Logo
Stampa questa pagina

Allarme 5G

5G 5G

Primo STOP alle reti 5G, Ginevra pone il veto alla partenza, fino a quando non verrà dimostrato che "non sono dannose per la salute"


Mentre in Europa un "sospetto di spionaggio cinese sorvola il 5G", la Svizzera ha aperto un'altra breccia sulla sicurezza della prossima generazione di reti di telecomunicazioni: "quella della salute".

Le reti 5G sono dannose per la salute? Questa è la domanda che è stata presentata nel cantone svizzero di Ginevra, domanda a cui i politici non sono stati in grado di rispondere.

In caso di dubbio, il principio di precauzione impone all'amministrazione cantonale di Ginevra l'interruzione temporanea dell'installazione di reti 5G nel suo territorio, finché non ci saranno "studi scientifici indipendenti" che dimostrino che queste reti di telecomunicazioni non saranno dannose per la salute delle persone.

"Ci è stato detto che la frequenza è quasi la stessa di 4G ma, nel caso di 5G, verrà utilizzata per collegare gli oggetti tra di loro, l'ambiente sarà più carico di onde elettromagnetiche e nessuno sa se il suo accumulo sarà dannoso per salute", ha detto il promotore dell'iniziativa, Bertrand Buchs, appartenente al Partito Democratico Cristiano Svizzero.

 La giurisdizione svizzera, in questi casi, prevede un concetto politico ben preciso, "IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE", nel quale si afferma che quando la valutazione multidisciplinare, contraddittoria, indipendente e trasparente condotta sulla base dei dati disponibili, non consente di concludere con certezza su un certo livello di rischio, devono essere prese le misure di gestione dei rischi sulla base di una valutazione politica per determinare il livello di protezione da voler perseguire. In poche parole nessun progetto di qualsiasi genere esso sia, può essere avallato in modo responsabile se prima non vi sia certezza per la sicurezza del territorio. Qualche dubbio sorge sulla realizzazione delle centrali nucleari.

In aggiunta, il movimento Democratico Cristiano svizzero, sollecita il Consiglio di Stato perchè richieda con urgenza degli studi scientifici indipendenti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, fatti da società controllate del governo svizzero, come ha già proposto dall'Ufficio federale per l'Ambiente, sempre in relazione alle reti 5G.

Sebbene questo sia il caso più discusso, non è la prima volta che la classe politica decide di agire di fronte ai possibili effetti nocivi che queste infrastrutture potrebbero avere sulla salute delle persone. Qualche giorno prima del veto di Ginevra, è stato deciso di interrompere "l'installazione di nuovi impianti 5G nel cantone finché non ci sarà un rapporto federale che permetta di conoscerne gli effetti e "stabilire i limiti che devono essere adottati".

Ci auguriamo che anche in Italia vengano prese misure a tutela della salute dei cittadini... ma temiamo che gli interessi politici siano oggi rivolti su altri diversi fronti.

Copyrights By ilcomizio Web