updated 12:51 PM UTC, Nov 14, 2018

L'inquinamento atmosferico può renderci stupidi

L'esposizione cronica all'inquinamento atmosferico può influenzare l'intelligenza. Ciò è dimostrato da uno studio condotto dall'università americana Yale e dall'università di Pechino, tra 20.000 persone in Cina. Secondo i ricercatori, l'impatto aumenta con l'età, e soprattutto gli uomini meno istruiti sono le prime vittime


Per quattro anni, i ricercatori hanno esaminato attentamente le capacità computazionali e verbali di 20.000 cinesi. I partecipanti sono stati regolarmente tenuti a fare un test standardizzato con 24 domande di matematica e 34 domande di riconoscimento di parole.

Più sostanze inalano, biossido di zolfo, biossido di azoto e altre piccole particelle inquinanti quotidianamente, più bassi sono i risultati del test. Una relazione causa-effetto non è ancora stata provata, ma esiste un legame tra inquinamento e punteggi inferiori del test.

Depressione

I ricercatori hanno visto i risultati deteriorarsi con l'età. L'effetto dell'inquinamento atmosferico sui test verbali era maggiore per gli anziani. I ricercatori pongono il collegamento allo sviluppo dell'Alzheimer e di altre forme di demenza. , secondo lo studio gli anziani con un basso livello di istruzione sono le più grandi vittime. I ricercatori sospettano che questo sia dovuto al fatto che i lavori con istruzione inferiore si svolgono più spesso all'aperto.

Le minuscole particelle inquinanti (Pm2,5 o inferiori), finirebbero direttamente nel cervello e avrebbero un impatto sulle reazioni chimiche in diverse parti del cervello. Alcuni potrebbero anche avere un impatto psicologico e, ad esempio, svolgere un ruolo primario nello sviluppo della depressione.

Città

Le principali città della Cina sono tra i più inquinati al mondo, ma secondo le università, i risultati sono rilevanti per quasi tutti gli abitanti delle città in tutto il mondo: oltre l'ottanta per cento di loro respirano quantità pericolose di inquinamento atmosferico.

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), nel 2016 oltre quattro milioni di morti sono stati causati dall'inquinamento atmosferico. Più di nove persone su dieci vivono in regioni in cui la qualità dell'aria non soddisfa le linee guida dell'OMS.

Google Street View è pronta per iniziare a mappare l'inquinamento atmosferico e le pericolose polveri PM 2,5

Google ha annunciato che amplierà la partnership tra Street View e Aclima, installando sui suoi mezzi una rete di sensori ambientali, per mappare l'inquinamento atmosferico in tutto il mondo.


Il gigante di internet ha collaborato per la prima volta con la start-up di San Francisco nel 2015. Le auto di Street View, dotate dei sensori di monitoraggio qualità dell'aria di Aclima, hanno raccolto dati in tutta la California, a Londra e nel campus di Google a Mountain View, sempre in California.

"Tutto quel lavoro è culminato in un importante studio scientifico", ha detto durante un'intervista Davida Herzl, la fondatrice di Aclima. Questo studio, pubblicato su Environmental Science & Technology, ha utilizzato i dati dei sensori sul territorio di Oakland, in California, per rivelare che i livelli di inquinamento atmosferico possono variare drasticamente lungo una strada, senza che vi siano forti impatti inquinanti. "Abbiamo scoperto che puoi avere la migliore qualità dell'aria e la peggiore qualità dell'aria nella stessa strada", ha detto Herzl. "Questa sperimentazione ci può aiutare a capire come comportarci per abbattere l'inquinamento atmosferico, dalla pianificazione urbana alla comprensione della esposizione personale dei cittadini"  I sensori di Aclima registrano livelli di anidride carbonica (CO2), monossido di carbonio (CO), ossido nitrico (NO), biossido di azoto (NO2), ozono (O3) e del pericolosissimo particolato (PM2,5) nell'aria. I dati saranno disponibili pubblicamente su Google BigQuery mentre verranno forniti set di dati completi a comunità scientifiche e accademiche. L'espansione globale inizierà con 50 auto a Houston, a Città del Messico e a Sydney in Australia e si prevede che fornisca la mappa più dettagliata e localizzata dell'inquinamento atmosferico in ogni area. Queste misurazioni possono fornire alle città nuove intuizioni a livello di quartiere, questo potrebbe aiutare le amministrazioni ad accelerare gli sforzi nella loro transizione verso città più intelligenti e più sane ", ha dichiarato Karin Tuxen-Bettman, Program Manager di Google Earth Outreach. 

Ora bisognerà capire come l'Europa riuscirà a percepire questa innovazione, molte delle case automobilistiche europee hanno in quest'ultimo periodo, dato forza ad un mercato basato su modelli di auto con FAP, quest'ultimo realizzato per ridurre l'emissione di polveri PM 10, ma che come molti sostengono durante il suo lavoro produrrebbe delle polveri PM 2,5 o inferiori. Polveri molto più pericolose per l'uomo perchè impossibili da filtrare arrivano fino agli alveoli polmonari, per poi passare direttamente nel sangue. Pochi sono i sensori oggi installati nelle grandi città europee, quasi nessuno nelle nostre città. Cosa succederà nei prossimi anni? permetteranno a Google Street View di continuare con questo progetto o rimarrà un bel progetto in un cassetto?

Estate 2018; incendi nell'Europa settentrionale e all'interno del Circolo polare artico, visti dallo spazio

Le condizioni calde e secche da record hanno stimolato focolai di incendi storici nell'Europa settentrionale e all'interno del Circolo polare artico.


Fuochi scandinavi appena visti

 

Scorching, condizioni asciutte stanno stimolando focolai di incendi "storici" in tutta la Svezia. Il 19 luglio 2018, più di 40 incendi hanno devastato il paese, grande spiegamento di vigili del fuoco e centinaia di persone sono state evacuate dalle loro case. Il governo svedese ha richiesto assistenza internazionale - è la seconda volta quest'estate - e ha ricevuto aerei e elicotteri antincendio dall'Italia e dalla Norvegia.

L'immagine a colori naturali sopra è stata acquisita dal Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer (MODIS) sul satellite Terra della NASA il 17 luglio 2018. I più grandi incendi erano vicino a Ljusdal, Kårböle, Jämtland e diverse altre grandi città sono state evacuate. Nessun incidente mortale è stato segnalato finora. Il Servizio di Monitoraggio Atmosferico Copernico, ha realizzato un modello di previsione che mostra un aumento dell'inquinamento di polveri sottili sopra le zone colpite dagli incendi di questa settimana.

Gli incendi intensi sono insoliti per questo periodo dell'anno, in quanto le estati svedesi sono normalmente miti. Nel maggio 2018, diverse città hanno vissuto i loro giorni più caldi mai registrati negli ultimi 150 anni. Le temperature si sono poi raffreddate a giugno, ma sono tornate a livelli record a luglio, quando l'agenzia meteorologica nazionale svedese ha emesso un avviso di allerta per temperature estremamente elevate. Allo stesso tempo, in Svezia si sono registrate le precipitazioni più basse di sempre.

Questa è la mappa delle anomalie registrate, mappa che si basa sui dati di MODIS, il satellite della NASA che ha il compito di monitorare le temperature sulla Terra. In questa immagine vengono mostrate le temperature della superficie terrestre dal 1 ° al 15 luglio 2018, rispetto alla media 2000-2015 per lo stesso periodo di due settimane. I colori rossi rappresentano aree più calde della media; il colore blu quelle più fredde della media. Si noti che queste sono le temperature della superficie terrestre, non le temperature dell'aria. Le condizioni calde e secche hanno contribuito a creare il grave rischio di incendio per la Svezia. A partire dal 20 luglio, in Svezia si sono bruciati oltre 10.000 ettari di terra, che è quasi 24 volte maggiore della quantità di terra bruciata in tutto il periodo che va dal 2008 al 2017.

Le alte temperature e gli incendi boschivi colpiscono anche i paesi vicini e fino al nord del circolo polare artico. Le alte temperature di tutti i tempi hanno colpito 14 località in Norvegia, compresa la contea di Troms, dove le temperature hanno raggiunto i 33 ° C (92 ° F). La Finlandia settentrionale il 18 luglio, ha visto temperature di 33 ° C (91 ° F) , mentre gli incendi si sono diffusi anche vicino al confine tra Finlandia e Russia.

L'immagine a colori naturali mostra gli incendi vicino al confine tra Russia e Finlandia. L'immagine è stata acquisita da MODIS sul satellite Aqua della NASA il 20 luglio 2018.

 
Davvero un cambiamento climatico troppo spesso nascosto.

Anno 2017, il buco nell'Ozono torna alle dimensioni misurate nel 1988

Il buco dell'ozono di quest'anno ha raggiunto il suo a settembre, rivelando la dimensione più piccola misurata dal 1988. Questo a causa di un vortice antartico instabile e insolitamente caldo che ha interessato l'Antartide.


Gli scienziati della NASA e della NOAA hanno annunciato il 2 novembre 2017, che le misurazioni effettuate dai satelliti quest'anno hanno mostrato che il buco nello strato di ozono della Terra, che si forma sull'Antartide ogni settembre, era il più piccolo dal 1988. Gli scienziati hanno indicato un vortice antartico instabile e più caldo nel 2017 - la stratosferica come il motivo è un sistema a bassa pressione che ruota in senso orario nell'atmosfera sopra l'Antartide.

L'ozono è una molecola composta da tre atomi di ossigeno. Uno strato di ozono in alto nell'atmosfera circonda l'intera Terra. Protegge la vita sul nostro pianeta dagli effetti nocivi dei raggi ultravioletti del sole. Rilevato per la prima volta nel 1985, il buco dell'ozono non è tecnicamente un buco dove non è presente ozono, ma è invece una regione di ozono eccezionalmente impoverito nella stratosfera sopra l'Antartico. Questa regione di ozono esaurito inizia tipicamente ad apparire all'inizio della primavera dell'emisfero australe (agosto-ottobre).

Secondo la NASA, il buco dell'ozono di quest'anno ha raggiunto la sua massima estensione l'11 settembre, coprendo un'area di circa due volte e mezzo le dimensioni degli Stati Uniti - 7,6 milioni di miglia quadrate in estensione - e poi diminuito in estensione, nel resto di settembre e in ottobre .

Il buco dell'ozono del 2017 era simile nella sua area, di uno dei primi buchi di ozono osservati - quello del 1988. Il buco dell'ozono del 2017 era di circa 1 milione di chilometri, una estensione più piccola rispetto al buco dell'ozono del 2016.

Anche se gli scienziati prevedono che il buco dell'ozono continuerà a ridursi nel tempo, a causa di uno sforzo globale cooperativo per vietare le sostanze chimiche che riducono l'ozono, il buco dell'ozono più piccolo di quest'anno ha avuto più a che fare con le condizioni atmosferiche in Antartide che con l'intervento umano.

Secondo una dichiarazione della NASA :

Il buco dell'ozono più piccolo nel 2017 è stato fortemente influenzato da un vortice antartico instabile e più caldo, un sistema di bassa pressione stratosferica che ruota in senso orario nell'atmosfera sopra l'Antartide. Ciò ha contribuito a ridurre al minimo la formazione di nubi stratosferiche polari nella stratosfera inferiore. La formazione e la persistenza di queste nuvole sono importanti primi passi che portano alle reazioni catalizzate da cloro e bromo che distruggono l'ozono, hanno detto gli scienziati. Queste condizioni antartiche assomigliano a quelle che si trovano nell'Artico, dove la riduzione dell'ozono è molto meno grave.

Nel 2016, le temperature stratosferiche più calde hanno anche limitato la crescita del buco dell'ozono. L'anno scorso, il buco dell'ozono ha raggiunto un massimo di 8,9 milioni di miglia quadrate, 2 milioni di miglia quadrate in meno rispetto al 2015. L'area media di questi massimi giornalieri di buco dell'ozono osservati dal 1991 è stata di circa 10 milioni di miglia quadrate.

Trent'anni fa, la comunità internazionale ha firmato il Protocollo di Montreal sulle sostanze nocive che riducono lo strato di ozono e ha iniziato a regolare l'utilizzo di tali sostanze. Gli scienziati si aspettano che il buco dell'ozono sopra l'Antartide diventi gradualmente meno pericoloso, poiché l'uso di composti sintetici contenenti clorofluorocarburi e cloro - una volta frequentemente utilizzati come refrigeranti - continua a diminuire.

Gli scienziati si aspettano che il buco dell'ozono dell'Antartide riprenda i livelli precedenti al 1980 intorno al 2070.

Sebbene le condizioni meteorologiche stratosferiche più calde della media, abbiano ridotto la riduzione dell'ozono negli ultimi due anni, gli scienziati si aspettano che le dimensioni medie di un buco dell'ozono dei giorni nostri, continueranno a essere più grandi rispetto ai buchi di ozono osservati negli anni '80, quando l'esaurimento dello strato di ozono sopra l'Antartide è stato rilevato per la prima volta.

Basano questa aspettativa sul fatto che i livelli di sostanze che riducono l'ozono come cloro e bromo rimangono ancora abbastanza alti nell'atmosfera terrestre per produrre una perdita significativa di ozono.

REGIONE LOMBARDIA PRIMA PER DISTRIBUTORI METANO, RIDOTTA DI 127 MILA TONNELLATE ANIDRIDE CARBONICA NELL' ARIA

Entrati in funzione anche di distributori di metano liquido, ricavato anche da "biometano". La Lombardia e' la regione che, tra il 2010 e il 2016 ha visto la maggiore crescita di distributori di gas naturale compresso e liquefatto. 


"Sul territorio lombardo si registrano infatti un aumento degli impianti di distribuzione del metano, passati dai 135 a inizio 2013 alle attuali 179 unita', con una crescita del 36,2% della disponibilita' di questo carburante negli ultimi cinque anni, e l'aumento degli impianti di GPL da 384 a inizio 2013 agli attuali 450 (+17%). Un primato che e' stato premiato lo scorso 8 giugno, in occasione del Convegno "Gas Naturale e Biometano - Eccellenze Nazionali per la sostenibilita'" svoltosi a Bologna".
RISPARMIATI 164 MILIONI DI EURO - "Grazie all'incremento dell'uso dei veicoli a metano, lo scorso anno in regione si sono risparmiati 164 milioni di euro per l'acquisto di carburante (benzina e gasolio) e si e' ridotta di 127 mila tonnellate l'anidride carbonica nell'aria. A livello nazionale - scrive la Nota - la Lombardia si posiziona tra le cinque regioni piu' virtuose insieme a Emilia-Romagna, Marche, Veneto e Toscana. I dati sono frutto dell'indagine del Centro studi Promotor".
BRESCIA PROVINCIA LOMBARDA PIU' VIRTUOSA - "Con un risparmio economico di 44 milioni di euro per l'acquisto di altri carburanti e una riduzione delle emissioni di CO2 di 34mila tonnellate, Brescia e' la provincia lombarda piu' virtuosa nell'utilizzo del metano nel campo dell'autotrazione, seguita da Milano con una riduzione della spesa per il carburante di 40 milioni di euro e 31 mila tonnellate di inquinanti in meno nell'aria. Segue ancora Bergamo, i cui cittadini hanno ridotto i costi di 26 milioni e respirato 20 mila tonnellate in meno di anidride carbonica", si scrive. 
COMO IN FONDO ALLA CLASSIFICA - "In fondo alla classifica regionale Como che registra un risparmio di 3 milioni di euro e di 2 mila tonnellate di CO2. Tra le province italiane e' Ancona a detenere il primo posto per diffusione di veicoli a metano con il 13,9% del parco macchine. Nel rapporto tra veicoli a metano e il totale del parco circolante, a giugno 2017 - appunta ancora il testo - la provincia con la maggiore incidenza percentuale e' Mantova (2,59%), seguita da Brescia (2,31%), Cremona (2,04%),
Bergamo (2%). Per quanto riguarda il numero degli impianti metano e gpl, le province di Milano e Brescia sono quelle piu' attrezzate, rispettivamente con 38 e 32, seguite da Bergamo con 22, Cremona (15), Pavia (14), Mantova (14), Monza e Brianza (10), Como (9), Lodi (5), Lecco (7), Sondrio (3), Varese (1), mentre 9 impianti sono dislocati sulla rete autostradale".
SULLA BUONA STRADA "L'Italia e' al primo posto in Europa per numero di veicoli a metano e numero di distributori, ma si puo' fare ancora meglio - prosegue la Nota - Se in tutta la Penisola si arrivasse al livello di diffusione di veicoli a metano di Ancona si risparmierebbero 11 miliardi di euro e 8 milioni di tonnellate di anidride carbonica e nella sola Lombardia 1,7 miliardi di euro con un calo di 1,4 tonnellate di CO2".
RINNOVAMENTO AUTOMEZZI "Secondo un'elaborazione del Centro Ricerche Continental Autocarro su dati Aci, in Lombardia, tra il 2010 e il 2015, si e' assistito a un significativo rinnovamento dei mezzi di trasporto su strada, con una crescita del parco circolante di autocarri e autobus post Euro 3 del 49,6% e una conseguente riduzione degli inquinanti nell'aria. Nel 2010 gli autobus e gli autocarri post Euro 3 in circolazione erano 182.009 (il 29% del totale). Nello stesso periodo la crescita del parco circolante di autobus e autocarri per trasporto merci di categoria emissiva superiore a Euro 3registrata in tutta Italia e' stata del 53,8%", conclude la Nota.

FONTE: (Lnews)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

10°C

Milano

Mostly Cloudy

Humidity: 81%

Wind: 9.66 km/h

  • 15 Nov 2018 10°C 5°C
  • 16 Nov 2018 7°C 4°C