Log in
updated 6:50 PM UTC, Sep 26, 2020

Pirateria audiovisiva, sequestrati 58 siti web illegali e 18 canali Telegram con 80 milioni di accessi all'anno

La Guardia di Finanza di Gorizia, al termine di un'indagine contro i centri di diffusione illegale di contenuti multimediali e, più in generale, di prodotti editoriali coperti dal diritto d'autore, su ordine del Giudice per le Indagini Preliminari del locale Tribunale, ha oscurato 58 siti web illegali, oltre 250 domini web di 2/o e 3/o livello e 18 canali Telegram che, attraverso oltre 80 milioni di accessi annuali, rappresentano il 90 per cento della pirateria audiovisiva ed editoriale in Italia


Sequestrati 58 siti web illegali e 18 canali Telegram, che attraverso 80 milioni di accessi annuali rappresentano circa il 90% della pirateria audiovisiva ed editoriale in Italia. Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Gorizia ha dato esecuzione a un provvedimento di sequestro preventivo, disposto dal GIP del locale Tribunale su richiesta della Procura della Repubblica. Tra i siti oggetto del provvedimento vi è quello che per analisi di "traffico" e per contenuti divulgati è stato catalogato quale punto di riferimento in ambito nazionale per la diffusione di guide, software e metodologie informatiche utilizzabili per ottenere (su diverse piattaforme) l'accesso ai contenuti multimediali protetti dalle leggi sul diritto d'autore.

Le indagini, scaturite dagli approfondimenti svolti nei confronti di un soggetto, celato sotto il nickname di Diabolik, sono partite dal Friuli Venezia Giulia e si sono estese anche in Puglia, in Emilia Romagna e all'estero (Germania, Olanda e Stati Uniti). L'attenzione si è focalizzata sia sul mondo della pirateria audiovisiva ed editoriale, sia sul sistema illegale delle cosiddette IPTV, permettendo di individuare e deferire alla competente Autorità Giudiziaria quattro esperti informatici operanti nel web dietro nickname di fantasia  (Diabolik, Doc, Spongebob e Webflix) divenuti nel tempo veri e propri oracoli della rete dediti alla diffusione - anche con l'ausilio di servizi di messaggistica istantanea e broadcasting - di innumerevoli contenuti multimediali illegali (film di prima visione, prodotti audiovisivi appannaggio delle payTV, eventi sportivi di ogni genere, cartoni, pornografia, software, giornali, riviste, manuali, ecc.).

Inoltre, relativamente alle IPTV illegali, sono in corso attività volte all'identificazione di circa un migliaio di abbonati al cd. "pezzotto" - anche dall'estero -, i quali verranno segnalati alla A.G. per la violazione dell'art. 171-octies della legge sul diritto d'autore, con pene previste fino a 3 anni di reclusione e oltre 25.000 euro di multa; gli stessi clienti potranno incorrere altresì nel reato di ricettazione punito dall'art. 648 del Codice penale.

 

Zanardi reagisce agli stimoli: "Progressi significativi ma il quadro resta complesso". Intervento di ricostruzione facciale e sedute di riabilitazione cognitiva e motoria

Ci sono "progressi significativi" nelle condizioni di Alex Zanardi, a fronte dei quali"i medici ribadiscono, comunque, il permanere di un quadro clinico generale complesso, sulla cui prognosi è assolutamente prematuro sbilanciarsi". E' quanto afferma una nota dell'ospedale San Raffaele di Milano, dove l'ex pilota è ricoverato dal 24 luglio, in seguito al drammatico incidente del 19 giugno a bordo della sua handbike vicino a Siena. Zanardi "sta affrontando un percorso di cure sub-intensive", ha "iniziato un ulteriore percorso chirurgico volto alla ricostruzione cranio facciale" e "da diversi giorni è sottoposto a sedute di riabilitazione cognitiva e motoria"


Sarà presto sottoposto a un nuovo intervento Alex Zanardi, il campione di handbike che ha avuto un drammatico incidente lo scorso giugno vicino Siena. Lo comunica l'Irccs ospedale San Raffaele di Milano, spiegando che "il signor Alex Zanardi, ricoverato dal 24 luglio scorso, sta affrontando un percorso di cure sub-intensive, predisposto da una équipe multidisciplinare coordinata dai professori Luigi Beretta, direttore della Neurorianimazione, Mario Bussi, direttore di Otorinolaringoiatria, Sandro Iannaccone, direttore della Neuroriabilitazione, e Pietro Mortini, direttore della Neurochirurgia. Contemporaneamente è iniziato un ulteriore percorso chirurgico volto alla ricostruzione cranio facciale. Un primo intervento è già stato eseguito con successo, alcuni giorni fa, dal professor Mario Bussi ed è già in programmazione per le prossime settimane, un secondo intervento che sarà  eseguito dal professor Pietro Mortini".

"Inoltre, da diversi giorni Alex Zanardi è sottoposto a sedute di riabilitazione cognitiva e motoria, con somministrazione di stimoli visivi e acustici, ai quali il paziente risponde con transitori e iniziali segni di interazione con l'ambiente. A fronte di questi progressi significativi, i medici ribadiscono, comunque, il permanere di un quadro clinico generale complesso, sulla cui prognosi è assolutamente prematuro sbilanciarsi".

  

Lombardia contro burocrazia: pratiche più snelle per cittadini e imprese con la nuova legge sulla semplificazione

La nuova legge sulla semplificazione approvata dal Consiglio regionale della Lombardia pone le basi per agevolare la vita dei cittadini e far ‘correre’ più velocemente la Regione nel mondo. Tra le novità da segnalare un ‘cassetto fiscale’ per rendere ancora più semplice il rapporto tra amministrazione regionale e contribuenti. Prenotazioni di visite ed esami unificate in un solo servizio utilizzabile sia via web (www.prenotasalute.regione.lombardia.it) sia tramite l’apposita app (SALUTILE Prenotazioni, scaricabile dalle principali piattaforme). L’utilizzo della ‘blockchain’ per abbattere i tempi dei rilasci di certificazioni e della conseguente presentazione delle domande per la misura ‘Nidi gratis‘ o per la tracciabilità degli alimenti


Pratiche più ‘snelle’ per aiutare le imprese a guadagnare in competitività

Il quadro normativo introduce importanti semplificazioni anche per garantire sempre meno burocrazia alla vita delle imprese. Il provvedimento va a sommarsi ai diversi procedimenti semplificatori già introdotti dall’inizio della legislatura con l’intento di sostenere le imprese e quindi i cittadini a realizzare i propri progetti senza oneri e con maggiore facilità, superando il labirinto di regole che caratterizzano la burocrazia italiana.

Il presidente Fontana: guardiamo al futuro con ottimismo

“In questo modo – ha spiegato il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana – aiuteremo le imprese a ripartire, guardando al futuro con ottimismo e speranza dopo il durissimo periodo dei mesi scorsi dovuto al Covid-19. Alla base della nostra iniziativa c’è soprattutto la semplificazione amministrativa e la riduzione degli oneri a carico di chi deve compiere determinate procedure. È – ha sottolineato – una proposta importante. Da troppo tempo si parla di semplificare, sburocratizzare. La nostra Giunta ha già fatto passi avanti fondamentali e questo è un ulteriore progresso. Sottolineo che con questo impianto normativo renderemo più snella, veloce e efficace la nostra burocrazia consentendo di attrarre più investimenti anche a livello internazionale”.

Fiducia nei cittadini e nelle aziende lombarde

Tra le novità, il fascicolo informatico d’impresa, le conferenze dei servizi in forma telematica e simultanea per ridurre di almeno un terzo i tempi burocratici dei procedimenti (da un minimo di 30 a un massimo di 45 giorni). Il Provvedimento Autorizzatorio Unico Regionale (PAUR) consentirà procedure più rapide per l’edilizia, la rigenerazione urbana e le pratiche antisismiche, sia per il recupero dei rifiuti in chiave di economia circolare. “Abbiamo fiducia nei cittadini e nelle imprese. Puntiamo – ha rimarcato il sottosegretario alla Presidenza con delega ai Rapporti con il Consiglio regionale – sulla loro capacità di assumersi responsabilità. E garantiamo loro tempi certi per la conclusione dei procedimenti. Vogliamo evitare sovrapposizioni fra leggi nazionali e norme locali. Chi si rivolge a Regione Lombardia deve avere un interlocutore unico e che parli sempre la stessa lingua”.

L’assessore al Bilancio: puntiamo a modello internazionale di competitività

Con la nuova Legge sono attese accelerazioni dei procedimenti relativi a opere e interventi soggetti a valutazione di impatto ambientale di competenza non statale. È prevista la semplificazione della Conferenza di servizi per progetti infrastrutturali. “La nuova legge – ha commentato l’assessore al Bilancio della Regione Lombardia, Davide Caparini – integra le misure di semplificazione già messe in campo e punta sulla digitalizzazione dei servizi. Lo fa per migliorare l’attrattività della Lombardia e assicurare importanti benefici, soprattutto all’economia. Renderemo più facile fare impresa e investire. Puntiamo a diventare un modello internazionale di competitività”.

 

(Fonte: Lombardia Notizie Online)

Movimento 5 Stelle nella bufera dopo il voto: alta tensione interna sulla "sconfitta storica" e rischio scissione. Grillo shock: "Non credo nella rappresentanza parlamentare"

La vittoria referendaria non basta a fronte della batosta rimediata nel voto amministrativo. "E' la più grande sconfitta del M5s". Queste erano state le dichiarazioni Alessandro Di Battista a commento delle Regionali, parlando di una "innegabile crisi identitaria" e della "fine di un sogno in cui in tanti hanno creduto". Di Battista non aveva esultato nemmeno per la vittoria del "Sì" che porta al taglio dei parlamentari: "E' un risultato bellissimo ma viene da chi il Movimento lo odia, questo eccesso di esultanza è fuorviante". Fico e Di Maio provano a rimettere insieme i cocci, ma c'è chi non esclude una scissione. E scattano le purghe per i ribelli del No al referendum: i otto rischiano l'espulsione. Intanto Beppe Grillo parla di "parlamentari estratti a sorte" e attacca la democrazia rappresentativa


Ilcomizio.it - M5S, Di Battista torna e spacca il Movimento: "Serve un  congresso il prima possibile". Grillo lo boccia: "Pensavo di averle viste  tutte...". E il governo ha un problema in più

Alta tensione nel M5s dopo le Regionali e in vista della riunione congiunta dei gruppi parlamentari. Fico replica a Di Battista: "Non è stata una sconfitta storica". Bonafede spinge per gli stati generali, Di Maio chiede "il contributo di tutti". Grillo, in collegamento con Bruxelles, parla del referendum come del 'massimo dell'espressione democratica': 'Non credo più in una forma di rappresentanza parlamentare, ma nella democrazia diretta', aggiunge. 

"Quando usiamo un referendum usiamo il massimo della espressione democratica, e per me la domanda andare a votare si o no alla riduzione dei parlamentari - per me che non credo più in una forma di rappresentanza parlamentare ma credo nella democrazia diretta fatta dai cittadini attraverso i referendum -, è come fare una domanda ad un pacifista di essere a favore o meno della guerra". Così Beppe Grillo intervenendo in collegamento con il parlamento europeo ad un incontro con Sassoli. 

"State costruendo una società del debito, questa è la società del debito", ha detto Grillo nel suo intervento facendo riferimento al Recovery fund.

Dal "reddito universale", alle "visione del futuro", al ruolo dello stato" fino alla semantica. Sono i temi toccati nel suo intervento da Beppe Grillo al secondo incontro virtuale del ciclo di dialoghi pubblici - Idee per un nuovo mondo - promossi dal presidente del Parlamento europeo David Sassoli e dal titolo "Sarà l'Europa il motore della trasformazione verde e socialmente giusta?". "Ursula ha detto cose straordinarie, finalmente dopo 20 anni ha parlato energia rinnovabile", ha esordito così il comico genovese, collegato in video con il Parlamento europeo chiedendo all'Europa di avere una "visione" del futuro.

Quando vale la pena acquistare un'auto a GPL?

ll gas di petrolio liquefatto (GPL o Autogas), costituito da una miscela di butano e propano, è un'alternativa ai combustibili tradizionali, è più economico, fornisce emissioni leggermente inferiori e rende il motore meno sporco. Tuttavia, questi vantaggi non sono economici. In media, le auto che utilizzano il GPL sono circa 1.500 euro più costose rispetto ai modelli a benzina di equivalente fascia. E costano all'incirca lo stesso del diesel.


Prima di decidere di passare a questo carburante, si dovrebbe riflettere sulla convenienza. Va tenuto presente che, in ogni caso, si tratterà di un investimento di medio-lungo termine, poiché occorreranno diversi anni per ammortizzarlo, a seconda del chilometraggio che viene effettuato.
 

Il nuovo pasticcio delle etichette ambientali DGT

La guida più completa alla scelta del carburante per la tua nuova auto

I vantaggi del GPL

1. Minor costo per chilometro. Argomento principale. Al 1 settembre il prezzo del GPL era di circa 0,68 euro al litro, contro un prezzo medio della benzina di  1,37 euro  e un costo del gasolio di 1,26 euro. Pertanto, il costo della guida con questo gas è inferiore del 50% rispetto alla benzina e circa il 35% rispetto al diesel. Più chilometri si percorrono all'anno, prima verrà ammortizzato il supplemento e inizierà il risparmio.

Il numero di chilometri all'anno da cui si può considerare l'acquisto di un'auto a GPL dipende dal sovrapprezzo del modello in questione, ma generalmente inizia ad essere interessante intorno ai 12.000 chilometri. Oltre a contare il numero di chilometri, è conveniente  valutare il consumo di carburante della stessa auto con motore a benzina o diesel, maggiore è il consumo, maggiore sarà il risparmio se alimentata a GPL.

2.  Manutenzione più economica. L'usura meccanica su un'auto a GPL è notevolmente inferiore. La combustione è più pulita, produce meno rifiuti e anche il consumo di olio può essere più contenuto. Tuttavia, il GPL ha un effetto lubrificante inferiore rispetto ai combustibili tradizionali e, negli anni, può provocare corrosione nei tubi che trasportano il gas dal serbatoio al motore.

3.  Rispetto per l'ambiente. Il GPL è più ecologico, perché emette il 15% in meno di CO2 rispetto alla benzina, il diesel emette dal 5% al 10% in meno. Decisamente inferiori invece sono le emissioni di ossidi di azoto (NOx), che sono tra il 70% e il 90% inferiori a quelle delle auto diesel tradizionali, la forbice si riduce invece con le auto moderne alimentate anche con AdBlue. I veicoli a GPL ottengono l'etichetta ECO dalla DGT, che si traduce in vantaggi come una riduzione del 75% della tassa di circolazione, la possibilità di guidare senza restrizioni in scenari in cui vengono bloccati i veicoli più inquinanti.

Il maggior potenziale ecologico del GPL è quello di essere un carburante green, è ottenuto come sottoprodotto nei processi di raffinazione del petrolio e quindi, la sua produzione non genera emissioni aggiuntive.

4.  Fornisce una maggiore autonomia. Un'auto a GPL incorpora due serbatoi, uno per la benzina e l'altro per il gas, potendo circolare con entrambi, l'autonomia in chilometri fornita dalla somma di entrambi può essere maggiore di quella di un'auto convenzionale, sebbene anche questo dipenda dal modello di auto, dalla sua efficienza e dalle dimensioni dei suoi serbatoi.

Gli svantaggi del GPL

1.  Sottrarre spazio nel bagagliaio o eliminare la ruota di scorta. Le auto a GPL necessitano di un serbatoio aggiuntivo per immagazzinare questo carburante, il che causa una perdita di spazio per i bagagli o, più comunemente, elimina la ruota di scorta.

2.  La rete di rifornimento è ancora limitata. Le stazioni di servizio che vendono GPL non sono molte. Inoltre, la distribuzione è irregolare a seconda del territorio. Il rifornimento, invece, non è particolarmente conveniente, perché richiede l'inserimento e la rimozione di un adattatore che deve essere posizionato sull'ugello del serbatoio ad ogni rifornimento, ed inoltre azionare contemporaneamente la pistola di caricamento e un pulsante sulla lancia, una manovra che non può essere effettuata in autonomia. 

Adatta la tua auto al GPL

Sebbene sempre più produttori di auto includano il GPL come opzione di motorizzazione, non tutte le case madri considerano questo carburante e quindi non producono modelli ibridi, GPL/BENZINA. Se, nonostante tutto, non si vuole rinunciare a questa tecnologia, c'è sempre la possibilità di adattare l'auto dopo l'acquisto. La trasformazione deve essere sempre eseguita in un'officina specializzata e su una vettura con motore a benzina. Il suo prezzo parte dai 1.200 euro.

Il metano è lo stesso?

Il gas naturale compresso (CNG) meglio conosciuto come Metano, ha poco a che fare con il GPL, anche se entrambi sono gas. Il Metano proviene da serbatoi naturali il che significa che per estrarlo vengono generate emissioni nocive, ma una volta ottenuto è molto più ecologico del GPL, che è pur sempre gas proveniente da petrolio sporco o poco raffinato.

Quindi, una volta in macchina, riduce le emissioni di CO2, rispetto a benzina e diesel, e migliora anche l'inquinamento da NOx, anche rispetto ad entrambi i combustibili tradizionali. E mantiene i vantaggi economici, perché è anche più economico, intorno a 0,9 euro al chilo (sì, il metano si misura in chili, non in litri) e ogni unità di volume tende a fornire più autonomia del GPL, perché ha maggiore potenziale energetico. In altre parole, con un chilo di metano si percorrono più Km che con un litro di GPL.  Le successive trasformazioni di veicoli in ibridi a metano sono sconsigliate, e quasi nessuna officina le esegue, a causa della maggiore complessità tecnica dei serbatoi.

La mobilità elettrica deve offrire un'ecologia a 360 gradi

La Mazda MX-30 offre sostenibilità in tutte le aree, dalle batterie e dai materiali interni alla ricarica.


L'elettrificazione dei trasporti è la chiave per rendere green la mobilità e raggiungere, o almeno approssimare per il momento, la tanto attesa compatibilità dell'auto con l'ambiente. I veicoli meccanici tradizionali consumano ancora combustibili fossili, così come gli ibridi, ma non i modelli elettrici, che consentono di guidare senza produrre emissioni. Ed è per questo che sono l'alternativa con più futuro.

Nonostante questo, durante tutta la vita utile di un'auto, sia termica che di batteria, si genera un'impronta ambientale dall'estrazione delle materie prime, dalla loro produzione, dal trasporto al concessionario, dall'utilizzo e dal riciclaggio finale. Tuttavia, questo impatto può essere ridotto al minimo applicando le giuste soluzioni. E ci sono già esempi, come la Mazda MX-30, che mostra la via da seguire per rendere le auto elettriche il più pulite possibile.

Un'auto alimentata al 100% a batteria non genera emissioni durante la guida, ma gli ingegneri e i designer Mazda si sono spinti oltre, tenendo conto anche, tra molti altri fattori, di come viene prodotta l'elettricità che alimenta questi veicoli, perché se si ricorre a impianti che utilizzano combustibili fossili per produrlo, il bilancio ecologico non è più positivo. Ed è un punto vitale, perché secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia, il pericolo nella produzione di elettricità è l'attività umana che emette più CO 2 nell'atmosfera.

Ma ci sono altri problemi da considerare. Il produttore giapponese ha condotto uno studio insieme alla Kogakuin University di Tokyo, pubblicato sulla rivista tecnica Sustainability, da cui si evidenzia che i modelli elettrici con piccole batterie generano meno emissioni nel loro ciclo completo, perché richiedono meno energia per produrle e ricaricarle, poiché pesano anche meno, non consumano tanto e sfruttano meglio l'energia disponibile.

Batterie adeguate per la necessaria autonomia

Uno dei punti più controversi intorno alle auto elettriche è stato (e continua ad essere) quello della loro autonomia. La principale lamentela dei potenziali acquirenti risiede nella sua autonomia più limitata rispetto a quella di una macchina dotata di un motore a combustione. E la maggior parte dei marchi scommette sull'integrazione di batterie sempre più grandi per offrire un raggio d'azione o autonomia superiore. 

Ma è una buona idea? L'argomento a favore è che, potendo percorrere distanze di 600 o più chilometri per carica, un veicolo elettrico riuscirebbe a convincere la maggioranza dei clienti e potrebbe essere utilizzato come unica automobile di una famiglia. Tuttavia, la realtà è che nella quotidianità quasi nessuno viaggia così lontano con il proprio veicolo.

Secondo uno studio condotto dalla società di consulenza Ipsos nel 2019, in Europa i conducenti percorrono in media 48 chilometri al giorno. Certo, ci sono anche quelli che arrivano a 80 e altri che si fermano a 30. Allora perché portare enormi batterie per poter affrontare lunghi viaggi che non si fanno quasi mai?

Mazda ha scelto la strada opposta, ed è per questo che il suo MX-30 integra una batteria da 35,5 kWh, la metà di quella che normalmente trasportano altri veicoli elettrici delle sue dimensioni. Ma la strategia ha la sua ricompensa, perché grazie al risparmio di peso e una maggiore efficienza energetica, questa batteria fornisce un'autonomia fino a 265 chilometri in ciclo urbano, più che sufficiente per coprire le necessità quotidiane e anche le fughe del fine settimana nei dintorni. Integrando accumulatori più compatti si guadagna anche lo spazio interno e, riducendo il peso, si migliora anche il comportamento dinamico. 

Mazda MX-30

Energia pulita e ricarica rapida

Mazda ha stretto una partnership con Iberdrola affinché la sostenibilità dell'MX-30 si estenda anche alla ricarica, grazie a questo accordo, l'azienda giapponese offre ai suoi clienti un punto di ricarica Wallbox Pulsar Plus da 7,4 kW. Ma la cosa migliore è che l'elettricità che consumi è prodotta in modo pulito, da fonti rinnovabili (certificato GdOs).

Inoltre, se è collegato alla ricarica tramite le colonnine pubbliche (dell'azienda elettrica locale), l'energia necessaria per percorrere 100 chilometri costerà solo 0,5 euro. E il culmine: l'MX-30 può assorbire potenze di carica fino a 50 kW,  e la somma di questa potenza e della sua efficiente batteria compatta consente di ricaricare dal 20% all'80% in carica rapida in soli 36 minuti.

Un interno che è anche rispettoso

L'interno di un'auto deve offrire qualità ed ergonomia e, se possibile, anche un'atmosfera accogliente e un design accattivante. Nel caso di Mazda, queste massime sono anche combinate con il concetto di design Modern Human, che facilita l'interazione del guidatore con il suo veicolo, e con materiali ecocompatibili.  

Il produttore utilizza sughero naturale per rivestire la consolle centrale e le maniglie delle porte. E lo fa per una doppia ragione. Innanzitutto perché per ottenere il materiale è sufficiente togliere la corteccia dagli alberi, le querce da sughero, senza doverle abbattere, riducendo così l'impatto sulle risorse naturali. La corteccia ricresce. Ma in secondo luogo, l'uso del sughero è un omaggio alle origini di Mazda, che ha iniziato il suo percorso industriale lavorando con i derivati ​​di questa materia prima.

Mazda MX-30

Inoltre, la parte superiore dei rivestimenti delle portiere è realizzata con una speciale fibra tessile proveniente da bottiglie di plastica riciclate e, in alcune versioni, i sedili sono rivestiti con una pelle vegana che utilizza l'acqua al posto dei solventi durante il processo di fabbricazione e riesce a mantenere il tocco e la resistenza caratteristici della pelle naturale.

Tutti questi valori di sostenibilità si fondono con le ultime tecnologie al servizio della sicurezza, di cui fanno parte sistemi come la frenata di emergenza automatica con rilevatore di traffico frontale o il sistema di mantenimento della corsia, che sono raggruppati sotto il nome di i-Activsense

La mobilità elettrica deve offrire un'ecologia a 360 gradi

La Mazda MX-30 offre sostenibilità in tutte le aree, dalle batterie e dai materiali interni alla ricarica.


L'elettrificazione dei trasporti è la chiave per rendere green la mobilità e raggiungere, o almeno approssimare per il momento, la tanto attesa compatibilità dell'auto con l'ambiente. I veicoli meccanici tradizionali consumano ancora combustibili fossili, così come gli ibridi, ma non i modelli elettrici, che consentono di guidare senza produrre emissioni. Ed è per questo che sono l'alternativa con più futuro.

Nonostante questo, durante tutta la vita utile di un'auto, sia termica che di batteria, si genera un'impronta ambientale dall'estrazione delle materie prime, dalla loro produzione, dal trasporto al concessionario, dall'utilizzo e dal riciclaggio finale. Tuttavia, questo impatto può essere ridotto al minimo applicando le giuste soluzioni. E ci sono già esempi, come la Mazda MX-30, che mostra la via da seguire per rendere le auto elettriche il più pulite possibile.

Un'auto alimentata al 100% a batteria non genera emissioni durante la guida, ma gli ingegneri e i designer Mazda si sono spinti oltre, tenendo conto anche, tra molti altri fattori, di come viene prodotta l'elettricità che alimenta questi veicoli, perché se si ricorre a impianti che utilizzano combustibili fossili per produrlo, il bilancio ecologico non è più positivo. Ed è un punto vitale, perché secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia, il pericolo nella produzione di elettricità è l'attività umana che emette più CO 2 nell'atmosfera.

Ma ci sono altri problemi da considerare. Il produttore giapponese ha condotto uno studio insieme alla Kogakuin University di Tokyo, pubblicato sulla rivista tecnica Sustainability, da cui si evidenzia che i modelli elettrici con piccole batterie generano meno emissioni nel loro ciclo completo, perché richiedono meno energia per produrle e ricaricarle, poiché pesano anche meno, non consumano tanto e sfruttano meglio l'energia disponibile.

Batterie adeguate per la necessaria autonomia

Uno dei punti più controversi intorno alle auto elettriche è stato (e continua ad essere) quello della loro autonomia. La principale lamentela dei potenziali acquirenti risiede nella sua autonomia più limitata rispetto a quella di una macchina dotata di un motore a combustione. E la maggior parte dei marchi scommette sull'integrazione di batterie sempre più grandi per offrire un raggio d'azione o autonomia superiore. 

Ma è una buona idea? L'argomento a favore è che, potendo percorrere distanze di 600 o più chilometri per carica, un veicolo elettrico riuscirebbe a convincere la maggioranza dei clienti e potrebbe essere utilizzato come unica automobile di una famiglia. Tuttavia, la realtà è che nella quotidianità quasi nessuno viaggia così lontano con il proprio veicolo.

Secondo uno studio condotto dalla società di consulenza Ipsos nel 2019, in Europa i conducenti percorrono in media 48 chilometri al giorno. Certo, ci sono anche quelli che arrivano a 80 e altri che si fermano a 30. Allora perché portare enormi batterie per poter affrontare lunghi viaggi che non si fanno quasi mai?

Mazda ha scelto la strada opposta, ed è per questo che il suo MX-30 integra una batteria da 35,5 kWh, la metà di quella che normalmente trasportano altri veicoli elettrici delle sue dimensioni. Ma la strategia ha la sua ricompensa, perché grazie al risparmio di peso e una maggiore efficienza energetica, questa batteria fornisce un'autonomia fino a 265 chilometri in ciclo urbano, più che sufficiente per coprire le necessità quotidiane e anche le fughe del fine settimana nei dintorni. Integrando accumulatori più compatti si guadagna anche lo spazio interno e, riducendo il peso, si migliora anche il comportamento dinamico. 

Mazda MX-30

Energia pulita e ricarica rapida

Mazda ha stretto una partnership con Iberdrola affinché la sostenibilità dell'MX-30 si estenda anche alla ricarica, grazie a questo accordo, l'azienda giapponese offre ai suoi clienti un punto di ricarica Wallbox Pulsar Plus da 7,4 kW. Ma la cosa migliore è che l'elettricità che consumi è prodotta in modo pulito, da fonti rinnovabili (certificato GdOs).

Inoltre, se è collegato alla ricarica tramite le colonnine pubbliche (dell'azienda elettrica locale), l'energia necessaria per percorrere 100 chilometri costerà solo 0,5 euro. E il culmine: l'MX-30 può assorbire potenze di carica fino a 50 kW,  e la somma di questa potenza e della sua efficiente batteria compatta consente di ricaricare dal 20% all'80% in carica rapida in soli 36 minuti.

Un interno che è anche rispettoso

L'interno di un'auto deve offrire qualità ed ergonomia e, se possibile, anche un'atmosfera accogliente e un design accattivante. Nel caso di Mazda, queste massime sono anche combinate con il concetto di design Modern Human, che facilita l'interazione del guidatore con il suo veicolo, e con materiali ecocompatibili.  

Il produttore utilizza sughero naturale per rivestire la consolle centrale e le maniglie delle porte. E lo fa per una doppia ragione. Innanzitutto perché per ottenere il materiale è sufficiente togliere la corteccia dagli alberi, le querce da sughero, senza doverle abbattere, riducendo così l'impatto sulle risorse naturali. La corteccia ricresce. Ma in secondo luogo, l'uso del sughero è un omaggio alle origini di Mazda, che ha iniziato il suo percorso industriale lavorando con i derivati ​​di questa materia prima.

Mazda MX-30

Inoltre, la parte superiore dei rivestimenti delle portiere è realizzata con una speciale fibra tessile proveniente da bottiglie di plastica riciclate e, in alcune versioni, i sedili sono rivestiti con una pelle vegana che utilizza l'acqua al posto dei solventi durante il processo di fabbricazione e riesce a mantenere il tocco e la resistenza caratteristici della pelle naturale.

Tutti questi valori di sostenibilità si fondono con le ultime tecnologie al servizio della sicurezza, di cui fanno parte sistemi come la frenata di emergenza automatica con rilevatore di traffico frontale o il sistema di mantenimento della corsia, che sono raggruppati sotto il nome di i-Activsense

Covid, ora la Gran Bretagna ha paura. Johnson annuncia nuove restrizioni: "Pub chiusi alle 22, stop allo sport e chi può lavori da casa"

Nel Regno Unito, l'emergenza coronavirus è di nuovo "in ascesa" per questo si impongono nuove misure restrittive che tuttavia "non sono in alcun modo un nuovo lockdown". Lo ha formalizzato il premier Boris Johnson in un intervento alla Camera dei Comuni, indicando la prospettiva di una seconda ondata come "reale" sulla scia di "Francia, Spagna e altri Paesi" 


"La prospettiva di una seconda ondata di coronavirus è reale", e la Gran Bretagna si trova a un "pericoloso punto di svolta: dobbiamo agire ora". Sono le parole del premier britannico Boris Johnson, annunciando l'introduzione di nuove misure restrittive nel Paese. Tra i provvedimenti, la chiusura dei pub alle 22, la sospensione di eventi sportivi e congressi, estensione dei luoghi dove sarà obbligatorio indossare la mascherina.

"Restrizioni in vigore per 6 mesi" - E' di "sei mesi" la durata prevista delle nuove restrizioni ripristinate oggi dal governo britannico sul fronte dell'emergenza coronavirus. Lo ha detto il premier Tory, Boris Johnson, alla Camera dei Comuni, precisando che la settimana prossima l'esecutivo sottoporrà al Parlamento un'estensione della legislazione di emergenza approvata in primavera nella fase più acuta della pandemia. Le misure includono anche la riduzione a 15 persone del numero massimo di
invitati ai matrimoni. Johnson ha definito la situazione attuale "un pericoloso punto di svolta" da affrontare subito. Il leader dell'opposizione laburista Keir Starmer ha approvato le nuove misure, ma ha accusato il governo di non avere una strategia complessiva, ha criticato le falle nel sistema di test e tracciamento e ha detto che un eventuale lockdown nazionale bis rappresenterebbe il segno di "un fallimento" dell'esecutivo.

Stretta su orari pub, matrimoni e sport - L'emergenza coronavirus è di nuovo "in ascesa" nel Regno Unito per questo si impongono nuove misure restrittive che tuttavia "non sono in alcun modo un nuovo lockdown". Ha formalizzato Boris Johnson indicando la prospettiva di una seconda ondata come "reale" sulla scia di "Francia, Spagna e altri Paesi" e confermando la decisione del suo governo di ripristinare limiti da giovedì agli orari di pub, ristoranti e bar di tutta l'Inghilterra (con coprifuoco alle 22), di tornare a incoraggiare il lavoro da casa, di estendere l'obbligo legale della mascherina e di introdurre controlli stringenti sui tetto massimo delle 6 persone nei contatti sociali. Limitazioni anche per i matrimoni, il numero massimo degli invitati scende da 30 a 15. Rinviato inoltre il ritorno del pubblico negli eventi sportivi. Johnson ha notato che negli ultimi giorni i ricoveri in ospedale "sono raddoppiati", che il livello di allerta è salito a 4 (su un livello massimo di 5) e che "ora è il momento di agire" per evitare un lockdown generale e misure più pesanti. 

Smart working per chi può - "Agli impiegati viene chiesto di lavorare da casa", ma chi ha bisogno di svolgere il proprio incarico sul posto di lavoro "continuerà a farlo". Ha annunciato il premier britannico Boris Johnson confermando quanto già anticipato dai media e dal ministro dell'Ufficio governativo Michael Gove. Obbligo di mascherina in tutti i luoghi chiusi, compresi i mezzi pubblici (anche i taxi).

  • Pubblicato in Esteri
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS