Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 993

Immigrazione, Milano campione di accoglienza. Minniti si complimenta, ma Sala vuole di più: "Serve un pensiero comune a sinistra"

Si sono aperti oggi a Milano, all'Anteo Palazzo del Cinema, gli Stati Generali dell'Immigrazione organizzati dall'assessorato alle Politiche sociali e Diritti. L'evento dal titolo "Milano Mondo – Migrazioni e Coscienza dei Territori", durerà quattro giorni, da oggi a lunedì 20 novembre con incontri, dibattiti, iniziative di socialità e un grande workshop con 9 tavoli tematici in programma domani all'Università Statale e a cui si sono iscritte 960 persone. L'intervista al sindaco - (VIDEO)

Genova, la Lega promette la mano pesante con gli immigrati che fanno accattonaggio: "Saranno schedati e denunciati"

L'annuncio del segretario regionale della Liguria, Edoardo Rixi: "Niente accoglienza a chi vagabonda per le strade della città chiedendo l'elemosina"


"Gli immigrati che stazionano davanti a esercizi commerciali, portoni, semafori e vagabondano per le strade di Genova saranno schedati e denunciati alla prefettura: chi fa accattonaggio non può godere dei privilegi dell'accoglienza. Sarà uno dei primi provvedimenti che la Lega attuerà quando saremo al governo della città".

Lo ha detto Edoardo Rixi, segretario regionale della Liguria della Lega Nord, che denuncia il fenomeno dell'accattonaggio da parte degli immigrati ospiti delle strutture di accoglienza.

Tutto Renzi a Milano: attacco ai Cinque Stelle e parole forti sulle intercettazioni. Il sospetto di un complotto istituzionale?

Nei video de ilComizio.it l'intervento del segretario del Pd alla Scuola di partito Pier Paolo Pasolini alla fondazione Feltrinelli, nata da un'idea del professor Massimo Recalcati. Dalla giustizia all'economia, dalla comunicazione all'idea di "potere", il leader dem a 360 gradi. Da ascoltare bene... - (VIDEO)


 

"Il vero tema non è l'intercettazione, il rapporto padre e figlio. L'intercettazione è illegale per chi la pubblica. Il tema è capire se negli ultimi mesi un pezzo delle istituzioni ha fabbricato prove false verso rappresentanti delle istituzioni".

Il dibattito sulle intercettazioni "è una gigantesca arma di distruzione di massa".

"Il  Pd deve essere sempre dalla parte della giustizia. Che non può essere giustizialismo, subalternità culturale, per cui si chiedono le dimissioni dei politici se arriva un avviso di garanzia. Facendo passare il messaggio che l’avviso di garanzia è attestato di colpevolezza. Noi siamo dalla parte dell’onestà e della giustizia. Non abbiamo niente da temere e vogliamo solo che si rispettino le leggi. Da parte di tutti". 

Così Matteo Renzi intervenendo a Milano alla Scuola di partito Pier Paolo Pasolini

 

Aggressione in Stazione Centrale, Sala: "E' stato un criminale italiano. E domani guiderò la marcia per i migranti"

Il sindaco di Milano commenta su Facebook l'accoltellamento di due militari e un agente da parte di Ismail Hosni: "E' figlio di una nostra connazionale e di padre nordafricano. Resto comunque convinto che l'accoglienza sia un dovere della nostra città". Poi replica a Maroni che ha chiesto l'annullamento della manifestazione 'Insieme senza muri': "Quelli che facevano i selfie col Papa siano coerenti"


Milano, l'aggressore della stazione postò video dell'Isis. "Sono solo e abbandonato"Risultati immagini per beppe sala

"Analizziamo con lucidità cosa è successo ieri sera - scrive oggi il sindaco Beppe Sala su Facebook dopo aver fatto visita ai feriti in ospedale insieme al prefetto e al questore - il criminale che ha accoltellato gli uomini delle forze dell'ordine è figlio di madre italiana e di padre nordafricano ed è italiano a tutti gli effetti. Ciononostante a qualcuno fa comodo buttare questo atto criminoso sul conto dei migranti". "Sono certamente consapevole del fatto che la sicurezza è un elemento fondamentale nella vita di una città metropolitana come la nostra... resto comunque convinto che l'accoglienza sia un dovere della nostra città. Per questo confermo che domani guiderò la marcia 'Insieme senza muri', per una Milano sicura e accogliente. Invito tutti a una presenza pacifica che aiuti la riflessione su una tematica così rilevante. A chi - come il governatore lombardo Roberto Maroni chiede che dopo quanto avvenuto la marcia sia cancellata, il sindaco risponde: "Ripenso a quanti erano in coda per rubare un selfie con il Papa nel corso della sua visita a Milano, salvo dimenticarsi all'istante l'insegnamento del Santo Padre. Forse un po' di coerenza non guasterebbe".

Immigrazione a Milano, anche i sindaci di Forza Italia contro il patto per l'accoglienza voluto dal governo

Settantasei amministratori della Città Metropolitana su 134 hanno sottoscritto il Protocollo per la distribuzione di 5.065 richiedenti asilo sul territorio milanese. Presenti il ministro dell'Interno, Marco Minniti, il prefetto Luciana Lamorgese e il primo cittadino Giuseppe Sala. Fuori una manifestazione di protesta di rappresentanti di Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d'Italia. La nostra intervista all'azzurro Graziano Musella, che guida il Comune di Assago - (VIDEO)


Il ministro dell'Interno Marco Minniti oggi a Milano ha sottoscritto un accordo con il sindaco di Milano Giuseppe Sala, il prefetto Luciana Lamorgese e i primi cittadini dell'area metropolitana che sono disponibili ad accogliere i immigrati (5.065 richiedenti asilo) in strutture sui loro territori. A siglare il protocollo sono stati 76 amministratori del Milanese su 134 cui forse se ne aggiungerà qualcun'altro. Di certo non i rappresentanti del centrodestra che davanti alla Prefettura hanno manifestato tutta la propria contrarietà al patto di distribuzione degli stranieri. Nove i sindaci leghisti (quelli di Vittuone, Cambiago, Opera, Trezzo sull'Adda, Boffalora, Marcallo Con Casone, Nerviano, Parabiago e Cologno Monzese). A loro si sono uniti in mattinata anche tre primi cittadini di Forza Italia (San Giuliano, Assago, Pessano con Bornago) e uno di Fratelli d'Italia, quello di Tribiano.

Immigrazione, la beffa del Consiglio d'Europa: "L'Italia fa pochi rimpatri, così si favoriscono i flussi irregolari". E Gentiloni fa lo statista: "Non basterebbe Mago Merlino"

L'istituzione di Strasburgo riconosce che gli altri Paesi Ue (e non) dovrebbero fare di più sul fronte dei ricollocamenti, accogliendo i richiedenti asilo arrivati sul nostro territorio, ma punta il dito contro il nostro sistema cha fa acqua da tutte le parti. Nel mentre il premier, con l'autorevolezza che lo contraddistingue, ha parlato in Senato dell'emergenza in atto, ma anche di economia e riforme


Nel rapporto e grazie all'intesa con la Libia per fronteggiare l'emergenza migranti "non seminiamo illusioni ma sappiamo che su questa strada, per quanto impervia e arrischiata, possiamo ottenere gli unici risultati che oggi ci consentono non di cancellare il tema immigrazione, perché non lo cancella neanche il Mago Merlino, ma di regolare i flussi e gradualmente sostituire l'immigrazione clandestina irregolare, micidiale per i migranti e per il traffico che gli ruota attorno, con flussi e canali più accettabili, ridotti e regolari". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, nelle sue comunicazioni al Senato in vista del Consiglio europeo.

"Questo è l'obiettivo - ha aggiunto - che l'Ue dovrebbe proporsi e mi aspetto che, come è stato a Malta, a Bruxelles si faccia un passo in più soprattutto in termini di risorse per aiutare l'Italia nel lavoro di avanguardia che sta facendo sulla rotta centrale del Mediterraneo".

Poi, parlando dell'Italia, "sfido chiunque a indicare un altro governo, un altro Parlamento, impegnato come noi in un complesso di riforme" ha affermato.

"Non siamo i primi della classe - ha detto - ma non accettiamo lezioni e lavoriamo nell'interesse comune" anche per "correggere le politiche dell'Unione e per una politica estera e di difesa comune". Il premier ha specificato che "all'Ue deve essere chiaro che in Italia le riforme non si sono fermate e non hanno rallentato il loro cammino".

In Italia, ha aggiunto, "la crescita è ancora lenta: rimane, anche se la distanza dalla media Ue nel 2016 è stata la più bassa. E tra un mese nel Def indicheremo le scelte del governo per fare passi in avanti ulteriori".

Intanto, dal Consiglio d'Europa arriva un monito beffardo: "Le debolezze del sistema italiano di rimpatri volontari e delle espulsioni forzate rischia di incoraggiare l'afflusso di un sempre maggior numero di migranti economici irregolari". Lo ha detto il rappresentante speciale del segretario generale del Consiglio d'Europa per le migrazioni e i rifugiati, l'ambasciatore Tomas Bocek, nel suo rapporto basato sulla visita condotta nel Paese lo scorso ottobre.

Secondo l'analisi, "non funziona" il sistema di custodia legale per i minori non accompagnati che arrivano in Italia, e gli hotspot in cui sono obbligati a trascorrere lunghi periodi sono "luoghi inadatti a garantire le loro necessità".

Sicurezza e immigrazione, Rozza apprezza le misure del governo: "Ora c'è più chiarezza. I leghisti? Bravi a parole..."

L'assessore della giunta Sala commenta i provvedimenti annunciati dall'esecutivo dopo le decisioni adottate dal Consiglio dei ministri: "Ci aiuteranno a gestire in maniera più ordinata i flussi dei migranti e per una volta si mettono punti fermi per cominciare a costruire un sistema di rimpatri che funzioni". Ai microfoni de ilComizio.it: "Vi spiego perché è giusta una stretta sul fenomeno. Siamo per l'accoglienza, ma anche per la legalità e contro la tratta di esseri umani. Basta aree grige" - (VIDEO)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C