updated 12:24 PM UTC, Dec 8, 2019
Super User

Super User

Come riconoscere un bravo o un cattivo allenatore nelle scuole calcio

Il gioco del calcio per i bambini è una scuola di vita; fondamentale è il ruolo del Mister, che prima di essere un allenatore deve essere un bravo formatore


I bambini indossano le maglie dei loro campioni, parlano di calcio ed è facile notare quanta gioia e orgoglio lo sport può portare ai piccoli cuori. Tutti gli schermi sono meno interessanti, i bambini vogliono solo giocare con la palla. 

Come riconoscere un bravo formatore allora? sicuramente un bravo formatore deve parlare con i genitori per cercare la loro complicità e per stabilire le giuste regole per la crescita sportiva del bambino. 

"Gioca al tuo gioco e pratica lo sport"

Se a tuo figlio piace guardare il calcio, incoraggiarlo a provare a giocare a calcio, pallamano, pallavolo o altri sport. L'attività fisica contribuisce notevolmente allo sviluppo sano e non solo sul piano fisico. La ricerca mostra molti dei benefici dell'attività fisica anche sul pensiero, sullo sviluppo sociale ed emotivo dei bambini.

"Agisci come un giocatore ogni giorno"

L'ultima Coppa del Mondo 2018 è ricca di esempi di sportività, in termini di rispetto, sostegno reciproco e comunità, insegna a tuo figlio l'essere agonisticamente sportivo, il rispetto per l'avversario, anche se non sarà un calciatore di successo, lo farai diventare un uomo migliore.

"Combatti e non mollare mai"

Insegnategli a lottare fino alla fine di qualunque partita come se fosse la partita finale, nonostante la stanchezza, anche quando sembrava tutto perso segnerà un altro goal. Imparate ad ascoltare il vostro bambino.

"Nessuno può dirti che non puoi"

Le storie di vita anche nel calcio, mostrano che il successo è possibile con il lavoro, lo sforzo e la volontà, anche quando gli altri dicono il contrario. Se tuo figlio ha delle limitazioni o difficoltà che lo fanno soffrire nella società e ha ridotto la fiducia in se stesso, dì a tuo figlio che anche i campioni che vede tutti i giorni hanno passato delle difficoltà.

"Ciò che conta è il viaggio, non solo un risultato"

importante sarà la strada che percorrerà nel suo viaggio, una strada che non deve avere un arrivo vicino, vincendo sempre e facilmente, ma deve avere obiettivi di lungimiranza che portino alla costruzione di un vero giocatore. E' facile fare selezione per vincere tutto e subito, ma poi? questi bambini selezionati oggi per vincere saranno in grado di farlo anche domani, quando le differenze saranno livellate dalla crescita? Quanti si perderanno per strada o verranno abbandonati, da Mister con la sindrome del successo per procura, perché non più utili?

"Sii parte della squadra"

I giocatori si sono lodati e l'allenatore li ha elogiati, e tutti i genitori li hanno elogiati. Lo spirito di squadra è la base per un buon gioco e al di là del campo di calcio, questa deve essere la prima regola da insegnare ai bambini che vivranno in una società individualista, in cui le persone sono sempre più alienate l'una dall'altra e poste volontariamente l'una contro l'altra.

"Sentiti libero di mostrare le tue emozioni"

I giovani calciatori devono saper mostrare senza vergogna, felicità e orgoglio, oltre a tristezza e delusione, possono e devono piangere, incoraggiandosi a vicenda, specialmente nei momenti importanti. La rabbia che sentiranno in alcuni momenti dove uscire, ma non in un modo violento. Incoraggia il tuo bambino a riconoscere le emozioni e a considerare in quali situazioni si sente diverso, solo così capirai di cosa ha bisogno.

"Festeggia l'amore, non odio"

Insegnagli a celebrare i propri successi e non i fallimenti di qualcun altro, anche quando questi vanno a suo favore. Non si devono umiliare gli avversari. 

"Vivi ciò che stai facendo"

Mostra anche tu con lui amore e passione per quello che sta facendo e in qualsiasi momento, per lui sarà motivo di orgoglio vedere qualcuno che apprezza e ama quello che fa. Incoraggia sempre il tuo bambino a trovare un hobby, una scuola o una professione che lo soddisfi veramente.

"Siamo tutti ugualmente preziosi"

Indipendentemente dalla nazionalità, dal colore della pelle e da molte altre caratteristiche che differenziano le persone a livello superficiale, in fondo siamo uguali, il che è evidente quando raccogliamo i frutti di qualcosa che amiamo veramente. Insegnagli che nello sport non importa chi siamo o da dove veniamo, incoraggia il tuo bambino ad accettare differenze arricchenti.

"Mamma e papà sono qui per te"

Fagli conoscere la storia di quegli sportivi che pensi possano avere un ruolo importante nello sviluppo di quello che sta facendo. Ricordati sempre però, che per tutta la tua vita, i più grandi modelli ed eroi per i tuoi figli saranno sempre i suoi genitori. Le immagini dei giocatori di calcio con i loro bambini sul campo dimostrano che i bambini arricchiscono le nostre vite mentre noi adulti arricchiamo le loro vite.

Questi sono sicuramente i principali insegnamenti che un bravo formatore deve passare ai genitori che gli affidano i loro figli. Comunicare in modo positivo il che mostra il miglior interesse per il benessere dei giovani giocatori.

Usa un "approccio di gioco" per insegnare e mettere in pratica le abilità e le tattiche che i giovani giocatori dovranno imparare. 

Insegna le regole del calcio durante il corso delle attività di gioco e dei giochi a piccolo lato. Rivede le regole ogni volta che si presenta un'opportunità nella pratica.

Ha un preciso obiettivo che non è vincere a tutti i costi, ma piuttosto insegnare ai bambini a competere bene e fare del loro meglio mentre vincono all'interno delle regole.

Aiuta i giovani calciatori ad avere una comprensione della loro forma fisica in modo che possano giocare a calcio con successo e in sicurezza. I bambini non pensano molto al fitness, ma dovrebbero essere introdotti al suo valore e alla necessità di diventare e mantenersi in forma per conto proprio. Prepararsi al calcio dovrebbe essere divertente. Rendendo divertente il gioco svilupperanno buone abitudini di fitness per tutta la vita.

Aiuta lo sviluppo dei futuri uomini, include l'apprendimento, la cura, l'essere onesti e rispettosi e l'assunzione di responsabilità. Insegna questi valori ai giocatori dimostrando i comportamenti positivi. Li aiuta a capire che dovrebbero cercare di vincere la battaglia su ogni gioco, anche se potrebbero non essere riconosciuti per i loro sforzi.

Ogni giocatore è un individuo. Fornisce un ambiente sano in modo che ognuno abbia la possibilità di imparare a giocare senza paura e divertendosi.

 

I cattivi Mister (non chiamiamoli formatori) sono invece principalmente divisi in due categorie: 

1. Gli allenatori aggressivi non in senso fisico, ma sul piano psicologico; subito devono essere presi come un campanello d'allarme, ci sono persone simili in tutti gli sport e quando ne incontriamo uno è il momento di fare sul serio e attivare tutte le misure che abbiamo per far si che venga allontanato. Questi sono i peggiori e possono fare dei disastri nella psiche di un bambino.

Una volta un giovane giocatore di calcio, anno 2007, militante in una squadra professionista della provincia di Monza e Brianza, è uscito dagli spogliatoi, quasi in lacrime, dicendo al proprio genitore, "i Mister non credono in me, tu papà credi in me?". Ha elencato anche un pò di dettagli su come l'allenatore non lo tenga in considerazione, su come gli sia stato detto che in 9 mesi di preparazione lui abbia "giocato 7 partite contro squadre professioniste" e non abbia dimostrato di essere all'altezza come i suoi compagni di squadra. Che se "lui invece si sentiva pronto doveva prima dimostrare quello che sapeva fare". Il sogno della sua vita in quel momento era giocare a calcio e arrivare in serie A, purtroppo questo allenatore stava rovinando tutti i suoi sogni, i sogni di un bambino. Questo allenatore stava esercitando in modo forse inconsapevole, un'aggressione psicologica nei confronti del bambino che stava minando la sua autostima e il suo credere in se stesso. Un danno gravissimo che potrebbe condizionarne la crescita e nei casi più estremi (non questo), anche portare a situazioni tragiche. 

Cosa deve fare e come deve comportarsi un genitore davanti a situazioni simili? subito denunciare l'accaduto in società e se non ascoltato anche agli organo di polizia preposti, poi attivarsi in modo da tramutare questa esperienza negativa in una esperienza positiva...: "È fantastico perché ... .se tu non avessi altro che grandi allenatori non saresti preparato a gestire i cattivi allenatori in futuro. Grazie a questo cattivo allenatore, ti aiuterò a renderti l'atleta più pronto mentalmente a superare qualsiasi prova e quando arriverai a coronare il tuo sogno nessuno ti potrà più fermare. Questo cattivo allenatore ti sta facendo un grande favore, perché ti renderà un'atleta e un uomo migliore.

2. Gli allenatori difficili; danno comunque all'atleta (e al genitore) l'opportunità di imparare come difendersi e a tracciare i confini. Le lezioni di vita preziose possono essere acquisite anche lavorando con un allenatore difficile. Per i genitori, questa è l'opportunità  per entrare in contatto con il giovane atleta e aiutarlo attraverso le difficoltà. Offrire loro prospettive utili e aiutali a vedere un quadro più ampio o una visione a lungo termine di se stessi. Imparare che lo sport non è solo divertirsi. I giovani atleti lo capiscono perché fanno volentieri esercizi e pratiche che NON SONO DIVERTENTI per prepararsi alla competizione.

Una stagione con un cattivo allenatore sportivo giovanile non fa o distrugge una carriera... una persona. I cattivi allenatori sportivi giovanili, anche se certamente non sono divertenti, possono essere un regalo enorme se siete disposti a vedere e ad accettare il regalo.

Certo, ci sono quelle situazioni in cui il favorito è il figlio del coach o il figlio del genitore con le tasche profonde, e nessuna qualità in campo cambierà la situazione. 

Oppure Vincere è tutto, questo è il motivo più comune per cui gli allenatori mettono gli stessi bambini sul campo di gioco. Piuttosto che concentrarsi sullo sviluppo del giocatore a lungo termine, l'allenatore è così concentrato sui risultati a breve termine che non può sopportare di apportare modifiche una volta che ha trovato la "formula vincente". Difficile capire il motivo, la voglia di mettersi in mostra come "allenatore vincente", oppure sta semplicemente cercando un nuovo contratto in un'altra società più blasonata e per dimostrare di essere bravo non pensa alla crescita dei bambini, In questi casi, è necessario determinare se questo è l'ambiente giusto per il bambino, altrimenti, l'unica soluzione è trovare un'altra squadra.

Ricordiamoci che niente è male se non il pensiero che lo rende così.

 

  • Pubblicato in Sport
  • 0

USA & UFO, la Marina Militare conferma i molti avvistamenti e redige nuove regole d'ingaggio

Un recente aumento degli avvistamenti di oggetti volanti non identificati o come li chiamano i militari, "fenomeni aerei inspiegabili", ha spinto la Marina degli Stati Uniti a redigere procedure formali per documentare gli incontri.


"Dal 2014 queste intrusioni si verificano regolarmente", ha detto a Washington Post il portavoce del ministero delle operazioni navali per la guerra, Joseph Gradisher. Di recente, gli aerei non identificati entrano nello spazio aereo militare più volte al mese. "Vogliamo andare fino in fondo. Dobbiamo determinare chi lo sta facendo, da dove viene e qual è il loro scopo. Dobbiamo cercare di trovare modi per evitare che accada di nuovo". Citando preoccupazioni per la sicurezza e la sicurezza, il ministero della guerra ha promesso di "indagare su ogni singolo rapporto". 

Luis Elizondo, ex alto funzionario dei servizi segreti americani, ha dichiarato al quotidiano americano "The Post", che le nuove linee guida della Marina hanno ufficializzato il processo di rendicontazione, facilitando l'analisi basata sui dati e rimuovendo lo stigma che vietava di parlare degli UFO, definendolo "l'unica grande decisione presa dalla Marina Militare in decenni. Da oggi il governo ammette che da decenni studia questi avvenimenti".

Chris Mellon, ex vice segretario alla Difesa per l'intelligence e lo staff del Senato Intelligence Committee, è stato meno elogiativo e più duro, "Non credo nella sicurezza attraverso l'ignoranza", ha detto, rimproverando alla comunità dell'intelligence la mancanza di "curiosità e coraggio" e una "incapacità di reagire" a un modello forte di avvistamenti. " Un modello di regole d'ingaggio appropriato, ma che sicuramente è arrivato molto tardi".

In alcuni casi, i piloti - molti dei quali laureati in ingegneria e specializzati in mezzi a propulsione, hanno affermato di aver osservato piccoli oggetti sferici che volavano in formazione. Altri dicono di aver visto veicoli bianchi a forma di "Tic Tac". A parte quelli dei droni, tutti i motori si basano sulla combustione di carburante per generare energia, ma questi veicoli, paiono sovvertire le leggi della fisica, non si appoggiano sulla portanza dell'aria, del vento e non mostrano alcuno scarico di gas combusti.

Sempre Mellon afferma, "sono oggetti volanti misteriosi, che possono superare in modo semplice il doppio della velocità dei nostri attuali aeromobili. Questi UFO usano una tecnologia a noi sconosciuta". Secondo l'ex Segretario alla Difesa, i piloti stupefatti e sconcertati erano più preoccupati sulle conseguenze negative alla loro carriera nel divulgare gli avvistamenti, in quanto le indagini sulle loro affermazioni non avrebbero portato a nessun risultato.

Nel 2017, il Pentagono ha confermato l'esistenza del Programma di identificazione delle minacce aerospaziali avanzate (AATIP), un'operazione governativa lanciata nel 2007 per raccogliere e analizzare "anomalie e minacce aerospaziali". 

"Questo tipo di attività è molto allarmante", ha detto il portavoce del Ministero della Difesa, "riconosciamo che ci sono cose nel nostro settore aerospaziale che vanno oltre la nostra comprensione. Ci sono oggetti non identificati, che possono volare impunemente nel nostro paese, sfidando le leggi della fisica, e in pochi istanti potrebbero sganciare un ordigni nucleari a volontà, questa è una questione di sicurezza nazionale"

 

Il Giappone risarcisce uomini e donne sterilizzati in modo forzato, solo perché "diversi"

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe chiede scusa a migliaia di persone sterilizzate con una legge eugenica, abrogata nel 1996. 


Più di 20 anni dopo aver abrogato una legge eugenica, il Giappone ha accettato di risarcire le vittime di un programma governativo decennale, in cui migliaia di persone sono state sterilizzate con la forza a causa delle loro disabilità intellettive, malattie mentali o disordini genetici, in poche parole perché diversi.

Secondo una legge approvata dal Parlamento giapponese mercoledì scorso, il governo offrirà 3,2 milioni di yen, o circa 28.600 $, a ciascuno dei sopravvissuti che sono stati sterilizzati dal 1948 al 1996, perché rientranti nel programma di governo che voleva fermare il proliferare di mutazioni genetiche.

Delle circa 25.000 persone che sono state sterilizzate, il governo ne ha oggi identificato circa 5400 e non si sa quanti siano ancora in vita.

In una dichiarazione, il primo ministro Shinzo Abe ha affermato che "il governo riflette sinceramente e si scusa profondamente" per la sofferenza delle vittime, alcune delle quali hanno presentato cause separate per ottenere ulteriori risarcimenti. 

"Per non ripetere più una simile situazione, il governo farà il massimo sforzo per realizzare una società in cui le persone possano convivere, indipendentemente da malattie o disabilità", ha affermato Abe. I sostenitori dei sopravvissuti alzano i toni affermando che l'azione del governo sia insufficiente, considerando le sofferenze subite e i disagi affrontati negli anni dai superstiti. 

"Non è abbastanza", ha detto Katsunori Fujii, presidente del Consiglio giapponese per la disabilità, definendo le scuse del governo deboli e attese da lungo tempo.

Fujii ha detto che il risarcimento è troppo esiguo, dato che le vittime di incidenti stradali che perdono la loro capacità riproduttiva possono essere pagate fino a 10 milioni di yen a titolo di risarcimento.

Secondo la legge sulla protezione eugenica del 1948, i medici potevano eseguire operazioni di sterilizzazione involontarie quando lo ritenevano necessario, "per l'interesse pubblico al fine di prevenire la trasmissione ereditaria di malattie", i medici avevano libero arbitrio, la schizofrenia, l'epilessia, la distrofia muscolare, l'albinismo e persino il "desiderio sessuale anormale" erano tutti motivi per sterilizzare i pazienti.

Molte delle operazioni sono state condotte in ospedali psichiatrici o in altre istituzioni in cui vivevano pazienti con disabilità intellettive. Sebbene la legge desse ai pazienti o alle loro famiglie la possibilità di appellarsi a un giudizio esterno e non governativo, spesso molti di loro subivano la sterilizzazione senza saperlo. Secondo i dati del Ministero della salute, del lavoro e del welfare, quasi 25.000 persone sono state sterilizzate, di queste circa 16.500 senza consenso. Mentre molte nazioni abbandonarono le leggi eugenetiche dopo gli orrori della Germania nazista, il Giappone ha abrogato la propria legge solo nel 1996.

Michael Gillan Peckitt, un docente e specialista in studi sulla disabilità all'Università di Osaka, ha affermato che coloro che hanno acconsentito alla sterilizzazione potrebbero averlo fatto seguendo la "cultura giapponese di non fare opposizione al governo o alla patria".

In Giappone, le persone con disabilità vengono spesso nascoste alla vista e c'è ancora un tabù sulla malattia mentale. Dopo che un aggressore ha ucciso 19 persone in un attacco all'arma bianca, in una struttura per persone con disabilità intellettive nel 2016, la maggior parte delle loro famiglie ha chiesto alla polizia di non rendere più noti i loro nomi e dove fossero ricoverate.

Mercoledì scorso durante una conferenza stampa, Koji Niisato, un avvocato di alcuni sopravvissuti, ha affermato che il governo non ha portato "scuse adeguate" e che l'importo del risarcimento è "molto inferiore a quello richiesto nelle prove".

Il mese prossimo è prevista una sentenza in una delle numerose cause civili presentate contro il governo da alcuni sopravvissuti. I querelanti in quel caso stanno chiedono un risarcimento di 50 milioni di yen, circa 450.000 dollari.

Yumi Sato, la sorella maggiore di uno dei querelanti, ha detto ai giornalisti che oltre al risarcimento economico "le vittime vogliono le scuse ufficiali del governo".

Salvini, il nuovo leader del movimento populista e transnazionale europeo

Il vice presidente del governo italiano e Primo Ministro lancia il suo progetto populista accompagnato da rappresentanti dei partiti euroscettici come alternativa per la Germania


Il leader della Lega e Ministro degli Interni Matteo Salvini, ha lanciato il suo progetto populista e transnazionale "Per cambiare l'Europa". Lo ha fatto accompagnato da rappresentanti di partiti euroscettici come Alternative for Germany (AFD), True Finns e il Danish People's Party, il primo ministro ungherese Viktor Orban e il leader francese di estrema destra Marine Le Pen.

"L'obiettivo è diventare il primo gruppo europeo, il più numeroso, e puntare a vincere e cambiare l'Europa", ha detto Salvini durante la presentazione, in un hotel nel centro di Milano, dell'alleanza dei partiti ultra nazionalisti per le elezioni europee del maggio. Salvini ha invitato gli europei ad "alzarsi" prima che l'attuale Europa venga governata solo da "burocrati" e "banchieri". "Se l'UE è un pensiero unico basato sulla finanza e sull'economia, non è un sogno, è un incubo", ha ribadito.

Il leader della Lega ha fatto appello al trattato di Maastricht come tabella di marcia per il suo progetto. Un "sogno europeo che parla di piena occupazione, benessere economico e sociale e rispetto delle identità". Obiettivi che a suo parere sono stati "traditi dalle "burocrazie europee". 

Lo stesso "sogno europeo" di cui parlava Giovanni Paolo II quando sosteneva che "l'Europa ha senso se riconosce le identità", ricorda Salvini citando il papa polacco. " E non penso che per questo si possa accusare Giovanni Paolo II di essere un estremista ".

Il riferimento a Papa Wojtyla non è casuale. Nel manifesto della Lega per le elezioni europee il partito difende le "radici comuni cristiane" dell'UE. Un punto irrevocabile che condivide con la maggior parte delle formazioni populiste che hanno aderito a questa alleanza sovrana come i tedeschi di Afd, i veri finlandesi e il Partito popolare danese, presenti  lunedì scorso a Milano. Anche Marine Le Pen, leader del Raggruppamento Nazionale (RN), si sono uniti questo Venerdì. Ma il sogno di Salvini è di aumentare "la famiglia" il più possibile per "governare in Europa". Una famiglia che potrebbe far parte del Vox spagnolo con il quale Salvini ha riconosciuto la scorsa settimana di condividere "molti punti" del proprio programma.

Mettendo il primo mattone di questo enorme casato, Salvini ha avvertito che nell'alleanza dei partiti "alternativa all'Europa socialista e popolare" non c'è spazio per "nostalgici o estremisti. Le uniche persone nostalgiche sono a Bruxelles", ha detto.

"Tenendo presente ciò che è accaduto in passato, guardiamo al futuro: "sono i burocrati e i banchieri che sono stati nel governo dell'Europa da troppo tempo, che stanno affondando il sogno europeo", ha concluso Salvini.

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C