updated 12:24 PM UTC, Dec 8, 2019

Il caso Icardi spiegato a mio figlio di 6 anni. E quella maglia che non gli ho mai regalato

Un papà e un bambino, una piccola storia (vera) a tinte nerazzurre. C'entra il calcio, ma non solo


Le manine portate dietro le orecchie, già un po' "a sventola" di loro, per festeggiare ogni gol con la palla di spugna in cameretta. E' così che mio figlio, da quando ha recepito (spontaneamente ma non troppo) la fede interista del papà, si immedesimava in Mauro Icardi, ex bomber, ex capitano, ex tutto nerazzurro. Lo faceva riproducendo anche l'annuncio dello speaker del Meazza che seguiva ogni rete casalinga di Maurito (oggi Wandito): "Ha segnato per noi, con il numero 9, Mauro... Icardi, Mauro... Icardi, Ma-u-ro, I-car-di!".

I sogni dei bambini sono molto simili a quelli degli adulti, solo più armoniosi e meno patetici. Così la passionaccia per il calcio - quante volte stramaledetta col passare degli anni! - per i piccoli è naturale, non solo per "colpa" dei papà. E' successo anche al mio "nano", ritrovatosi interista con leggerezza e solare ingenuità. Poi - si sa - ogni squadra ha i suoi idoli e - o tempora o mores - il giocatore più brillante della poco felice storia post Triplete dei nerazzurri è, anzi era, Mauro Icardi.

"E adesso come glielo spiego?", ho pensato manco avessi dovuto confessare un adulterio a mia moglie.

- "Lo sai F. che Icardi non è più capitano e non gioca?" 

- "Ah, ma è ancora dell'Inter?"

- "Sì, ma è come se non lo fosse"

- "E perché?"

- "Perché si è comportato male e l'hanno messo in castigo"

- "Ha tradito i suoi compagni?" (E qui barcollo, perché non avevo pensato di utilizzare simili parole e concetti con un bimbo di prima elementare. Poi mi riprendo e rispondo)

- "Sì, diciamo di sì. Perché, sai, come per te a scuola e nello sport, è importante comportarsi bene nel gruppo. Non importa se sei bravo o meno, ma bisogna comportarsi con rispetto"

- "E l'Inter è un gruppo?"

- "Sì, anche qualcosa di più. L'importante sono i colori, la maglia, non chi la indossa. Poi se uno è forte e lo merita davvero, si può anche volergli bene. Ti dirò di più: vincere o perdere è importante, ma la cosa più importante è appartenere a qualcosa di bello". (Qui in effetti esagero, ma, già che ci siamo, si comincia a mettere le basi...)

- "Allora, papà, non farò più così (le orecchie), ma così". (E mima il gesto delle corna del Toro Lautaro Martinez)

- "Va bene F. ma ricordati che i giocatori passano e l'Inter resta e noi pure..."

L'avrò convinto? Avrà capito? Secondo me sì, non fosse altro perché sti piccoletti del nuovo millennio sono già programmati per i cambiamenti repentini, come non immaginano un mondo senza touch screen.

Sta di fatto che ci sono cose che, volente o nolente, ti accompagnano per tutta la vita. E la fede calcistica tra queste è forse la più immutabile, purtroppo, mi sono ripetuto più volte quando le amarezze del pallone andavano a sommarsi alle ben più personalmente gravose difficoltà quotidiane.

E' per questo che sono sempre stato combattuto se trasmettere una simile malattia al me fioeu. Poi ho pensato che non c'era scelta, come non la ebbi io col mio papà. Una cosa però ho provato a fargliela capire: piano con gli idoli effimeri e gli amori ad personam, tanto più che la caratura umana dei comunque ricchi e privilegiati vessilliferi del calcio va scadendo sempre più.

Ecco perché non gli ho mai regalato la maglia col numero 9 di Icardi, il suo preferito. L'ultima che gli feci avere fu per il suo terzo compleanno (così grande che va bene ancora oggi), aveva stampato il suo diminutivo (dal significato assai rivelatore peraltro) e il numero 3. Non ce ne sarebbero state altre. Tutto si tiene: quella maglia non la può indossare più nessun giocatore interista. Apparteneva e appartiene a Giacinto Facchetti. Nient'altro da aggiungere. Un giorno spiegherò alla mia prole la differenza tra Giacinto e un Icardi qualunque. Ma sono convinto, che nel suo piccolo, in qualche posto del suo cuore, già lo sappia. 

  • Pubblicato in Sport
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C