Log in
updated 4:39 PM UTC, Sep 29, 2020

Covid in Sardegna, Solinas furioso annuncia le vie legali: "Chiediamo i danni a chi ha compromesso la reputazione dell'isola"

Il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas ilComizio.it Il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas

Il governatore della Sardegna, Christian Solinas, ha dato mandato ai legali della Regione di valutare il danno reale della campagna mediatica seguita al boom dei contagi nell'isola a ridosso di Ferragosto. Lo ha svelato il vicepresidente della Giunta, Alessandra Zedda (Fi), sottolineando che "continuano ad arrivare disdette e soprattutto si è rappresentata una situazione di assoluta falsità". "L'allarmismo infondato che alcuni hanno procurato sul fronte Covid - ha aggiunto - ha compromesso il settembre turistico". La prima forza politica a proporre i risarcimenti era stata la Lega. Intanto il presidente del Consiglio regionale Michele Pais sta lavorando a un ordine del giorno, che mostrerà ai capigruppo prima della seduta dell'Aula, sugli attacchi subiti dalla Sardegna.

"E' in gioco la reputazione turistica di un'isola costruita in tanti anni di laboriosa ospitalità e ora messa in discussione a livello internazionale", ha dichiarato Solinas motivando le ragioni del ricorso alle vie legali contro la campagna mediatica successiva all'impennata di contagi nelle discoteche a ridosso di Ferragosto. "Abbiamo dato mandato all'area legale, insieme ai nostri tecnici, di valutare, sentendo anche gli operatori, quale sia l'impatto di questa campagna rispetto al tessuto economico produttivo delle nostre aziende e del sistema ricettivo", ha spiegato a margine della discussione in Aula della riforma della Sanità. Solinas non ha speicificato a chi saranno chiesti i danni: "Questa - ha chiarito - è una valutazione che farà il nostro ufficio legale". 

Ultima modifica ilMartedì, 01 Settembre 2020 17:31

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.