Log in

Quando vale la pena acquistare un'auto a GPL?

ll gas di petrolio liquefatto (GPL o Autogas), costituito da una miscela di butano e propano, è un'alternativa ai combustibili tradizionali, è più economico, fornisce emissioni leggermente inferiori e rende il motore meno sporco. Tuttavia, questi vantaggi non sono economici. In media, le auto che utilizzano il GPL sono circa 1.500 euro più costose rispetto ai modelli a benzina di equivalente fascia. E costano all'incirca lo stesso del diesel.


Prima di decidere di passare a questo carburante, si dovrebbe riflettere sulla convenienza. Va tenuto presente che, in ogni caso, si tratterà di un investimento di medio-lungo termine, poiché occorreranno diversi anni per ammortizzarlo, a seconda del chilometraggio che viene effettuato.
 

Il nuovo pasticcio delle etichette ambientali DGT

La guida più completa alla scelta del carburante per la tua nuova auto

I vantaggi del GPL

1. Minor costo per chilometro. Argomento principale. Al 1 settembre il prezzo del GPL era di circa 0,68 euro al litro, contro un prezzo medio della benzina di  1,37 euro  e un costo del gasolio di 1,26 euro. Pertanto, il costo della guida con questo gas è inferiore del 50% rispetto alla benzina e circa il 35% rispetto al diesel. Più chilometri si percorrono all'anno, prima verrà ammortizzato il supplemento e inizierà il risparmio.

Il numero di chilometri all'anno da cui si può considerare l'acquisto di un'auto a GPL dipende dal sovrapprezzo del modello in questione, ma generalmente inizia ad essere interessante intorno ai 12.000 chilometri. Oltre a contare il numero di chilometri, è conveniente  valutare il consumo di carburante della stessa auto con motore a benzina o diesel, maggiore è il consumo, maggiore sarà il risparmio se alimentata a GPL.

2.  Manutenzione più economica. L'usura meccanica su un'auto a GPL è notevolmente inferiore. La combustione è più pulita, produce meno rifiuti e anche il consumo di olio può essere più contenuto. Tuttavia, il GPL ha un effetto lubrificante inferiore rispetto ai combustibili tradizionali e, negli anni, può provocare corrosione nei tubi che trasportano il gas dal serbatoio al motore.

3.  Rispetto per l'ambiente. Il GPL è più ecologico, perché emette il 15% in meno di CO2 rispetto alla benzina, il diesel emette dal 5% al 10% in meno. Decisamente inferiori invece sono le emissioni di ossidi di azoto (NOx), che sono tra il 70% e il 90% inferiori a quelle delle auto diesel tradizionali, la forbice si riduce invece con le auto moderne alimentate anche con AdBlue. I veicoli a GPL ottengono l'etichetta ECO dalla DGT, che si traduce in vantaggi come una riduzione del 75% della tassa di circolazione, la possibilità di guidare senza restrizioni in scenari in cui vengono bloccati i veicoli più inquinanti.

Il maggior potenziale ecologico del GPL è quello di essere un carburante green, è ottenuto come sottoprodotto nei processi di raffinazione del petrolio e quindi, la sua produzione non genera emissioni aggiuntive.

4.  Fornisce una maggiore autonomia. Un'auto a GPL incorpora due serbatoi, uno per la benzina e l'altro per il gas, potendo circolare con entrambi, l'autonomia in chilometri fornita dalla somma di entrambi può essere maggiore di quella di un'auto convenzionale, sebbene anche questo dipenda dal modello di auto, dalla sua efficienza e dalle dimensioni dei suoi serbatoi.

Gli svantaggi del GPL

1.  Sottrarre spazio nel bagagliaio o eliminare la ruota di scorta. Le auto a GPL necessitano di un serbatoio aggiuntivo per immagazzinare questo carburante, il che causa una perdita di spazio per i bagagli o, più comunemente, elimina la ruota di scorta.

2.  La rete di rifornimento è ancora limitata. Le stazioni di servizio che vendono GPL non sono molte. Inoltre, la distribuzione è irregolare a seconda del territorio. Il rifornimento, invece, non è particolarmente conveniente, perché richiede l'inserimento e la rimozione di un adattatore che deve essere posizionato sull'ugello del serbatoio ad ogni rifornimento, ed inoltre azionare contemporaneamente la pistola di caricamento e un pulsante sulla lancia, una manovra che non può essere effettuata in autonomia. 

Adatta la tua auto al GPL

Sebbene sempre più produttori di auto includano il GPL come opzione di motorizzazione, non tutte le case madri considerano questo carburante e quindi non producono modelli ibridi, GPL/BENZINA. Se, nonostante tutto, non si vuole rinunciare a questa tecnologia, c'è sempre la possibilità di adattare l'auto dopo l'acquisto. La trasformazione deve essere sempre eseguita in un'officina specializzata e su una vettura con motore a benzina. Il suo prezzo parte dai 1.200 euro.

Il metano è lo stesso?

Il gas naturale compresso (CNG) meglio conosciuto come Metano, ha poco a che fare con il GPL, anche se entrambi sono gas. Il Metano proviene da serbatoi naturali il che significa che per estrarlo vengono generate emissioni nocive, ma una volta ottenuto è molto più ecologico del GPL, che è pur sempre gas proveniente da petrolio sporco o poco raffinato.

Quindi, una volta in macchina, riduce le emissioni di CO2, rispetto a benzina e diesel, e migliora anche l'inquinamento da NOx, anche rispetto ad entrambi i combustibili tradizionali. E mantiene i vantaggi economici, perché è anche più economico, intorno a 0,9 euro al chilo (sì, il metano si misura in chili, non in litri) e ogni unità di volume tende a fornire più autonomia del GPL, perché ha maggiore potenziale energetico. In altre parole, con un chilo di metano si percorrono più Km che con un litro di GPL.  Le successive trasformazioni di veicoli in ibridi a metano sono sconsigliate, e quasi nessuna officina le esegue, a causa della maggiore complessità tecnica dei serbatoi.

La mobilità elettrica deve offrire un'ecologia a 360 gradi

La Mazda MX-30 offre sostenibilità in tutte le aree, dalle batterie e dai materiali interni alla ricarica.


L'elettrificazione dei trasporti è la chiave per rendere green la mobilità e raggiungere, o almeno approssimare per il momento, la tanto attesa compatibilità dell'auto con l'ambiente. I veicoli meccanici tradizionali consumano ancora combustibili fossili, così come gli ibridi, ma non i modelli elettrici, che consentono di guidare senza produrre emissioni. Ed è per questo che sono l'alternativa con più futuro.

Nonostante questo, durante tutta la vita utile di un'auto, sia termica che di batteria, si genera un'impronta ambientale dall'estrazione delle materie prime, dalla loro produzione, dal trasporto al concessionario, dall'utilizzo e dal riciclaggio finale. Tuttavia, questo impatto può essere ridotto al minimo applicando le giuste soluzioni. E ci sono già esempi, come la Mazda MX-30, che mostra la via da seguire per rendere le auto elettriche il più pulite possibile.

Un'auto alimentata al 100% a batteria non genera emissioni durante la guida, ma gli ingegneri e i designer Mazda si sono spinti oltre, tenendo conto anche, tra molti altri fattori, di come viene prodotta l'elettricità che alimenta questi veicoli, perché se si ricorre a impianti che utilizzano combustibili fossili per produrlo, il bilancio ecologico non è più positivo. Ed è un punto vitale, perché secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia, il pericolo nella produzione di elettricità è l'attività umana che emette più CO 2 nell'atmosfera.

Ma ci sono altri problemi da considerare. Il produttore giapponese ha condotto uno studio insieme alla Kogakuin University di Tokyo, pubblicato sulla rivista tecnica Sustainability, da cui si evidenzia che i modelli elettrici con piccole batterie generano meno emissioni nel loro ciclo completo, perché richiedono meno energia per produrle e ricaricarle, poiché pesano anche meno, non consumano tanto e sfruttano meglio l'energia disponibile.

Batterie adeguate per la necessaria autonomia

Uno dei punti più controversi intorno alle auto elettriche è stato (e continua ad essere) quello della loro autonomia. La principale lamentela dei potenziali acquirenti risiede nella sua autonomia più limitata rispetto a quella di una macchina dotata di un motore a combustione. E la maggior parte dei marchi scommette sull'integrazione di batterie sempre più grandi per offrire un raggio d'azione o autonomia superiore. 

Ma è una buona idea? L'argomento a favore è che, potendo percorrere distanze di 600 o più chilometri per carica, un veicolo elettrico riuscirebbe a convincere la maggioranza dei clienti e potrebbe essere utilizzato come unica automobile di una famiglia. Tuttavia, la realtà è che nella quotidianità quasi nessuno viaggia così lontano con il proprio veicolo.

Secondo uno studio condotto dalla società di consulenza Ipsos nel 2019, in Europa i conducenti percorrono in media 48 chilometri al giorno. Certo, ci sono anche quelli che arrivano a 80 e altri che si fermano a 30. Allora perché portare enormi batterie per poter affrontare lunghi viaggi che non si fanno quasi mai?

Mazda ha scelto la strada opposta, ed è per questo che il suo MX-30 integra una batteria da 35,5 kWh, la metà di quella che normalmente trasportano altri veicoli elettrici delle sue dimensioni. Ma la strategia ha la sua ricompensa, perché grazie al risparmio di peso e una maggiore efficienza energetica, questa batteria fornisce un'autonomia fino a 265 chilometri in ciclo urbano, più che sufficiente per coprire le necessità quotidiane e anche le fughe del fine settimana nei dintorni. Integrando accumulatori più compatti si guadagna anche lo spazio interno e, riducendo il peso, si migliora anche il comportamento dinamico. 

Mazda MX-30

Energia pulita e ricarica rapida

Mazda ha stretto una partnership con Iberdrola affinché la sostenibilità dell'MX-30 si estenda anche alla ricarica, grazie a questo accordo, l'azienda giapponese offre ai suoi clienti un punto di ricarica Wallbox Pulsar Plus da 7,4 kW. Ma la cosa migliore è che l'elettricità che consumi è prodotta in modo pulito, da fonti rinnovabili (certificato GdOs).

Inoltre, se è collegato alla ricarica tramite le colonnine pubbliche (dell'azienda elettrica locale), l'energia necessaria per percorrere 100 chilometri costerà solo 0,5 euro. E il culmine: l'MX-30 può assorbire potenze di carica fino a 50 kW,  e la somma di questa potenza e della sua efficiente batteria compatta consente di ricaricare dal 20% all'80% in carica rapida in soli 36 minuti.

Un interno che è anche rispettoso

L'interno di un'auto deve offrire qualità ed ergonomia e, se possibile, anche un'atmosfera accogliente e un design accattivante. Nel caso di Mazda, queste massime sono anche combinate con il concetto di design Modern Human, che facilita l'interazione del guidatore con il suo veicolo, e con materiali ecocompatibili.  

Il produttore utilizza sughero naturale per rivestire la consolle centrale e le maniglie delle porte. E lo fa per una doppia ragione. Innanzitutto perché per ottenere il materiale è sufficiente togliere la corteccia dagli alberi, le querce da sughero, senza doverle abbattere, riducendo così l'impatto sulle risorse naturali. La corteccia ricresce. Ma in secondo luogo, l'uso del sughero è un omaggio alle origini di Mazda, che ha iniziato il suo percorso industriale lavorando con i derivati ​​di questa materia prima.

Mazda MX-30

Inoltre, la parte superiore dei rivestimenti delle portiere è realizzata con una speciale fibra tessile proveniente da bottiglie di plastica riciclate e, in alcune versioni, i sedili sono rivestiti con una pelle vegana che utilizza l'acqua al posto dei solventi durante il processo di fabbricazione e riesce a mantenere il tocco e la resistenza caratteristici della pelle naturale.

Tutti questi valori di sostenibilità si fondono con le ultime tecnologie al servizio della sicurezza, di cui fanno parte sistemi come la frenata di emergenza automatica con rilevatore di traffico frontale o il sistema di mantenimento della corsia, che sono raggruppati sotto il nome di i-Activsense

La mobilità elettrica deve offrire un'ecologia a 360 gradi

La Mazda MX-30 offre sostenibilità in tutte le aree, dalle batterie e dai materiali interni alla ricarica.


L'elettrificazione dei trasporti è la chiave per rendere green la mobilità e raggiungere, o almeno approssimare per il momento, la tanto attesa compatibilità dell'auto con l'ambiente. I veicoli meccanici tradizionali consumano ancora combustibili fossili, così come gli ibridi, ma non i modelli elettrici, che consentono di guidare senza produrre emissioni. Ed è per questo che sono l'alternativa con più futuro.

Nonostante questo, durante tutta la vita utile di un'auto, sia termica che di batteria, si genera un'impronta ambientale dall'estrazione delle materie prime, dalla loro produzione, dal trasporto al concessionario, dall'utilizzo e dal riciclaggio finale. Tuttavia, questo impatto può essere ridotto al minimo applicando le giuste soluzioni. E ci sono già esempi, come la Mazda MX-30, che mostra la via da seguire per rendere le auto elettriche il più pulite possibile.

Un'auto alimentata al 100% a batteria non genera emissioni durante la guida, ma gli ingegneri e i designer Mazda si sono spinti oltre, tenendo conto anche, tra molti altri fattori, di come viene prodotta l'elettricità che alimenta questi veicoli, perché se si ricorre a impianti che utilizzano combustibili fossili per produrlo, il bilancio ecologico non è più positivo. Ed è un punto vitale, perché secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia, il pericolo nella produzione di elettricità è l'attività umana che emette più CO 2 nell'atmosfera.

Ma ci sono altri problemi da considerare. Il produttore giapponese ha condotto uno studio insieme alla Kogakuin University di Tokyo, pubblicato sulla rivista tecnica Sustainability, da cui si evidenzia che i modelli elettrici con piccole batterie generano meno emissioni nel loro ciclo completo, perché richiedono meno energia per produrle e ricaricarle, poiché pesano anche meno, non consumano tanto e sfruttano meglio l'energia disponibile.

Batterie adeguate per la necessaria autonomia

Uno dei punti più controversi intorno alle auto elettriche è stato (e continua ad essere) quello della loro autonomia. La principale lamentela dei potenziali acquirenti risiede nella sua autonomia più limitata rispetto a quella di una macchina dotata di un motore a combustione. E la maggior parte dei marchi scommette sull'integrazione di batterie sempre più grandi per offrire un raggio d'azione o autonomia superiore. 

Ma è una buona idea? L'argomento a favore è che, potendo percorrere distanze di 600 o più chilometri per carica, un veicolo elettrico riuscirebbe a convincere la maggioranza dei clienti e potrebbe essere utilizzato come unica automobile di una famiglia. Tuttavia, la realtà è che nella quotidianità quasi nessuno viaggia così lontano con il proprio veicolo.

Secondo uno studio condotto dalla società di consulenza Ipsos nel 2019, in Europa i conducenti percorrono in media 48 chilometri al giorno. Certo, ci sono anche quelli che arrivano a 80 e altri che si fermano a 30. Allora perché portare enormi batterie per poter affrontare lunghi viaggi che non si fanno quasi mai?

Mazda ha scelto la strada opposta, ed è per questo che il suo MX-30 integra una batteria da 35,5 kWh, la metà di quella che normalmente trasportano altri veicoli elettrici delle sue dimensioni. Ma la strategia ha la sua ricompensa, perché grazie al risparmio di peso e una maggiore efficienza energetica, questa batteria fornisce un'autonomia fino a 265 chilometri in ciclo urbano, più che sufficiente per coprire le necessità quotidiane e anche le fughe del fine settimana nei dintorni. Integrando accumulatori più compatti si guadagna anche lo spazio interno e, riducendo il peso, si migliora anche il comportamento dinamico. 

Mazda MX-30

Energia pulita e ricarica rapida

Mazda ha stretto una partnership con Iberdrola affinché la sostenibilità dell'MX-30 si estenda anche alla ricarica, grazie a questo accordo, l'azienda giapponese offre ai suoi clienti un punto di ricarica Wallbox Pulsar Plus da 7,4 kW. Ma la cosa migliore è che l'elettricità che consumi è prodotta in modo pulito, da fonti rinnovabili (certificato GdOs).

Inoltre, se è collegato alla ricarica tramite le colonnine pubbliche (dell'azienda elettrica locale), l'energia necessaria per percorrere 100 chilometri costerà solo 0,5 euro. E il culmine: l'MX-30 può assorbire potenze di carica fino a 50 kW,  e la somma di questa potenza e della sua efficiente batteria compatta consente di ricaricare dal 20% all'80% in carica rapida in soli 36 minuti.

Un interno che è anche rispettoso

L'interno di un'auto deve offrire qualità ed ergonomia e, se possibile, anche un'atmosfera accogliente e un design accattivante. Nel caso di Mazda, queste massime sono anche combinate con il concetto di design Modern Human, che facilita l'interazione del guidatore con il suo veicolo, e con materiali ecocompatibili.  

Il produttore utilizza sughero naturale per rivestire la consolle centrale e le maniglie delle porte. E lo fa per una doppia ragione. Innanzitutto perché per ottenere il materiale è sufficiente togliere la corteccia dagli alberi, le querce da sughero, senza doverle abbattere, riducendo così l'impatto sulle risorse naturali. La corteccia ricresce. Ma in secondo luogo, l'uso del sughero è un omaggio alle origini di Mazda, che ha iniziato il suo percorso industriale lavorando con i derivati ​​di questa materia prima.

Mazda MX-30

Inoltre, la parte superiore dei rivestimenti delle portiere è realizzata con una speciale fibra tessile proveniente da bottiglie di plastica riciclate e, in alcune versioni, i sedili sono rivestiti con una pelle vegana che utilizza l'acqua al posto dei solventi durante il processo di fabbricazione e riesce a mantenere il tocco e la resistenza caratteristici della pelle naturale.

Tutti questi valori di sostenibilità si fondono con le ultime tecnologie al servizio della sicurezza, di cui fanno parte sistemi come la frenata di emergenza automatica con rilevatore di traffico frontale o il sistema di mantenimento della corsia, che sono raggruppati sotto il nome di i-Activsense

Milano AutoClassica, la più grande fiera dell'auto classica e sportiva

Apre i battenti il 25-26-27 Settembre 2020, alla Fiera Milano Rho, "AutoClassica", il grande appuntamento fieristico dedicato alle auto classiche e sportive. Anche ilComizio.it sarà presente con le sue telecamere e con un giornalista d'eccezione, Giorgio Bungaro


Milano AutoClassica è un appuntamento dove si fondono cultura, passione, tecnologia e design, dedicato a tutti gli appassionati ma anche a chi vuole passere una giornata diversa a contatto con la bellezza delle classiche e delle sportive di un tempo. Auto Classiche, youngtimer e instant classic, una grande esposizione di auto per tutti i gusti e di tutte le epoche, dalle classiche più iconiche alle Youngtimer più ricercate, fino ai pezzi unici che faranno la storia di domani, proposte in vendita dai più importanti operatori del settore. Da anni l’appuntamento internazionale più importante per gli appassionati di motori e della più vasta cultura legata all'automotive, un grande mercato di auto e ricambi d’epoca. AutoClassica è un evento capace di generare forti emozioni in tutti, uomini, donne, giovani, appassionati o semplici curiosi.


La più grande esposizione dove vendere o acquistare direttamente con una trattativa tra privati. L’occasione perfetta per ogni visitatore, anche per chi si avvicina per la prima volta alle vetture classiche, grazie a un’offerta ampia, variegata ed accessibile.

Milano AutoClassica è anche elegante vetrina di stile per la presentazione di nuovi modelli in anteprima da parte delle case automobilistiche. Un percorso espositivo teso a valorizzare la memoria storica dei brand automobilistici presenti con l’heritage dei loro modelli più rappresentativi accanto alle proposte più attuali, riunendo in un unico contesto un numero sempre crescente di collezionisti, appassionati di motori, nonché utenti alla ricerca dell’ultimo modello con cui sostituire la propria vettura. Una riuscita contaminazione tra passato, presente e futuro scaldata dalla comune passione per la cultura dell’automobile, per il bello, per l’esclusivo e per le emozioni forti che riesce a suscitare.

Un evento che seguiremo da vicino con immagini, video e interviste, il nostro punto d'incontro con gli espositori sarà Giorgio Bungaro iconico interprete del mondo dei motori.

 

La maledizione di Tutankhamon, dalla fantasia alla realtà

Il successo della leggenda è attribuito all'immaginazione di Arthur Conan Doyle, creatore di Sherlock Holmes e scrittore di grande influenza ai suoi tempi


Il filosofo scientifico Jorge Wagensberg aveva scritto in uno dei suoi aforismi che le lacune nella conoscenza sono solitamente piene di solide convinzioni. Una di quelle "credenze solide" è quella della maledizione di Tutankhamon, per la quale, chiunque si avvicini alla tomba di un faraone egizio sarà condannato a morire in breve tempo.

Tutto iniziò quando, nel novembre 1922, l'egittologo Howard Carter scoprì la tomba di Tutankhamon nella Valle dei Re. Da quel momento in poi, le persone legate alla scoperta hanno cominciato a morire. Il caso più famoso è quello di Lord Carnarvon, il mecenate che finanziò lo scavo, morto dopo essere stato punto da una zanzara sulla guancia. Sembra che durante una rasatura, la puntura della zanzara si sia infettata, portando alla morte il mecenate. La morte di Carnarvon fu solo la prima di una strana sequenza. Suo fratello, Aubrey Herbert, suo assistente durante l'apertura della tomba morì in strane circostanze. Non si salvò neanche l'uomo che diede l'ultimo colpo al muro che blindava la camera dove era stato ritrovato il sarcofago. Allo stesso modo anche l'uomo che fece la prima radiografia alla mummia di Tutankhamon, non si salvò dalla maledizione . Si dice che al momento di fare l'autopsia, alla mummia sia stata trovata una ferita sulla stessa guancia dove Lord Carnarvon fù morso dalla zanzara.
In breve, la credenza nella maledizione di Tutankhamon divenne sempre più solida e i tabloid dell'epoca diffusero la leggenda per tutti gli anni '20, continuando fino ad oggi. Il successo di tale convinzione è attribuito all'immaginazione di Arthur Conan Doyle, creatore di Sherlock Holmes e scrittore di grande influenza in quei tempi.

Era il 2012 quando la maledizione colpì di nuovo duramente. Un virus trasmesso agli esseri umani attraverso i dromedari si stava muovendo lentamente ma inesorabilmente attraverso il Medio Oriente. Era una malattia simile alla SARS (sindrome respiratoria acuta grave segnalata per la prima volta in Asia nel 2003) e che stava causando il caos, diffondendosi in Arabia Saudita e lasciando dietro di sé una scia di morti. Si trattava di MERS, causata da un coronavirus tipico dei pipistrelli che popolano le tombe egizie. Ancora una volta, la maledetta leggenda delle mummie faraoniche stava guadagnando forza.

La MERS (Middle East Respiratory Syndrome), è una malattia respiratoria virale provocata da un coronavirus, per così dire, è cugina di quella che oggi sta causando la pandemia da covid-19. Tuttavia, la differenza tra covid-19 e MERS risiede nella capacità di adattarsi alla trasmissione umana. Mentre la MERS implica un contatto intimo, il COVID viene trasmesso molto più facilmente.

La cosa importante di tutto questo è che una credenza come la maledizione di Tutankhamon, nata negli anni '20, non ha trovato posto nel nostro secolo. Scartando le teorie magiche, la ricerca scientifica ha portato alla scoperta della MERS e con essa, alla scoperta del pipistrello come serbatoio naturale per la maggior parte dei coronavirus esistenti.

Sulla base di questo fatto fondamentale, si stanno compiendo progressi nell'attivazione dei diversi vaccini per alleviare l'epidemia che oggi sta devastando le nostre vite. Il segreto di questa epidemia sta nel nostro rapporto con l'ambiente, con l'habitat naturale degli animali, con un luogo sacro che abbiamo profanato senza riguardo.. Questa è la vera maledizione!.

L'Italia al voto, l'Italia divisa

La maggioranza degli elettori italiani sono chiamati al voto oggi e lunedì, per scrivere un "SI" oppure un "NO" al referendum a favore della legge già approvata dal parlamento, per la soppressione di 230 seggi alla Camera dei deputati e 200 al Senato. Secondo i sondaggi, anche una parte dell'attuale maggioranza al governo (sia parte del PD, sia parte M5S), voterà contro quella che viene definita la svolta costituzionale del secolo, sostenendo il mantenimento degli attuali 945 parlamentari. 

La divisione all'interno di ciascuno dei partiti al governo è totale e ancor di più se si tiene conto che è stato lo stesso M5S a proporre la riforma, con l'obiettivo di "semplificare" il potere legislativo e risparmiare denaro, una cifra stimata di circa 57 milioni di euro all'anno. Lo stipendio mensile di ogni deputato è di 12.000 euro, oltre ad altri vantaggi tra cui il viaggio gratuito e un buono di affitto per i non residenti a Roma.

"Basta con i dinosauri", ha gridato Beppe Grillo, fondatore del M5S e favorevole alla riduzione del numero dei parlamentari, così come favorevole è Luigi di Maio, attuale ministro degli Esteri. La riforma ha anche l'appoggio del segretario generale del PD, Nicola Zingaretti. 

"E 'fondamentale riconoscere l'importanza dei cittadini e il modo in cui partecipano alla vita politica", ha detto Riccardo Fraccaro, sottosegretario alla Presidenza del M5S e primo firmatario della riforma costituzionale. Fraccaro si riferisce a quella che definisce "democrazia diretta" , come avviene per le decisioni all'interno del partito anti-sistema, che vengono prese attraverso il voto effettuato online, dei suoi membri.

A proposito di questa procedura, nota come piattaforma Rousseau, il suo fondatore Roberto Casaleggio disse,  "il superamento della democrazia rappresentativa è inevitabile, attualmente esistono strumenti di partecipazione decisamente più democratici ed efficaci, in termini di rappresentanza popolare di qualsiasi modello di governo del Novecento". 

"La democrazia non è un clic", sostengono, invece, coloro che criticano questo sistema. 

"Vattene, tu e le tue bugie", ha scritto a sorpresa lo scrittore Roberto Saviano, rivolgendosi a chi, come Grillo, difende la riforma costituzionale. 

Marco Damiano, direttore di "Espresso", altro critico, ha posto sulla copertina del periodico uscito il 30 agosto, la foto di Di Maio, che appare seduto su una poltrona dorata in stile "ancien régime". "Il referendum è un contributo per smantellare un altro pezzo di istituzioni ", si afferma. 

Gli oppositori alla riforma sostengono che abbassare il livello di rappresentanza in Parlamento riduce lo spettro democratico. Il Congresso italiano conta 630 deputati (350 in Spagna, 577 in Francia) e ciascuno rappresenta 96.006 abitanti, che diverrebbero 151.210 con la riforma.

Referendum ed elezioni regionali 2020 mettono alla prova il governo Conte

Oggi si vota in sette regioni per i propri rappresentanti nei consigli regionali, tutta la popolazione invece, va al voto per decidere una importante modifica costituzionale.


A sei mesi dal primo contagio da coronavirus in Italia, vissuto come primo focolaio nell'Unione Europea (Ue), questa domenica gli italiani hanno due appuntamenti con le urne. Due voti che influenzeranno la mappa politica del Paese e serviranno a misurare il grado di sostegno al governo di coalizione presieduto da Giuseppe Conte. Il primo voto, a livello nazionale, è un referendum sulla modifica di una legge a riforma costituzionale, già approvata dal Parlamento, una nuova legge che propone di ridurre il numero di deputati e senatori dagli attuali 945 a 600. Il secondo voto è limitato a sette regioni , dove gli elettori eleggeranno i loro futuri rappresentanti politici: Liguria (Genova), Marche (Ancona), Puglia (Bari), Valle d'Aosta (Aosta), Toscana (Firenze), Campania (Napoli) e Veneto (Venezia). 

La bagarre regionale si presenta come un duello tra la coalizione di centrosinistra, oggi al governo e quella di centrodestra, formata da Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia, questi ultimi partono favoriti in Veneto, Liguria e Marche. Tutto indica, tuttavia, che a prescindere da ciò che dettano i sondaggi, il voto non avrà la capacità di modificare anche l'attuale struttura di governo, sebbene l'equilibrio delle forze all'interno dell'Esecutivo potrebbe cambiare.
Nella Toscana rossa, da sempre roccaforte del centrosinistra, i sondaggi mettono sul piatto un possibile "sorpasso". Se così fosse, costituirebbe una grave battuta d'arresto e un dramma per la sinistra tradizionale. 
 
Cosa di cui invece poco si è parlato è il voto in Valle d'Aosta, dove invece si vota perché il consiglio di amministrazione è stato sciolto a causa dei suoi rapporti con la mafia. In Campania secondo tutti i sondaggi rimarrà in carica il leader progressista uscente, così come per il presidente veneto. Nelle Marche, terra che guarda geograficamente ed economicamente ai Balcani e all'Est, è probabile, secondo i sondaggi, che cambi di mano e vada all'opposizione. I sondaggi danno come  partito più votato Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni.

I continui attacchi a Salvini rischiano invece di frenare l'ascesa della Lega.

La coalizione di governo soffre degli alti e bassi dell'anti-sistema, che non sa se vuole essere di destra, di centro o di sinistra. Tale è lo smarrimento, che Beppe Grillo, fondatore del M5S, è stato costretto a tornare nell'arena politica per placare gli eccessi di chi un tempo era indignato. Una cosa da notare è che da quando il M5S è entrato di peso nel panorama politico italiano, è passato dal 37,4 di sostegno elettorale a circa il 17% di oggi.

Luigi Di Maio, leader di fatto dei “grillini”, fa tutto il possibile per evitare che vengano indette elezioni generali anticipate che  potrebbero porre fine alla gloria di chi ha vinto le elezioni del 2018, promettendo di "aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno", cosa, forse non proprio riuscita.

Un momento difficile questo per il nostro paese, i 209 milioni di Euro promessi dall'Europa per garantire il rilancio del paese, fanno gola a molti, i poteri economici forti, manifestano il desiderio di un governo forte e hanno persino nominato Mario Draghi a presiederlo, ma purtroppo per loro la prima parte interessata, non è in carica.

Al momento Conte gode di un grande sostegno popolare: il 60% degli italiani approva come viene gestita la pandemia. Il premier spera di restare in carica fino al 2022, anno in cui dovrà essere eletto anche il nuovo presidente della Repubblica.

Non ci resta che attendere la serata di domani, per capire se il nostro "bel paese" girerà pagina e inizierà a scrivere una nuova storia, oppure continuerà la scrittura sulle vecchie pagine di quel libro che riporta le vicende "buone e cattive" della nostra millenaria cultura...

 

I ricercatori giapponesi scoprono un tipo di luce ultravioletta che uccide il coronavirus

In Giappone un gruppo di ricercatori ha scoperto una luce ultravioletta in grado di distruggere il Coronavirus in pochi secondi. A differenza dei fasci luminosi usati oggi per sanificare gli ambienti, non è dannosa per l'uomo


Uno studio condotto dai ricercatori dell'Università di Hiroshima (Giappone) ha dimostrato che l'uso della luce ultravioletta C con una lunghezza d'onda di 222 nanometri (nm), riesce ad eliminare "efficacemente" il SARS-CoV-2, il virus che causa malattia nota come Covid-19.

Già precedenti studi, sempre in Giappone, hanno coinvolto questo tipo di luce ultravioletta, ma avevano solo esaminato la sua potenza nel distruggere i coronavirus stagionali che sono strutturalmente simili al SARS-CoV-2, ma non il virus che causa lo stesso COVID-19. Detto questo, i ricercatori giapponesi, il cui lavoro è stato pubblicato sull '"American Journal of Infection Control", hanno sviluppato un esperimento in vitro che ha dimostrato che il 99,7 per cento della coltura virale SARS-CoV-2 è morto dopo un'esposizione di 30 secondi a un'irradiazione di luce ultravioletta di 222 nm a 0,1 mW / cm 2. Questa lunghezza d'onda non può penetrare nello strato esterno dell'occhio e nella pelle delle persone, quindi gli esperti hanno assicurato che non danneggerà le cellule viventi sottostanti. "Questo lo rende un'alternativa più sicura ma altrettanto potente alle lampade utilizzate per disinfettare tutt'oggi gli impianti sanitari", hanno concluso i ricercatori.

Tuttavia, gli esperti hanno evidenziato la necessità di un'ulteriore valutazione della sicurezza e dell'efficacia dell'irradiazione di questa luce per uccidere il coronavirus sulle superfici nel mondo reale, poiché le loro ricerche hanno avuto riscontri positivi solo sull'efficacia in vitro.

  • Pubblicato in Salute
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS