updated 1:40 PM UTC, Nov 18, 2018

Adottare una dieta mediterranea in età avanzata può prolungare la vita

Secondo alcuni studi svolti nel sud Italia, le persone di età pari o superiore ai 65 anni che iniziano a una dieta ricca di pesce, frutta secca a guscio e verdure fresche hanno il 25% di rischio in meno di morte.


È stata da sempre pubblicizzata come la ricetta per una vita sana, prevenendo ogni sorta di mali. Ora i ricercatori dicono che una dieta mediterranea offre ancora più benefici in età avanzata e potrebbe ridurre il rischio di morte, la dieta è generalmente ricca di pesce, noci, verdure fresche, olio d'oliva e frutta.

"Poiché stiamo affrontando un processo di invecchiamento in tutto il mondo, in particolare in Europa, è particolarmente importante vedere quali tipi di strumenti abbiamo oggi per affrontare questo processo di invecchiamento", ha detto Marialaura Bonaccio, epidemiologa dell'Istituto neurologico mediterraneo, IRCCS Neuromed e primo autore dello studio. "Sappiamo tutti che la dieta mediterranea fa bene alla salute, ma ci sono pochi studi incentrati sugli anziani", ha aggiunto. Precedenti studi hanno suggerito benefici legati sia a malattie cardiache sia a neoplasie .

Pubblicato sul British Journal of Nutrition , lo studio ha esaminato la salute e l'alimentazione di 5.200 persone over 65 anni, dalla regione Molise, reclutati come la parte più ampia di uno studio svolto tra il 2005 e il 2010 e seguiti poi fino al 2015, durante questo periodo si sono verificati 900 decessi. I partecipanti hanno compilato un questionario alimentare che rifletteva la loro dieta abituale, prima di essere reclutati e a ciascuno è stato assegnato un punteggio in base a quanto la loro dieta fosse vicina alla dieta mediterranea, usando una scala 0-9. I risultati ottenuti rivelano che coloro che si attengono più strettamente alla dieta mediterranea, hanno maggiori probabilità di riuscire ad intraprendere più attività fisica nel loro tempo libero, con minor fatica. Al fine di rendere il test il più realistico possibile, sono stati presi in considerazione fattori quali età, sesso, livelli di attività, stato socioeconomico, fumo e IMC, quelli con una buona aderenza alla dieta (punteggio 7-9 sulla scala) avevano un rischio di mortalità inferiore del 25% rispetto quelli che avevano ottenuto un punteggio da 0 a 3. Ogni aumento di un punto, in funzione di una corretta alimentazione riduceva il rischio di morte per qualunque causa di salute (non incidenti) di un 6% circa Non sono stati osservati collegamenti chiari per cause specifiche di morte, come il cancro o la mortalità cardiovascolare, sebbene vi fossero alcuni segni di una riduzione del rischio di malattia coronarica o di mortalità cerebrovascolare e di mortalità per "altre cause". Il team ha anche esaminato se determinati componenti della dieta mediterranea fossero più strettamente legati ad una riduzione della mortalità rispetto ad altri, osservando i cambiamenti nella riduzione del rischio di morte associati ad un aumento di due punti di aderenza alla dieta. I risultati mostrano che anche quando vengono rimossi singoli oggetti, la dieta rimane quasi sempre utile ma che un aumento dei grassi saturi, o la perdita di pesce, la perdita di una quantità moderata di alcol o di un minor numero di cereali, sembrano avere effetti maggiori nel ridurre le dimensioni del beneficio.

"Se inizi un buon stile di vita sano quando sei giovane, probabilmente il tuo beneficio sarà ancora maggiore", ha detto Marialaura Bonaccio, "Ma anche se sei vecchio e inizi ad avere uno stile di vita sano con una giusta dieta puoi vivere più a lungo. Direi che lo sviluppo e il mantenimento di abitudini alimentari più sane è molto più importante nella vita precedente, dato che, una volta che le abitudini sono state impostate, di solito vengono mantenute".

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-1°C

Milano

Cloudy

Humidity: 96%

Wind: 4.83 km/h

  • 19 Nov 2018 0°C -2°C
  • 20 Nov 2018 1°C -2°C