Log in
updated 6:50 PM UTC, Sep 26, 2020

Covid-19: l'Antartide è l'unico continente senza casi

Nel gelido continente del Polo Sud, non c'è un solo caso di Covid-19 tra le varie squadre di scienziati e militari che monitorano la vita nel deserto polare


L'Antartide è attualmente l'unico continente senza alcun caso di Coronavirus, la popolazione vive senza maschere e osserva lo svolgersi della pandemia da migliaia di chilometri di distanza. In questo momento, mentre quasi un migliaio di scienziati e altri professionisti che lavorano in quel territorio vedono il sole per la prima volta da settimane o mesi, c'è una mobilitazione generale per cercare di garantire che i nuovi colleghi che stanno per arrivare non portino il virus con loro. Dalla stazione di ricerca britannica "Rothera Research Station", sulla penisola antartica che si estende verso il confine del Sud America, la guida sul campo Rob Taylor ha spiegato all'Associated Press (AP) com'è vivere in ciò che lui descrive come: "La nostra piccola bolla sicura".

Prima della pandemia, l'isolamento a lungo termine, l'autosufficienza e la pressione psicologica erano di norma per le squadre in Antartide, mentre il resto del mondo vedeva le vite di questi professionisti come estremamente affascinanti. Tuttavia, oggi molto è cambiato, "In generale, la libertà che abbiamo oggi è maggiore di quella degli abitanti del Regno Unito al culmine della loro reclusione", ha detto Taylor, arrivato in Antartide a ottobre saltando completamente gli effetti della pandemia. "Possiamo sciare, socializzare normalmente, correre, andare in palestra, fare tutto entro limiti ragionevoli", ha aggiunto.

Come i team sparsi in tutta l'Antartide, incluso il Polo Sud, Taylor e i suoi 26 colleghi, devono essere in grado di svolgere tutti i tipi di compiti in un ambiente remoto e comunitario, con poco margine di errore. Hanno i turni in cucina, fanno osservazioni meteorologiche e "un sacco di cucito", ha detto. Le buone connessioni Internet esistenti, hanno permesso loro di monitorare da vicino l'andamento della pandemia nel resto del pianeta. E se, fino ad oggi, le conversazioni con i colleghi ​​si erano concentrate sulla preparazione dei nuovi arrivati ​​per quanto li attendeva, ora sembra che la situazione si sia ribaltata, la preoccupazione non è più avvisare i nuovi su quanto li aspetterà, ma capire se la loro provenienza è da zone ad alto tasso di infezioni da Coronavirus e capire come comportarsi al rientro nella civiltà. “Sono sicuro che possono dirci molto per aiutarci ad adattarci alla nuova normalità. Non abbiamo ancora alcuna pratica in termini di distanza sociale! ”, Afferma Taylor. Alla base di Scott in Nuova Zelanda, le gare di minigolf e le proiezioni cinematografiche sono stati i momenti salienti dell'inverno nell'emisfero meridionale, che si è concluso per il team Scott, quando hanno visto il sole venerdì scorso, "Non lo vedevano da aprile. Penso che ci sia un po di dissociazione, riguardo a com'è monitorare la pandemia a distanza. A livello razionale siamo consapevoli di ciò che sta accadendo, ma penso che non siamo realmente consapevoli dell'instabilità emotiva che deve causare", ", ha detto ad AP, Rory O'Connor, medico della squadra e coordinatore invernale delle missioni.

Secondo O'Connor, le squadre di terra in Antartide dovranno effettuare i test covid-19, quando i colleghi inizieranno ad arrivare. Ogni caso positivo farà scattare un “allarme rosso”, ha garantito, con attività che si sposteranno sul riscaldamento, approvvigionamento idrico, energia e cibo.

Quando il mondo ha iniziato il confinamento, i programmi antartici hanno convenuto che la pandemia avrebbe potuto causare un vero disastro nel continente di ghiaccio. Con i venti più forti e le temperature più basse del mondo, il continente, le cui dimensioni sono simili a quelle degli Stati Uniti e del Messico assieme, la diffusione del virus diverrebbe molto pericolosa per i lavoratori delle 40 basi permanenti presenti sul territorio.

"Un nuovo virus altamente contagioso significherebbe mortalità e morbilità nell'ambiente estremo e austero dell'Antartide, che, insieme alle limitate risorse disponibili a livello medico e di salute pubblica, rappresenterebbe un rischio elevato, con conseguenze potenzialmente catastrofiche", afferma un documento del COMNAP citato dall'Associated Press.

Qualche settimana fa, alla stazione McMurdo, i lavoratori hanno fatto un finto test per provare una realtà che il resto del mondo conosce già fin troppo bene, l'uso di una mascherina e la distanza sociale. "Sarà difficile non correre ad abbracciare gli amici" quando arrivano, ammette il direttore della stazione Erin Heard. Secondo l'AP, Heard e il resto del team della stazione inizieranno a indossare una mascherina due giorni prima dell'arrivo dei loro colleghi, al fine di "guadagnare memoria muscolare". Le maschere che hanno sono state realizzate da loro stessi, con tessuti immagazzinati alla stazione McMurdo e realizzate sulla base di modelli cercati "online".

 "Sarà molto strano rientrare nelle città, ad essere onesti, sarà come arrivare da quello che sembra essere un altro pianeta."

Scuola, Arcuri commissario per la ripartenza. Azzolina: "Nomina fortemente voluta". Salvini all'attacco: "Ha fallito sulle mascherine e il governo lo manda a occuparsi dei nostri figli. Ma basta!"

Domenico Arcuri, il discusso commissario straordinario all'emergenza Covid, secondo la bozza del decreto legge semplificazioni, si occuperà di rifornire gli istituti dei dispositivi di protezione individuale necessari per garantire il regolare avvio dell'anno scolastico 2020-2021. Soddisfatta la ministra dell'Istruzione. Insorge il leader leghista: "Lo hanno premiato..."


Domenico Arcuri, il commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid-19, "fino alla scadenza del predetto stato di emergenza", procede, "nell’ambito dei poteri conferitigli e con le modalità previste dalla suddetta norma, all’acquisizione e distribuzione delle apparecchiature e dei dispositivi di protezione individuale, nonché di ogni necessario bene strumentale, compresi gli arredi scolastici, utile a garantire l’ordinato avvio dell’anno scolastico 2020-2021, nonché a contenere e contrastare l’eventuale emergenza nelle istituzioni scolastiche statali". E' quanto si legge nella bozza del dl Semplificazioni.

Il commissario, si legge ancora, "per l'attuazione di quanto previsto dal precedente periodo, provvede nel limite delle risorse assegnate allo scopo con Delibera del Consiglio dei Ministri a valere sul Fondo emergenze nazionali di cui all'articolo 44 del decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1; le risorse sono versate sull’apposita contabilità speciale intestata al Commissario". A tale scopo, "le procedure di affidamento dei contratti pubblici potranno essere avviate dal Commissario anche precedentemente al trasferimento alla contabilità speciale delle suddette risorse".

''Piena soddisfazione per la norma inserita nel Semplificazioni che affida nuove competenze al commissario Arcuri per supportare la riapertura delle scuole a settembre. Una norma scritta e fortemente voluta dal mio ministero. E che permetterà ad esempio di velocizzare l'iter per l'acquisto e la distribuzione degli arredi scolastici, come i banchi singoli di nuova generazione''. Così la ministra dell'Istruzione, Lucia Azzolina.

Subito all'attacco Matteo Salvini. "Ha fallito sulle mascherine (che molti stanno ancora aspettando) e per premio il governo lo manda ad occuparsi delle scuole dei nostri figli: ma basta!". Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini, commentando la nomina di Domenico Arcuri commissario per la ripartenza delle scuole.

Coronavirus, l'emergenza fa strage di imprese. L'Istat: "Più di una su tre rischia di chiudere per la crisi". I "piccoli" e il turismo pagano il prezzo più alto

In pericolo il 40,6% delle micro imprese e il 18,8% delle grandi. Oltre 6 alberghi e ristoranti su 10 potrebbero chiudere. Confesercenti chiede misure straordinarie per il commercio, un piano per modernizzare la rete di negozi e favorire l'adozione di una piattaforma digitale pubblico-privata


L'impatto sulle imprese della crisi provocata dall'emergenza coronavirus "è stato di intensità e rapidità straordinarie", tanto da determinare, secondo l'Istat, "seri rischi per la sopravvivenza" nel corso dell'anno "del 38,8% delle imprese italiane". Il pericolo di chiudere è più alto tra le microimprese (40,6%) e le piccole (33,5%) ma è "significativo" anche tra le medie (22,4%) e le grandi (18,8%).

Ristorazione e turismo le aree più a rischio - Tra le attività più colpite dall'emergenza ci sono gli alberghi e i ristoranti. Sei strutture su dieci rischiano la chiusura entro la fine dell'anno. Uno scenario che mette a repentaglio oltre 800 mila posti di lavoro. In pericolo anche lo sport e la cultura: secondo l'Istat potrebbero non sopravvivere il 61,5% delle aziende del settore. 

Le manifatture provano a resistere - Più di un'azienda su tre sta riorganizzando la produzione e il 30% ha strategie di espansione. Il settore manifatturiero "mostra una decisa resilienza nei confronti del virus", osserva l'Istat. Anche i comparti alimentare e farmaceutico reagiscono bene, con percentuali di imprese a rischio rispettivamente del 28% e del 20%. 

"Ripartenza più difficile del previsto" - "L' e-commerce sta avendo una crescita mai vista finora, mentre le piccole imprese non riescono a invertire la tendenza". Così Confesercenti ha commentato i dati sulle vendite al dettaglio resi noti dall'Istat. "Il mese di maggio ha registrato un miglioramento rispetto ad aprile, ma la situazione resta grave se rapportata allo stesso periodo del 2019".

L'associazione di categoria chiede misure straordinarie per il commercio, un piano per modernizzare la rete di negozi e favorire l'adozione di una piattaforma digitale pubblico-privata

Contrazione del reddito, l'allarme di Bankitalia: "Un terzo delle famiglie ha riserve economiche solo per tre mesi e il 30% degli italiani non andrà in vacanza"

Oltre metà della popolazione lamenta danni al reddito familiare dall'emergenza Covid. Impatto del lockdown più severo per i lavoratori autonomi. Un terzo delle famiglie ha riserve per soli 3 mesi, il 40% in difficoltà con il mutuo


"Oltre la metà della popolazione dichiara di aver subito una contrazione nel reddito familiare dopo le misure adottate per il contenimento" del coronavirus. E' quanto emerge dall'indagine straordinaria sulle famiglie condotta dalla Banca d'Italia. "Più di un terzo delle famiglie - si legge - dichiara di disporre di risorse finanziarie sufficienti per meno di 3 mesi a coprire le spese essenziali della famiglia in assenza di altre entrate".

"L'impatto è stato particolarmente severo per i lavoratori indipendenti", spiega Bankitalia, sottolineando che "quasi l'80% ha subito un calo nel reddito e per il 36% la caduta è di oltre la metà del reddito familiare".

Quasi il 40% delle famiglie ha difficoltà a sostenere le rate del mutuo Quasi il 40% degli individui indebitati dichiara di avere difficoltà nel sostenere le rate del mutuo a causa della crisi. "La quota - si legge nell'indagine - è più elevata nel Centro e nel Mezzogiorno". 

Inoltre, secondo il report, "solo un terzo di chi è in difficoltà con il pagamento delle rate del mutuo ha fatto ricorso o intende far ricorso alla moratoria mutui. Fra coloro che hanno un finanziamento per credito al consumo la percentuale di individui in difficoltà con il pagamento della rata è del 34%".

Niente vacanze per il 30% degli italiani L'emergenza sanitaria incide negativamente sulle aspettative di spesa degli italiani: circa il 30% della popolazione dichiara di non potersi permettere di andare in vacanza la prossima estate e quasi il 60% ritiene che anche quando l'epidemia sarà terminata le proprie spese per viaggi, vacanze, ristoranti, cinema e teatri saranno comunque inferiori a quelle pre-crisi.

"Taglio delle tasse non più rinviabile, agire su lavoro e pensioni". La Corte dei Conti incalza il governo. Bocciati reddito di cittadinanza e "quota 100"

L'Italia mostra un "quadro particolarmente gravoso che impone una rapida definizione di una strategia per recuperare livelli di crescita più sostenuti" e deve affrontare "una sfida impegnativa che riguarda il quadro economico e quello della finanza pubblica ma che, per quest'ultima, non può non considerare i segnali positivi ereditati dall'esercizio appena concluso"


"Nell’attuale contesto di emergenza la politica di bilancio è chiamata a giocare un ruolo fondamentale. Le risorse disponibili vanno infatti destinate a contrastare le fragilità e il disorientamento portati dagli effetti economici della crisi, avendo considerazione soprattutto di quanti sono risultati più danneggiati da questa emergenza epidemiologica". Lo afferma il presidente della Corte dei Conti Angelo Buscema nella sua introduzione alla Cerimonia di parificazione del Rendiconto generale dello Stato.

"TAGLIO TASSE NON PIÙ RINVIABILE" - Nella requisitoria orale il procuratore generale facente funzioni della Corte dei Conti, Fausta Di Grazia, afferma che "appare non più rinviabile un intervento in materia fiscale che riduca, per quanto possibile, le aliquote sui redditi dei dipendenti ed anche dei pensionati che, pur essendo fuori dal circuito produttivo, frequentemente sostengono le generazioni più giovani, oltreché le imposizioni gravanti sulle imprese alle quali sono affidate le concrete speranze di un rilancio del Paese".

"L’alleggerimento della fiscalità potrebbe evitare, soprattutto in un momento di crisi globale, la costante erosione del potere d’acquisto delle famiglie e un’ulteriore contrazione del mercato interno, che non favorisce il gettito erariale" spiega nella cerimonia di parificazione del Rendiconto generale dello Stato.

"QUOTA 100 E RDC RISULTATI SOTTO LE ATTESE" - Per quanto riguarda la “quota 100” alla data del 31 dicembre 2019 "risultano essere state approvate 155.897 richieste di collocamento in quiescenza, pari a circa il 69% delle domande presentate. Delle istanze accolte circa il 49% riguarda soggetti con oltre 41 anni di contribuzione, a fronte di un’anzianità lavorativa media di 40 anni. I risultati sono stati al di sotto degli obiettivi illustrati nella Relazione tecnica che accompagnava il provvedimento, avente anche finalità di ricambio generazionale della forza lavoro" dice Di Grazia.

Sul fronte assistenziale, l’attuazione del “reddito di cittadinanza” "con uno stanziamento definitivo di 5.728,6 milioni di euro, dei quali ne sono stati impegnati 3.878,7 milioni. Dai dati degli uffici di controllo risultano essere state accolte circa 1 milione di domande, a fronte di quasi 2,4 milioni di richieste, delle quali, secondo elaborazioni di questo Istituto, soltanto il 2% ha poi dato luogo ad un rapporto di lavoro tramite i Centri per l’impiego" aggiunge.

"STRATEGIA PER CRESCITA PIÙ FORTE" - Quello aperto dal coronavirus è “un quadro particolarmente gravoso che impone una rapida definizione di una strategia per recuperare livelli di crescita più sostenuti, annullando i ritardi che negli ultimi anni hanno impedito il superamento degli squilibri strutturali della nostra economia” sottolinea il presidente di coordinamento delle Sezioni Riunite in sede di controllo Ermanno Granelli. Il magistrato contabile segnala come le stime sull’impatto economico della pandemia sono “ancora soggette ad aggiornamenti continui” e con “non meno repentini e rilevanti cambiamenti registrati nei conti pubblici”.

ENTRATE E INDEBITAMENTO - Granelli rileva poi che nella gestione dei conti pubblici nel 2019 si registra un “miglioramento” evidenziato dal “Conto dello Stato che consente di rilevare andamenti molto positivi: l’indebitamento netto, pari a circa 30 miliardi, si è ridotto nell’anno in misura significativa (di oltre 13 miliardi rispetto al 2018) e assai di più di quanto previsto nei documenti programmatici”. E parla per l’andamento sia delle entrate che delle spese di “una virtuosa inversione di tendenza rispetto agli anni precedenti”.

Infatti, le entrate, nel complesso, sono cresciute del 2,8 per cento (0,17 per cento nel 2018), ma con una forte accelerazione, in particolare, delle imposte dirette su cui ha inciso l’obbligatorietà della fatturazione elettronica e l’avvio dell’applicazione degli indicatori di affidabilità in sostituzione degli studi di settore.

Emergenza Covid, il coronavirus "soffrirà il caldo ma non sparirà". Dubbi sull'efficacia di un vaccino

Parla Pasquale Mario Bacco, medico legale e ricercatore di Meleam, società specializzata in medicina del lavoro: "Non se ne andrà come fece la Sars. Essendo sensibile al clima, Sars-CoV-2 si manifesterà sempre in maniera più incisiva nelle zone più fredde d'Italia". Il virus sotto osservazione presenta sensibili mutazioni, quindi ritiene "scarsa la possibilità di realizzare un vaccino che possa essere oggettivamente efficace per un tempo meritevole di considerazione"


IVASS - COVID-19

Con l'aumento delle temperature si fa via via più acceso il dibattito fra gli esperti sull'effetto del caldo sul nuovo coronavirus. "Sars-CoV-2, come tutti i coronavirus, è condizionato in maniera determinante dal clima. In laboratorio abbiamo visto che, aumentando di pochi gradi centigradi la temperatura dei terreni di coltura e quindi portandola all'intervallo di 25-30 gradi, circa il 53% dei ceppi non sopravvive e il restante dimostra un'attività circa 12 volte inferiore". Lo afferma all'Adnkronos Salute Pasquale Mario Bacco, medico legale e ricercatore di Meleam, società specializzata in medicina del lavoro.

Insomma, secondo Bacco Sars-CoV-2 soffrirà il caldo. "In estate si prevede che il virus presenterà un'attività molto limitata con scarsissima aggressività, ma siccome riesce a sopravvivere, probabilmente riapparirà con lo scendere delle temperature. Insomma, non se ne andrà via del tutto. La mia idea è che non sparirà, come invece ha fatto la Sars", ricorda l'esperto. Essendo "sensibile al clima, Sars-CoV-2 si manifesterà sempre in maniera più incisiva nelle zone più fredde d'Italia", aggiunge il ricercatore.

"Il virus alla nostra osservazione - continua Bacco - presenta delle sensibili mutazioni, realizzate anche in tempi brevi. Questo ci fa pensare sempre di più che sia scarsa la possibilità di realizzare un vaccino che possa essere oggettivamente efficace per un tempo meritevole di considerazione. Al momento - precisa - le mutazioni osservate riguardano soprattutto zone genomiche definite 'introni, per definizioni scarsamente codificanti".

"Stiamo riscontrando infine, con sempre maggiore frequenza, filamenti proteici virali nei liquidi biologici; al momento tale osservazione seppur interessante, non sembra avere importanti ripercussioni sull'evoluzione del microrganismo", conclude.

 

(Fonte Adnkronos)

  • Pubblicato in Salute

Coronavirus, Zaia replica a De Luca: "Se alcune regioni chiudono i confini è Sud contro Nord". Ecco perché l'indecisione e l'assenza del governo sul territorio minano l'Unità nazionale

luca zaia, personaggi"Se alcuni governatori chiudono i confini regionali allora la fanno loro l'autonomia, non è Nord contro Sud ma Sud contro Nord". E' tensione tra il presidente del Veneto Luca Zaia e De Luca dopo l'intenzione di chiudere la Campania. "Se si chiudono i confini regionali, nessun tipo di trasporto verrà autorizzato. Che proposta è?", si chiede Zaia. La polemica segue quelle che hanno coinvolto la Lombardia, oggetto di un attacco concentrico, certo di natura politica, ma che ha anche risvegliato rancori localistici che sembravano appartenere a stagioni ormai superate. Non un bel risultato per il il governo nazionale, percepito come assente nelle aree più colpite dall'emergenza. E sono in molti a non capacitarsi del fatto che il presidente del Consiglio Conte non si sia mai fatto vedere nelle terre martoriate dal Covid: un premier lontano fisicamente e distante nei fatti è tutt'altro che incoraggiante per il futuro dell'Italia


Coronavirus, Zaia contro De Luca: «Vorrei sapere quanti tamponi ...

Ancora lite tra Regioni sulla questione delle riaperture e della Fase 2. Ad andare all'attacco è il governatore del Veneto Luca Zaia dopo che nei giorni scorsi il governatore della Campania Vincenzo De Luca aveva parlato della possibilità di chiudere i confini della Regione.

"Se alcuni presidenti chiudono i confini regionali allora fanno loro l'autonomia, non è Nord contro Sud, è Sud contro Nord". Lo ha sottolineato stamani il presidente del Veneto, Luca Zaia.

"Mettetevi nei panni - ha aggiunto Zaia - di un cittadino che sale in treno. Se si chiudono i confini regionali verranno tutti soppressi, il Frecciarossa sarà fermo, nessun tipo di trasporto verrà autorizzato, che proposta è? Se poi c'è qualcuno che vuole preservare un'area delicata, ad altissima popolosità o con persone a rischio, è comprensibile, ma se dicono che chiudono i confini regionali mi dicano come fare. E io - ha concluso - non ho mai firmato ordinanze per chiudere".

Intanto è scontro anche tra il governatore della Lombardia Attilio Fontana e quello del Lazio Zingaretti. Una delibera simile a quella della Lombardia sulle rsa "era stata presa dal Lazio. Ma al governatore del Lazio non è stato fatto alcun tipo di contestazione", ha detto Fontana a Radio Padania tornando sulla vicenda. Secondo Fontana, "si cerca di attaccare l'organizzazione lombarda. C'è un attacco nel confronto mio in quanto rappresentante di una certa parte politica. Si sta facendo quel fuoco incrociato - ha aggiunto - che è sempre stato fatto quando al governo c'era un rappresentante del centrodestra. Qui al governo c'è un rappresentante non del centrodestra, ma in Lombardia c'è un rappresentante del centrodestra".

E anche il presidente della Toscana va all'attacco: "Decidere quando riaprire le imprese spetta al governo che dice che non è ora. Benissimo. Ma c'è una grande contraddizione con il fatto che con una semplice comunicazione alle prefetture stanno riaprendo centinaia di migliaia di aziende senza protocolli per la sicurezza, che solo in pochi casi sono stati elaborati. Non è corretto dire in un modo e poi lasciare che avvenga in un altro". Lo ha scritto su Facebook il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.


Zaia e la riapertura

"Se c'è un'anteprima della fase due si dovrà consolidare con un nuovo Dpcm, che autorizzi nuovi codici Ateco". Lo ha sottolineato il presidente del Veneto Luca Zaia n conferenza stampa. "Speravo - ha aggiunto - che ci fosse qualche segnale su questo limbo che ci separa dal 4 maggio, spero che arrivi prima, dopodiché credo che il 4 maggio sarà la deadline oltre la quale usciranno i provvedimenti per le riaperture".  "I colleghi presidenti in cabina di regia con il Governo mi dicono che la discussione è stata interlocutoria, tranquilla e serena", ha riferito il presidente del Veneto Luca Zaia. "C'è ancora qualche giorno di tempo - ha proseguito Zaia - ed è probabile che ci siano decisioni in via sperimentale da prendere, ma mi sembra di capire che il 4 maggio rappresenti una data importante per la ripartenza.Vedremo qualità e quantità della ripartenza, spero che il tema si affronti altrimenti è difficile da affrontare con i cittadini", ha concluso. 

Mascherine conditio sine qua non per riapertura

Per quanto riguarda il futuro, ieri c'è stata una videoconferenza con i colleghi delle altre Regioni e poi la riunione con la cabina di regia guidata da Conte per definire la ripartenza. Noi abbiamo portato delle richieste chiare, dalle quali risulta fondamentale che la mascherina sia una conditio sine qua non. La riapertura parte proprio dalle mascherine". Lo ha detto, in conferenza stampa, il governatore del Veneto, Luca Zaia. E sulle mascherine il governatore dice: "Una persona che esce di casa e non indossa la mascherina non ha coscienza che mette a repentaglio non solo la sua salute ma anche quella degli altri. E' un irresponsabile".  

Chiudere regioni? "È sud contro nord"

"E' difficile pensare allo stop di spostamento tra Regioni se le imprese rimangono aperte", ha osservato Zaia. "Se alcuni presidenti chiudono i confini regionali allora fanno loro l'autonomia, non è Nord contro Sud, è Sud contro Nord", ha sottolineato stamani il presidente del Veneto.  "Mettetevi nei panni - ha aggiunto Zaia - di un cittadino che sale in treno. Se si chiudono i confini regionali verranno tutti soppressi, il Frecciarossa sarà fermo, nessun tipo di trasporto verrà autorizzato, che proposta è? Se poi c'è qualcuno che vuole preservare un'area delicata, ad altissima popolosità o con persone a rischio, è comprensibile, ma se dicono che chiudono i confini regionali mi dicano come fare. E io - ha concluso - non ho mai firmato ordinanze per chiudere". 

La questione fasce di età

Riapertura a scaglioni per età? "Lavoriamo per una soluzione sostenibile e rispettosa della libertà", dice Zaia.

Il problema della gestione di bimbi e ragazzi

Con la riapertura "il vero tema è la gestione dei bimbi e dei ragazzi. Serve un provvedimento a livello nazionale. Alcuni genitori sono disposti a prendere part-time oppure a incentivi. L'alternativa sono i nonni, con tutti gli annessi e connessi..". 

I dati: calano ricoverati e pazienti in terapia intensiva

Cala in Veneto il numero dei ricoverati e soprattutto di coloro che si trovano in terapia intensiva. E' quanto si evince dai dati forniti questa mattina, in conferenza stampa, dal governatore del Veneto, Luca Zaia. I ricoverati sono 1.448, 23 in meno rispetto a ieri; nelle terapie intensive ci sono 184 pazienti, in calo rispetto ai 196 di ieri. "E' il secondo giorno in cui le terapie intensive non Coronavirus superano quelle riservate ai casi di Coronavirus", ha spiegato Zaia. Il numero totale dei positivi e' di 15.935, i dimessi sono 2.089; mentre il totale dei decessi a oggi e' pari a 1.087.

120mila test a personale sanitario

"Abbiamo testato tutti i dipendenti della sanità in Veneto per un totale di 120mila persone di cui 60mila nelle case di riposo: 30mila gli ospiti e 30mila i lavoratori. "Il piano di sanità pubblica prevede che si vadano a testare le case di riposo, tutti i giorni si entrerà nelle Rsa per continuare a fare test in un'operazione di mantenimento", dice il governatore. 

Palazzi storici, aeroporti e spiagge, i tesori d'Italia in pegno all'Ue: la proposta del Pd fa esplodere il centrodestra. Salvini: "Delirante". FdI: "Vogliono svenderci agli amici"

Dopo la fine della pandemia, secondo il senatore dem, serviranno idee e "tanti tanti soldi" per ricostruire. "Ma siccome nessun prestito ci verrà mai concesso senza garanzie - dice - per far fronte al nostro fabbisogno straordinario senza far esplodere il debito pubblico potremmo dare in garanzia il patrimonio immobiliare di proprietà statale". Lo ha dichiarato il senatore dem, Luigi Zanda in un'intervista a Repubblica. Insorge l'opposizione


Per fronteggiare l'emergenza coronavirus il Pd è disposto a dare in pegno i tesori italiani come palazzi storici, aeroporti e spiagge. L'idea del senatore del Pd, Luigi Zanda, fa esplodere il centrodestra con Matteo Salvini che bolla la proposta come delirante. 

"Se l'Europa non ci aiuta il premier Conte ha detto che faremo da soli", ha detto Zanda in un'intervista a Repubblica - Ma siccome nessun prestito ci verrà mai concesso senza garanzie, per far fronte al nostro fabbisogno straordinario senza far esplodere il debito pubblico potremmo dare in garanzia il patrimonio immobiliare di proprietà statale, almeno per la parte costituita dagli edifici che ospitano uffici, sedi delle grandi istituzioni, ministeri, teatri, musei... È una vecchia tesi che può tornare attuale", dichiara il senatore dem mettendo nel novero degli ipotecabili anche i palazzi del Parlamento come Montecitorio e Palazzo Chigi, ma anche le spiagge, porti e aeroporti. 

"Delirante! Il Pd vuole svendere i gioielli dello Stato per ricevere aiuti dall'Europa, tra cui porti, aeroporti e spiagge. Non è uno scherzo, purtroppo. Ma vi rendete conto in che mani siamo. Altro che interviste demenziali, datevi una mossa", scrive su twitter il leader della Lega, Matteo Salvini.

Matteo Salvini azzanna il Pd: vogliono svendere palazzi, spiagge e ...Regionalismo differenziato, Rampelli (Vicepresidente della Camera ...

Una bordata alla forza di governo arriva anche da Fratelli d'Italia. "Ci auguriamo davvero che l'intervista rilasciata dal sen. Zanda sia un colossale equivoco, magari un fraintendimento con Repubblica da chiarire presto. Avvisiamo il sen. Zanda, e casomai il Pd se avallasse la sua stravaganza, che i beni d'Italia non devono essere disponibili, men che meno i beni culturali, che hanno anche un enorme valore simbolico o i palazzi delle istituzioni repubblicane", dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi. "Tuttavia questo scivolone ci fa capire tante cose, ci ricorda che gli errori clamorosi fatti dalla sinistra post comunista e neo liberista in questi decenni sono frutto di scelte precise: vendere, vendere tutto, possibilmente svendere agli amici. Invece che ristrutturare, ottimizzare, innovare e mettere a frutto, aumentando produzione e ricchezza. Direi che da parte del tesoriere di un partito che ha dichiarato più volte fallimento nella sua storia, per fortuna questi consigli sono destinati a non essere calcolati", è la bordata di Rampelli al senatore Zanda. 

(Fonte: iltempo.it)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS