updated 6:37 AM UTC, Sep 21, 2018

Il Senato Argentino blocca la legge per la legalizzazione dell'aborto

  • Scritto da Zonca2018
  • Pubblicato in Attualita

Dopo 16 ore di discussioni, il Senato argentino ha respinto in modo restrittivo un disegno di legge per legalizzare l'aborto. Tuttavia, il fatto che la discussione sia arrivata fino a questo punto segna un vero cambiamento nell'opinione pubblica. Abbiamo parlato con persone su entrambi i lati della questione. 


Il Senato argentino, giovedì, ha respinto in modo restrittivo un disegno di legge per legalizzare l'aborto, infliggendo una pungente sconfitta a un movimento di base che ha spinto i diritti riproduttivi ai vertici del programma legislativo nazionale e ha galvanizzato i gruppi attivisti in tutta l'America Latina.

Il voto attanagliò la nazione mentre i campi avversari combattevano per influenzare i senatori indecisi fino alle ultime ore. Mentre i legislatori discutevano il disegno di legge nelle prime ore del giovedì, migliaia di difensori di entrambe le parti aspettavano fuori dal Congresso nel freddo invernale, e la Chiesa Cattolica Romana teneva una "Messa per la vita" nella Cattedrale Metropolitana di Buenos Aires.

I sostenitori del disegno di legge - che avrebbero permesso aborti durante le prime 14 settimane di gravidanza - avevano sperato che l'Argentina avrebbe iniziato un cambiamento radicale nei diritti riproduttivi in ​​una regione prevalentemente cattolica dove il 97% delle donne vive in paesi che vietano l'aborto o lo consentono solo in casi rari. Solo poche settimane fa, gli attivisti per i diritti all'aborto sembravano avere buone possibilità di successo, avversari sbalorditivi e avvincenti difensori dei diritti delle donne nei paesi vicini, ispirati alla battaglia argentina. Ma l'opposizione in Argentina si è indurita quando i leader della Chiesa cattolica hanno parlato con forza contro l'aborto dal pulpito e i senatori delle province conservatrici hanno subito forti pressioni per opporsi al disegno di legge.

Alla fine, trentotto legislatori hanno votato contro il disegno di legge, 31 hanno votato a favore e due si sono astenuti. 

Mentre la sconfitta della proposta è stata considerata una battuta d'arresto importante per gli attivisti che l'hanno sostenuta, gli analisti hanno affermato che l'improbabile ascesa del movimento aveva già iniziato a cambiare la regione in modi che sarebbe stato impossibile solo anni fa.

"I diritti di aborto erano una priorità e sarà profondamente scoraggiante essere arrivati ​​così lontano e fallire", ha detto Benjamin Gedan, esperto dell'Argentina presso il Woodrow Wilson International Centre for Scholars. Ma ha detto che i difensori dei diritti delle donne hanno già raggiunto dei successi.

La campagna argentina è accreditata con un dibattito stimolante su una varietà di questioni femminili - compresa la violenza domestica - in una regione socialmente conservatrice in cui tali argomenti sono stati a lungo tabù.

"Se facciamo una lista delle cose che abbiamo guadagnato e delle cose che abbiamo perso, l'elenco delle cose che abbiamo acquisito è molto più grande", ha detto Edurne Cárdenas, avvocato del Centre for Legal and Social Studies, un gruppo per i diritti umani in Argentina che favorisce l'aborto legalizzato. "Prima o poi, questa sarà la legge."

Nella regione, solo l'Uruguay, Cuba, la Guyana e Città del Messico permettono a qualsiasi donna di avere un aborto a breve termine.

Giovedì, le emozioni in Argentina sono state crude dopo settimane di suspense quando sembrava possibile che il disegno di legge potesse diventare legge. 

Gli avversari hanno espresso sollievo. María Curutchet, un avvocato di 34 anni, sorrideva nonostante avesse passato quasi otto ore al freddo per chiarire i suoi sentimenti. "Non taceremo più e non lasceremo che vincano", ha detto Jimena Del Potro, una designer di 33 anni che ha combattuto contro le lacrime mentre parlava. "L'aborto sarà legale presto. Molto presto." 

"E 'stata una giornata molto emozionante", ha detto. "Siamo stati in grande numero e abbiamo dimostrato che difenderemo le due vite, indipendentemente dal costo".

Per l'Argentina, il dibattito sull'aborto ha tolto il senso di sé del paese.

È il luogo di nascita di Papa Francesco, il leader dei cattolici del mondo, che ha recentemente denunciato l'aborto come l'equivalente del "guanto bianco" del programma eugenetico dell'era nazista.

Ma il paese negli ultimi anni si è allontanato da una stretta relazione tra Chiesa e Stato.

Nel 2010, l'Argentina è diventata il primo paese dell'America Latina a consentire alle coppie gay di sposarsi: una mossa combattuta dalla Chiesa con un vigore simile alla sua battaglia contro l'aborto, organizzando proteste che coinvolgono migliaia di persone. Francesco, allora arcivescovo di Buenos Aires, chiamò quel disegno di legge "un attacco distruttivo al piano di Dio".

La lotta per l'aborto ha diviso la classe politica e costretto i leader a cimentarsi con le loro convinzioni personali e politiche. Il presidente Mauricio Macri, un leader di centro-destra che si oppone all'aborto legalizzato, ha detto ai legislatori alleati di votare la loro coscienza e ha detto che avrebbe firmato la legge se fosse stata approvata dal Congresso. 

Ma il ministro della salute del signor Macri, Adolfo Rubinstein, ha testimoniato al Congresso in favore della legalizzazione e ha stimato che circa 354.000 aborti clandestini vengono effettuati ogni anno nel paese. Le complicazioni derivanti da questi aborti sono la principale causa di morte materna nel paese, secondo Mariana Romero, una ricercatrice del Centro per lo studio dello stato e della società, un'organizzazione senza scopo di lucro.

Il movimento organizzato che ha spinto il conto è iniziato nel 2015 con il brutale omicidio di una ragazza di 14 anni incinta dal suo fidanzato. Sua madre ha affermato che la famiglia del fidanzato non voleva che lei avesse il bambino.

Mentre i dibattiti sulla violenza contro le donne sui social media sono cresciuti in conversazioni più ampie sui diritti delle donne, i giovani parlamentari hanno dato una nuova spinta a un progetto di legge sull'aborto che era stato presentato ripetutamente in passato senza andare da nessuna parte.

A giugno, gli attivisti hanno ottenuto una vittoria inaspettata quando la Camera bassa del Congresso ha approvato in stretta misura un disegno di legge che consente alle donne di interrompere la gravidanza nelle prime 14 settimane. La legge attuale consente l'aborto solo in caso di stupro o quando la vita di una madre è in pericolo.

Mentre la misura ha fallito al Senato, ha fatto alcune incursioni. Tra i senatori che hanno votato a favore è stata Cristina Fernández de Kirchner, che come presidente si era opposta alla legalizzazione dell'aborto. 

"Quelli che mi hanno fatto cambiare idea sono state le migliaia e migliaia di ragazze che sono scese in piazza", ha detto prima del voto all'inizio di giovedì.

Nonostante la perdita, il voto ravvicinato - e il modo in cui è stato osservato da vicino nei paesi limitrofi - era un'indicazione che il terreno sui diritti delle donne si era spostato non solo in Argentina, ma nella regione.

Nel vicino Brasile, attivisti questo mese hanno invitato la Corte Suprema a decidere che le restrizioni di aborto del paese, che sono simili a quelle dell'Argentina, sono incostituzionali.

I difensori in Cile, nel frattempo, hanno lottato per estendere i diritti all'aborto, basandosi sulla legalizzazione parziale dello scorso anno , così come su quelli in El Salvador.

"La società nel suo insieme è andata avanti su questo tema", ha detto Claudia Piñeiro, una scrittrice e attivista per i diritti all'aborto in Argentina.

"La chiesa e lo stato dovrebbero essere separati, ma stiamo arrivando a capire che è lontano dal caso", ha detto la signora Piñeiro quando è diventato più chiaro che la spinta per la legalizzazione avrebbe perso. "Questa sarà la prossima battaglia."

 

 
Ultima modifica ilSabato, 11 Agosto 2018 09:47

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

22°C

Milano

Mostly Cloudy

Humidity: 69%

Wind: 11.27 km/h

  • 21 Sep 2018 23°C 12°C
  • 22 Sep 2018 20°C 12°C