Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 993

Uccidere o non uccidere ... Il dilemma morale ignorato dai robot killer

L'autonomia dei robot assassini non solo trasforma la condotta delle operazioni militari, ma anche il vero paradigma della guerra


ll robot killer è essenzialmente molto più di un'arma, dal momento che è in grado di  scegliere  e  decidere  autonomamente se sparare a un bersaglio nemico oppure risparmiare la sua esistenza. Essendo privo di coscienza, il robot killer non potrà mai essere responsabile delle sue azioni, di conseguenza non potrà essere giudicato e non dovrà mai seguire le differenti regole d'ingaggio. L'autonomia dei robot assassini non solo trasforma la condotta delle operazioni militari, ma risolvono anche il vero paradigma della guerra, è giusto uccidere oppure no? Le conseguenze sociali e anche morali dell'uso di robot killer diventano quindi tutt'altro che trascurabili. Questi problemi devono essere messi in oggettiva prospettiva come parte di un processo completo di automatizzazione della guerra convenzionale. Ci concentreremo qui su un aspetto cruciale dell'arrivo di robot letali autonomi: la loro capacità di decidere autonomamente di sparare e quindi uccidere i combattenti nemici.

La Guerra: un'attività molto umana

La guerra è essenzialmente un'attività regolata da regole e convenzioni umane, derivanti da norme culturali e religiose. Ma ha anche una sua logica che sfida le convenzioni. Per il grande teorico militare Clausewitz, è "un atto di violenza che teoricamente non ha limiti". Teoria confermata in una nota espressione di Eisenhower:

"Usando la forza, non sapevamo dove stavamo andando, più abbiamo approfondito il conflitto, meno i limiti abbiamo trovato ad eccetto della capacità di forza stessa".

Per riassumere, si potrebbe dire, come il generale Sherman durante la guerra civile, prima di evacuare e poi bruciare la città di Atlanta che, "la guerra è un inferno che trova limiti solo nella sua attuale potenza. Tuttavia, queste tendenze sono contenute paradossalmente dai soldati impegnati nelle guerre che, secondo il filosofo Michael Walzer, sono capaci di distinguere "il compito a cui dedicano le loro vite, da un puro e semplice macello", attraverso il rispetto convenzioni di guerra. Ovvero la capacità di distinguere quando è realmente necessario uccidere e quando no.

Le convenzioni di guerra

Le Convenzioni di Ginevra riguardano due aspetti: lo jus ad bellum, il diritto di innescare e fare la guerra, e lo jus in bello, quest'ultimo parte da un assioma fondatore: la distinzione tra combattenti e civili. Il primo ha il diritto di uccidere in virtù del fatto che essi possono essere uccisi o uccidere. Da questa fondamentale distinzione seguono quattro principi principali:

  • l'umanità;
  • necessità militare;
  • proporzionalità;
  • discriminazione.

Due principi ci interessano in modo particolare. In primo luogo, il principio di proporzionalità richiede che, se è permesso uccidere civili per distruggere importanti obiettivi nemici, questo deve essere fatto in misura sufficiente. Secondo il giornalista Andrew Cockburn, l'esercito americano in Afghanistan, avrebbe considerato che un rapporto di 30 civili uccisi, per ogni capo talebano sconfitto sarebbe stato accettabile.

Il secondo, il principio di discriminazione, è quello di garantire una chiara distinzione tra civili e combattenti militari. Il rispetto di questi due principi dipende in larga misura dall'intensità del conflitto in corso.

L'opposizione ai robot killer

Si gioca principalmente sui due criteri visti in precedenza. Per quanto riguarda il fattore discriminazione, non si può negare che rappresenti un punto debole di queste macchine: come differenziare, infatti, un soldato che si arrende da un soldato in armi, o un soldato ferito?

Purtroppo al momento, le tecniche di riconoscimento della forma sopra citata, sono in grado di distinguere solo le uniformi e fanno, come afferma il robotista Noel Sharkey, grossolane confusioni nel distunguere lo stato dei soldati . D'altra parte, è molto difficile per un robot identificare un soldato ferito o addirittura un soldato che stende le braccia. A questo si aggiunge il criterio di proporzionalità: una macchina può decidere da sola quanti civili potrebbero essere uccisi per distruggere il suo obiettivo?

Per rafforzare questi due argomenti principali, gli oppositori dei robot killer, antepongono il principio di umanità, affermando che gli umani non sono razionali perché hanno emozioni e credono nel loro intuito. Molti di loro mostrano una certa repulsione nell'uccidere il loro vicino. Ad esempio, studi condotti dopo la seconda guerra mondiale hanno mostrato che in media solo il 18,75% dei soldati messi in servizio aveva usato la propria arma.

Questa vivace opposizione imbarazza molto i capi i militari, i capi di stato e spiega la loro esitazione sull'uso di queste armi. Anche se i più scettici pensano che poteri militari forti come la Cina, la Russia o l?america, non avranno certamente queste apprensioni morali e non esiteranno a sviluppare questo tipo di armamenti in un futuro troppo prossimo.

L'arrivo dei robot killer è quindi inevitabile e merita di essere anticipato.

Chi è responsabile?

In virtù di questo principio, Ronald C. Arkin, un robotista americano, propone di progettare macchine che agiscono in modo più etico, rispetto a quei soggetti imperfetti che sono combattenti umani, dotandoli di UMANITA'. Considerando che, "confrontandosi con l'orrore del campo di battaglia", i soldati vedono la loro capacità di giudizio offuscata dalle emozioni e dallo stress del combattimento e tendono quindi a commettere atrocità. I robot autonomi letali sarebbero la soluzione per garantire il rispetto delle leggi della guerra, preimpostate nella loro intelligenza artificiale.

Per Gregoire Chamayou, il problema è ad un altro livello, considerando due livelli distinti di ragionamento;

1) l'arma (che è una cosa)

2) il combattente (che è una persona)

Il primo non è legalmente responsabile (forse lo sono i suoi creatori), il secondo legalmente responsabile e giudicabile. 

Il robot autonomo letale è un insieme di questi due punti, in cui l'arma e il combattente si confondono in un'unica essenza: agente e strumenti sono collegati, escludendo ogni possibilità di responsabilità legale. Come giudicare una macchina? Quindi... vede qualcosa e inizia a fare uso di se stesso.

La possibilità di concedere il diritto di uccidere alle macchine non sarebbe comunque senza conseguenze. Se consideriamo che in guerra, il diritto di uccidere è solitamente riservato ai combattenti in virtù del fatto che possono essere uccisi, considerare che possono essere eliminati da una macchina, "sarebbe come mettere un omicidio, sullo stesso piano della distruzione di una semplice cosa materiale" .

Questa domanda non è solo militare e avrà inevitabilmente ripercussioni sull'uso di altri sistemi automatici come, ad esempio le automobili autonome, pensiamo ad un incidente mortale causato da una macchina a guida autonoma, chi dovrà essere considerato responsabile di tale grave avvenimento?

 

FONTE: (Eric Martel, dottore in scienze gestionali - ricercatore associato presso LIRSA, Conservatorio nazionale delle arti e mestieri (CNAM))

Legittima difesa, la Camera approva la legge: si può sparare ai ladri, ma solo di notte... E scoppia la polemica. Salvini: "Vergogna! Si difendono i delinquenti". Cacciato dalle tribune

Il Ddl passa con 225 Sì e ora andrà al vaglio del Senato. Critiche da destra e da sinistra. Il M5S attacca il Pd: "Pasticcio normativo frutto dei compromessi con Alfano". Il leader leghista, tra il pubblico, contesta il provvedimento e viene allontanato dall'Aula, poi protesta coi suoi in piazza Montecitorio


Salvini bloccato dai commessi in tribuna

Con 225 voti a favore, 166 no e 11 astenuti, la Camera ha approvato le nuove norme in materia di legittima difesa, che modificano gli articoli 52 e 59 del codice penale. A favore il centrosinistra, ad eccezione dei deputati di Democrazia solidale che si sono astenuti, contro le opposizioni. Il testo passa ora al Senato.

"Le norme sulla legittima difesa sono scritte con i piedi. Il Pd ha dimostrato ancora una volta come i compromessi con Alfano creano pasticci normativi. Pressato per motivi elettorali ha partorito nella miglior ipotesi il nulla e nella peggiore l'incertezza". Lo affermano i deputati M5S in commissione Giustizia alla Camera, annunciando il voto contrario del gruppo al ddl in discussione in Aula. ''Il dibattito sulla legittima difesa - aggiungono i 5 Stelle - è stato puramente basato sulla propaganda elettorale dimenticando la realtà, per questo motivo abbiamo votato contro. La sicurezza e la giustizia devono essere in primis assicurati dallo Stato".

"Legittima difesa, ancora una volta la sinistra e il governo si sono dimostrati incapaci di rispondere alle reali esigenze della popolazione. Esigenze di sicurezza, tranquillità, di difendere i propri beni, la propria vita, le proprie attività dai delinquenti durante le rapine. Per questo voteremo 'no' a questa legge ipocrita, imbrogliona, che dice tutto e il contrario di tutto, scritta male", ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera.

La proposta di legge voluta dalla maggioranza sulla legittima difesa "è l'ennesimo affronto di un governo clandestino, che arma i ladri e disarma i cittadini. In Italia si può rubare, scippare, rapinare e violentare di giorno perché ti puoi difendere solo, forse, di notte. Siamo al delirio, speriamo vadano a casa il prima possibile. Questo governo è scafismo di Stato e difesa dei delinquenti", ha commentato il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, che insieme ad altri parlamentari del Carroccio, indossando una maglia con la scritta "La difesa è sempre legittima", ha preso parte a un sit in di protesta in piazza Montecitorio.

LE NUOVE NORME

LIMITI LEGITTIMA DIFESA - Viene specificato che si considera legittima difesa la reazione a un'aggressione in casa, in negozio o in ufficio commessa di notte o all’introduzione con violenza, minaccia o inganno. Resta comunque ferma la necessità che vi sia proporzione tra difesa e offesa e l’attualità del pericolo. Già oggi si presume che vi sia proporzione se la difesa anche con armi riguarda un’aggressione domiciliare che mette in pericolo la propria o l’altrui incolumità oppure, ma in questo caso solo quando non vi è desistenza e vi è pericolo di aggressione, se si difende il proprio patrimonio.

TURBAMENTO ESCLUDE COLPA - Nella legittima difesa domiciliare è sempre esclusa la colpa di chi spara se l’errore, in situazioni di pericolo per la vita e la libertà personale o sessuale, è conseguenza di un grave turbamento psichico causato dall’aggressore.

ASSISTENZA LEGALE A CARICO STATO - Nel caso in cui sia dichiarata la non punibilità per legittima difesa, tutte le spese processuali e i compensi degli avvocati saranno a carico dello Stato. Un onere per l’erario stimato in 295.200 euro a decorrere dal 2017.

Legittima difesa, il dibattito entra allo stadio. Il caso degli Old Fans dell'Inter

A San Siro esposto uno striscione di solidarietà a Mario Cattaneo, il ristoratore di Lodi che ha sparato a un ladro romeno uccidendolo. La firma è quella del gruppo che anima il tifo nerazzurro al "primo anello verde": idee molto chiare nel calcio, ma non nascondono nemmeno le loro posizioni politiche. Conosciamoli meglio, senza i soliti pregiudizi


"La difesa è sempre legittima: vicini a Mario Cattaneo". Lo striscione, lungo una quindicina di metri, è comparso sulla transenna del primo anello verde dello stadio Meazza poco prima del fischio d'inizio di Inter-Sampdoria. La firma quella degli Old Fans, vivace gruppo di supporters che ha scelto di collocarsi sotto la Curva Nord, cuore storico del tifo nerazzurro. Il messaggio era rivolto al ristoratore di Casaletto Lodigiano che poche settimane fa ha sparato a un ladro romeno che si era introdotto di notte nella sua trattoria-tabaccheria per rubare un'ingente quantità di sigarette. Il malvivente è morto durante la fuga per le ferite riportate. Un fatto che ha alimentato il dibattito sociale e politico sulla legittima difesa di chi si trova a dover fronteggiare malintenzionati in casa propria.

Colpisce che il tema che sta dividendo opinione pubblica e politici, sia arrivato dentro lo stadio. La cosa non deve però sorprendere più di tanto perché gli Old Fans interisti non nascondono le proprie posizioni che si possono genericamente definire "di destra". Amore per l'Inter dunque, ma non solo. I messaggi lanciati dal primo verde evidenziano anche una passione nazionalista, vedi le bandiere delle terre italiane perdute di Istria, Fiume e Dalmazia. Non manca nemmeno la volontà di schierarsi in campo geopolitico; ecco quindi i vessilli della Russia di Putin e l'appoggio alla rivendicazione serba del Kosovo.

Un impegno extracalcistico che ha portato il gruppo, capeggiato da Renato Bosetti, già leader degli Ultras della Nord, burbero quanto leale omaccione molto amato dai suoi, a contribuire con generosa concretezza alle raccolte alimentari di CasaPound Milano a favore dei cittadini italiani in difficoltà.

Calcio e politica, tifo e impegno sociale. Spesso questi binomi sono stati oggetto di pesanti condanne, soprattutto da parte della stampa. In realtà bisogna saper distinguere, al di là che le posizioni in questione siano condivisibili o meno, tra ciò che è sano e ciò che non lo è.

Chi come noi ha provato a documentarsi sul campo non se la sente di criticare a priori questi Old Fans che, a parte far indispettire con la loro rumorosa partecipazione qualche tranquillo avventore del primo anello, non creano problemi a nessuno che non se li voglia cercare.

Che si sia d'accordo o meno, ben venga la solidarietà a Mario Cattaneo anche da chi ama i colori dell'Inter, così come il divertente bandierone "Emargina l'astemio" non può essere considerato un inno all'alcolismo. Sono fatti così gli Old Fans Gate 3.

 

  • Pubblicato in Sport

Sicurezza, Anguissola (Forza Italia): "I cittadini milanesi si sentono abbandonati. Ogni giorno ricevo segnalazioni, soprattutto da parte di genitori preoccupati"

I recenti fatti di cronaca riportano sulle prime pagine dei giornali, nel dibattito politico, ma, soprattutto, al centro delle preoccupazioni dei cittadini, il tema della sicurezza. A Milano la situazione si sta facendo sempre più pesante. Ne abbiamo parlato con Marco Anguissola di San Damiano, consigliere di Forza Italia al Municipio 8 - (VIDEO)


L'ultimo episodio è avvenuto nei giorni scorsi proprio nel territorio del Municipio 8 di Milano, che comprende zone periferiche spesso al centro delle cronache per fatti di violenza e degrado. Un richiedente asilo somalo è stato arrestato dalla polizia per aver aggredito e ferito gravemente un suo connazionale al culmine di una lite scoppiata lungo via Aldini, vicino al centro d'accoglienza in cui la vittima è ospite. Secondo quanto riferito dalla Questura,il ferito è stato trasportato dal 118 in codice rosso all'ospedale Fatebenefratelli, dove gli sono stati riscontrati tra l'altro un forte trauma cranico e maxillofacciale. Entrato in coma poco dopo il ricovero, l'uomo ne è uscito il giorno seguente rimanendo però in prognosi riservata. Arrestato con l'accusa di lesioni personali gravi e recluso nel carcere di San Vittore, l'aggressore è risultato essere ospite nel centro per migranti di via Mambretti.

Abbiamo sentito il consigliere Marco Anguissola di San Damiano, esponente di Forza Italia, per un commento sui recenti fatti di cronaca che hanno rilanciato con forza il tema della sicurezza. Sono sempre più numerosi, spiega Anguissola ai nostri microfoni, i cittadini che segnalano situazioni preoccupanti legate all'illegalità e al degrado, molto diffuse nelle periferie e non solo. E in molti casi le segnalazioni vengono da genitori che lamentano le allarmanti condizioni in cui versano le aree dove si trovano scuole, parchi e altri luoghi di aggregazione dei bambini.

Usa, guardia uccide rapinatore in una banca: dichiarato "eroe". Il giudice: "Ha salvato la sua vita e quella di altri" (IMMAGINI FORTI)

Un uomo, incappucciato, pistola in pugno, entra nella filiale di un istituto di credito dell'Illinois e comincia a sparare in aria minacciando il personale. L'agente di sicurezza presente reagisce all'istante e colpisce ripetutamente con la sua arma il malintenzionato, che tenta la fuga ma stramazza al suolo privo di vita. Per la giustizia americana siamo di fronte ad un atto eroico e non ci sarà alcun processo. Giusto o sbagliato? Anche da noi, dopo il caso del Lodigiano il dibattito sulla legittima difesa è aperto - (VIDEO) 


Siamo Rockford, Illinois, Stati Uniti. Le immagini della telecamera interna sono nitide e sono molto forti nel mostrare il tentativo di rapina di una banca finito tragicamente. Il malvivente entra nella filiale dell'istituto, a volto coperto, pistola in pugno; una guardia presente non ci pensa due volte, estrae la pistola e apre il fuoco centrando subito il rapinatore che tenta di scappare ma viene colpito nuovamente, prima di crollare a terra privo di vita. 

Oltre all'esito impressionante della tentata rapina, il fatto, visto da questa parte dell'Oceano, porta con sé un altro aspetto sorprendente. L'agente, Brian Harrison, non andrà neppure a processo: negli Stati Uniti la legittima difesa è un diritto sacrosanto ed è interpretata, anche giuridicamente, in modo assai ampio. Il procuratore di Winnebago, Joe Bruscato, ha affermato: "Non ci sono dubbi sul fatto che Harrison abbia salvato la vita di chi lavorava in quella banca quel giorno, così come ha salvato la sua, di vita". L'agente è stato dichiarato "eroe".

  • Pubblicato in Esteri
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C