updated 1:38 PM UTC, Dec 10, 2018

In Italia 5 milioni di poveri, il dato peggiore dal 2005. Quasi la metà sono al Sud. Indigente uno straniero su tre (irregolari esclusi ovviamente)

In Italia nel 2017 c'erano 5 milioni di persone in condizione di povertà assoluta. Si tratta del dato più alto dal 2005 sia in termini di famiglie (1,778 milioni, pari al 6,9% delle famiglie residenti) che in termini di singole persone (8,4% dell'intera popolazione). Lo riferisce il presidente facente funzione dell'Istat, Maurizio Franzini, nell'audizione sulla Nadef davanti alle commissioni Bilancio riunite di Camera e Senato. La povertà colpisce nel dettaglio il 6,2% dei cittadini italiani (3 milioni 349mila) e il 32,3% degli stranieri (pari a 1 milione e 609mila individui). Inoltre, l'analisi territoriale mostra che quasi la metà degli individui in povertà assoluta sono residenti nel Mezzogiorno, con un’incidenza del 11,4% sulla popolazione; al Centro e nel Nord l’incidenza è simile, pari rispettivamente al 5,1 e 5,4%. Nel Mezzogiorno il fenomeno interessa il 10,2% degli italiani e il 40% degli stranieri, la cui consistenza numerica è tuttavia estremamente ridotta.

(Fonte: Adnkronos)

Nasce "Forza Salvini", la corrente salviniana di Fi. A vedere il simbolo sembra uno scherzo, ma la questione è terribilmente seria. E se alle Europee...

Come riporta l'agenzia Agi, giovedì, con la presentazione a Montecitorio, nascerà ufficialmente "Forza Salvini", la corrente interna agli azzurri che appoggia il leader della Lega e le sue posizioni, contestate invece dai vertici del partito di Berlusconi. Qualcuno potrebbe leggere in questa mossa semplicemente la ricerca di un posto al sole da parte di alcuni forzisti disposti ad abbandonare la nave che affonda per salire sul vascello leghista col vento in poppa. In certi casi è più o meno così, ma il malcontento sta montando da mesi in seno a quello che era il soggetto egemone e trainante del centrodestra ma che ora rischia seriamente di sparire, fagocitato dal sempre più potente Matteo. L'interprete maggiormente in vista di tale processo è il governatore della Liguria, Giovanni Toti, che ancora oggi è tornato ad attaccare: "Forza Italia ormai fa solo convention", ha detto al Corriere. A detta di molti la nuova discesa in campo di Silvio non basterà ad evitare il minimo storico alle elezioni europee di maggio. Se il divario con la Lega assumesse proporzioni imbarazzanti allora l'incubo di alcuni e il sogno di altri, cioè la creazione di un centrodestra forte guidato da Matteo Salvini, diventerebbe realtà. Ecco perché c'è chi si porta avanti.


E con 'Forza Salvini' nasce ufficialmente la corrente salviniana in Forza Italia. Annunciata nei mesi scorsi e promossa dal forzista Pietro Spizzirri, vicecoordinatore nazionale e coordinatore regionale dei club FI della Calabria, la componente sarà presentata giovedì alle 11.30 in una conferenza stampa a Montecitorio.

L'annuncio arriva con una nota in cui si riporta appunto il simbolo FI, l'ormai storico tricolore con il nome del partito in diagonale all'interno. Modificato, però: 'Salvini' al posto di 'Forza Italia'. Nel corso della conferenza stampa - si spiega - sarà presentata "la corrente popolare e populista di Forza Italia".

"Viviamo tra la nostra gente e non nei salotti romani. Viviamo dei nostri sudati guadagni e sappiamo che il nostro popolo apprezza l'operato di Matteo Salvini e guarda con grande interesse e favore ad interventi come la spesa di cittadinanza, la flat tax, la pace fiscale tombale e la ritrovata unità nazionale. Ci poniamo un obiettivo semplice: far capire al presidente Berlusconi che il popolo di Forza Italia vuole essere alleato di Matteo Salvini e della Lega in questa rivoluzionaria azione di miglioramento del Paese", è l'intento.

L'obiettivo? Entrare nella maggioranza

"Forza Italia deve contribuire a migliorare i contenuti di questa manovra, rendendola ancora più efficace per il progresso del Paese ed il benessere dei cittadini, in linea con le vere aspettative della nostra base. Sono numerose e quotidiane - assicurano i promotori - le adesioni di sindaci, amministratori, dirigenti locali, militanti, simpatizzanti ed elettori di Forza Italia alla corrente Forza Salvini".

"L'idea di fondo - spiega ancora la nota - è chiara: bisogna sostenere la Lega di Salvini al governo del Paese, in linea con la tradizionale alleanza di centrodestra e con i valori ed i principi ispiratori originari del movimento azzurro e di Silvio Berlusconi, quali sicurezza, dignità della persona, libertà ed eguaglianza. Avviando, pertanto, un confronto propositivo per il miglioramento dell'azione di governo, anziché fare opposizione ad ogni costo. Bisogna rivalutare la possibilità di sostenere il governo diventando parte della maggioranza".

"In questo particolare momento storico, ma con le opportune modifiche, riteniamo che sia necessario sostenere la manovra del governo Conte e la linea di Matteo Salvini leader del centrodestra italiano, anche contro la strafottenza e l'arroganza di questa Europa vecchia, inutile e da rifondare", si conclude.

 

(Fonte: Agi)

Il Senato Argentino blocca la legge per la legalizzazione dell'aborto

Dopo 16 ore di discussioni, il Senato argentino ha respinto in modo restrittivo un disegno di legge per legalizzare l'aborto. Tuttavia, il fatto che la discussione sia arrivata fino a questo punto segna un vero cambiamento nell'opinione pubblica. Abbiamo parlato con persone su entrambi i lati della questione. 


Il Senato argentino, giovedì, ha respinto in modo restrittivo un disegno di legge per legalizzare l'aborto, infliggendo una pungente sconfitta a un movimento di base che ha spinto i diritti riproduttivi ai vertici del programma legislativo nazionale e ha galvanizzato i gruppi attivisti in tutta l'America Latina.

Il voto attanagliò la nazione mentre i campi avversari combattevano per influenzare i senatori indecisi fino alle ultime ore. Mentre i legislatori discutevano il disegno di legge nelle prime ore del giovedì, migliaia di difensori di entrambe le parti aspettavano fuori dal Congresso nel freddo invernale, e la Chiesa Cattolica Romana teneva una "Messa per la vita" nella Cattedrale Metropolitana di Buenos Aires.

I sostenitori del disegno di legge - che avrebbero permesso aborti durante le prime 14 settimane di gravidanza - avevano sperato che l'Argentina avrebbe iniziato un cambiamento radicale nei diritti riproduttivi in ​​una regione prevalentemente cattolica dove il 97% delle donne vive in paesi che vietano l'aborto o lo consentono solo in casi rari. Solo poche settimane fa, gli attivisti per i diritti all'aborto sembravano avere buone possibilità di successo, avversari sbalorditivi e avvincenti difensori dei diritti delle donne nei paesi vicini, ispirati alla battaglia argentina. Ma l'opposizione in Argentina si è indurita quando i leader della Chiesa cattolica hanno parlato con forza contro l'aborto dal pulpito e i senatori delle province conservatrici hanno subito forti pressioni per opporsi al disegno di legge.

Alla fine, trentotto legislatori hanno votato contro il disegno di legge, 31 hanno votato a favore e due si sono astenuti. 

Mentre la sconfitta della proposta è stata considerata una battuta d'arresto importante per gli attivisti che l'hanno sostenuta, gli analisti hanno affermato che l'improbabile ascesa del movimento aveva già iniziato a cambiare la regione in modi che sarebbe stato impossibile solo anni fa.

"I diritti di aborto erano una priorità e sarà profondamente scoraggiante essere arrivati ​​così lontano e fallire", ha detto Benjamin Gedan, esperto dell'Argentina presso il Woodrow Wilson International Centre for Scholars. Ma ha detto che i difensori dei diritti delle donne hanno già raggiunto dei successi.

La campagna argentina è accreditata con un dibattito stimolante su una varietà di questioni femminili - compresa la violenza domestica - in una regione socialmente conservatrice in cui tali argomenti sono stati a lungo tabù.

"Se facciamo una lista delle cose che abbiamo guadagnato e delle cose che abbiamo perso, l'elenco delle cose che abbiamo acquisito è molto più grande", ha detto Edurne Cárdenas, avvocato del Centre for Legal and Social Studies, un gruppo per i diritti umani in Argentina che favorisce l'aborto legalizzato. "Prima o poi, questa sarà la legge."

Nella regione, solo l'Uruguay, Cuba, la Guyana e Città del Messico permettono a qualsiasi donna di avere un aborto a breve termine.

Giovedì, le emozioni in Argentina sono state crude dopo settimane di suspense quando sembrava possibile che il disegno di legge potesse diventare legge. 

Gli avversari hanno espresso sollievo. María Curutchet, un avvocato di 34 anni, sorrideva nonostante avesse passato quasi otto ore al freddo per chiarire i suoi sentimenti. "Non taceremo più e non lasceremo che vincano", ha detto Jimena Del Potro, una designer di 33 anni che ha combattuto contro le lacrime mentre parlava. "L'aborto sarà legale presto. Molto presto." 

"E 'stata una giornata molto emozionante", ha detto. "Siamo stati in grande numero e abbiamo dimostrato che difenderemo le due vite, indipendentemente dal costo".

Per l'Argentina, il dibattito sull'aborto ha tolto il senso di sé del paese.

È il luogo di nascita di Papa Francesco, il leader dei cattolici del mondo, che ha recentemente denunciato l'aborto come l'equivalente del "guanto bianco" del programma eugenetico dell'era nazista.

Ma il paese negli ultimi anni si è allontanato da una stretta relazione tra Chiesa e Stato.

Nel 2010, l'Argentina è diventata il primo paese dell'America Latina a consentire alle coppie gay di sposarsi: una mossa combattuta dalla Chiesa con un vigore simile alla sua battaglia contro l'aborto, organizzando proteste che coinvolgono migliaia di persone. Francesco, allora arcivescovo di Buenos Aires, chiamò quel disegno di legge "un attacco distruttivo al piano di Dio".

La lotta per l'aborto ha diviso la classe politica e costretto i leader a cimentarsi con le loro convinzioni personali e politiche. Il presidente Mauricio Macri, un leader di centro-destra che si oppone all'aborto legalizzato, ha detto ai legislatori alleati di votare la loro coscienza e ha detto che avrebbe firmato la legge se fosse stata approvata dal Congresso. 

Ma il ministro della salute del signor Macri, Adolfo Rubinstein, ha testimoniato al Congresso in favore della legalizzazione e ha stimato che circa 354.000 aborti clandestini vengono effettuati ogni anno nel paese. Le complicazioni derivanti da questi aborti sono la principale causa di morte materna nel paese, secondo Mariana Romero, una ricercatrice del Centro per lo studio dello stato e della società, un'organizzazione senza scopo di lucro.

Il movimento organizzato che ha spinto il conto è iniziato nel 2015 con il brutale omicidio di una ragazza di 14 anni incinta dal suo fidanzato. Sua madre ha affermato che la famiglia del fidanzato non voleva che lei avesse il bambino.

Mentre i dibattiti sulla violenza contro le donne sui social media sono cresciuti in conversazioni più ampie sui diritti delle donne, i giovani parlamentari hanno dato una nuova spinta a un progetto di legge sull'aborto che era stato presentato ripetutamente in passato senza andare da nessuna parte.

A giugno, gli attivisti hanno ottenuto una vittoria inaspettata quando la Camera bassa del Congresso ha approvato in stretta misura un disegno di legge che consente alle donne di interrompere la gravidanza nelle prime 14 settimane. La legge attuale consente l'aborto solo in caso di stupro o quando la vita di una madre è in pericolo.

Mentre la misura ha fallito al Senato, ha fatto alcune incursioni. Tra i senatori che hanno votato a favore è stata Cristina Fernández de Kirchner, che come presidente si era opposta alla legalizzazione dell'aborto. 

"Quelli che mi hanno fatto cambiare idea sono state le migliaia e migliaia di ragazze che sono scese in piazza", ha detto prima del voto all'inizio di giovedì.

Nonostante la perdita, il voto ravvicinato - e il modo in cui è stato osservato da vicino nei paesi limitrofi - era un'indicazione che il terreno sui diritti delle donne si era spostato non solo in Argentina, ma nella regione.

Nel vicino Brasile, attivisti questo mese hanno invitato la Corte Suprema a decidere che le restrizioni di aborto del paese, che sono simili a quelle dell'Argentina, sono incostituzionali.

I difensori in Cile, nel frattempo, hanno lottato per estendere i diritti all'aborto, basandosi sulla legalizzazione parziale dello scorso anno , così come su quelli in El Salvador.

"La società nel suo insieme è andata avanti su questo tema", ha detto Claudia Piñeiro, una scrittrice e attivista per i diritti all'aborto in Argentina.

"La chiesa e lo stato dovrebbero essere separati, ma stiamo arrivando a capire che è lontano dal caso", ha detto la signora Piñeiro quando è diventato più chiaro che la spinta per la legalizzazione avrebbe perso. "Questa sarà la prossima battaglia."

 

 

Conte in Senato per la fiducia: "Noi populisti? Ascoltiamo la gente. Basta business dell'immigrazione. Via le sanzioni alla Russia" (VIDEO)

Un discorso di 75 minuti che ha confermato punto per punto il contratto di governo siglato tra Lega e Cinque stelle. Confermando l'appartenenza all'alleanza atlantica e il rispetto dei parametri europei, in una Ue più equa. Ma anche riorientando la politica estera italiana verso Mosca. Giuseppe Conte si è preso la scena parlamentare elencando a Palazzo Madama le priorità dell'esecutivo che sta nascendo. Partendo da una duplice premessa: il contratto è "una pagina scritta che vincola" e per il Paese ora "soffia un vento nuovo" - (VIDEO)


Elogio del populismo, il ricordo del migrante ucciso in Calabria, daspo ai corrotti, apertura alla Russia, flat tax e reddito di cittadinanza. E' durato un'ora e 12 minuti il discorso programmatico del presidente del Consiglio Giuseppe Conte intervenuto in Aula al Senato per chiedere la fiducia. Completo blu, camicia bianca e cravatta violet, il premier ha debuttato a Palazzo Madama con i due leader di Lega e M5S Matteo Salvini e Luigi Di Maio seduti al suo fianco.

"Assumo questo compito - ha esordito - con umiltà e determinazione, consapevole dei miei limiti, ma anche con l'abnegazione di chi comprende il peso delle responsabilità affidatemi. Non sono spinto da nient'altro - ha assicurato - che da spirito servizio". E ancora: "Mi propongo a voi e, attraverso voi, ai cittadini - ha affermato - come l'avvocato che tutelerà l'interesse degli italiani". "Abbiamo apportato un cambiamento radicale del quale siamo orgogliosi", ha rimarcato. "Nel contratto di governo - ha sottolineato - accanto a misure più immediate, sono presenti profonde riforme di carattere strutturale". "Se populismo - ha spiegato - è attitudine ad ascoltare i bisogni della gente, allora lo rivendichiamo". Conte ha poi annunciato che la sua prima uscita pubblica sarà per i terremotati.

MIGRANTI - Parlando di immigrazione, il presidente del Consiglio ha promesso: "Metteremo fine al business dell'immigrazione, cresciuto a dismisura sotto il mantello di una finta solidarietà". Il premier ha poi sottolineato: "Non siamo e non saremo mai razzisti. Vogliamo che le procedure mirate all'accertamento dello status di rifugiato siano certe e veloci, anche al fine di garantire più efficacemente i loro diritti".

OMAGGIO A SACKO - Nel suo discorso Conte ha voluto ricordare Sacko Soumayla, il migrante sindacalista ucciso nei giorni scorsi. "La politica - ha sottolineato - deve farsi carico del dramma di queste persone e garantire percorsi di legalità, che costituiscono la stella polare di questo programma di governo".

EUROPA - Parlando di Europa, Conte ha detto: "E' la nostra casa. Quale Paese fondatore abbiamo il pieno titolo di rivendicare un'Europa più forte e anche più equa".

APERTURA A RUSSIA - Dopo aver ribadito il rapporto "strategico" con l'alleato Usa, il premier ha annunciato: "Saremo fautori di una apertura alla Russia, che ha consolidato negli ultimi anni il suo ruolo internazionale in varie crisi geopolitiche. Ci faremo promotori di una revisione del sistema delle sanzioni, a partire da quelle che rischiano di mortificare la società civile russa".

DASPO PER CORROTTI - Conte ha poi dichiarato che la corruzione sarà combattuta con "metodi innovativi come il 'daspo' ai corrotti e con l'introduzione dell'agente sotto copertura".

REDDITO CITTADINANZA - Parlando di reddito di cittadinanza, il presidente del Consiglio ha spiegato che il beneficio sarà "commisurato alla composizione del nucleo familiare" e "condizionato alla formazione professionale e al reinserimento lavorativo". "Ci proponiamo, in una prima fase - ha aggiunto -, di rafforzare i centri per l'impiego" e in una seconda fase di erogare "il sostegno economico vero e proprio".

PENSIONE DI CITTADINANZA - "Ci premureremo di intervenire - ha poi dichiarato - anche a favore dei pensionati che non hanno un reddito sufficiente per vivere in modo dignitoso, introducendo una pensione di cittadinanza".

TAGLIO PENSIONI D'ORO - Nel suo discorso Conte ha anche annunciato il taglio delle pensioni d'oro: "Interverremo sugli assegni superiori ai 5.000 euro netti mensili nella parte non coperta dai contributi versati".

FLAT TAX - Parlando di tasse, il premier ha detto: "L'obiettivo è la flat tax, ovvero una riforma fiscale caratterizzata dall'introduzione di aliquote fisse, con un sistema di deduzioni che possa garantire la progressività dell'imposta, in piena armonia con i principi costituzionali".

CARCERE PER GRANDI EVASORI - "Occorre inasprire l'esistente quadro sanzionatorio amministrativo e penale, al fine di assicurare il carcere vero per i grandi evasori", ha poi osservato il premier.

GIOVANI E LAVORO - "Vogliamo dare voce - ha sottolineato Conte - ai tanti giovani che non trovano lavoro". "Vogliamo costruire un nuovo patto sociale trasparente ed equo fondato sulla solidarietà ma anche sull'impegno".

SALARIO MINIMO E TASSE EQUE - "E' ora di dire - ha continuato - che i cittadini italiani hanno diritto a un salario minimo orario, affinché nessuno venga più sfruttato, che hanno diritto a un reddito di cittadinanza e a un reinserimento al lavoro qualora si ritrovino disoccupati, che hanno diritto a una pensione dignitosa, che hanno diritto a pagare in maniera semplice tasse eque".

APERTURE AGLI ALTRI GRUPPI - Rivolgendosi alle altre forze politiche, Conte ha poi dichiarato: "Saremo disponibili anche a valutare, in corso d'opera, l'apporto di gruppi parlamentari che vorranno condividere il nostro cammino e, se del caso, aderire successivamente al contratto di governo".

Al termine del discorso programmatico c'è stata una lunga standing ovation finale per Conte. I senatori M5S e Lega si sono alzati e hanno applaudito la compagine governativa che, a sua volta, si è unita agli applausi generali, sotto lo sguardo delle opposizioni, Pd, Fi e Fdi, che hanno assistito in silenzio.

Poi, durante la replica in Aula al Senato sulla fiducia, è tornato sul contratto di governo firmato M5S-Lega. "Ho sentito parlare di inciucio, questo no. La trasparenza diventa inciucio? Questo proprio no" ha scandito.

Quanto alla moneta unica, il premier ha rimarcato che "l'uscita dall'euro non è mai stata in discussione", ma "come facciamo a rinunciare a discutere le politiche economiche? Di questo parliamo, che ci sia margine o no lo vedremo ma siamo determinati a farlo". Ed ha avvertito: "Non facciamo dello spread il nostro vessillo, dietro lo spread si nasconde la speculazione finanziaria" ha detto il presidente del Consiglio. "Dateci il tempo di lavorare e di misurarci con tutta la complessità di questo compito. Lo faremo con responsabilità e massimo impegno". (Fonte: Adnkronos)

Quando torneremo a votare? Senza fiducia a Cottarelli la prima data utile è il 9 settembre. Tutte le ipotesi calendario alla mano (VIDEO)

Sono giorni decisivi per il governo. Dopo lo scontro attorno al nome di Paolo Savona che ha impedito la formazione di un esecutivo 5 Stelle-Lega guidao da Giuseppe Conte, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha conferito l'incarico a Carlo Cottarelli. Ma le elezioni sono tutt'altro che scongiurate, anzi. Se l'ex commissario alla spending review riuscirà a ottenere la fiducia in Parlamento entrerà in carica per l'approvazione della legge di Bilancio per il 2019. "Dopo di che - ha detto Cottarelli - il Parlamento verrebbe sciolto con elezioni a inizio 2019". Senza fiducia, invece, come sembra probabile, "il governo si dimetterebbe immediatamente e il suo principale compito sarebbe la gestione dell'ordinaria amministrazione e di accompagnare il Paese ad elezioni dopo il mese di agosto" - (VIDEO)


Calendario alla mano, vediamo quali sono le date utili per il voto

I TEMPI - Il tempo minimo in Italia per indire le elezioni politiche è di un mese e mezzo. Il decreto del presidente della Repubblica con il quale si stabilisce la data del voto deve infatti essere pubblicato sulla Gazzetta ufficiale entro il 45esimo giorno antecedente quello delle consultazioni. Bisogna poi considerare il voto all'estero per organizzare il quale servono almeno 60 giorni.

9 SETTEMBRE - La prima data utile dopo l'estate potrebbe essere il 9 settembre, considerando la necessità di verificare come arrivare allo scioglimento delle Camere in modo da non superare i 70 giorni tra il game over della legislatura e l'apertura delle urne. Ma si potrebbe tornare alle urne anche il 16 settembre, il 23 settembre e il 30. In quest'ultimo caso le Camere dovrebbero essere sciolte entro il 22 luglio.

VOTO A OTTOBRE - Le elezioni potrebbe slittare anche a inizio ottobre, probabilmente il 7, ultima domenica utile per non mettere a rischio l'eleborazione della manovra che va presentata dal governo in Parlamento entro il 15 ottobre. In questo caso l'ultima data utile per sciogliere le Camere è il 29 luglio.

ELEZIONI NEL 2019 - Se il governo Cottarelli riuscisse invece a incassare la fiducia in Parlamento, ipotesi complicata visto il no annunciato da 5 Stelle, Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia, le elezioni si terrebbero all'inizio del prossimo anno. L'esecutivo Cottarelli restarerebbe in carica fino a fine dicembre per traghettare il Paese a nuove elezioni con la manovra approvata e gli aumenti dell'Iva scongiurati. (Fonte: Adnkronos)

Governo, il Movimento 5 Stelle tiene il punto. Parla Laura Castelli: "Il cambiamento non passa né da Arcore né dalle ammucchiate. Non si torna indietro" (VIDEO)

Intervista alla deputata del M5S, Laura Castelli, che ribadisce i concetti già espressi da Luigi Di Maio: sì a un dialogo con la Lega di Matteo Salvini ma chiusura nei confronti di un centrodestra che abbia Silvio Berlusconi ancora come protagonista. "Proponiamo un contratto di governo con punti chiari per il bene dei cittadini" 

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

8°C

Milano

Sunny

Humidity: 32%

Wind: 24.14 km/h

  • 10 Dec 2018 7°C 0°C
  • 11 Dec 2018 5°C -3°C