updated 2:00 PM UTC, Oct 22, 2020

Meteo, temperature in rialzo: è arrivata l'ottobrata. Cos'è e da dove viene. Ecco quando cambierà tutto

L'anticiclone africano comincia a proteggere l'Italia dando il via all’ottobrata, termine con il quale si vuole indicare un periodo caratterizzato da una fase climatica molto mite in pieno ottobre


Le ottobrate hanno origine a Roma quando fino a gli inizi del XX secolo si organizzavano gite fuori porta sia di giovedì sia di domenica. Nei prossimi giorni quindi il bel tempo sarà prevalente al Centro-Sud e al Nordest e le temperature cominceranno lentamente a salire. Il team del sito www.iLMeteo.it avvisa che soltanto il Nordovest risentirà di una maggior nuvolosità che sarà capace di provocare qualche pioggia a partire da mercoledì. Tanto sole e clima mite, come detto, sul resto d’Italia.

Le temperature su molte regioni saliranno fino a superare i 20-22°C su Lazio (Roma), Toscana (Firenze), Campania (Napoli), Sicilia (Palermo) e punte anche fino a 25°C in Puglia e sulle zone interne di Sardegna e Sicilia. Il clima sarà mite anche lungo la fascia adriatica centrale (Marche, Abruzzo, Molise) e al Nordest (Emilia e Veneto). Farà meno caldo al Nordovest (solo 13-15°C di giorno a Torino e Milano).

NEL DETTAGLIO

Lunedì 19 - Al nord: asciutto, locali foschie in pianura e più nubi sui monti. Al centro: cielo sereno o poco nuvoloso. Al sud: qualche pioggia tra Calabria e Sicilia, sole altrove.

Martedì 20 - Al nord: qualche nebbia al nordest e piovaschi sul Piemonte. Al centro: sole prevalente. Al sud: ampio soleggiamento.

Mercoledì 21 - Al nord: coperto su Piemonte e Liguria con piovaschi, nubi sparse altrove. Al centro: sole prevalente. Al sud: cielo poco nuvoloso.

Da giovedì sempre soleggiato al Centro-Sud e piogge deboli al Nordovest, peggiorerà diffusamente nel weekend.

Temperature miti e sole, come da previsioni meteo. L'Italia si gode l'ottobrata, termine con il quale si vuole indicare un periodo caratterizzato da una fase climatica più calda in pieno ottobre. Il tutto è merito dell'anticilcone africano che, in questi giorni, sta regalando bel tempo quasi ovunque con la colonnina di mercurio che segna 20°-22° C su Lazio (Roma), Toscana (Firenze), Campania (Napoli), Sicilia (Palermo) e punte anche fino a 25 C in Puglia e sulle zone interne di Sardegna e Sicilia. Gli esperti del sito iLMeteo.it avvisano però che da mercoledì il Nordovest risentirà di una maggior nuvolosità che sarà capace di provocare qualche pioggia. Sotto osservazione saranno soprattutto il Piemonte e la Liguria, tipicamente le prime regioni a soffrire le conseguenze in questo tipo di configurazioni, insieme alla Toscana, che infatti già dal mattino vedrà i cieli sporcarsi a causa di nubi irregolari. Il sole sarà talvolta oscurato, specie al Nordest, da locali banchi di nebbia, responsabili di riduzioni della visibilità localmente corpose al primo mattino, in particolare sulla Val Padana.

Ciclismo, Giro delle Fiandre: Mathieu van der Poel conquista la classica dei muri sul rivale Van Aert. Caduta spaventosa per Alaphilippe che urta una moto e si rompe una mano (VIDEO)

Incredibile incidente per Julian Alaphilippe durante l'edizione 2020 del Giro delle Fiandre. Il campione del mondo era all'attacco con Van der Poel e Van Aert quando ha urtato la moto della giuria ed è caduto a terra, riportando una doppia frattura alla mano destra - (VIDEO)


 

È Mathieu van der Poel a succedere ad Alberto Bettiol nell’albo d’oro del Giro delle Fiandre. Il campione olandese della Alpecin-Fenix si impone nel testa a testa contro il grande rivale della Jumbo-Visma, suo antagonista in tante gare di ciclocross, e ottiene la prima vittoria in una classica monumento. Decisiva l’azione dei due a 39 chilometri dall’arrivo assieme a Julian Alaphilippe poi caduto a causa di una moto. 

Dopo due anni (Terpstra nel 2018), torna a parlare olandese il Giro delle Fiandre grazie a Mathieu van der Poel. Il campione olandese della Alpecin-Fenix, nono domenica scorsa alla Gand-Wevelgem, brucia al colpo di reni Wout Van Aert, l’unico in grado di contendergli il successo finale. I due, grandi favoriti della vigilia, arrivano a giocarsi la vittoria in volata dopo aver percorso da soli gli ultimi 35 chilometri e aver fatto la selezione decisiva sullo Steenbeekdries assieme a Julian Alaphilippe. Il campione del mondo di Imola però non riesce a giocarsi le proprie carte per una brutta caduta causata da una moto della giuria che lo costringe al ritiro. Dietro, tutti i tentativi di ricucire sui due di testa risultano vani e così la corsa si decide allo sprint dove van der Poel ha la meglio e può lasciarsi andare ad un pianto liberatorio. In terza posizione taglia il traguardo Kristoff mentre Bettiol (campione uscente) chiude nel primo gruppo inseguitore.

L'informazione nei social: tra fake news e mezze verità

Come sempre dopo un importante dichiarazione politica o dopo una conferenza stampa, sui social iniziano a circolare foto, dichiarazioni, immagini che mettono in dubbio la veridicità di quello che abbiamo appena visto. Ecco un esempio...


Ieri sera verso le 21.30 il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha presentato in diretta Live streaming e DTT, il nuovo DCPM per contrastare il continuo progredire della diffusione del Coronavirus. Nuove misure per evitare un nuovo lockdown generalizzato, il Paese non se lo può permettere, queste le prime parole di Conte: "Ho appena informato anche i presidenti dei due rami del Parlamento e i leader dell'opposizione delle nuove misure, concordate con gli enti locali e il Cts, per affrontare la nuova ondata di contagi. La strategia non è e non può essere la stessa della primavera: in questi mesi abbiamo lavorato intensamente"...

Al termine della conferenza che potete trovare qui, sui social sono comparse delle foto che mettevano in dubbio il LIVE, adducendo ad un fantomatico accordo del governo con i media per simulare una diretta. Le foto mostravano l'orologio del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, con un cerchio sul quadrante ad evidenziare un presunto orario 17.50... 

Abbiamo allora preso un frame dello stesso video, alzando il contrasto e la definizione è possibile notare che l'orario è 21.30. 

 

Voi che ne pensate?

Cina; con il Covid-19 sotto controllo, l'economia avanza a grandi passi

Le esportazioni sono aumentate e le amministrazioni locali si sono impegnate in progetti di costruzione alimentati dal basso costo del denaro. Anche la spesa dei consumatori è finalmente in ripresa.

 
Mentre la maggior parte del mondo è ancora alle prese con la pandemia da coronavirus, la Cina sta dimostrando ancora una volta che una rapida ripresa economica è possibile, quando il virus è saldamente sotto controllo.
 

L'Ufficio nazionale di statistica del paese ha annunciato che l'economia cinese è aumentata del 4,9% nel trimestre da luglio a settembre rispetto agli stessi mesi dell'anno scorso. La robusta performance riporta la Cina quasi al ritmo di crescita di circa il 6% che registrava prima della pandemia.

Molte delle principali economie mondiali sono uscite dalle profondità di una contrazione la scorsa primavera, quando le interruzioni hanno causato un brusco calo della produzione. Ma la Cina è la prima a segnalare una crescita che supera significativamente il livello dello scorso anno nello stesso periodo. Anche gli Stati Uniti e altre potenze economiche, dovrebbero segnalare un aumento nel terzo trimestre, ma sono ancora indietro o stanno solo raggiungendo i livelli pre-pandemici.

Il vantaggio della Cina potrebbe aumentare ulteriormente nei mesi a venire. Non ha quasi nessuna trasmissione locale del virus, mentre gli Stati Uniti e l'Europa devono affrontare un'altra ondata di casi in accelerazione. 

La vigorosa espansione dell'economia cinese significa che è destinata a dominare la crescita globale, rappresentando almeno il 30 per cento della crescita economica mondiale di quest'anno e degli anni a venire. Le aziende cinesi stanno rappresentando la quota maggiore delle esportazioni mondiali, producendo elettronica di consumo, dispositivi di protezione personale e altri beni richiesti durante la pandemia. Allo stesso tempo, la Cina sta acquistando più ferro dal Brasile, più mais e maiale dagli Stati Uniti e più olio di palma dalla Malesia. Ciò ha in parte invertito il crollo dei prezzi delle materie prime la scorsa primavera e attenuato l'impatto della pandemia su alcuni settori. Tuttavia, la ripresa della Cina ha aiutato il resto del mondo meno che in passato, perché le sue importazioni non sono aumentate così tanto come le esportazioni. Questo modello ha creato posti di lavoro in Cina, ma ha frenato la crescita altrove.

La ripresa economica della Cina dipende da mesi anche da enormi investimenti in autostrade, linee ferroviarie ad alta velocità e infrastrutture. E nelle ultime settimane, con la ripresa della libera circolazione, il Paese ha visto l'inizio di una ripresa anche dei consumi interni.

L'attività sta riprendendo ora anche in luoghi come Wuhan, la città centrale della Cina dove è emerso per la prima volta il nuovo coronavirus.  

 

La crescita economica della Cina negli ultimi tre mesi è stata leggermente inferiore alle previsioni degli economisti, al 5,2% anziché al 5,5%, ma la performance è ancora forte, infatti i mercati azionari di Shanghai, Shenzhen e Hong Kong vedono un continuo e costante aumento del livello delle contrattazioni. Le vendite al dettaglio sono aumentate del 3,3% il mese scorso rispetto a un anno fa, mentre la produzione industriale è aumentata del 6,9%. Il modello cinese per ripristinare la crescita può essere efficace, ma potrebbe non essere attraente per altri paesi. Determinata a mantenere la trasmissione locale del virus uguale o prossima allo zero, la Cina è ricorsa a un monitoraggio cellulare completo della sua popolazione, blocchi per settimane di quartieri e città e costosi test di massa in risposta anche alle più piccole epidemie.

 
 
 
Il rimbalzo della Cina è accompagnato anche da alcune debolezze, in particolare un aumento del debito complessivo quest'anno di un importo pari a un terzo della produzione complessiva dell'economia. Gran parte del debito extra è costituito da prestiti da parte dei governi locali e delle imprese statali per pagare nuove infrastrutture o da mutui contratti da famiglie e aziende per pagare appartamenti e nuovi edifici. Il governo è consapevole del rischio di lasciare che il debito si accumuli rapidamente. Ma frenare il nuovo credito danneggerebbe l'attività immobiliare, un settore che rappresenta fino a un quarto dell'economia cinese.

Un altro rischio per la ripresa della Cina è la sua forte dipendenza dalle esportazioni. L'impennata delle esportazioni negli ultimi tre mesi, insieme ai prezzi più bassi per le importazioni di materie prime, ha rappresentato una fetta considerevole della crescita economica. Le esportazioni rappresentano ancora oltre il 17% dell'economia cinese, più del doppio di quelle che costituiscono l'economia americana.

I leader cinesi riconoscono che le esportazioni del paese sono sempre più vulnerabili alle tensioni geopolitiche, comprese le mosse che l'amministrazione Trump, mette in campo per sciogliere le relazioni commerciali tra Stati Uniti e Cina. I cambiamenti nella domanda globale potrebbero anche minacciare le esportazioni, poiché la pandemia colpisce le economie d'oltremare.

  

Xi Jinping, ha sempre più enfatizzato l'autosufficienza, con una strategia che richiede l'espansione delle industrie dei servizi e l'innovazione nella produzione industriale, oltre a consentire ai residenti di spendere di più.

"Dobbiamo fare dei consumatori il pilastro della nostra economia", ha detto Qiu Baoxing, consigliere di governo che è anche un ex vice ministro dell'edilizia abitativa. "Concentrandoci sulla circolazione domestica, stiamo effettivamente migliorando la nostra capacità di recupero". Ma responsabilizzare i consumatori è stata a lungo una sfida in Cina. In circostanze normali, la maggior parte dei cinesi è costretta a risparmiare per l'istruzione, l'assistenza sanitaria e la pensione a causa di una rete di sicurezza sociale debole. Il rallentamento economico e la pandemia hanno comportato la perdita di posti di lavoro, aggravando il problema, in particolare per i lavoratori a basso reddito e i residenti rurali.

 
 

 

I governi occidentali hanno sperimentato la fornitura di assegni di disoccupazione extra-large, pagamenti una tantum e persino pasti sovvenzionati nei ristoranti. Queste azioni sono state finalizzate ad aiutare le famiglie a sostenere un tenore di vita minimo durante la pandemia, che a sua volta ha alimentato la domanda di importazioni dalla Cina. Assisteremo a una recrudescenza del conflitto commerciale, e non solo tra gli Stati Uniti e la Cina, ma a livello globale.

  • Pubblicato in Esteri

Dpcm, il governo blocca il calcio dilettantistico e giovanile. Stop anche agli allenamenti: genitori perplessi. La Lega Dilettanti: "Grave considerare non essenziale lo sport e non aver cercato il confronto"

 

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato le attese misure del nuovo Dpcm, con profonde ripercussioni anche per il mondo dello sport. Soprattutto a livello dilettantistico: cosa sarà consentito fare e cosa no?

Dalla Serie D alla Prima Categoria, il decreto non lascia spazio a dubbi: "Sono consentiti soltanto gli eventi e le competizioni riguardanti gli sport individuali e di squadra riconosciuti di interesse nazionale o regionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI)". Salve dunque anche la Serie A e B femminili, oltre alle stesse categorie del campionato Primavera. Non ricadono nella definizione invece, in quanto non riconosciute dalla FIGC, Seconda e Terza Categoria che dovranno quindi fermarsi. Ci sarà inoltre un'ulteriore stretta riguardo al pubblico per le manifestazioni sportive (rimane il tetto massimo di 1000 spettatori per le competizioni all'aperto, comunque entro il 15% rispetto alla capienza totale, ma scende a 200 nei palasport e negli altri impianti al chiuso).

Scuole calcio e allenamenti

Qui ci saranno le conseguenze più radicali. Il decreto dice infatti che: "L’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto sono consentite solo in forma individuale e non sono consentite gare e competizioni. Sono altresì sospese tutte le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere ludico-amatoriale".

Quindi stop a ogni altra forma di sport giovanile, allenamenti compresi. L'unica opzione concessa è l'allenamento in forma individuale, senza contatti con terzi e dunque al di fuori dalle strutture sportive regolarmente predisposte. Una soluzione che può far comodo ad altri sport di contatto (si pensi alle arti marziali), ma che di fatto non lascia margine al calcio o altri sport che prevedono allenamenti di squadra.

“Il nuovo Dpcm ha confermato i nostri timori, perché se da un lato sembrerebbe garantita la prosecuzione dell’attività dilettantistica a livello nazionale e regionale, non possiamo dire lo stesso per quella provinciale e giovanile - ha dichiarato il presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia -. Siamo preoccupati perché impedire lo sport soprattutto a bambini e ragazzi equivale a creare un forte squilibrio tra una socialità organizzata e quella disorganizzata, quella che porterà migliaia di giovani a vivere il proprio tempo libero senza regole e senza responsabilità, a differenza di ciò che avrebbero potuto garantire le società sportive dilettantistiche che hanno investito risorse e mezzi per consentire la ripresa in sicurezza delle attività sportive. Trovo grave considerare lo sport un’attività non essenziale, come anche non aver cercato un confronto con chi organizza e gestisce lo sport di base nel nostro Paese”.


In sintesi:

Serie D: il campionato va avanti, essendo un evento di interesse nazionale.

Eccellenza, Prima e Seconda Categoria: sono considerati eventi di interesse regionale perché promossi e coordinati dal Comitato regionale della Figc, ma la decisione finale spetterà comunque alle singole regioni (in Lombardia, ad esempio, sono attualmente sospesi fino al 6 novembre mentre in Abruzzo la Seconda categoria è stata posticipata a novembre).

Dalla Terza Categoria in giù: stop ai campionati.

Amatori: stop ai campionati.

Campionati giovanili: tutti i campionati sotto l'egida della FIGC di interesse nazionale vanno avanti, come il campionato Primavera. I campionati di interesse regionale saranno invece oggetto di valutazione da parte delle singole regioni. Stop alle partite delle scuole calcio e dell’attività di base, allenamenti compresi. 

Calcio femminile: tutti i campionati sotto l'egida della FIGC di interesse nazionale vanno avanti. I campionati di interesse regionale saranno invece oggetto di valutazione da parte delle singole regioni.

Calcio a 5: vanno avanti i campionati A e A2 sia maschile che femminile, avanti anche la B maschile.

 

Il nuovo DCPM voluto fortemente dalla UE e dall'OMS

Le istituzioni europee hanno insistono fortemente sull'inasprimento delle restrizioni per evitare una chiusura totale


Dopo più di sei mesi di tentativi di dominare il coronavirus, l'attuale aumento dei casi in tutta Europa non è solo una minaccia per la salute, ma anche economica e sociale. Un mese fa, il 15 settembre, il Centro europeo per il controllo delle malattie (ECDC) aveva registrato 2,3 milioni di diagnosi di infezione da Covid-19 in Europa; i nuovi numeri, riportati dalla stessa agenzia mercoledì scorso, erano saliti a 4,3 milioni, l'87% in più. “Siamo interessati ai dati dall'Europa; ora è il momento di mettere misure restrittive ”, ha detto giovedì il direttore per l'Europa dell'OMS, Hans Kluge. "La Commissione europea è d'accordo: dobbiamo agire con decisione adesso, ma gradualmente, per evitare di dover arrivare a chiusure come quelle all'inizio della prima ondata. Il confinamento dovrebbe essere l'ultima alternativa e può essere evitato". Anche il commissario Ue alla Salute, Stella Kyriakides, ha trasmesso giovedì un "messaggio di allarme" agli Stati membri, "stiamo finendo il tempo, dobbiamo agire, tutti devono fare tutto il possibile per evitare effetti negativi sulla salute". Le restrizioni per contenere la pandemia si stanno irrigidendo e moltiplicando in tutto il continente, da Parigi a Roma e da Barcellona ad Amsterdam.

Il presidente dell'Oms Europa non ha voluto entrare in misure concrete. Ha insistito solo su un uso generalizzato ed estensivo della mascherina e un controllo rigoroso sui gruppi sociali e se ciò fosse fatto rigorosamente, ha detto Kluge, si eviterebbero più di 280.000 nuovi decessi nel continente (finora, i dati dell'ECDC, dall'inizio della pandemia ci evidenziano 255.000 decessi). Da lì, le misure devono essere graduali, anche se Kluge non ha optato per nessuna in particolare. Ha chiarito che i confini come quelli all'inizio della pandemia, "che portano alle chiusure totali", ha detto il rappresentante dell'OMS, "devono essere l'ultima soluzione. Dobbiamo trovare un equilibrio tra il beneficio per la salute e quello che possiamo chiamare il danno collaterale". Tra questi danni, ha citato anche quelli economici, spiegando che è necessario mantenere i servizi di salute mentale, l'assistenza alle vittime di violenza di genere, i bambini con bisogni speciali o quelli con malattie croniche o acute, come il cancro, malattie cardiovascolari e mantenere anche programmi di vaccinazione.

Un'altra attività vitale che deve essere preservata è quella educativa. "Devi dare la priorità alle scuole e tenerle aperte il più possibile", ha detto Catherine Sherwood, responsabile delle emergenze presso l'OMS Europa.

I responsabili dell'organizzazione hanno fatto riferimento anche ad un altro aspetto: la stanchezza della popolazione dopo aver visto che la pandemia non è stata superata dopo mesi di sforzi. Per fare questo, Kluge ha sottolineato l'importanza di offrire dati affidabili e solidi e di cercare soluzioni creative per mantenere la vita sociale in modo sicuro.

Il commissario europeo per la Salute ha fatto riferimento alle recenti conversazioni con l'OMS e ritiene che siano in sintonia: “Vogliamo evitare di andare in un confino generalizzato. Non vogliamo interrompere la vita sociale, la vita lavorativa, l'educazione dei cittadini. E questo è il motivo per cui dobbiamo prendere misure di contenimento ”. Alla domanda sulle soglie da mantenere e in particolare sull'opportunità di chiudere bar e ristoranti, ha risposto: "Gli Stati membri, a seconda della loro epidemiologia, stanno adottando misure diverse e non commenterò se devono chiudere o meno bar e ristoranti ”.

Kyriakides ha rilasciato il suo messaggio di nuova emergenza durante la presentazione di una proposta di "strategia di vaccinazione congiunta per i Ventisette stati europei". La proposta, avanzata dalla Commissione, rappresenta un ulteriore passo nella risposta coordinata che Bruxelles intende dare nel momento in cui arriveranno, se dovessero arrivare, i quasi un miliardo di dosi che l'Ue ha già predisposto di acquistare. Finora sono stati firmati accordi di acquisto con tre laboratori e si sono tenuti “colloqui esplorativi” con altri tre.

Sebbene l'esecutivo comunitario non fornisca ancora date specifiche, il Commissario Kyriakides ha accennato alla possibilità che le dosi possano essere disponibili all'inizio del 2021. In ogni caso, la loro offerta non arriverà immediatamente a tutti i cittadini ma sarà inizialmente limitata. La Commissione afferma di voler dare la priorità alla vaccinazione di diversi gruppi come gli operatori sanitari, le persone di età superiore ai 60 anni, la popolazione vulnerabile a causa di malattie croniche, i lavoratori essenziali che non sono nel settore sanitario, le comunità in cui non è fattibile mantenere le distanze sociali (come le carceri), i lavori in cui si verifica lo stesso (come i macelli) e i gruppi socioeconomici vulnerabili.

Il commissario alla Salute ha evitato di soffermarsi sulla percentuale della popolazione da vaccinare: "Dobbiamo ancora sapere quale vaccino avremo e come funzionerà", ha detto. La strategia presentata questo giovedì invita gli Stati a iniziare a pianificare come eseguire l'efficace distribuzione dei vaccini, affrontando problemi di logistica e distribuzione.

 

Satelliti per monitorare il cambiamento climatico

Grazie all'era del satellite siamo in una posizione migliore per comprendere le complessità del nostro pianeta, in particolare rispetto al cambiamento globale.


La necessità di informazioni dai satelliti sta crescendo a un ritmo sempre maggiore. L'ESA è leader mondiale nell'osservazione della Terra e continua a dedicarsi allo sviluppo di una tecnologia spaziale all'avanguardia per comprendere ulteriormente il pianeta, migliorare la vita quotidiana, sostenere la definizione di politiche efficaci per un futuro più sostenibile e avvantaggiare le imprese e l'economia.

Avanzare la conoscenza

Nuove visioni della Terra dinamica
Nuove visioni della Terra dinamica

Le missioni Earth Explorer sono progettate per migliorare la nostra comprensione della Terra. Usano tecnologie spaziali all'avanguardia per saperne di più sulle interazioni tra l'atmosfera, la biosfera, l'idrosfera, la criosfera e l'interno della Terra, essenziali per il funzionamento della Terra come sistema. È importante sottolineare che affrontano questioni scientifiche che aiutano a prevedere gli effetti del cambiamento climatico e affrontano questioni scientifiche che hanno un impatto diretto sulle questioni sociali che l'umanità dovrà probabilmente affrontare nei prossimi decenni. Sebbene queste missioni soddisfino il loro compito originale, stanno tutte superando le aspettative con i loro dati che trovano una moltitudine di usi nelle applicazioni del mondo reale per migliorare la vita quotidiana.

Migliorare la vita quotidiana

Famiglia Sentinel
Famiglia Sentinel

Le missioni Sentinel sono sviluppate specificamente per il programma Copernicus dell'Unione europea, il più grande programma di monitoraggio ambientale al mondo. Fornendo una serie di servizi di informazione chiave per un'ampia gamma di applicazioni pratiche, il programma sta cambiando radicalmente il modo in cui gestiamo l'ambiente, comprendiamo e affrontiamo gli effetti del cambiamento climatico e salvaguardiamo la vita quotidiana. Ogni missione Sentinel utilizza una tecnologia all'avanguardia per fornire un flusso di immagini e dati complementari su misura per le esigenze di Copernicus. Questi dati sono gratuiti e aperti agli utenti di tutto il mondo, il che non solo facilita il compito essenziale di monitorare l'ambiente, ma aiuta anche a stimolare l'impresa, creando nuovi posti di lavoro e opportunità di business.

Guardando il tempo

I vantaggi economici e sociali di previsioni meteorologiche accurate sono enormi; ci consentono di prendere decisioni informate, sia che si tratti di raccogliere un raccolto prima che piova, spianare le strade per prevenire incidenti, indirizzare gli aerei e il traffico marittimo per evitare condizioni avverse o semplicemente pianificare le attività quotidiane. Grazie alla collaborazione tra ESA ed Eumetsat, l'Europa dispone di una flotta di satelliti meteorologici , sia in orbita geostazionaria che polare, per fornire informazioni essenziali per le previsioni meteorologiche. Le informazioni provenienti da questi satelliti vengono utilizzate anche per comprendere il cambiamento climatico.

Oltre una missione satellitare

L'ESA è stata anche determinante nella creazione di una serie di iniziative come l'Iniziativa sul cambiamento climatico e la Carta internazionale "Spazio e grandi catastrofi" . L'iniziativa sul cambiamento climatico fa pieno uso delle risorse spaziali di osservazione della Terra europee per generare set di dati a lungo termine sugli indicatori chiave del cambiamento climatico. Queste "variabili climatiche essenziali" forniscono all'Europa un potente strumento per monitorare il sistema climatico e aiutare a prevedere gli effetti del cambiamento. La Carta internazionale fornisce un rapido accesso ai dati satellitari per aiutare le autorità di gestione dei disastri in caso di disastri come alluvioni, terremoti o eruzioni vulcaniche.

 

FONTE: (ESA INTERNATIONAL)

La Grecia costruisce una recinzione anti immigrati lungo il confine con la Turchia

Questa mattina, il primo ministro greco Kiriakos Mitsotakis ha visitato il confine tra Grecia e Turchia per vedere da vicino la costruzione della nuova barriera di confine tra i due paesi.


Questa settimana è iniziata la costruzione di una recinzione per evitare che si ripetano gli incidenti verificatisi a partire dal 28 febbraio di quest'anno. Migliaia di immigrati per molte settimane hanno tentato senza successo di entrare in Grecia passando dalla Turchia all'altezza di Kastaniés, la  maggioranza di loro provenivano da paesi asiatici o africani e si erano messi in viaggio a seguito di una voce secondo cui proprio in quel posto di frontiera, avevano aperto i confini europei.

Mitsotakis ha dichiarato che la costruzione della nuova recinzione al confine greco-turco, "è il minimo che il governo possa fare per far sentire al sicuro i cittadini greci", riferendosi soprattutto alla popolazione locale. E ha chiarito che parteciperà all'inaugurazione della nuova recinzione il prossimo aprile. Ha anche ricordato che la recinzione già esistente" ha retto solo grazie alla presenza di un forte dispiegamento di Polizia, Esercito, guardie di frontiera e abitanti della zona".

 

Il recinto precedente
                                                    vecchia recinzione esistente

Il recinto sarà lungo  26 chilometri e alto 5 metri, con 8 torri di osservazione elevate, sarà utilizzato dall'esercito. La sua costruzione terminerà nell'aprile 2021 e comporterà la costruzione e il posizionamento di un'imponente recinzione in acciaio terminata da un filo spinato. Saranno inoltre effettuati lavori per migliorare le 57 infrastrutture esistenti (quali avamposti e osservatori). Inoltre, il suolo sarà rinforzato per prevenire movimenti di terra in caso di alluvioni e verranno create nuove strade per la sorveglianza, oltre a barriere artificiali lungo il fiume Evro, che segue il confine per alcuni chilometri. Il budget messo in campo supera i 62 milioni di euro. L'attuale recinzione di 10 chilometri sarà riparata e rinforzata, passando dagli attuali 3,5 metri a 4,3 metri di altezza.

Allo stesso modo, le installazioni elettriche e la sorveglianza con i droni saranno migliorate, verranno utilizzati cannoni sonori e si prevede che i carri armati US Guardian (M1117) saranno consegnati dagli Stati Uniti alla Grecia come parte della firma del loro accordo di cooperazione militare.

La popolazione locale è molto soddisfatta di questi lavori, poiché, oltre a impedire l'ingresso di clandestini, rappresenta una protezione contro le frequenti inondazioni (è una zona con molte piogge), favorendo tutta la produzione agricola della zona.

Il comandante delle guardie di frontiera, Panagiotis Jarelas , ha ringraziato Mitsotakis, per la nuova nomina di 400 guardie (con contratto a tempo indeterminato), che hanno subito assunto le loro funzioni in questa zona di confine, che vanno ad aggiungersi alle oltre 800 nelle isole dell'Egeo più vicine a Turchia e altre 480 nel resto del Paese. Queste nomine consentiranno alle forze di polizia di dispiegare più truppe nelle città e nei paesi greci.

Le autorità greche sottolineano che, tra il 28 febbraio e il 3 agosto di quest'anno, è stato impedito a più di 60.000 immigrati di attraversare il confine per continuare a viaggiare verso il resto d'Europa. E tra coloro che sono stati arrestati, non c'erano solo stranieri provenienti da paesi asiatici e africani, ma anche turchi richiedenti asilo, che sostenevano di essere funzionari contrari al governo del presidente Erdogan.

  • Pubblicato in Esteri
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS