updated 12:24 PM UTC, Dec 8, 2019

Integratori Biodinamici, la ricerca italiana si fa strada nel mondo

 Terapia complementare enzimatica: il nuovo paradigma di ogni strategia medica


“La trasformazione dell’energia è la primaria funzione degli esseri viventi” questa è stata la prima frase pronunciata da Pasquale Ferorelli all'apertura del convegno tenutosi a Vienna lo scorso 10 Novembre. Una platea di professionisti del settore medico, farmaceutico ed universitario, si è riunita presso la sala convegni Springer Schlosell per approfondire, durante otto ore ininterrotte, le tematiche studiate e messe in pratica dai Ricercatori Citozeatec, l’azienda italiana che, tramite biotecnologie industriali a conversione enzimatica, produce componenti Biodinamici. Osservando il ruolo degli enzimi e conoscendone a fondo l’attività, possiamo chiaramente entrare nella consapevolezza che ciò che noi chiamiamo “malattia”, altro non è che un “disordine enzimatico”, che causa uno scompenso energetico. Una problematica energetica che è necessario riorganizzare affinché gli enzimi possano rigenerare i componenti per la cellula. Una prova di ciò viene dagli studi clinici evidenziati durante il convegno, dove è stato possibile osservare, diversi casi clinici connessi alla rigenerazione cellulare: dalla completa ricrescita della prima falange dell’indice della mano destra di una bambina di tre anni, all'osservazione della “restitutio ad integrum” di una ferita causata da incidente con motosega, in cui si erano danneggiati nervi e tendini. Il tutto corredato da spiegazioni derivanti da ricerche scientifiche condotte presso svariate Università italiane ed estere con cui collabora Citozeatec. Ogni caso clinico riportato è stato seguito dall'analisi delle ricerche condotte in linea sperimentale, validanti la reale potenzialità dei componenti Biodinamici. In riferimento ai casi di rigenerazione tissutale è stata illustrata la ricerca condotta su sistema murino che ha prodotto la rigenerazione del midollo spinale. A conferma della teoria che ipotizza l’attivazione di cellule staminali tramite l’utilizzo, principalmente di Citozym, preparato biodinamico contenente una vasta gamma di attivatori enzimatici, Ferorelli titolare della suddetta azienda, ha riportato il caso di un paziente di 83 anni affetto da carcinoma epiteliale della base cranica, dimesso dall'ospedale in quanto insensibile alle terapie d’elezione proposte. Successivamente all’utilizzo di Citozym, per uso topico ed orale, le immagini illustrate alla platea mostravano evidente rigenerazione dell’osso cranico e del cuoio capelluto, con conseguente netto miglioramento delle condizioni di vita del paziente. Altro esempio rilevante, a conferma della validità dei preparati biodinamici, è stato il caso di un ragazzo di 20 anni che presentava una profonda lesione alla regione lombare a seguito di un incidente stradale in moto: dopo un trattamento di 10 giorni, le foto mostravano rigenerazione della cute e corretta riepitelizzazione, con assenza di tessuto fibrotico. Il successo dell’evento ha generato il progetto condiviso da medici, biologi e ricercatori partecipanti, di pianificare nel 2019 una serie di workshop monotema ici dedicati all'utilizzo di preparati biodinamici nei campi di impiego più diversi. Si sono inoltre approfondite le ricerche eseguite su numerose patologie con attenzione particolare alla ricerca della riduzione della stenosi carotidea da placca ateromasica.

 

A Pechino, Emmanuel Macron e Xi Jinping si sono uniti nelle critiche a Donald Trump

Il terzo e ultimo giorno della visita del Capo di Stato francese in Cina è stato caratterizzato dalla firma di circa 40 accordi e contratti.


I diplomatici lo sanno: niente di meglio per avvicinare due paesi che trovare un avversario comune. Incontro a Pechino mercoledì 6 novembre, terzo e ultimo giorno della visita ufficiale di Emmanuel Macron in Cina, il presidente francese e il suo omologo Xi Jinping hanno mostrato le loro convergenze di vedute, persino la loro unità, di fronte all'unilateralismo di Donal Trump, sia in campo commerciale che ambientale e sulla questione iraniana.

Dopo un'intervista al Palazzo del Popolo, i due capi di stato hanno descritto l'accordo sul clima di Parigi come "processo irreversibile" e "bussola", denunciando formalmente gli Stati Uniti. In un "Appello di Pechino sulla conservazione della biodiversità e sui cambiamenti climatici", pubblicato per l'occasione, entrambi i paesi affermano "il loro forte impegno a migliorare la cooperazione internazionale in materia di cambiamenti climatici per garantire l'attuazione dell'accordo, di Parigi totale ed efficace .

"Deploro le scelte fatte da alcuni e voglio comprenderle come scelte marginali", ha dichiarato Emmanuel Macron, un chiaro riferimento alle esternazioni di Donald Tump ma senza mai menzionare gli Stati Uniti. "Perché quando Cina, Unione Europea, Russia (che ha ratificato l'Accordo di Parigi qualche settimana fa), si impegnano fermamente, la scelta isolata dell'uno o dell'altro non è sufficiente per cambiare rotta, servono solo a emarginare e isolare".

Qualche istante prima, i due capi di stato avevano elogiato il multilateralismo, in un attacco non troppo inequivocabile contro Donald Trump. A sua volta, Xi Jinping ha affermato la sua opposizione alla "legge della giungla e agli atti intimidatori " , "protezionismo e gioco a somma zero" e "il tentativo di porre gli interessi nazionali al di sopra di quelli dell'umanità.

Smog, l'Italia è il paese europeo in cui si muore di più per colpa del biossido d'azoto. Torino contende a Parigi e Londra il primato di città più inquinata da NO2

Due milioni di italiani vivono in aree, soprattutto la Pianura Padana, dove i limiti Ue per i tre inquinanti principali sono violati sistematicamente. I dati dell'Aea rivelano comunque un leggero miglioramento


L'Italia è il primo paese dell'Ue per morti premature da biossido di azoto (NO2) e nel gruppo di quelli che sforano sistematicamente i limiti di legge per i principali inquinanti atmosferici. I dati delle centraline che rilevano lo smog sono stati raccolti e analizzati dall'Agenzia europea per l'ambiente (Aea) nel rapporto annuale sulla qualità dell'aria. Secondo l'analisi dei rilevamenti 2016, la Penisola ha il valore più alto dell'Ue di decessi prematuri per biossido di azoto (NO2, 14.600), ozono (O3, 3000) e il secondo per il particolato fine PM2,5 (58.600).

Complessivamente nell'Ue a 28 lo smog è responsabile di 372mila decessi prematuri, in calo dai 391mila del 2015. Come nel quadro generale europeo, i dati indicano un miglioramento anche per l'Italia rispetto al 2015, quando l'Eea stimava i decessi prematuri per NO2 nel nostro paese a 20mila unità. Le rilevazioni più recenti, datate 2017, vedono le concentrazioni di polveri sottili (PM2,5) più elevate in Italia e sei paesi dell'est (Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Polonia, Romania e Slovacchia).

Torino contende a Parigi e Londra il primato di città europea più inquinata da NO2 e, tra le città più piccole, Padova si segnala per l'alta concentrazione media di PM2,5 e PM10. La situazione non migliora nelle aree rurali nazionali, con superamenti dei limiti giornalieri di particolato registrati in sedici delle 27 centraline che hanno rilevato valori irregolari nell'Ue.

Due milioni di italiani vivono in aree, soprattutto la Pianura Padana, dove i limiti Ue per i tre inquinanti principali sono violati sistematicamente.

 

  • Pubblicato in Cultura

-6 giorni alle Elezioni europee: forti timori per i cambiamenti portati dall'attesa spinta dei populisti

Più di 400 milioni di elettori nei paesi dell'UE saranno chiamati alle urne dal 23 al 26 maggio, per eleggere un nuovo Parlamento europeo


Saranno le elezioni dei partiti populisti che dovrebbero registrare una nuova spinta verso l'alto grazie al problema scottante dell'immigrazione. Queste forze ostili all'Unione europea, tuttavia secondo i sondaggi, saranno ben lontane dall'ottenere la maggioranza, ma sicuramente contribuiranno allo sconvolgimento degli equilibri ormai storici dell'emiciclo europeo, dominato quasi ininterrottamente dal 1979 dai due maggiori partiti della destra e della sinistra europeista.

Ironia della sorte, il voto inizierà nel Regno Unito, costretto a votare perché il suo accordo sul distacco dell'UE non è ancora stato ratificato e si concluderà domenica, con il passaggio nella cabina elettorale degli elettori di paesi importanti come Germania, Francia, Italia e Spagna.

Verranno esaminati in particolare i voti dei partiti di estrema destra del National Rally di Marine Le Pen in Francia, della Lega di Matteo Salvini in Italia e del partito pro-Brexit di Nigel Farage nel Regno Unito.

Considerate dagli studiosi politici come le "elezioni per il run-off ", il rinnovo dei 751 membri eletti del Parlamento è anche tradizionalmente segnato da una forte astensione, grazie alla poca informazione e alla grande disinformazione, che non pongono questo voto come un ingranaggio essenziale nello sviluppo delle leggi europee.

Questo disinteresse degli elettori è aumentato costantemente dalle prime elezioni del 1979, l'astensione è aumentata dal 38% di quell'anno al 57,4% nel 2014 data delle ultime elezioni.

Secondo un sondaggio condotto da YouGov su 8.021 persone in otto paesi (Belgio, Francia, Germania, Italia, Spagna, Polonia, Ungheria, Svezia), pubblicato a maggio, l'immigrazione e la protezione dell'ambiente, due temi emersi in ambito locale, sono considerati le principali sfide per il futuro dell'UE.  


Quattro anni dopo la crisi migratoria del 2015 e sebbene il flusso degli arrivi abbia cessato la sua veloce corsa, la destra politica continua a focalizzare il suo discorso su questo tema, un tema che diventerà una linea di faglia sul continente europeo. Intanto i vertici della Lega Italiana con Matteo Salvini e i francesi del Rassemblement National di Marine Le Pen stanno tentando di creare un fronte comune delle forze nazionaliste che combatta l'immigrazione e la forte vocazione centralista dell'attuale Unione Europea.

Secondo le ultime proiezioni pubblicate da Parlamento europeo, sulla base di indagini nei 28 paesi, nella nuova Camera, il gruppo attuale, ENL salirebbe a 62 eletti (25 in più rispetto ad oggi), tra cui 26 italiani (20 Lega) e 20 francesi (5 RN). Aggiungendo gli anti-europeisti e l'ELDD (dove siedono il Movimento Cinque Stelle italiana o pro-Brexit britannico Nigel Farage), gli euroscettici CRE (costituiti dai conservatori britannici e del partito polacco PiS al potere Varsavia), questa proiezione dà un totale di 173 eletti.

"Attualmente, il Parlamento conta quasi il 25% di euroscettici e potrebbe arrivare al 35%", ha dichiarato Jean-Dominique Giuliani, presidente della Robert Schuman Foundation, "Non bloccherà il Parlamento, ma ci sarà un'irradiazione, un'influenza dei partiti di destra e di estrema sinistra nei temi che il nuovo parlamento metterà in discussione".

Inoltre, se questi partiti, che vogliono cambiare l'Unione europea dall'interno, possono avere intenti comuni in materia di immigrazione, sono ben lungi dall'essere d'accordo su altre importanti questioni, come ad esempio l'atteggiamento da avere sulla La Russia di Vladimir Putin o il rispetto delle regole in merito di stabilità economica.

Sempre secondo le ultime proiezioni pubblicate dal Parlamento europeo, le due grandi famiglie tradizionali, il PPE e i socialdemocratici (S&D) a sinistra, si potranno vedere depauperate di ben 37 poltrone, perdendo così la loro maggioranza. I verdi, che potrebbero beneficiare del movimento pro-clima, in particolare in Belgio e in Germania, otterrebbero 5 seggi. Quindi si potrebbero creare 3 macro gruppi che andrebbero a determinare la maggioranza a seconda del tema trattato.

Questo insieme di alleanze sarà cruciale per i futuri dirigenti europei, incluso il successore di Jean-Claude Juncker a capo della Commissione, che vedra chiudersi il suo mandato subito dopo le elezioni.

Il riscaldamento globale e lo scioglimento dei ghiacci, ora mettono a rischio l'esistenza dell'uomo

L'improvviso scioglimento dei ghiacci nell'Artico, potrebbe raddoppiare il riscaldamento dovuto ai gas serra, a causa delle molteplici sostanze chimiche e pericolose rilasciate dalla tundra.


Questo è chiaro: l'Artico si sta riscaldando velocemente e i terreni congelati iniziano a scongelarsi, spesso per la prima volta in migliaia di anni. Ma come ciò accade e cosa succede veramente durante lo scioglimento del ghiaccio?

Quando la temperatura del terreno sale sopra lo zero, i microrganismi distruggono la materia organica nel terreno. I gas serra - tra cui anidride carbonica, metano e protossido di azoto - vengono rilasciati nell'atmosfera, accelerando il riscaldamento globale. I suoli nella regione del permafrost contengono il doppio di carbonio di quanto ne contiene l'atmosfera, quasi 1.600 miliardi di tonnellate.

Quale frazione del permafrost si decomporrà per prima? Il Carbonio sarà rilasciato all'improvviso, o filtrerà lentamente? Queste sono solo le prime due domande alle quali gli scienziati vogliono trovare risposte, prima che il danno ci porti al punto di non ritorno.

Gli attuali modelli di rilascio di gas serra e clima presuppongono che il permafrost si disgeli gradualmente dalla superficie verso il basso. Gli strati più profondi di materia organica saranno esposti per decenni o addirittura secoli e alcuni modelli stanno già iniziando a seguire questi lenti cambiamenti.

Ma i modelli stanno ignorando un problema ancora più preoccupante. Il terreno ghiacciato non blocca solo il carbonio: tiene fisicamente insieme il paesaggio. Attraverso le regioni artiche e boreali, il permafrost sta collassando improvvisamente, le sacche di ghiaccio al suo interno si stanno sciogliendo velocemente. Invece di pochi centimetri di terreno che si scongelano ogni anno, diversi metri di terreno possono essere destabilizzati in pochi giorni o settimane. La terra può affondare o essere inondata da improvvisi laghi e zone umide.

Lo scongelamento improvviso del permafrost è drammatico. Tornando ai siti in Alaska, ad esempio, spesso scopriamo che le terre che erano state ricoperte da foreste un anno fa sono ora coperte da laghi. I fiumi che una volta scorrevano liberi sono densi di sedimenti. I fianchi delle colline possono liquefare, a volte portando con sé attrezzature scientifiche sensibili.

Questo tipo di scongelamento è un problema serio per le comunità che vivono attorno all'Artico. Le strade si piegano, le case diventano instabili. L'accesso ai cibi tradizionali sta cambiando, perché sta diventando pericoloso viaggiare attraverso la terra per cacciare.

Fonti: rif. 2 & G. Hugelius et al. Biogeosciences 11 , 6573-6593 (2014)

In breve, il permafrost si sta sciogliendo molto più rapidamente di quanto i modelli hanno previsto, con conseguenze sconosciute per il rilascio di gas serra.

Come stanno operando i ricercatori

Il permafrost è un terreno perennemente ghiacciato. È composto da terra, roccia o sedimenti, spesso con grossi pezzi di ghiaccio mescolati e circa un quarto della terra nell'emisfero settentrionale è completamente congelato. Il carbonio si è accumulato in questi terreni ghiacciati per millenni perché il materiale organico proveniente da piante morte, animali e microbi non si è decomposto.

I modellatori cercano di proiettare quanto di questo carbonio verrà rilasciato quando il permafrost si scongelerà. È complicato: per esempio, hanno bisogno di capire quanta parte del carbonio presente nell'aria sarà assorbita dalle piante e restituita al suolo, reintegrando parte di ciò che è stato perso. Le previsioni suggeriscono che il lento e costante scongelamento rilascerà circa 200 miliardi di tonnellate di carbonio nei prossimi 300 anni considerando uno scenario di riscaldamento tradizionale come quello attuale. 

Ma questa potrebbe essere una vasta sottostima, perché circa il 20% delle terre ghiacciate presenta caratteristiche che aumentano la probabilità di scongelamento improvviso, grandi quantità di ghiaccio nel terreno o pendenze instabili. Qui il permafrost si scioglie rapidamente e in modo irregolare, innescando frane e rapida erosione. Le foreste possono essere allagate, distruggendo grandi aree di foresta. I laghi che sono esistiti per generazioni rischiano scomparire oppure le loro acque possono essere dirottate.

Uno scienziato conduce ricerche su un lago ghiacciato con il metano che si raccoglie sotto il ghiaccio

Il problema principale è che queste instabili regioni tendono anche a essere le più ricche di carbonio. Ad esempio, 1 milione di chilometri quadrati di Siberia, Canada e Alaska contengono sacche di Yedoma - depositi spessi di permafrost dell'ultima era glaciale, questi depositi sono spesso formati al 90% di ghiaccio, rendendoli estremamente vulnerabili al riscaldamento terrestre. Inoltre, a causa della polvere glaciale e delle praterie che si sono trasformate in paludi, i depositi di Yedoma rischiano di disperdere nell'atmosfera circa 130 miliardi di tonnellate di carbonio organico - l'equivalente di oltre un decennio delle emissioni globali di gas serra umano.

I laghi e le zone umide rimangono una grande parte del problema perché rilasciano grandi quantità di metano, un gas serra che è molto più potente della CO 2. Anche l'erosione delle colline e delle montagne è un problema: quando le colline si scongelano e si disgregano, molta CO2 viene rilasciata.

Viene stimato che lo scongelamento permanente del permafrost nei laghi e nelle zone umide di pianura, insieme a quello nelle colline montane, potrebbe liberare tra i 23 e i 100 miliardi di tonnellate di carbonio entro il 2300. Ciò si aggiunge ai 200 miliardi di tonnellate di carbonio che dovrebbero essere rilasciati in altri regioni che si scioglieranno gradualmente. Sebbene lo scongelamento improvviso del permafrost si verifichi in meno del 20% dei terreni ghiacciati, aumenta le proiezioni di rilascio del carbonio permafrost di circa il 50%. Lo scongelamento graduale colpisce la superficie del terreno ghiacciato e penetra lentamente verso il basso. Il collasso improvviso rilascia più carbonio per metro quadrato perché interrompe le scorte in profondità negli strati congelati.

Inoltre, poiché lo scongelamento improvviso rilascia più metano rispetto al disgelo graduale, gli impatti climatici dei due processi saranno simili. Quindi, insieme, gli impatti dello scongelamento del permafrost sul clima terrestre potrebbero essere il doppio di quelli attesi dai modelli attuali.

La stabilizzazione del clima a +1,5 ° C di riscaldamento richiede massicci tagli alle emissioni di carbonio delle attività umane; le emissioni di carbonio in più derivanti da uno scongelamento dell'Artico, oggi lo rendono ancora più urgente.

 

Laghi Thermokarst che coprono il paesaggio della tundra lungo la costa artica nel National Petroleum Reserves, Alaska.

Laghi Thermokarst lungo la costa artica dell'Alaska, che si formano quando il ghiaccio e il permafrost si sciolgono. Credito: Steven Kazlowski / NPL

 

 

Non possiamo impedire il brusco scongelamento del permafrost. Ma possiamo provare a prevedere dove e quando è probabile che accada, per consentire ai responsabili delle decisioni e alle comunità di proteggere persone e risorse. Ridurre le emissioni globali potrebbe essere il modo più sicuro per rallentare l'ulteriore rilascio di carbonio permafrost nell'atmosfera. Manteniamo quel carbonio al suo posto - congelato in sicurezza nei meravigliosi terreni del nord.

I fattori che influenzano il cambiamento climatico sono tre: eventi forzanti, feedback e punti di non ritorno.

La scienza del sistema terrestre è lo studio di come i dati scientifici derivanti da vari campi di ricerca, come l'atmosfera, gli oceani, il ghiaccio terrestre e altri, si incastrano per formare l'immagine attuale del nostro pianeta nel suo insieme, compreso il suo clima che cambia.


Gli scienziati del clima separano i fattori che influenzano il cambiamento climatico in tre categorie: forzanti, feedback e punti di non ritorno. 

  • Forcings: I primi eventi naturali e non che forzano il cambiamento del clima.

 

Irraggiamento solare. La radiazione solare è la fonte di calore per il pianeta Terra. Gli scienziati usano anche le prove delle misurazioni dei proxy, come i conteggi delle macchie solari che risalgono a secoli e anelli degli alberi antichi, per misurare la quantità di sole che raggiunge la superficie terrestre. Il sole ha un ciclo di macchie solari di 11 anni, che causa circa lo 0,1% della variazione nell'emissione del sole. Il ciclo solare è incorporato nei modelli climatici.

 

 

Emissioni di gas serra. Dalla rivoluzione industriale, le concentrazioni di gas serra come il diossido di carbonio (CO 2 ), il metano (CH 4 ) e il protossido di azoto (N 2 O) sono aumentati nell'atmosfera. Combustione di combustibili fossili come carbone, petrolio e gas ha aumentato la concentrazione di anidride carbonica atmosferica (CO 2 ) da 280 parti per milione a 393 parti per milione. Questi gas serra assorbono e quindi irradiano calore nell'atmosfera terrestre, il che provoca un aumento del riscaldamento.

 

 

Aerosol, polvere, fumo e fuliggine. Le particelle aeree molto piccole provengono da fonti sia umane che naturali e hanno vari effetti sul clima. Gli aerosol di solfato, che risultano dalla combustione di carbone, biomassa ed eruzioni vulcaniche, tendono a raffreddare la Terra. Altri tipi di particelle come il carbone nero hanno un effetto riscaldante. La distribuzione globale di aerosol viene tracciata da terra e dai satelliti.

 

 

  • Feedback sul clima: processi che possono amplificare o diminuire gli effetti delle forzanti climatiche. Un feedback che aumenta il riscaldamento iniziale è chiamato "feedback positivo". Un feedback che riduce un riscaldamento iniziale è un "feedback negativo".

 

Nuvole. Le nuvole hanno un enorme impatto sul clima terrestre, riflettendo circa un terzo della quantità totale di luce solare che colpisce l'atmosfera terrestre nello spazio. Anche piccoli cambiamenti nella quantità di nuvole, nella posizione e nel tipo potrebbero avere grandi conseguenze. Un clima più caldo potrebbe causare il trattenimento di più acqua nell'atmosfera, con conseguente aumento della nuvolosità e alterazione della quantità di luce solare che raggiunge la superficie della Terra. Meno calore verrebbe assorbito, il che potrebbe rallentare l'aumento del riscaldamento.

 

 

Precipitazione. I modelli climatici globali mostrano che le precipitazioni aumenteranno generalmente a causa dell'aumento della quantità di acqua contenuta in un'atmosfera più calda, ma non in tutte le regioni. Alcune regioni si asciugheranno invece. Cambiamenti nei modelli di precipitazione, come l'aumento della disponibilità di acqua, possono causare un aumento della crescita delle piante, che a sua volta potrebbe potenzialmente rimuovere più anidride carbonica dall'atmosfera.

 

 

Greening delle foreste. I processi naturali, come la crescita degli alberi, rimuovono circa la metà delle emissioni umane di biossido di carbonio dall'atmosfera ogni anno. Gli scienziati stanno attualmente studiando dove va questo diossido di carbonio. Il delicato equilibrio tra assorbimento e rilascio di anidride carbonica da parte degli oceani e delle grandi regioni boschive del mondo è oggetto di ricerca da parte di molti scienziati. Ci sono alcune prove che la capacità degli oceani o delle foreste di continuare ad assorbire l'anidride carbonica potrebbe diminuire mentre il mondo si riscalda, portando ad un più rapido accumulo nell'atmosfera.

 

 

Albedo di ghiaccio Il ghiaccio è bianco e molto riflettente, in contrasto con la superficie dell'oceano, che è scuro e assorbe il calore più velocemente. Mentre l'atmosfera si scalda e il ghiaccio del mare si scioglie, l'oceano più scuro assorbe più calore, fa sì che più ghiaccio si sciolga e rende la Terra più calda in generale. Il feedback ghiaccio-albedo è un feedback positivo molto forte.

 

 

  • Punti di svolta climatici: quando il clima terrestre si sposta bruscamente tra stati relativamente stabili, dando origine ai punti di non ritorno.

 

Circolazione oceanica Mentre il ghiaccio marino artico e la calotta glaciale della Groenlandia si sciolgono, la circolazione oceanica nell'Atlantico può deviare la corrente del Golfo. Questo e / o altri cambiamenti cambierebbero significativamente i modelli meteorologici regionali. Un cambiamento nella Corrente del Golfo potrebbe portare a un raffreddamento significativo nell'Europa occidentale. Ciò evidenzia l'importanza della circolazione oceanica nel mantenimento dei climi regionali.

 

 

Perdita di ghiaccio. A causa del forte feedback positivo dell'albedo di ghiaccio, se una quantità di ghiaccio sufficiente si scioglie, facendo sì che la superficie terrestre assorba sempre più calore, allora potremmo raggiungere un punto di non ritorno. La riduzione delle calotte di ghiaccio contribuisce all'innalzamento del livello del mare. Molte centinaia di milioni di persone vivono vicino a una costa, quindi la nostra capacità di prevedere l'innalzamento del livello del mare nel prossimo secolo ha sostanziali conseguenze umane ed economiche.

 

 

Rapido rilascio di metano. I depositi di metano congelato, un potente gas serra e l'anidride carbonica si trovano sotto il permafrost nelle regioni artiche. Circa un quarto dell'emisfero settentrionale è coperto dal permafrost. Mentre l'ambiente si scalda e il permafrost si scongela, questi depositi possono essere rilasciati nell'atmosfera e presentare un rischio di riscaldamento in fuga.

Le tempeste in America e nel Pacifico sono la prova del cambiamento climatico

Persone che vivono su lati opposti del pianeta, hanno vissuto negli ultimi giorni le conseguenze disastrose di lontani sconvolgimenti nel profondo degli oceani


Mentre in America, stavano ancora soffrendo la devastazione lasciata dall'uragano Florence, che ha causò morte e distruzione nel North Carolina il 14 settembre, a distanza di 12 ore il super-tifone Mangkhut distrusse Filippine, per poi colpire Hong Kong e la Cina meridionale. Mangkhut colpì con il pugno più grande mai riscontrato negli ultimi 40anni, le fragili terre e quando arrivò a terra la prima volta fu classificato "tempesta di categoria 5". Gli scienziati vedono come prima causa della formazione di entrambi i mostri, l'aumento dei livelli di gas serra nell'atmosfera, che stanno cambiando il clima e riscaldando il mare.

Per questo motivo, anche le tempeste future saranno probabilmente più pericolose rispetto al passato. Florence e Mangkhut hanno mostrato come si formano i potenti uragani prima prepararsi al colpire, ma principalmente hanno anche evidenziato quanto siano vulnerabili molte comunità, specialmente in Asia. 

Il legame con il cambiamento climatico deriva dall'accumulo nell'atmosfera dei gas serra prodotti dalla combustione industriale dei combustibili fossili e dalla deforestazione. Creano uno squilibrio nell'energia che fluisce dentro e fuori dal pianeta, innalzando le temperature. Circa il 90% di questa energia aggiuntiva finisce negli oceani. I ricercatori che monitorano la temperatura del mare fino a 2.000 metri hanno tracciato un costante aumento dagli anni '50, raggiungendo un livello record l'anno scorso (vedi grafico). Finora, il 2018 è sulla buona strada per stabilire un nuovo record.

Le tempeste tropicali nell'Atlantico (conosciute come "uragani") e nel Pacifico ("tifoni") traggono la loro energia da questo deposito di calore abissale. Oceani più caldi significano tempeste più intense e più durature. I modelli climatici lo prevedono da tempo. Inoltre, i livelli del mare aumentano a una velocità di 3 mm all'anno. Due fattori spiegano questo: l'acqua si espande mentre si riscalda; e i ghiacciai si stanno sciogliendo su entrambi i poli. Mari più alti significa che le mareggiate raggiungono più nell'entroterra. E, mentre l'atmosfera si scalda, aumenta l'umidità alle alte quote che alla fine cade sotto forma di bombe d'acqua.

Studi recenti hanno esplorato questi effetti in dettaglio, usando eventi reali. All'inizio di quest'anno, ad esempio, una ricerca ha mostrato che le temperature del profondo oceano  poco prima dell'uragano Harvey (che ha provocato disastrose inondazioni a Houston nell'agosto 2017), erano le più alte sia a livello globale sia nel Golfo del Messico.

I dati registrati subito dopo la tempesta hanno rivelato una diminuzione del contenuto di calore del Golfo, in modo strettamente proporzionale alla quantità di pioggia scatenata dall'uragano, più la pioggia aumentava, più la temperatura diminuiva. Questi dati hanno definito che Harvey "non avrebbe potuto produrre così tanta pioggia senza i cambiamenti climatici indotti dall'uomo". Kerry Emanuel, del Massachusetts Institute of Technology, stima che la probabilità che si formi un uragano come Harvey, entro il 2100 sarà 18 volte superiore rispetto alla fine del 20° secolo. 

 

Se le tempeste possono provocare il caos nel paese più ricco del mondo, il loro impatto nei paesi poveri dell'Asia-Pacifico è ancora più vasto. Ogni anno, la regione Asia-Pacifico è colpita da tempeste sempre più grandi di quelle che colpiscano l'America. Lì, l'approccio è stato quello di spostare le persone lontano dalla costa, ove possibile. Il Bangladesh dopo che si trovò nel 1970 sulla strada del ciclone Bhola, che uccise tra 300.000 e 500.000 persone, diventando il più mortale ciclone tropicale mai registrato, iniziò a costruire una vasta rete di rifugi rialzati. Tuttavia, ancora oggi alcune persone si rifiuterebbero di usarle. Quindi ora ospitano molto bestiame e poche persone.

Anche le Filippine hanno una cupa esperienza di tempeste. Haiyan, uno dei più forti cicloni tropicali mai registrati, che ha colpito la regione nel 2013, rimane un forte ricordo. Colpì la parte centrale delle Filippine e attraversò il paese, uccidendo 6.300 persone e lasciando 1.062 dispersi, dal conteggio ufficiale. In confronto, la gestione del Typhoon Mangkhut da parte del governo è considerata un successo. Eppure, il 19 settembre il bilancio delle vittime era di 81 persone e 70 erano ancora disperse. Il numero probabilmente aumenterà. I soccorritori stanno ancora trovando vittime nell'ultima mortale frana causata dal passaggio del ciclone, che ha seppellito una comunità di minatori illegali che cercavano l'oro in una miniera scavata nelle montagne della Cordillera, a nord di Luzon, l'isola principale delle Filippine. Il 15 settembre, giorno in cui Mangkhut ha colpito Luzon, il Consiglio nazionale per la riduzione dei rischi e la gestione dei disastri (NDRRMC) ha riferito che 194.368 persone avevano trovato scampo in rifugi (principalmente scuole). Stimò il costo del danno all'agricoltura a 14,3 miliardi di pesos (264 milioni di dollari). Successivamente il NDRRMC ha stimato che circa 1,1 milioni di persone erano state colpite dalla tempesta. Le sue fasce di nubi portanti la pioggia turbinavano intorno a un'area di 900 km di diametro. Mentre si avvicinava a Luzon, i suoi venti sostenevano velocità fino a 205 km/h vicino al centro, con raffiche fino a 255 km/h. I venti di Mangkhut spazzarono via fragili edifici, e abbatterono gli alberi ma, come Florence, ha portato gran parte della sua distruzione attraverso la pioggia, che ha causato frane e inondazioni improvvise, inondando campi e rovinando i raccolti, rendendo le strade impraticabili e tagliando le forniture di elettricità. La tempesta ha fermato tutta la normale vita economica. Le scuole erano chiuse, per tenere gli alunni al sicuro e per essere usati come rifugi pubblici; le imprese erano chiuse; le partenze dei traghetti e i voli internazionali e nazionali sono stati cancellati.

Da nord a sud, da est a ovest la natura ci sta facendo capire quanto terribile può essere la sua vendetta, i cambiamenti climatici dovuti all'azione dell'uomo paiono aver cambiato gli equilibri della natura. Questo dovrebbe farci riflettere prima di arrivare...

al punto di non ritorno.

FONTE: Economist

 

 

REGIONE LOMBARDIA PRIMA PER DISTRIBUTORI METANO, RIDOTTA DI 127 MILA TONNELLATE ANIDRIDE CARBONICA NELL' ARIA

Entrati in funzione anche di distributori di metano liquido, ricavato anche da "biometano". La Lombardia e' la regione che, tra il 2010 e il 2016 ha visto la maggiore crescita di distributori di gas naturale compresso e liquefatto. 


"Sul territorio lombardo si registrano infatti un aumento degli impianti di distribuzione del metano, passati dai 135 a inizio 2013 alle attuali 179 unita', con una crescita del 36,2% della disponibilita' di questo carburante negli ultimi cinque anni, e l'aumento degli impianti di GPL da 384 a inizio 2013 agli attuali 450 (+17%). Un primato che e' stato premiato lo scorso 8 giugno, in occasione del Convegno "Gas Naturale e Biometano - Eccellenze Nazionali per la sostenibilita'" svoltosi a Bologna".
RISPARMIATI 164 MILIONI DI EURO - "Grazie all'incremento dell'uso dei veicoli a metano, lo scorso anno in regione si sono risparmiati 164 milioni di euro per l'acquisto di carburante (benzina e gasolio) e si e' ridotta di 127 mila tonnellate l'anidride carbonica nell'aria. A livello nazionale - scrive la Nota - la Lombardia si posiziona tra le cinque regioni piu' virtuose insieme a Emilia-Romagna, Marche, Veneto e Toscana. I dati sono frutto dell'indagine del Centro studi Promotor".
BRESCIA PROVINCIA LOMBARDA PIU' VIRTUOSA - "Con un risparmio economico di 44 milioni di euro per l'acquisto di altri carburanti e una riduzione delle emissioni di CO2 di 34mila tonnellate, Brescia e' la provincia lombarda piu' virtuosa nell'utilizzo del metano nel campo dell'autotrazione, seguita da Milano con una riduzione della spesa per il carburante di 40 milioni di euro e 31 mila tonnellate di inquinanti in meno nell'aria. Segue ancora Bergamo, i cui cittadini hanno ridotto i costi di 26 milioni e respirato 20 mila tonnellate in meno di anidride carbonica", si scrive. 
COMO IN FONDO ALLA CLASSIFICA - "In fondo alla classifica regionale Como che registra un risparmio di 3 milioni di euro e di 2 mila tonnellate di CO2. Tra le province italiane e' Ancona a detenere il primo posto per diffusione di veicoli a metano con il 13,9% del parco macchine. Nel rapporto tra veicoli a metano e il totale del parco circolante, a giugno 2017 - appunta ancora il testo - la provincia con la maggiore incidenza percentuale e' Mantova (2,59%), seguita da Brescia (2,31%), Cremona (2,04%),
Bergamo (2%). Per quanto riguarda il numero degli impianti metano e gpl, le province di Milano e Brescia sono quelle piu' attrezzate, rispettivamente con 38 e 32, seguite da Bergamo con 22, Cremona (15), Pavia (14), Mantova (14), Monza e Brianza (10), Como (9), Lodi (5), Lecco (7), Sondrio (3), Varese (1), mentre 9 impianti sono dislocati sulla rete autostradale".
SULLA BUONA STRADA "L'Italia e' al primo posto in Europa per numero di veicoli a metano e numero di distributori, ma si puo' fare ancora meglio - prosegue la Nota - Se in tutta la Penisola si arrivasse al livello di diffusione di veicoli a metano di Ancona si risparmierebbero 11 miliardi di euro e 8 milioni di tonnellate di anidride carbonica e nella sola Lombardia 1,7 miliardi di euro con un calo di 1,4 tonnellate di CO2".
RINNOVAMENTO AUTOMEZZI "Secondo un'elaborazione del Centro Ricerche Continental Autocarro su dati Aci, in Lombardia, tra il 2010 e il 2015, si e' assistito a un significativo rinnovamento dei mezzi di trasporto su strada, con una crescita del parco circolante di autocarri e autobus post Euro 3 del 49,6% e una conseguente riduzione degli inquinanti nell'aria. Nel 2010 gli autobus e gli autocarri post Euro 3 in circolazione erano 182.009 (il 29% del totale). Nello stesso periodo la crescita del parco circolante di autobus e autocarri per trasporto merci di categoria emissiva superiore a Euro 3registrata in tutta Italia e' stata del 53,8%", conclude la Nota.

FONTE: (Lnews)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C