Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 993

Log in
updated 1:44 PM UTC, Jun 2, 2020

Sono anti-italiani ma comprano i vibratori coi soldi nostri. Condannato consigliere altoatesino di lingua tedesca

  • Scritto da 
  • Pubblicato in Politica
Pius Leitner, consigliere regionale sudtirolese Freiheitlichen Pius Leitner, consigliere regionale sudtirolese Freiheitlichen

Quando si dice uso improprio di denaro pubblico: Pius Leitner, del partito sudtirolese Freiheitlichen, è stato condannato a due anni di reclusione con l'accusa di peculato. Tra le varie contestazioni anche quella di avere acquistato coi fondi della Regione un fallo elettrico ed altri gingilli erotici. Assolta, invece, la sua compagna di partito Ulli Mair. Ora, per la legge Severino, è a rischio anche la sua poltrona. E forse si dedicherà ad altre passioni, a spese proprie e non dell'odiata nazione occupante


Un vibratore e altri gadget erotici pagati con soldi pubblici. Queste le accuse contestate al consigliere sudtirolese Pius Leitner, indagato con l’accusa di peculato e ora condannato a due anni. L'esponente del partito Freiheitlichen rischia la fine della propria carriera politica a causa della legge Severino. I giudici che hanno condannato Leitner hanno invece assolto la collega di partito Ulli Mair (nella foto sotto).

La vicenda, ricostruisce Il Gazzettino, risale al 2014, quando la Guardia di Finanza aveva trovato tra le richieste di rimborsi da parte del partito anche uno scontrino, risalente al 16 maggio 2012, per l’acquisto del vibratore e di altri oggetti erotici, per una cifra totale di 64,92 euro. L'inchiesta aveva preso il via tre anni fa, con l’esame dei rimborsi dei gruppi del consiglio provinciale di Bolzano, con la Guardia di Finanza che aveva acquisito tutta la documentazione.

Freiheitlichen intanto al momento preferiscono tenere la bocca chiusa, anche frau Mair: "Comprendiamo l'interesse dei giornalisti per una presa di posizione - dice - ma chiediamo comprensione per il fatto che oggi non siamo in grado di reagire alle vostre domande, dato che abbiamo bisogno di valutare la situazione". Sembra comunque che lunedì il partito possa prendere posizione convocando una conferenza stampa.

Ultima modifica ilVenerdì, 10 Marzo 2017 20:41

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.