Log in
updated 6:50 PM UTC, Sep 26, 2020

L'Italia al voto, l'Italia divisa

La maggioranza degli elettori italiani sono chiamati al voto oggi e lunedì, per scrivere un "SI" oppure un "NO" al referendum a favore della legge già approvata dal parlamento, per la soppressione di 230 seggi alla Camera dei deputati e 200 al Senato. Secondo i sondaggi, anche una parte dell'attuale maggioranza al governo (sia parte del PD, sia parte M5S), voterà contro quella che viene definita la svolta costituzionale del secolo, sostenendo il mantenimento degli attuali 945 parlamentari. 

La divisione all'interno di ciascuno dei partiti al governo è totale e ancor di più se si tiene conto che è stato lo stesso M5S a proporre la riforma, con l'obiettivo di "semplificare" il potere legislativo e risparmiare denaro, una cifra stimata di circa 57 milioni di euro all'anno. Lo stipendio mensile di ogni deputato è di 12.000 euro, oltre ad altri vantaggi tra cui il viaggio gratuito e un buono di affitto per i non residenti a Roma.

"Basta con i dinosauri", ha gridato Beppe Grillo, fondatore del M5S e favorevole alla riduzione del numero dei parlamentari, così come favorevole è Luigi di Maio, attuale ministro degli Esteri. La riforma ha anche l'appoggio del segretario generale del PD, Nicola Zingaretti. 

"E 'fondamentale riconoscere l'importanza dei cittadini e il modo in cui partecipano alla vita politica", ha detto Riccardo Fraccaro, sottosegretario alla Presidenza del M5S e primo firmatario della riforma costituzionale. Fraccaro si riferisce a quella che definisce "democrazia diretta" , come avviene per le decisioni all'interno del partito anti-sistema, che vengono prese attraverso il voto effettuato online, dei suoi membri.

A proposito di questa procedura, nota come piattaforma Rousseau, il suo fondatore Roberto Casaleggio disse,  "il superamento della democrazia rappresentativa è inevitabile, attualmente esistono strumenti di partecipazione decisamente più democratici ed efficaci, in termini di rappresentanza popolare di qualsiasi modello di governo del Novecento". 

"La democrazia non è un clic", sostengono, invece, coloro che criticano questo sistema. 

"Vattene, tu e le tue bugie", ha scritto a sorpresa lo scrittore Roberto Saviano, rivolgendosi a chi, come Grillo, difende la riforma costituzionale. 

Marco Damiano, direttore di "Espresso", altro critico, ha posto sulla copertina del periodico uscito il 30 agosto, la foto di Di Maio, che appare seduto su una poltrona dorata in stile "ancien régime". "Il referendum è un contributo per smantellare un altro pezzo di istituzioni ", si afferma. 

Gli oppositori alla riforma sostengono che abbassare il livello di rappresentanza in Parlamento riduce lo spettro democratico. Il Congresso italiano conta 630 deputati (350 in Spagna, 577 in Francia) e ciascuno rappresenta 96.006 abitanti, che diverrebbero 151.210 con la riforma.

Referendum ed elezioni regionali 2020 mettono alla prova il governo Conte

Oggi si vota in sette regioni per i propri rappresentanti nei consigli regionali, tutta la popolazione invece, va al voto per decidere una importante modifica costituzionale.


A sei mesi dal primo contagio da coronavirus in Italia, vissuto come primo focolaio nell'Unione Europea (Ue), questa domenica gli italiani hanno due appuntamenti con le urne. Due voti che influenzeranno la mappa politica del Paese e serviranno a misurare il grado di sostegno al governo di coalizione presieduto da Giuseppe Conte. Il primo voto, a livello nazionale, è un referendum sulla modifica di una legge a riforma costituzionale, già approvata dal Parlamento, una nuova legge che propone di ridurre il numero di deputati e senatori dagli attuali 945 a 600. Il secondo voto è limitato a sette regioni , dove gli elettori eleggeranno i loro futuri rappresentanti politici: Liguria (Genova), Marche (Ancona), Puglia (Bari), Valle d'Aosta (Aosta), Toscana (Firenze), Campania (Napoli) e Veneto (Venezia). 

La bagarre regionale si presenta come un duello tra la coalizione di centrosinistra, oggi al governo e quella di centrodestra, formata da Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia, questi ultimi partono favoriti in Veneto, Liguria e Marche. Tutto indica, tuttavia, che a prescindere da ciò che dettano i sondaggi, il voto non avrà la capacità di modificare anche l'attuale struttura di governo, sebbene l'equilibrio delle forze all'interno dell'Esecutivo potrebbe cambiare.
Nella Toscana rossa, da sempre roccaforte del centrosinistra, i sondaggi mettono sul piatto un possibile "sorpasso". Se così fosse, costituirebbe una grave battuta d'arresto e un dramma per la sinistra tradizionale. 
 
Cosa di cui invece poco si è parlato è il voto in Valle d'Aosta, dove invece si vota perché il consiglio di amministrazione è stato sciolto a causa dei suoi rapporti con la mafia. In Campania secondo tutti i sondaggi rimarrà in carica il leader progressista uscente, così come per il presidente veneto. Nelle Marche, terra che guarda geograficamente ed economicamente ai Balcani e all'Est, è probabile, secondo i sondaggi, che cambi di mano e vada all'opposizione. I sondaggi danno come  partito più votato Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni.

I continui attacchi a Salvini rischiano invece di frenare l'ascesa della Lega.

La coalizione di governo soffre degli alti e bassi dell'anti-sistema, che non sa se vuole essere di destra, di centro o di sinistra. Tale è lo smarrimento, che Beppe Grillo, fondatore del M5S, è stato costretto a tornare nell'arena politica per placare gli eccessi di chi un tempo era indignato. Una cosa da notare è che da quando il M5S è entrato di peso nel panorama politico italiano, è passato dal 37,4 di sostegno elettorale a circa il 17% di oggi.

Luigi Di Maio, leader di fatto dei “grillini”, fa tutto il possibile per evitare che vengano indette elezioni generali anticipate che  potrebbero porre fine alla gloria di chi ha vinto le elezioni del 2018, promettendo di "aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno", cosa, forse non proprio riuscita.

Un momento difficile questo per il nostro paese, i 209 milioni di Euro promessi dall'Europa per garantire il rilancio del paese, fanno gola a molti, i poteri economici forti, manifestano il desiderio di un governo forte e hanno persino nominato Mario Draghi a presiederlo, ma purtroppo per loro la prima parte interessata, non è in carica.

Al momento Conte gode di un grande sostegno popolare: il 60% degli italiani approva come viene gestita la pandemia. Il premier spera di restare in carica fino al 2022, anno in cui dovrà essere eletto anche il nuovo presidente della Repubblica.

Non ci resta che attendere la serata di domani, per capire se il nostro "bel paese" girerà pagina e inizierà a scrivere una nuova storia, oppure continuerà la scrittura sulle vecchie pagine di quel libro che riporta le vicende "buone e cattive" della nostra millenaria cultura...

 

I ricercatori giapponesi scoprono un tipo di luce ultravioletta che uccide il coronavirus

In Giappone un gruppo di ricercatori ha scoperto una luce ultravioletta in grado di distruggere il Coronavirus in pochi secondi. A differenza dei fasci luminosi usati oggi per sanificare gli ambienti, non è dannosa per l'uomo


Uno studio condotto dai ricercatori dell'Università di Hiroshima (Giappone) ha dimostrato che l'uso della luce ultravioletta C con una lunghezza d'onda di 222 nanometri (nm), riesce ad eliminare "efficacemente" il SARS-CoV-2, il virus che causa malattia nota come Covid-19.

Già precedenti studi, sempre in Giappone, hanno coinvolto questo tipo di luce ultravioletta, ma avevano solo esaminato la sua potenza nel distruggere i coronavirus stagionali che sono strutturalmente simili al SARS-CoV-2, ma non il virus che causa lo stesso COVID-19. Detto questo, i ricercatori giapponesi, il cui lavoro è stato pubblicato sull '"American Journal of Infection Control", hanno sviluppato un esperimento in vitro che ha dimostrato che il 99,7 per cento della coltura virale SARS-CoV-2 è morto dopo un'esposizione di 30 secondi a un'irradiazione di luce ultravioletta di 222 nm a 0,1 mW / cm 2. Questa lunghezza d'onda non può penetrare nello strato esterno dell'occhio e nella pelle delle persone, quindi gli esperti hanno assicurato che non danneggerà le cellule viventi sottostanti. "Questo lo rende un'alternativa più sicura ma altrettanto potente alle lampade utilizzate per disinfettare tutt'oggi gli impianti sanitari", hanno concluso i ricercatori.

Tuttavia, gli esperti hanno evidenziato la necessità di un'ulteriore valutazione della sicurezza e dell'efficacia dell'irradiazione di questa luce per uccidere il coronavirus sulle superfici nel mondo reale, poiché le loro ricerche hanno avuto riscontri positivi solo sull'efficacia in vitro.

  • Pubblicato in Salute

Covid, la Gran Bretagna pronta a un nuovo lockdown: già scattati provvedimenti restrittivi per 10 milioni di cittadini. Linea dura in Israele e aumento dei contagi in Russia

In Gran Bretagna potrebbe essere imposto un nuovo lockdown nazionale come ''ultima linea di difesa'' rispetto all'aumento di casi di coronavirus registrati nel Paese. Lo ha dichiarato il ministro della Salute britannica, Matt Hancock, evitando di spiegare nel dettaglio come verranno adottate le nuove restrizioni. Il governo ''farà quello che serve per garantire la sicurezza delle persone'', ha dichiarato


Coronavirus, Usa: oltre 1.300 morti in 24 ore | Teleborsa.it

Un altro lockdown nazionale in Inghilterra è "l'ultima linea di difesa" da adottare se necessario. Lo ha detto il ministro della salute Matt Hancock, avvertendo che il Regno Unito si trova in una "situazione molto grave". Intervenendo ad una programma della Bbc, nel giorno in cui sono entrati in vigore dei blocchi locali nel nord dell'Inghilterra, il ministro ha rilevato che nelle ultime settimane si è verificata una "accelerazione" nei casi. "È fondamentale che le persone seguano le regole", così "possiamo evitare di dover prendere altre serie misure". Allo stesso tempo, ha sottolineato, i lockdown nazionali possono "mantenere le persone al sicuro".

"Occorre agire", ha sottolineato Hancock. "E 'assolutamente fondamentale che le persone seguano le regole", ha detto, ricordando l'importanza della nuova "regola dei sei" in Inghilterra, ossia il tetto al numero di persone che possono riunirsi, l'utilizzo della mascherina e il distanziamento. Il ministro ha spiegato che i blocchi locali, come quello che entra in vigore oggi per milioni di persone nel nord-est dell'Inghilterra, sono di vitale importanza. Ed ha riferito che potrebbero esserci nuovi provvedimenti a breve.

Intanto, però, nel Paese è già scattato un 'lockdown bis' per 10 milioni di persone: dalla mezzanotte di oggi, infatti, sono entrati in vigore i provvedimenti relativi a circa 2 milioni di abitanti del nordest dell'Inghilterra che non potranno avere contatti con altri nuclei familiari e dovranno rispettare il coprifuoco fissato per le 22. Le norme riguardano gli abitanti delle aree di Newcastle, Northumberland, North Tyneside, South Tyneside, Gateshead, County Durham e Sunderland. Tali restrizioni si aggiungono a quelle già in vigore per altre zone del paese: come sottolinea il Guardian, i provvedimenti riguardano nel complesso 10 milioni di cittadini, circa il 15% della popolazione complessiva di Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord.

Sono stati intanto 5.238 i contagi nelle ultime 24 in Israele dove dalle 14 (ora locale) è scattato il secondo lockdown nazionale che resterà in vigore almeno tre settimane. Migliaia di agenti e soldati in strada con l'obiettivo di far rispettare il blocco. Il lockdown avviene a poche ore dall'inizio del Capodanno ebraico. I fedeli potranno seguire le preghiere all'aperto oppure all'interno delle sinagoghe in un numero ridotto. E le infezioni di ieri hanno anche portato a 577 i malati gravi e, di questi, 153 in rianimazione: un picco rispetto a ieri. Le vittime, da inizio pandemia, sono salite a 1.169. Il premier Benyamin Netanyahu ha ammonito che se le restrizioni imposte non verranno rispettate e le infezioni non diminuiranno "non ci sarà altra strada" che allungare il lockdown. Unica modifica introdotta - ieri sera - dal governo alle regole è stata quella che ha visto aumentare da 500 metri ad 1 chilometro il raggio entro il quale gli israeliani possono allontanarsi da casa.

Aumentano i casi di Covid-19 in Russia. Stando ai dati ufficiali, nelle ultime 24 ore si sono registrati 5.905 nuovi contagi, la cifra più alta dal 20 luglio. Secondo le autorità, le persone decedute a causa del morbo sono 134 nel corso dell'ultima giornata e 19.195 in tutto. Il totale dei contagi accertati sale a 1.091.186, il quarto al mondo in termini assoluti.

Il Pakistan ha registrato 752 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, la crescita più alta dal 9 agosto scorso, mentre i decessi sono stati nove. Lo comunica il ministero della Sanità. Il numero totale dei contagi dall'inizio della pandemia sale così a oltre 304.000 e quello dei morti a 6.408. Tra i pazienti attualmente malati, 579 sono in condizioni critiche. 

Più di 200 nuovi casi di coronavirus si sono registrati nell'affollata prigione libanese di Rumie, vicino Beirut, dove le condizioni igienico-sanitarie sono considerate insufficienti a garantire l'incolumità degli oltre 4mila detenuti e delle guardie carcerarie. E' la denuncia del presidente dell'Ordine libanese dei medici, Sharaf Abu Sharaf, secondo cui sono più di 200 le persone risultare positive al Covid. Non si precisa quante di queste persone sono detenuti e quante guardie carcerarie. Nei giorni scorsi una rivolta di alcune ore era scoppiata nel famigerato Braccio B della prigione di Rumie proprio dopo che si era sparsa la notizia di decine di nuovi casi di coronavirus. Le autorità affermano che la situazione è sotto controllo e che le persone risultate positive sono state trasferite in un edificio adibito a luogo per la quarantena. Dal canto loro i detenuti, che pubblicano sui social network video amatoriali e appelli, affermano di esser stati lasciati "da soli" e di rischiare di "morire" in carcere.

  • Pubblicato in Salute

Trump mette al bando TikTok e WeChat per proteggere gli utenti americani. Da domenica vietato scaricare le due app negli Usa: "Il Partito Comunista Cinese minaccia la sicurezza nazionale"

"Su indicazione del presidente, abbiamo deciso per un'azione significativa per combattere la maligna raccolta di dati personali degli americani da parte della Cina, promuovendo allo stesso tempo i nostri valori e le norme della democrazia". Lo afferma il segretario al Commercio americano, Wilbur Ross, confermando il divieto per WeChat e TikTok a partire da domenica. "Il Partito Comunista Cinese ha dimostrato di usare queste app per minacciare la sicurezza nazionale, la politica estera e l'economia americana", aggiunge il Dipartimento del Commercio


TikTok threatens legal action against Trump US ban - BBC News

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha emesso un ordine che impedisce, a partire dal 20 settembre, di scaricare e utilizzare TikTok e WeChat a chi si trova nel Paese. Il divieto di utilizzo delle app di messaggistica di proprietà dei gruppi cinesi Tencent e ByteDance risponde all'esigenza di "salvaguardare la sicurezza nazionale" e "proteggere gli utenti americani". E' quanto si legge in una nota del Dipartimento. 

TikTok e WeChat saranno rimosse dagli app store americani da domenica: agli utenti che già le usano, riporta il Financial Times, sarà consentito per il momento di mantenere le app sui propri cellulari, ma WeChat potrebbe diventare presto inutilizzabile a causa dell'indisponibilità degli aggiornamenti di software. Anche chi a TikTok già installata sul proprio telefono potrà continuare a usare la app almeno temporaneamente. 

In una nota ufficiale il Dipartimento del Commercio Usa sottolinea che i divieti "proteggono gli utenti negli Stati Uniti eliminando l'accesso a queste applicazioni e riducendo notevolmente la loro funzionalità". "Le azioni di oggi dimostrano ancora una volta che il presidente Trump farà tutto ciò che è in suo potere per garantire la sicurezza nazionale e proteggere gli americani dalle minacce del Partito comunista cinese", ha  detto il segretario del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti Wilbur Ross.

Blocco TikTok-WeChat per stop raccolta dati maligna - "Su indicazione del presidente, abbiamo deciso per un'azione significativa per combattere la maligna raccolta di dati personali degli americani da parte della Cina, promuovendo allo stesso tempo i nostri valori e le norme della democrazia". Secondo Wilbur Ross "il Partito Comunista Cinese ha dimostrato di usare queste app per minacciare la sicurezza nazionale, la politica estera e l'economia americana".

Il Dipartimento Usa del Commercio fa sapere che "qualsiasi altra operazione proibitiva relativa a WeChat o TikTok potrebbe essere identificata in futuro". Gli Usa sono quindi pronti a nuove restrizioni, ma il Governo e' anche in attesa di prendere una decisione sull'offerta proposta da ByteDance e Oracle per le attività statunitensi di TikTok. Lo scorso 6 agosto la Casa Bianca ha emesso un ordine esecutivo per imporre la vendita di queste attività a una societa' statunitense. In base agli accordi proposti, però, Oracle - societa' Usa - sara' solo partner tecnologico della nuova societa', diventandone socio di minoranza.
 

  • Pubblicato in Esteri

Meteo, prepariamoci a salutare l'estate: dalla prossima settimana arriva l'autunno con pioggia e aria fresca

Il tempo sta per cambiare. Dalla prossima settimana l’alta pressione farà le valigie cacciata dall’arrivo di una bassa pressione che invierà correnti umide e instabili verso le nostre regioni. Nonostante questo venerdì e l'imminente weekend saranno in prevalenza stabili e decisamente estivi su gran parte delle regioni con temperature tra 28 e 34°C un po' ovunque, noteremo già le prime avvisaglie di questo cambiamento con le prime piogge su Piemonte e Sardegna. Ma sarà soprattutto dal giorno dell’equinozio d’autunno (martedì 22 settembre) che il peggioramento si farà via via più diffuso.

Il team del sito www.iLMeteo.it avvisa che dal 22 settembre le correnti si disporranno dai quadranti meridionali. Intensi corpi nuvolosi alimentati da aria fresca atlantica e sospinti dai caldi venti meridionali genereranno imponenti celle temporalesche che avranno come bersaglio dapprima la Sardegna, poi Toscana, Lazio e quindi il Nord Italia. Rovesci e temporali a tratti molto forti e con probabili nubifragi potranno interessare gran parte delle regioni del Centro-Nord dove si attuerà pure un generale calo delle temperature che ritorneranno a valori tipici della stagione in corso. Cosa diversa invece al Sud che sarà protetto invece da una lingua calda dell’anticiclone africano: su queste regioni sarà ancora piena estate.

Yoshihide Suga il candidato del popolo

Dal giardino delle fragole a primo ministro. Come il figlio di un contadino si è fatto strada nell'élite politica giapponese


Inaspettate le dimissioni del primo ministro giapponese Shinzo Abe, come inaspettata l'intenzione di candidarsi al suo posto, del suo più accanito sostenitore Yoshihide Suga, che ha improvvisamente annunciato la sua intenzione di candidarsi alle elezioni. Come un politico di lunga data, si è già assicurato il sostegno delle più grandi fazioni all'interno del partito al governo in Giappone e ora, forse, è diventato il leader, la maglia rosa della corsa per la poltrona di capo del governo. Ma deve ancora conquistare il cuore dei giapponesi, per molti dei quali è solo un memetico "Zio Reiwa". 

A differenza di Abe, la cui famiglia comprendeva diversi importanti politici, ministri e persino due primi ministri, Yoshihide Suga è un vero nativo del popolo. È nato il 6 dicembre 1948. Insieme a due sorelle maggiori e un fratello minore, è cresciuto nelle campagne del nord del Giappone, dove i suoi genitori avevano una coltivazione di fragole. Il padre di Yoshihide voleva che suo figlio maggiore seguisse le sue orme ed entrasse in una scuola di agraria, ma il giovane decise di tentare la fortuna nella capitale e trovò lavoro in una fabbrica di cartone. Due anni dopo, entrò nel dipartimento di scienze politiche della più economica università privata di Tokyo e allo stesso tempo lavorò part-time al mercato del pesce di Tsukiji per sbarcare il lunario. Si considerava un amico di Putin e per anni ha cercato di riavere le Isole Curili. Ma purtroppo senza riuscire nell'intento.

Dopo aver completato gli studi, Suga è andato prima a lavorare in una struttura che si occupava di aiutare start up in crescita, ma alla fine si è reso conto che voleva collegare la sua vita con la politica. Così è riuscito ad ottenere un lavoro come segretario di un parlamentare del Partito Liberal Democratico del Giappone (LDPJ). Avendo lavorato per quasi 11 anni in disparte, Suga ha deciso oggi di mettersi alla prova nella grande politica.

Nel 1987 è stato eletto al consiglio comunale di Yokohama. Un aspirante politico ha consumato molte paia di scarpe, andando di porta in porta e chiedendo ai cittadini di votare per lui. Nel 1996, Suga divenne membro della camera bassa del parlamento giapponese e nove anni dopo, viceministro degli affari interni e delle comunicazioni al governo di Junichiro Koizumi. Era un politico della destra giapponese molto odiata, noto per una posizione piuttosto dura nei confronti della vicina Cina e Corea del Sud, ripetute richieste alla Russia di restituire le controverse Isole Curili.

 

Sotto la guida di Koizumi, anche Shinzo Abe, che a quel tempo era il segretario generale del Consiglio dei ministri, si aprì la strada verso l'Olimpo politico. Dopo aver guadagnato punti politici attraverso negoziati di successo con la Corea del Nord, che hanno portato alla storica visita di Koizumi nella Corea del Nord e al ritorno in patria dei resti di cittadini giapponesi rapiti, Abe ha guidato il Partito Liberal Democratico nel 2006 ed è diventato uno dei primi ministri più giovani nella storia del paese.

Nel nuovo governo, Suga ha ricevuto due portafogli ministeriali: affari interni e privatizzazione della posta. Tuttavia, la prima premiership di Abe fu di breve durata: esattamente un anno dopo essere entrato in carica, annunciò le sue dimissioni a causa di un'esacerbazione della colite ulcerosa, una malattia cronica del colon, che è anche la ragione delle sue attuali dimissioni.

Nel governo del suo successore, Yasuo Fukuda, non c'era posto per Sugi. In questo periodo il politico si è concentrato sulla sua carriera all'interno del partito e, a quanto pare, ha mantenuto stretti rapporti con Abe. E nel 2012, come hanno scritto i media giapponesi, Suga lo ha convinto a candidarsi ancora una volta per la carica di Presidente del Partito Liberal Democratico e, di conseguenza, Primo Ministro del Giappone. Dopo la vittoria, Abe non dimenticò il suo fedele alleato e lo incluse nel nuovo governo, nominandolo segretario generale.

Nella sua nuova posizione, Suga divenne effettivamente il braccio destro di Abe. Ogni mattina e la sera nei giorni feriali, conduce un briefing con i media, dove risponde a domande relative alla politica interna ed estera del Paese e funge da portavoce del Primo Ministro. Ma la sua funzionalità non si limita a questo: Suga è attivamente coinvolto nelle nomine del personale, interagisce strettamente con tutti i ministeri e gli organi governativi, tiene riunioni informali con scienziati e rappresentanti dei media.

Tuttavia, per la maggior parte dei giapponesi, Suga è principalmente associato non ai suoi doveri ufficiali e non alla lealtà fanatica di Abe, ma a un meme. È stato lui che nell'aprile 2019 ha avuto l'onore di presentare ufficialmente la salita al trono del nuovo imperatore giapponese Naruhito. Questo evento divenne letteralmente epocale, poiché il cambio degli imperatori segna l'inizio di una nuova era in Giappone.

Il nuovo periodo è stato chiamato Rave, che può essere approssimativamente tradotto come "armonia", "ordine" o "mondo in fiore". Suga, durante la cerimonia ha alzato un cartello con impresse proprio queste lettere, annunciando al mondo intero il cambio di un'era.

 

 

 

 

 

  • Pubblicato in Esteri

Meteo, che caldo fa? Ma al Sud arriva il ciclone tropicale. Al Nord il bel tempo finisce nel weekend

"In queste ore un evento meteorologico raro interesserà da molto vicino l'Italia: un ciclone tropicale dalle coste della Tunisia si sta muovendo verso il Mar Ionio e lambirà la Sicilia e la Calabria, interessandole con precipitazioni a tratti abbondanti e forti venti. Il ciclone successivamente si muoverà verso la Grecia causando un’intensa ondata di maltempo". E' quanto avverte il team del sito www.iLMeteo.it.

"Questo tipo di cicloni non hanno nulla da invidiare ai classici uragani che sferzano il settore tropicale dell'Atlantico, il Pacifico e l'Oceano Indiano - spiegano gli esperti - La caratteristica essenziale è il "cuore caldo" (warm core in termine tecnico), ben presente soprattutto nei bassi strati, con temperature di oltre i +2°C +3°C (se non pure di più) rispetto all'ambiente circostante. I cicloni tropicali (“TLC” Tropical like cyclone) riescono a conservare una grandissima potenza durante il loro tragitto che spesso si traduce in una intensa attività convettiva al centro, dove si possono celare dei sistemi temporaleschi particolarmente violenti, e da venti molto forti e turbolenti con raffiche ad oltre 120 km/h, spesso sotto forma di tempesta".

Il team del sito www.iLMeteo.it avverte che oggi dal "pomeriggio/sera le piogge cominceranno ad interessare la Sicilia ionica e la Calabria. Le precipitazioni diventeranno via via più intense nel corso della notte con temporali forti e possibili nubifragi sul reggino. Il maltempo abbandonerà le due regioni nel corso del pomeriggio di giovedì. Sul resto d’Italia il tempo sarà piuttosto soleggiato e caldo, soltanto le Alpi orientali e l’Appennino centrale saranno interessati, nel pomeriggio, da qualche temporale".

Oggi, mercoledì 16. Al Nord: temporali pomeridiani sulle Alpi. Al Centro: temporali pomeridiani sugli Appennini, sole altrove. Al Sud: peggiora in Sicilia e Calabria con piogge via via più diffuse.

Domani, giovedì 17. Al Nord: un po’ instabile sui rilievi del Triveneto. Al Centro; soleggiato, isolati temporali sul frusinate. Al Sud: ultime forti piogge su messinese e reggino tirrenici.

Venerdì 18. Al Nord: sole prevalente. Al Centro: bel tempo. Al Sud: nubi sparse.

Nel weekend il tempo comincerà a peggiorare sulle Alpi occidentali, sarà soleggiato altrove.

 

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS