Log in

Coronavirus, lavoro, famiglie, trasporto pubblico: tutte le domande su cui la Lombardia aspetta risposte da Conte. Fontana: "Serve cautela in tutte le regioni" (VIDEO)

Giuseppe Conte e Attilio Fontana: incontro a Milano ilComizio.it Giuseppe Conte e Attilio Fontana: incontro a Milano

Attilio Fontana conferma che sono diversi i problemi da affrontare prima della ripartenza. All'indomani della visita a Milano del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il governatore della Lombardia, in collegamento con Mattino Cinque, spiega che si è discusso delle molte necessità della Fase 2. Dal trovare soluzioni per le famiglie (data la chiusura delle scuole e degli asili) alla possibilità di "spalmare l'inizio dell'orario dei lavoratori" in fasce più distribuite nella giornata, per evitare il sovraffollamento dei mezzi pubblici. Fontana spiega di aver discusso col premier anche dei controlli che dovranno essere eseguiti nel trasporto pubblico: "Se qualcuno deve decidere di impedire a qualcuno di salire sul mezzo deve avere titolo per farlo" - (VIDEO)


Lombardia chiusa coronavirus?/ Fontana “fate presto”: verso nuovo ...

Il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, è per l'obbligatorietà della mascherina, per l'utilizzo anche all'esterno e ha posto il problema al premier Giuseppe Conte, ieri sera. "Io sono per usarla sempre", ha detto a Mattino Cinque.

Il presidente del Consiglio "si è impegnato a darmi risposte a tutti i vari quesiti che gli ho posto, legati anche all'uso delle mascherine, se siano obbligatorie nei locali chiusi o all'aperto" ha riferito il presidente della Lombardia. "Gli ho fatto presente che gli ultimi studi dicono che il virus galleggia nell'aria e che forse sarebbe opportuno usarla sempre". Il governatore ha spiegato di cosa hanno parlato, ossia "di trovare soluzioni per le famiglie" con la chiusura delle scuole e dei "problemi attinenti ai controlli sui mezzi pubblici". "Se qualcuno - ha detto - deve impedire a qualcun altro di salire su un mezzo, deve avere titolo per farlo, i dipendenti di Trenord non hanno titolo".

Che il Sud debba riaprire perché il grosso dei contagi è in Lombardia non trova d'accordo Fontana, convinto che ci si debba muovere insieme. "Io credo che la cosa debba essere valutata con attenzione, il virus è ovunque, non soltanto in Lombardia, c'è anche per esempio in Sardegna". Quindi, "bisogna andare cauti ovunque", ha sottolineato il governatore.

Secondo Fontana, "ci sono delle realtà che possono essere modificate come l'apertura di un eventuale bar in un paesino del Sud, ma le interconnessioni in Italia sono tali che non si può pensare che la vita inizi da una parte e da un'altra sia ferma". E ancora: "E' importante capire tutti che fintantoché non ci sarà un vaccino o una medicina dovremo convivere con il virus".

Quanto a Milano, "mi preoccupa sempre ma mi sembra che siamo in un momento in cui il virus sta rallentando, il contenimento ha avuto successo, i numeri stanno lentamente scendendo". "Io speravo scendessero più rapidamente ma credo che siamo nella fase calante dell'infezione", aggiunge.

Sulle zone rosse il presidente della Lombardia è "assolutamente convinto che sarebbe opportuno" dare il potere di farle ai governatori delle regioni. Nella bergamasca, "non voglio ergermi a difensore di nessuno, ma io credo che lì ormai il focolaio fosse già partito. Quando si è pensato di chiudere quella zona forse era ormai troppo tardi, ma questa è una valutazione mia. Sono convinto che in quella zona della Lombardia, il virus circolava già da più di un mese e fosse già diffuso in maniera capillare, questa è la mia convinzione. Tanto è vero che non è tanto un caso Lombardia, ma un caso Lodi, Cremona, Bergamo, Brescia e Piacenza, dove c'è stata una diffusione anomala".

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.