Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 993

Referendum per l'autonomia lombarda, si voterà così: Maroni spiega le procedure elettroniche

Il governatore presenta personalmente il sistema innovativo per la consultazione del 22 ottobre (dalle 7 alle 23) che riguarderà anche 17 Comuni chiamati a pronunciarsi su ipotesi di fusione. In ogni cabina ci sarà una sorta di tablet chiamata "voting machine"con il quesito, tre le possibilità fra cui scegliere: "sì", "no" o "scheda bianca". Si potrà cambiare idea, ma solo una volta. Rispetto alle elezioni tradizionali la cosiddetta "scheda nulla" è tecnicamente impossibile - (FOTO E VIDEO)


Referendum per l’autonomia della Lombardia, Maroni firma: voto il 22 ottobre. M5s e Pd: “Solita propaganda”

ECCO LA SPIEGAZIONE FOTOGRAFICA

 

Questi i pulsanti con cui il presidente di seggio attiva la procedura di voto

 

La schermata di inizio della 'vote machine' per le operazioni di voto

 

La schermata di voto con il quesito e l'indicazione del sì

 

 

La prosecuzione della procedura di voto con la conferma della scelta espressa

 

La conferma dell'avvenuto completamento della votazione

 

La schermata di voto con il quesito e l'indicazione del no

 

La prosecuzione della procedura di voto con la conferma della scelta espressa

 

La prosecuzione della procedura di voto che conferma la scelta espressa

 

La schermata di voto con il quesito e l'indicazione della scheda bianca

 

La schermata di voto con il quesito e la conferma della scelta di votare scheda bianca

 

La schermata di voto con il quesito e la possibilità di modificare il voto espresso, una sola volta, sceglindo tra le opzioni si', no e scheda bianca

Trent'anni fa moriva Almerigo Grilz, reporter di guerra e di amore. Giusto che i capponi non ricordino le aquile

Il 19 maggio 1987 cadeva a Caia, in Mozambico, un giornalista indipendente e libero, non certo a parole. La pallottola che lo uccise mentre documentava, in prima linea, uno dei tanti conflitti africani ha interrotto una vita spesa a far parlare la Storia, dall'Afghanistan al Libano, dalla Cambogia all'Etiopia, dalle Filippine alla Birmania. Una vita sempre al fronte, lui che dal suo Fronte veniva, quello di Trieste, città unica che amava disperatamente, ricambiato. Non da tutti: il locale Ordine dei giornalisti gli ha sempre negato qualsiasi forma di memoria e onore. I motivi? Quelli piccoli di sempre. Per fortuna due meravigliosi colleghi, Gian Micalessin e Fausto Biloslavo, che con lui condivisero passione, lotta e gioventù, tengono ancora accesa la sua fiaccola, luce e testimone, a beffa del buio e della morte - (VIDEO)


Almerigo Grilz in Etiopia

 

Il bel pezzo di Gian Micalessin sul Giornale:

Di destra, quindi dimenticato. In memoria di Almerigo Grilz

A 30 anni dalla morte una mostra per il primo giornalista caduto dopo il 1945. E che i colleghi lasciano nell'oblio

Si chiamava Victor. L'incontrai nel novembre 2002 a Dondo, nel Nord del Mozambico. Durante la guerra civile degli anni '80 tra il governo filosovietico della Frelimo e i guerriglieri anti comunisti della Renamo era stato maggiore dell'esercito. 

Smessi gradi e divisa si guadagnava da vivere come responsabile della sicurezza della Gmc, una cooperativa rossa di Ravenna presente da decenni nel paese. Ero arrivato lì con il collega Franco Nerozzi e Giancarlo Coccia, storico corrispondente africano de il Giornale per cercare la tomba dell'amico Almerigo Grilz freddato da un colpo alla nuca il 19 maggio 1987 mentre filmava uno scontro tra Renamo e soldati del Frelimo. Bivaccavamo in quel campo grazie alla generosità di Claudio Conficoni, il manager, ex Pci, responsabile locale della Cmc. «Prendete auto e uomini che vi servono... fate come a casa vostra» ripeteva. E mi rideva in faccia se ricordavo che Almerigo Grilz era diventato giornalista dopo esser stato vice-segretario nazionale del Fronte della Gioventù al fianco di Gianfranco Fini. «Ora è morto sbottava - e se anche è stato "fassista" era prima di tutto italiano. Questo è quello che conta».

Risultati immagini per almerigo grilz

Victor ascoltava silenzioso. Non spiaccicò mezza parola nemmeno quando arrivammo a Caia. Ma quando incominciai a studiare il terreno per capire dove Almerigo era stato colpito fu lui a portarmi nella radura ai margini della città, non lontano da uno zuccherificio. «Di solito disse i ribelli arrivavano da qua». Guardai l'ultimo filmato di Almerigo, le ultime immagini della sua cinepresa. Tutto corrispondeva. Victor sorrise. E fu lui, nonostante il pericolo, ad accompagnarmi a Gorongoza, la zona dove a 10 anni dalla fine delle ostilità la Renamo nascondeva ancora le armi. La zona dove i ribelli avevano sotterrato il cadavere di Almerigo dopo una lunga ritirata notturna. Lì all'imbrunire del 21 novembre 2002 trovammo il grande albero di Muthongo sotto cui riposava. Allora Victor m'abbracciò e mi sussurrò parole mai dimenticate. «Ero il comandante di Caia, forse c'ero pure io a sparare al tuo amico, ma ci tenevo ad aiutarti perché la guerra è finita e a nessuno interessa più se un giornalista stava con noi o con i nostri nemici. I morti sono tutti fratelli».

Non qui in Italia. A Trieste l'Ordine dei Giornalisti, a cui Grilz era iscritto, ignora da 30 anni la richiesta d'accogliere una lapide con il suo nome accanto a quelle per l'inviato Rai Marco Luchetta e gli operatori Alessandro Ota, Dario D'Angelo e Miran Hrovatin, morti tra Bosnia e Somalia. Fuori da Trieste non va meglio. Grilz oltre ad aver raccontato guerre e guerriglie tra Afghanistan, Libano, Etiopia, Mozambico, Filippine, Cambogia e Birmania scriveva per il Sunday Times e firmava reportage trasmessi da Cbs ed Nbc negli Stati Uniti, da Channel4 in Inghilterra e dal Tg1 Rai qui in Italia. Eppure nonostante quel curriculum, nonostante sia stato il primo caduto su un campo di battaglia dal 1945 Almerigo Grilz continua ad essere un «inviato ignoto» per gran parte dei giornalisti italiani.

Una damnatio memoriae sconcertante per una categoria che annovera con orgoglio colleghi come Adriano Sofri, condannato per l'omicidio Calabresi, Bernardo Valli, orgoglioso dei 5 anni trascorsi nella Legione Straniera e una legione di reduci della sinistra extraparlamentare come, Paolo Mieli, Toni Capuozzo, Enrico Deaglio, Lucia Annunziata, Gad Lerner, Paolo Liguori, Andrea Marcenaro, Carlo Panella, Riccardo Barenghi e Lanfranco Pace. Ma i giornalisti si consolino. A destra non è andata meglio. Fini a Trieste pernottava regolarmente nella casa di Almerigo, ma una volta divenuto presidente della Camera, si è ben guardato dal muovere mezzo dito per sottrarre l'amico all'oblio collettivo.

Poco importa. Di una vita conta la storia. La storia di un ragazzo che, unico tra le fila di una destra sclerotizzata, comprendeva, già negli anni '70, l'importanza dell'informazione e imbracciava macchine fotografiche e cineprese anche quando guidava cortei e manifestazioni. La storia di un giornalista che seppe trasformare la passione politica in passione professionale. La storia di un uomo che, non appena la politica smise di regalargli emozioni, l'abbandonò per trasferirsi sulle prime linee del mondo. Perché se il giornalismo era la sua passione, l'avventura era la sua vita.

 

Il ricordo di Fausto Biloslavo sul Giornale

Le immagini, i filmati e i racconti: omaggio dei compagni d'avventura

Oggi apre l'esposizione a Trieste con 90 pannelli su 35 anni di reportage. E a settembre sarà in edicola anche un fumetto

Risultati immagini per almerigo grilz

Trieste. «La sveglia è chiamata poco dopo le 5. (...) Fa freddo, l'erba è umida e c'è una nebbiolina brinosa tutto attorno. Riteniamo opportuno iniziare la giornata con un sorso di whisky, che fa l'effetto di una fiammata in gola» scrive Almerigo Grilz il 18 maggio 1987 sul suo diario di guerra dell'ultimo reportage in Mozambico.

«In pochi minuti la colonna è in piedi. I soldati, intirizziti nei loro stracci sbrindellati raccolgono in fretta armi e fardelli. (...) Il vocione del generale Elias (...) li incita a muoversi: Avanza primera compagnia! Vamos in bora!. In no time siamo in marcia». Per Almerigo sarà l'ultimo giorno di appunti. All'alba del 19 maggio, il proiettile di un cecchino gli trapasserà la nuca mentre filma la scomposta ritirata dei guerriglieri della Renamo respinti dai governativi nell'attacco alla città di Caia. Grilz è il primo giornalista italiano caduto in guerra dopo la fine del secondo conflitto mondiale.

Trent'anni dopo Gian Micalessin e chi vi scrive, i suoi compagni di avventura nei reportage, gli dedicano a Trieste, la città dove è nato, la mostra fotografica Gli occhi delle guerra - da Almerigo Grilz alla battaglia di Mosul. Un'esposizione unica in Italia con 90 pannelli su 35 anni di reportage dall'invasione israeliana del Libano nel 1982 fino al caos della Libia, la terribile guerra in Siria e la sanguinosa battaglia contro il Califfo in Irak. La mostra e il catalogo contengono anche le foto scattate da Almerigo nel corso della sua breve, ma intensa attività in Afghanistan, Etiopia, Filippine Mozambico, Iran, Cambogia e Birmania. L'esposizione, che si inaugura oggi alle 18.30 con l'assessore alla Cultura di Trieste, Giorgio Rossi, al civico museo di guerra per la pace Diego de Henriquez rimarrà aperta fino al 3 luglio.

Della mostra fa parte una selezione delle pagine più significative delle agende (Guarda la gallery con le immagini) che Almerigo Grilz utilizzava per annotare con precisione ogni momento dei suoi reportage corredando il tutto con disegni e mappe dettagliate. La futura vocazione e la passione del giornalista emerge pure dalle pagine dei Diari del giovane Grilz con un Almerigo adolescente che disegnava scene di battaglie storiche e descriveva gli avvenimenti della sua Trieste. Il pubblico potrà sfogliare anche le bozze del fumetto Almerigo Grilz - avventura di una vita al fronte (Ferrogallico editore), dalla passione politica al giornalismo, che verrà pubblicato in settembre.

Un percorso nella memoria di un giornalista scomodo e volutamente poco ricordato per il suo attivismo a destra, nel Fronte della gioventù, negli anni Settanta, che non a caso Toni Capuozzo ha definito l'«inviato ignoto». Oggi alle 19.30 Almerigo verrà ricordato a Trieste anche in via Paduina davanti a quella che è stata la sede nel Fronte, l'organizzazione giovanile del Movimento sociale italiano.

Al museo de Henriquez accanto alle foto scorrono i filmati realizzati da Almerigo con la cinepresa Super 8. E l'invito in studio nel 1986 di Ambrogio Fogar nel programma Jonathan dimensione avventura dove Grilz con Egisto Corradi, storica colonna del Giornale e Maurizio Chierici del Corriere della Sera parlano del mestiere di inviato di guerra e dei suoi pericoli.

I video comprendono anche i reportage di oggi sui Paesi senza pace come Afghanistan, Siria, Libia, Irak realizzati grazie al progetto del giornale.it, Gli Occhi della guerra e al sostegno dei nostri lettori. E non manca il documentario L'Albero di Almerigo (guarda il video) che racconta la ricerca e il ritrovamento in Mozambico dell'antico albero ai piedi del quale riposa Almerigo Grilz.

La mostra nel trentennale della sua scomparsa vuole essere anche un tributo ai reportage in prima linea, in un periodo di media in crisi e un omaggio non solo a Grilz, ma a tutti i giornalisti che hanno perso la vita sul fronte dell'informazione per raccontare le tragedie dei conflitti. Nel 1986 in Mozambico, un anno prima di morire, Almerigo annotava sul suo diario: «Mi sporgo fuori per filmarli: non è facile, occorre stare appiattiti a terra perché le pallottole fischiano dappertutto. Alzare troppo la testa può essere fatale».

 

  • Pubblicato in Cultura

Quando lo stile viaggia veloce: le auto protagoniste della Design Week di Milano

In occasione della cinquantaseiesima edizione del Salone Internazionale del Mobile, il design, come ogni anno, esce dai confini della Fiera di Rho e si espande in tutto il tessuto urbano diventando accessibile a tutti grazie agli eventi del Fuori Salone - (FOTO E VIDEO)


La città di Milano fa da cornice a numerose esposizioni e installazioni durante la design week e anche quest’anno le case automobilistiche hanno partecipato attivamente al panorama degli eventi. Audi ha scelto l’edificio voluto nel 1565 da San Carlo Borromeo in Corso Venezia 11 come scenario per gli Audi City Lab: al centro del chiostro l’installazione sonora Sonic Pendulum di Yuri Suzuki ha creato un’atmosfera suggestiva per accompagnare i visitatori nella visione delle vetture. L’installazione, formata da trenta pendoli mossi da un algoritmo, elaborava ogni suono proveniente dall’esterno creando una melodia in continuo mutamento.

Il laboratorio di idee di Audi è stato anche sede di due dibattiti riguardanti le innovazioni sulla mobilità di domani e il rapporto tra l’uomo e l’Intelligenza Artificiale, oltre che esposizione per il debutto italiano della nuova Audi RS5 Coupé.

Garage Italia Customs e BMW invece hanno celebrato il Memphis Group con la presentazione di due pezzi unici: la BMW i3 e la BMW i8 MemphisStyle. Lo staff creativo di Lapo Elkann ha voluto omaggiare lo stile visionario del movimento artistico che ha rivoluzionato il mondo del design negli anni Ottanta con i suoi motivi grafici originali.

Il Vicepresidente del BMW Group Design, Adrian Van Hooydonk, ha infatti affermato: “Negli anni Ottanta e Novanta, il Memphis Group ha messo in discussione la rigidità formale e la funzionalità classica delle opere di design in modo provocatorio e umoristico. […] Il BMW Group ha riprodotto un approccio simile durante la progettazione dei veicoli BMW i, discostandosi dal linguaggio tradizionale del design automobilistico, sondando nuovi terreni e ridisegnando le vetture da capo”.

Le caratteristiche principali di queste vetture sono le linee oblique, orizzontali e verticali con motivi ipnotici e colori accesi. Il design si lega all’automotive anche nella collaborazione tra Citroën e Gufram: presso lo Spazio Quattrocento di Via Tortona 31 è stata infatti presentata una particolare versione di C4 Cactus, la C4 Cactus Unexpected by Gufram. Lo stile irriverente ben riconoscibile del marchio Gufram si rispecchia nella reinterpretazione dei caratteristici Airbump ® del crossover Citroën, creati per l’occasione con l’inimitabile texture in morbido poliuretano del Cactus ® di Gufram. L’impronta del marchio di design italiano si riflette anche nella tinta della carrozzeria e degli interni di C4 Cactus Unexpected by Gufram, un verde lime che sfuma gradualmente verso l’arancione, esplicita citazione del Metacactus ® creato da Gufram in edizione limitata nel 2012.

Land Rover ha scelto il Museo della Permanente di Milano per presentare “Less is Pure”, un allestimento minimalista per svelare in anteprima nazionale la nuova Range Rover Velar. Lasciando il caos della metropoli all’esterno dell’edificio, i visitatori sono stati trasportati in una realtà contemplativa attraverso il silenzio e il bianco totale delle sale interne. Una mostra fotografica, firmata da Gary Bryan, ha introdotto il percorso attraverso undici suggestioni visive e un “bosco” stilizzato composto da tessuti Kvadrat ha completato il tutto conducendo i visitatori fino alla vettura.

Anteprima nazionale anche per quanto riguarda la nuova Jeep Compass presentata presso lo spazio Tortona 15. Il nuovo modello conferma lo stile inconfondibile di Jeep attraverso caratteristiche immediatamente riconoscibili come la griglia a sette feritoie che caratterizza l’intera gamma. La vettura arriverà in estate in tutte le concessionarie Jeep, ma è già possibile ammirarla negli show-room grazie all’innovativa “realtà aumentata” del “Jeep Compass Visualiser” attraverso cui i clienti possono interagire con una vettura virtuale in scala 1:1 cambiandone il colore, girandovi intorno e guardandola anche all’interno.

Presso lo Spazio Zegna invece si poteva ammirare Stelvio, il primo SUV Alfa Romeo, protagonista della mostra “Emozioni Alfa Romeo” che ha celebrato i valori del marchio. Oltre a due Stelvio, l’esposizione comprendeva una Giulia Quadrifoglio e una 6C 2500 Super Sport Villa d’Este con carrozzeria Touring del 1949.

Alfa Romeo Stelvio

Peugeot ha portato in anteprima nazionale la Concept Car Onyx, ispirata al mondo delle competizioni con il suo motore otto cilindri a V. Ciò che colpisce immediatamente è la linea avveniristica della vettura oltre che i materiali di cui è composta: lastre di rame lucidate a specchio per i parafanghi e le portiere, in contrasto con il nero grafite del resto della carrozzeria. La sperimentazione continua anche all’interno della vettura, infatti il designer Julien Cueff ha affermato di essersi ispirato alla scatola delle uova per la creazione degli interni: l’abitacolo è costituito da feltro compresso e stirato, in un pezzo unico senza cuciture. Sorprendente anche la plancia della Onyx formata dal Newspaper wood, una sorta di “legno” creato da giornali usati assemblati e compressi. Mini ha scelto invece di non esporre auto, ma di creare una installazione che rappresentasse un concetto di living consapevole delle risorse e all’interno di uno spazio molto contenuto.

Esther Bahne, Head of Brand Strategy and Business Innovation MINI ha spiegato che con Mini Living - Breathe sono stati messi in discussione gli spazi vitali convenzionali, ma allo stesso tempo è stato introdotto un approccio creativo per la risoluzione di problemi futuri nelle aree urbane. L’esposizione consisteva in una casa di 50m2 in grado di ospitare fino a tre persone, sviluppata in verticale e costituita da un telaio modulare in metallo e da un rivestimento esterno flessibile e trasparente. L’installazione è stata concepita come un ecosistema in grado di utilizzare in modo intelligente le risorse essenziali come l’acqua, l’aria e la luce: sul tetto una costruzione raccoglieva l’acqua piovana per permetterne il riutilizzo dai rubinetti, un giardino pensile produceva ossigeno attraverso le piante per migliorare la qualità dell’aria e infine il rivestimento esterno traslucido inondava lo spazio di luce naturale creando un ambiente luminoso.

All’interno di una installazione di altalene presso il Parco Sempione è stata mostrata invece la nuova Lancia Unyca, serie speciale dedicata alle donne che desiderano un’auto glamour e allo stesso tempo pratica per la città, in una tinta di carrozzeria nuova, il Blu Velvet.

Alla Triennale di Milano invece è stato creato lo spazio “Lexus Yet”: per celebrare la decima apparizione al Salone del Mobile, Lexus ha chiesto la collaborazione della professoressa del MIT Media Lab Neri Oxman e del suo team di ricerca Mediate Matter Group, che per l’evento hanno creato un’installazione multi-dimensionale di luci e ombre. In questa cornice sono stati anche presentati i lavori dei 12 finalisti del Lexus Design Award sul tema “YET”.

Isabella Fresia

  • Pubblicato in Sport

Giustizia, 200 avvocati milanesi contro il governo: "Processo senza fine? No, grazie!"

La Camera Penale del capoluogo lombardo ha organizzato un flash mod davanti al Tribunale per contestare le modifiche al Ddl Orlando. Ritenuta inaccettabile la sospensione dei termini di prescrizione e la partecipazione a distanza al dibattimento degli imputati detenuti. Critiche anche per il ricorso alla fiducia sul provvedimento. Astensione dalle udienze dal 10 al 14 aprile - (FOTO)


Più di 200 avvocati penalisti hanno partecipato al flash mob promosso dalla Camera Penale di Milano per protesta contro le modifiche al Codice penale e al Codice di procedura penale previste dalla riforma del Disegno di legge che porta il nome del ministro Orlando. I professionisti,che indossavano tutti la toga, si sono dati appuntamento davanti alla sede della Camera Penale, al primo piano del Palazzo di Giustizia, e si sono poi spostati all'esterno sullo scalone principale del Tribunale, in Corso di Porta Vittoria.

In mano tenevano cartelli che sintetizzavano le ragioni della mobilitazione. Un di questi recitava: "Processo senza fine? No grazie".

La sospensione dei termini di prescrizione è, infatti, una delle misure ritenute "assolutamente inaccettabili" dai penalisti milanesi. Una norma, denuncia il consiglio direttivo della Camera Penale che si pone "in conflitto con il canone costituzionale della ragionevole durata del processo" e che avrà ripercussioni negative sull'opinione pubblica: "L'esito di un giudizio così dilatato negli anni accrescerà la sfiducia del cittadino nel funzionamento della giustizia".

Un altro aspetto del Ddl Orlando che proprio non è gradita agli avvocati è la norma che permette agli imputati detenuti di partecipare al dibattimento "a distanza", ossia in video-conferenza dal carcere, anziché in aula. Così si impedisce, spiegano, "l'immediato contatto tra avvocato e assistito indispensabile nel corso del giudizio".

Giudicata "criticabile" inoltre la scelta del governo di proporre il voto di fiducia sulla riforma, e parlano di "soppressione del doveroso dibattito parlamentare in materie attinenti i diritti dei cittadini".


La nota della Camera Penale di Milano

 

"La Camera Penale di Milano nei giorni 10 - 14 aprile aderisce all'Astensione dalle udienze proclamata dalla Giunta dell'Unione delle Camere Penali Italiane proseguendo nella protesta già manifestata contro le modifiche al codice penale e di procedura contenute nel 'Ddl Orlando': una riforma che, salvo poche eccezioni, appare difficile da condividere". Lo si legge in una nota della Camera Penale di Milano.

"Due sono le novità - si spiega - assolutamente inaccettabili. La sospensione dei termini della prescrizione nel corso del giudizio per ulteriori tre anni è in conflitto con il canone costituzionale della ragionevole durata del processo. La previsione normativa ha l'evidente scopo di ridurre le statistiche sulla estinzione dei reati per il decorso del tempo che si verifica, oggi, nella massima percentuale, per inerzia del Pubblico Ministero durante la fase delle indagini preliminari. L'esito di un giudizio così dilatato negli anni accrescerà la sfiducia del cittadino nel funzionamento della Giustizia. L'ampliamento dei casi di partecipazione a distanza dei detenuti al dibattimento (cioè a dire in videoconferenza), in parte lasciata ad arbitrarie scelte dell'Organo giudicante, mortifica e limita la funzione difensiva, impedendo l'immediato contatto tra avvocato e assistito indispensabile nel corso del giudizio. Criticabile è anche la scelta di proporre, in sede di approvazione del disegno di legge, il voto di fiducia, con soppressione del doveroso dibattito parlamentare in materie attinenti i diritti dei cittadini e paradigmatica di un modo di intendere la Giustizia come strumento di difesa della collettività piuttosto che di tutela delle garanzie, dimenticando che l'una non può esistere senza l'altra".

Per queste ragioni e "per sollecitare l'interesse dell'opinione pubblica verso problemi che riguardano tutti i cittadini - si legge - la Camera Penale di Milano ha organizzato una manifestazione flash - mob per oggi alle 14 cui parteciperanno avvocati in Toga, partendo dalla propria Sede e portandosi sullo scalone dell'ingresso di Porta Vittoria del Palazzo di Giustizia, muniti di cartelli che spiegano le ragioni della protesta".

Berlusconi al McDonald's: la foto cult diventa virale

L'ex presidente del Consiglio (e ad oggi ancora patron del Milan) immortalato seduto a un tavolo della nota catena di fast food, pare a Segrate. Lo scatto postato sulla pagina Facebook "Calciatori Brutti" ha raccolto in poche ore like e condivisioni a valanga. Tagliente il commento all'immagine: "Quando i cinesi non pagano"

CasaPound e quegli striscioni "choc" che dicono una verità fuori moda. Uno schiaffo alla nostra ipocrisia che ci farebbe bene, se non fossimo in coma....

"Chi scappa dalla guerra, abbandonando genitori, moglie e figli non merita rispetto!". I messaggi, comparsi in 100 città italiane, fanno riflettere, al di là dei dogmi del politicamente corretto. Continuare a recitare le solite litanie della religione buonista dà la rassicurante sensazione di avere la coscienza a posto, ma non è così, anzi. Altrettanto inutile è sputare sentenze sul "voto di pancia" ai populismi galoppanti. Certo è rischioso farsi qualche domanda in più; potremmo scoprire che i "cattivi" non hanno tutti i torti...


Lo striscione esposto da CasaPound a Milano (Foto Facebook)

 
"Chi scappa dalla guerra, abbandonando genitori, moglie e figli non merita rispetto!". E’ questo il testo degli striscioni a firma CasaPound Italia spuntati questa mattina in un centinaio di città italiane dal nord al sud del paese. "In tanti potranno giudicare il nostro un messaggio 'choc' – spiega Cpi in una nota -, ma chi non ha fatto dell’ipocrisia la propria bandiera sa che non è possibile mettere sullo stesso piano chi abbandona paese e famiglia al proprio destino per scappare in Europa in cerca di benessere e chi sceglie di resistere e combattere per la libertà del suo popolo. E' per questo che il nostro rispetto va ai siriani che vediamo combattere ogni giorno nell'esercito regolare del presidente Bashar al Assad per difendere la loro Nazione dall'oscurantismo dell’Isis più che ai tanti 'migranti' in fuga in Italia alla ricerca di sussidi e assistenza che nel loro paese non hanno lottato per ottenere".

 

Sicurezza sui treni lombardi, i militari viaggeranno gratis anche in borghese o fuori servizio

Firmato oggi un Protocollo d'Intesa che estende alle Forze armate la possibilità di spostarsi liberamente sui convogli di Trenord. L'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Alessandro Sorte: "Pur non essendo la sicurezza una materia di competenza regionale stiamo facendo di tutto per garantire spostamenti piu' tranquilli agli otre 700.000 pendolari che, quotidianamente, si spostano sui nostri treni. E' anche un giusto riconoscimento a chi, tutti i giorni, si prodiga a difesa della patria"


 

 

Continua l'impegno di Regione Lombardia per rendere piu' sicuri gli spostamenti di chi viaggia sui treni di Trenord. L'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilita', Alessandro Sorte, ha infatti sottoscritto oggi con il generale di brigata, Michele Cittadella, comandante militare esercito Lombardia e il generale di Brigata aerea, Silvano Frigerio, rappresentante del comando di presidio dell'Aeronautica militare, un Protocollo d'Intesa che estende a tutte le forze armate possibilita' di viaggiare gratuitamente su tutti i treni regionali anche quando non indossano la divisa o sono fuori servizio.


GIUSTO RICONOSCIMENTO PER CHI SI PRODIGA A DIFESA DELLA PATRIA - "Pur non essendo la sicurezza una materia di competenza regionale - ha spiegato Sorte - stiamo facendo di tutto per garantire spostamenti piu' tranquilli agli otre 700.000 pendolari che, quotidianamente, si spostano sui nostri treni. E' anche un giusto riconoscimento a chi, tutti i giorni, si prodiga a difesa della patria". 

DALLA REGIONE 9 MILIONI PER LA SICUREZZA - Sorte ha anche ricordato come questo Protocollo d'Intesa vada a rafforzare provvedimenti gia' in essere. "Proprio a dicembre - ha aggiunto -
abbiamo sottoscritto un Protocollo da 6,1 milioni di euro che consentiva alle Forze dell'ordine di spostarsi su tutti i mezzi del trasporto pubblico locale lombardo. Allo stesso tempo abbiamo stanziato altri 3 milioni di euro per garantire il presidio di guardie giurate armate sui treni e nelle stazioni".

PROTOCOLLO RINFORZA IMPEGNO DEI MILITARI - "Questo accordo - ha detto Cittadella - va a rinforzare l'impegno dei militari dell'esercito gia' presenti in Lombardia. A Milano, in particolare, sono impegnati 800 militari dell'esercito italiano nell'operazione 'Strade sicure'. Il Protocollo e' ulteriormente importante perche', estendendo la possibilita' di viaggiare gratuitamente anche a chi e' in borghese, non da' punti di riferimento a eventuali malintenzionati. Allo stesso tempo, i militari hanno la possibilita' di intervenire piu' rapidamente senza svelare la propria ubicazione e identita'". 

FORZE ARMATE POSSONO DARE SUPPORTO A PERSONALE DI BORDO - "Tutto il personale - ha spiegato Frigerio - puo' essere chiamato a dare supporto agli operatori di bordo perche', come prevedono le norme, i militari delle Forze armate possono essere chiamati a operare come agenti di pubblica sicurezza laddove richiesto dalle Forze dell'Ordine. 

Il Protocollo, fortemente voluto dalla Regione Lombardia, ha subito trovato pieno accoglimento dal comando militare esercito Lombardia di Milano e dal Corpo d'armata italiano di reazione rapida della Nato di Solbiate Olona (Varese). Quest'ultimo, unico nel suo genere in Italia, ospita circa 2.000 militari delle diverse Forze Armate di 12 nazioni alleate. Si tratta di un alto Comando della Nato ad elevata prontezza operativa, cioe' in grado di schierarsi, su disposizione dall'autorita' politica, in qualsiasi area di crisi con tempi di reazione brevissimi, con lo scopo di coordinare e gestire una operazione a guida Nato. 

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C