ha anche fatto sapere che il reclutamento di operatori sanitari dall'inizio dell'emergenza è stato di 2.434 persone. L'assessore ha quindi ringraziato il ministero della Salute "che è stato il più vicino alla Regione Lombardia, attraverso il ministro Speranza e il viceministro Sileri". Gallera ha quindi ricordato che oggi sono arrivati a Linate dei medici dalla Protezione civile: "20 sono destinati alla Lombardia e noi li abbiamo 'dirottati' agli Spedali civili di Brescia. Li ringraziamo molto: è un gesto di grande solidarietà e fratellanza perché decidono di venire non solo da altre Regioni, ma anche da altri Stati per combattere insieme questa battaglia" - (VIDEO)


Sostieni l'emergenza COVID-19, il tuo aiuto è prezioso

Sono più di diecimila le persone morte in Lombardia dall'inizio dell'emergenza Coronavirus, esattamente sono 10.022, di questi 300 solo nelle ultime 24 ore. Lo ha detto l'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera, durante il consueto aggiornamento sull'emergenza Covid. Sono in tutto 54.802 i positivi al Covid, 1388 più di ieri. I ricoverati in terapia intensiva sono 1.236 (-21), mentre quelli non in terapia intensiva sono 11.796 (+77). Sono stati fatti in 
Regione in tutto 176.953 tamponi. I numeri sull'emergenza coronavirus nella Regione Lombardia ''continuano a essere positivi'', anche alla luce del continuo aumento dei tamponi effettuati precisa Gallera, che spiega: ''Bisogna considerare il numero di tamponi, che è in aumento costante, oggi sono 9.300, ieri erano 8.200 e il giorno prima poco più di 6.000. Negli ospedali si sta tornando a una certa normalità.  Le persone ospedalizzate sono 11.796 (+77). I pazienti in terapia intensiva sono 1.236, 21 in meno di ieri.

Il dato della Lombardia rappresenta più della metà dei decessi avvenuti in tutta Italia. Un morto ogni mille abitanti: è questa la proporzione dei decessi per Coronavirus in Lombardia. Oggi infatti il numero dei morti ha toccato i 10.022 per una popolazione di 10.060.574 persone (secondo i dati Istat).

Tamponi a medici di base e nelle Rsa

"Stiamo facendo tamponi ai medici di medicina di base, agli operatori con una temperatura superiore ai 37.5 gradi sia negli ospedali che nelle Rsa. Accanto a loro tamponiamo anche coloro che hanno anche altri sintomi. Questo per monitorare tutto il personale sanitario. Tamponiamo anche gli ospiti delle Rsa". Lo ha detto Gallera.

I dati delle province

Cambia la geografia del contagio nelle province. Brescia con 10.122 contagiati, 213 più di ieri, supera Bergamo, che cresce di 112 positivi al Covid arrivando a 10.043. A Milano i contagiati sono 12.479, 440 più di ieri, in città sono 4.979, con una crescita di 155 contagi. La situazione complessiva mostra un rallentamento del contagio nelle diverse province, tranne che a Milano. "Quella di Milano è una situazione che dobbiamo tenere sotto controllo, e lo dico ai cittadini, con un atteggiamento ancora più determinato" ha detto Gallera spiegando che "la situazione è stabile ma la linea oscilla, anche se dai dati sembra che Milano sia la città che si sposta di meno". Nelle altre province la crescita maggiore è a Brescia, 213 unità, seguita da Varese (143), Bergamo (112), mentre Como, Pavia, Cremona e Mantova sono sulla sessantina e Monza a 91.

Potenziata le Unità speciali di continuità assistenziale

Sull'emergenza coronavirus "è arrivata questa grande ondata che sul territorio non ci ha consentito di fare azioni di monitoraggio, si è trattato di 18 giorni in cui veramente la capacità è stata solo quella di resistere". A dirlo è l'assessore Gallera, che aggiunge "allentata la pressione stiamo sul territorio, lavorando, strutturandoci, con un monitoraggio e delle visite a domicilio, con un lavoro articolato e permeato sulle varie realta' provinciali". Le Unità Speciali di Continuita' Assistenziale (Usca), aggiunge l'assessore, "sono realtà apprezzate che stanno aumentando. A Milano si è passati da 16 a 19 medici e da settimana prossima si arriverà a 30, con le 'brigate' di medici che passano da 8 a 15. Lo stesso vale per l'Insubria,dove si passa da 3 a 5. A Bergamo, grazie all'attivita' delle Usca, le Unità Speciali di Continuità Assistenziale, abbiamo realizzato 670 visite a domicilio. A Brescia 150 e a Pavia 524. In questi ultimi due capoluoghi, dalla prossima settimana sara' attivo anche il servizio dell'ecografia a domicilio".

Rinforzi per la sanità lombarda

"Il reclutamento straordinario di operatori sanitari dall'inizio dell'emergenza è stato di 2.434 medici, di cui 1.481 operatori di comparto tra infermieri e operatori, 11 dirigenti sanitari non medici, 245 medici laureati, 453 medici specialisti e 244 medici specializzandi.  All'asst di Brescia sono andati 226 risorse, a Cremona 184, a Lodi 186 e a Bergamo 292 medici". Lo ha detto Gallera, aggiungendo che "i famosi laureati che non sono entrati in una scuola di specializzazione, per esempio, erano in una zona grigia e non potevano partecipare ai conoscorsi. Grazie a un decreto del Ministero della Salute, che ringrazio, è stata fatta una deroga".

"ll contingente di medici arrivato oggi a Linate aveva 20 medici destinati alla Regione e noi li abbiamo subito inviati agli Spedali Civili di Brescia. Li ringraziamo molto: è un gesto di grande solidarieta' e fratellanza perché decidono di venire non solo da altre Regioni, ma anche da altri Stati per combattere insieme questa battaglia". ha aggiunto l'assessore al Welfare, che ha anche  voluto ringraziare il ministero della Salute, "che è stato il più vicino alla Regione Lombardia, attraverso il ministro Speranza e il viceministro Sileri.

 
  • Pubblicato in Salute

Coronavirus, la Lombardia accoglie i medici inviati dalla Protezione civile. Fontana: "Aiuto importante, speriamo diano colpo finale al virus" (VIDEO)

"È una giornata bellissima, meteorologicamente, ma è bellissima perché i numeri anche oggi stanno migliorando". Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, in attesa sulla pista dell'aeroporto militare di Linate dei 70 medici "che saranno destinati agli ospedali di Brescia" - (VIDEO)


Sono 73 i medici arrivati da ogni parte d'Italia all'aeroporto militare di Linate e accolti dal presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, accompagnato dall'assessore regionale alla Protezione civile Pietro Foroni e dal Prefetto di Milano Renato Saccone. Di questo personale sanitario inviato dal Dipartimento Nazionale di Protezione civile, venti medici, ciascuno con specialita' differenti, sono destinati a dare manforte agli Spedali civili di Brescia, tra le province piu' colpite dal coronavirus.

FONTANA - La gran parte dei medici che andranno a Brescia arriva da Roma, altri da Napoli, ma anche da Catania e Palermo o da L'Aquila, Sassari, Lecce e Trieste. "Un aiuto importante - ha commentato il presidente Fontana -
risorse che contribuiranno ad alleggerire la pressione alla quale si sono sottoposti i nostri medici. Do' loro il benvenuto da parte di tutti i cittadini lombardi e speriamo che contribuiscano a dare il colpo finale per chiudere questo
momento di grave criticita'". Al seguito del personale medico anche il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia e il Capo del Dipartimento Protezione civile nazionale Angelo Borrelli.

FORONI - "Personale destinato a tutto il Nord Italia - ha aggiunto Foroni - e per quanto concerne la nostra Brescia, andranno a sostituire i medici arrivati dalla Polonia che ritorneranno in patria. Un prezioso aiuto che e' importantissimo in questa fase emergenziale. Ci auguriamo sia in fase calante ma non possiamo distoglierci dalla massima attenzione e dobbiamo assicurare ai presidi ospedalieri della necessaria presenza di personale medico". "L'emergenza non e' ancora finita - ha detto ancora Foroni - e questo e' il momento di stringerci, di non mollare di un millimetro, perche' guai a qualsiasi cedimento che potrebbe riaprire la voragine".

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS